Digressus 11 (2011) La Trattazione del Mito Argonautico nella Pitica IV di Pindaro e in Apollonio Rodio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Μέγεθος: px
Εμφάνιση ξεκινά από τη σελίδα:

Download "Digressus 11 (2011) La Trattazione del Mito Argonautico nella Pitica IV di Pindaro e in Apollonio Rodio"

Transcript

1 La Trattazione del Mito Argonautico nella Pitica IV di Pindaro e in Apollonio Rodio 1. Pindaro e la poesia ellenistica 1 Patrick Manuello La più importante testimonianza poetica (integra) anteriore alle Argonautiche e contenente una porzione di testo dedicato all'antichissimo 2 mito degli Argonauti sufficientemente estesa per poter essere messa a confronto con l opera di Apollonio Rodio è 1 Il lavoro è diviso in due parti: nella prima parte vengono affrontate alcune questioni di poetica pindarica/alessandrina mettendo in luce quei tratti che accomunano e distinguono in maniera significativa le due opere. Nella seconda parte, invece, viene seguita la narrazione del mito argonautico in Pindaro e nei passi paralleli di Apollonio. Tutte le traduzioni della Pitica IV sono di Gentili (per il riferimento cfr. nota 4), mentre quelle di Apollonio Rodio sono di Borgogno (cfr. Apollonio Rodio, Le Argonautiche, a cura di A. Borgogno, Milano 2003¹). Il testo critico che ho seguito per Apollonio è quello stabilito da Fränkel (Apollonii Rhodii Argonautica recognovit brevique adnotatione critica instruxit H. Fränkel, Oxonii 1961), mentre per Pindaro quello di Snell e Maehler (Pindari carmina cum fragmentis, 2 voll., Leipzig ). 2 All interno del panorama dei miti e delle leggende del popolo greco la saga degli Argonauti doveva essere piuttosto conosciuta, se Omero nell Odissea (XII, 69-70), in riferimento alla nave Argo e all attraversamento delle Simplegadi, usa l espressione πασιµέλουσα ( famosa o che sta a cuore a tutti ). Altri riferimenti a questa saga (forse una proiezione mitica delle prime imprese coloniali greche sul mar Nero) sono presenti nella Teogonia di Esiodo (vv ), mentre, fra i lirici, Mimnermo parlò della conquista del vello, Ibico poneva Medea nei Campi Elisi insieme allo sposo Achille, Simonide in un Inno a Poseidone perduto menzionava il vello d oro, mentre il poeta Eumelo di Corinto nei suoi perduti Corinthiaca e gli anonimi Naupactica, di cui possediamo solo pochi frammenti, parlavano dell impresa degli Argonauti (non sappiamo però né quanto estesamente né in che misura questi testi abbiano influito su Apollonio). Sul tema del mito degli Argonauti prima di Apollonio Rodio cfr. G. Boselli, Il mito degli Argonauti nella poesia greca prima d Apollonio Rodio, in «Rivista di Storia Antica», 8 (1904), pp ; 9, 1905, pp , ; ed il recente contributo di M.L. West, Odyssey and Argonautica, in CQ 55 (2005), pp

2 rappresentata dalla Pitica IV 3 di Pindaro 4 (462 a. C.) dedicata al re di Cirene Arcesilao IV 5. Tale accostamento è giustificato sia dal fatto che l ode pindarica dedica un notevole numero di versi alla narrazione dell impresa degli Argonauti 6 sia dalla cura riservata dai filologi alessandrini 7 nei confronti dell opera del poeta tebano. Ovviamente, trattandosi di due opere appartenenti ad epoche e a generi letterari diversi (epica/lirica corale), si trovano significative 3 La Pitica IV è l ode pindarica più estesa fra quelle conservate: 299 versi in tredici triadi. Di questi, il mito argonautico occupa i vv L occasione dello svolgimento di tale mito è rappresentata dalla vittoria col carro, a Delfi, di Arcesilao IV di Cirene (462 a. C.), discendente del fondatore di Cirene Batto e ultimo sovrano della dinastia dei Battiadi. 4 Per un puntuale commento al carme cfr. B. K. Braswell, A commentary on the Fourth Pythian Ode of Pindar, Berlin 1988 e Pindaro, Le Pitiche, a cura di B. Gentili, P. Angeli Bernardini, E. Cingano, P. Giannini, Milano 1995, pp e Ad Arcesilao IV è dedicata anche la Pitica V. Si aggiunga che il sovrano ottenne la vittoria, sempre nello stesso tipo di competizione, anche ad Olimpia nel 460 a. C.. 6 Va detto, da subito, che il componimento non è propriamente un epinicio (diversamente dalla Pitica V), dal momento che il riferimento all agone è solo accennato (vv ). Si pensa che l'ode (un carme citarodico) sia stata eseguita alla corte del sovrano dopo la Pitica V. Ad ogni modo, le ragioni della presenza così ingombrante del mito hanno suscitato molteplici discussioni e, di conseguenza, diverse interpretazioni che si possono ricondurre a tre filoni interpretativi principali: 1) encomio della dinastia dei Battiadi 2) valore esemplare del mito: Giasone e Pelia che giungono ad un accordo pacifico senza ricorrere alle armi 3) intento politico rivolto a legittimare il potere del sovrano. In realtà, poiché da una analisi complessiva dell opera di Pindaro emerge che le odi sono animate da diversi intenti, il voler ricercare un unico motivo ispiratore è un operazione che riduce la possibilità di cogliere la complessità e le diverse sfumature del testo. Per un esame dettagliato delle interpretazioni dell ode e sul suo significato rimando a P. Giannini, Interpretazione della Pitica 4 di Pindaro, in QUCC 2 (1979), pp Sulla storia della tradizione di Pindaro durante l età ellenistica cfr. Le Pitiche, op. cit., pp. LXXIV-LXXXII e il recente contributo M. Negri, Pindaro ad Alessandria, Brescia Basti solo ricordare che il lavoro filologico sul testo di Pindaro dovette cominciare con Zenodoto, il quale curò una διόρθωσις (o recensio) dei carmi. Dopo di lui i lavori proseguirono con Aristofane, Aristarco e, soprattutto, Didimo. All'età degli Antonini risale, probabilmente, la scelta canonica dei quattro libri degli Epinici. 75

3 divergenze che vanno a toccare complesse questioni di storia letteraria greca. Il destinatario, la performance e l'occasione rappresentano una importante serie di elementi da prendere in considerazione. Nella Pitica IV l'occasione per ricordare l'impresa del vello d'oro è data dall'encomio di un sovrano che non è solo il destinatario stesso del carme, ma è anche personalmente legato a quell'antichissimo mito grazie ad alcuni rapporti genealogici messi in luce dal poeta nel corso del componimento. Il poema di Apollonio, invece, non sembra essere rivolto ad un particolare destinatario 8, se non quello della raffinata cerchia di lettori/uditori alessandrini capaci di cogliere dietro ad ogni verso la profonda rielaborazione, sorretta da una seria competenza filologica, del testo omerico. Le Argonautiche venivano pertanto trasmesse (almeno inizialmente) durante le pubbliche letture di parti del poema tenute all'interno della corte tolemaica 9 e del tutto lontane 10 dalla prassi della trasmissione/esecuzione orale dell'epica greca arcaica. E se è vero che anche durante l età dei tre grandi esponenti 8 Diverso sarà il caso della riscrittura latina di Valerio Flacco. Il poeta latino, come si ricava già a partire dal proemio (vv. 7-21), dedica l'opera a Vespasiano, ricollegando in tal mondo l'antico mito della navigazione della nave Argo alle imprese dell'imperatore (il consolidamento della Britannia a partire dal 77 d. C. grazie ad Agricola). 9 Per quanto riguarda le Argonautiche all interno del contesto culturale tolemaico cfr. R.L. Hunter, The Argonautica of Apollonius. Literary Studies, Cambridge 1993, pp Deve essere osservato che quelle pubbliche letture di fronte ad un pubblico certamente ristretto hanno rappresentato per un certo periodo non solo una importante modalità per la trasmissione del poema, ma hanno anche permesso un fecondo incontro tra i vari letterati della corte tolemaica. Questo fatto ha determinato serie difficoltà nell analisi delle opere dei poeti alessandrini, dato che, mancando dati cronologici sicuri, non ci è possibile fare completamente luce sui nessi intertestuali. 10 La netta cesura che separa il poeta arcaico dal letterato alessandrino, per quanto concerne l'uso della scrittura e di tutte le potenzialità che esso comporta, è ben evidente nel prologo degli Aitia callimachei (fr. 1, vv ) in cui il poeta ci descrive la sua iniziazione alla poesia caratterizzata dall'uso della tavoletta scrittoria (δέλτον). Un altro significativo riscontro si ritrova nella famosa Elegia della vecchiaia (fr. 118) di Posidippo (vv. 6; ) e nella Batracomiomachia (v. 3). 76

4 della letteratura ellenistica (Callimaco, Apollonio Rodio e Teocrito) ritroviamo alcuni esempi di poesia encomiastica 11 (la famosa Chioma di Berenice 12 callimachea e l inno in onore di Tolomeo Filadelfo dell Idillio XVII di Teocrito 13 ) e di veri e propri epinici 14, tuttavia, come la critica ha da tempo 15 messo in luce, l occasione e la performance della poesia ellenistica in molti casi non rappresentano altro che il risultato della mimesi di un occasione più pensata che reale. Insomma, un prodotto letterario nel senso moderno del termine. Del resto, pur rivestendo ancora un ruolo prestigioso presso la corte dei Tolomei la partecipazione agli agoni sportivi panellenici (soprattutto se si pensa alle implicazioni propagandistiche), sembra che l epinicio cominci a decadere e a perdere il suo significato originario a partire dalla seconda metà del V sec. a. C 16. Una delle ragioni di questo decadimento è quella che Gentili espone in questi termini: «le epigrafi onorarie e commemorative divengono ora (in età ellenistica) il mezzo privilegiato per la pubblica celebrazione della vittoria sportiva ( ) non più la viva voce del poeta o del coro di 11 Le due vie privilegiate per la propaganda letteraria della corte dei Tolomei sono rappresentate dall epica encomiastica e, soprattutto, dalla storiografia (tutte opere perdute). Cfr. S. Barbantani, Fàtis nikeforos. Frammenti di elegia encomiastica nell'età delle guerre galatiche: supplementum hellenisticum 958 e 969, Milano 2001, pp Aitia, fr Ma va ricordato anche l encomio a Ierone II di Siracusa (Idillio XVI). Sul ruolo di Teocrito come poeta di corte cfr. F.T. Griffiths, Theocritus at Court, Leiden I più celebri sono quello per Berenice II (vincitrice col carro alle Nemee) in apertura dei libri III-IV degli Aitia, quello per il cortigiano Sosibio (Aitia, fr. 384) e per Policle (Giambo VIII). Berenice II partecipò alle Olimpiadi e conseguì la vittoria nella corsa col carro in occasione delle Nemee. 15 Cfr. P. Legrand, Pourquoi furent composés les Hymnes de Callimaque?, in «REA» 3 (1901), pp ; G. Pasquali, Quaestiones Callimacheae, Gottingae 1913, pp Cfr. P. Angeli Bernardini, Esaltazione e critica dell'atletismo nella poesia greca dal VII al V sec a. C: storia di un'ideologia, in Stadion 6 (1980), pp e La storia dell'epinicio: aspetti socio-economici, in SIFC 10 (1992), pp È comunque degno di menzione l epinicio dedicato ad Alcibiade da Euripide in occasione della sua vittoria con la quadriga, ad Olimpia, nel

5 cantori e la memoria, bensì il documento scritto inciso su pietra, e la statua di marmo o la raffigurazione vascolare di atleti in trionfo divengono i portavoce esclusivi dei valori e delle virtù atletiche» 17. La cosa che, generalmente, più colpisce chi si accinge a leggere Pindaro è il fatto che spesso all'interno della struttura dell'epinicio 18 il presente ed il passato (con implicazioni anche sulla tematica tanto cara ai critici moderni dell'unità compositiva dei carmi) si (con)fondono 19 nella celebrazione del vincitore delle gare, quasi a sottolineare il senso di continuità fra le generazioni e le gloriose imprese umane. Come ha osservato Fränkel 20 «la sua esposizione salta senz'altro da un punto all'altro dell'arco temporale, e all'interno di una coerente sequenza di eventi procede a piacimento all'indietro o in avanti, oppure muta qua e là direzione. Il nostro senso del tempo è duramente messo alla prova, ma è il prezzo da pagare perché compaiano altre, più importanti connessioni». Il poeta, dunque, nel caso specifico della Pitica IV, volendo celebrare (e incoraggiare) le virtù umane e politiche 21 di Arcesilao 17 Cfr. Le Pitiche, op. cit., pp. XXI-XXII. Cfr, anche infra, p Si è soliti distinguere nell'epinicio pindarico tre elementi fondamentali: il piano sintagmatico, il piano paradigmatico e quello pragmatico. Per un chiarimento di questi tre aspetti rimando a Pindaro, Olimpiche, a cura di F. Ferrari, Milano 1998, pp Diversamente da Bacchilide: cfr. B. Gentili, C. Catenacci, Polimnia, Poesia greca arcaica, Firenze 2007, pp e B. Snell, La cultura greca e le origini del pensiero europeo, trad. it., Torino 1963, pp Cfr. H. Fränkel, Poesia e filosofia della Grecia arcaica, trad. it., Bologna 1997, p.701. Si tratta di una pratica che ha, forse, la più autorevole e famosa espressione nell'eneide di Virgilio, dove spesso non solo alle vicende di Enea vengono accostate le gesta dei futuri generali romani (operando così uno sfasamento temporale che oltrepassa i limiti narrativi stessi dell'opera), ma anche i luoghi vengono presentati nei loro diversi aspetti nell'arco del tempo (la Roma primitiva e quella augustea). 21 Nel componimento è rintracciabile una precisa finalità politica (vv. 281 segg.). Il poeta, infatti, si appella all'umanità del sovrano per far ritornare da Tebe a Cirene l'esule ribelle Demofilo, colpevole, a quanto sembra, di aver complottato contro Arcesilao. Cfr. Braswell, op. cit., pp. 1-5; Le Pitiche, op. cit., pp

6 risale indietro nel tempo per rievocare le complesse vicende che hanno portato alla fondazione della colonia di Cirene 22. Il legame fra la città e gli Argonauti è dato da Batto (Aristotele figlio di Polimnasto), il quale, presunto discendente 23 dell'argonauta Eufemo, ricevette dalla Pizia lo stesso oracolo 24 che 17 generazioni prima Medea aveva rivelato ad Eufemo: un destino regale e la fondazione di una nuova città nella lontana Libia. La complessità dell intreccio narrativo consiste, dunque, nel fatto che la narrazione del mito argonautico è inserita all interno del racconto della fondazione della città di Cirene. In pratica, si parte da un mito principale (vv. 4-63) e se ne inserisce un secondo (vv ), cronologicamente anteriore (ma strettamente connesso), per poi segg. e P. Giannini, op. cit., pp Per quanto riguarda, in generale, l ode pindarica come espressione non solo dell elogio di un vincitore, ma anche come riflesso di finalità politiche cfr. E. Cingano, Problemi di critica pindarica, in QUCC 2 (1979), pp La colonia fu fondata intorno al 631 a. C. da Dori provenienti da Thera (odierna Santorini). Attualmente i resti della colonia, che conservano testimonianze archeologiche appartenenti alle diverse fasi storiche dalla città (greca e romana), si trovano nella Libia orientale presso la città di Shahhat. Il sito archeologico, comprendente tra i tanti monumenti il santuario di Apollo e il tempio di Zeus, è stato qualificato dall'unesco come patrimonio dell'umanità. 23 Erodoto precisa che si tratta di una tradizione degli abitanti di Thera (IV, 150, 2 segg.): «µοῦνοι Θηραῖοι ὧδε γενέσθαι λέγουσι. Γρῖννος ὁ Αἰσανίου, ἐὼν Θήρα τούτου ἀπόγονος καὶ βασιλεύων Θήρης τῆς νήσου,ἀπίκετο ἐς Δελφοὺς ἄγων ἀπὸ τῆς πόλιος ἑκατόµβην εἵποντο δέ οἱ καὶ ἄλλοι τῶν πολιητέων καὶ δὴ καὶ Βάττος ὁ Πολυµνήστου, ἐὼν γένος Εὐφηµίδης τῶν Μινυέων». Va ricordato che Thera secondo Erodoto fu colonizzata da spartani e da quei profughi di Lemno (fra i quali Batto) che si consideravano discendenti dei Minii (nome che propriamente indica i discendenti di Minia, re fondatore di Orcomeno e, per estensione gli Argonauti). 24 In Erodoto l'oracolo suona così (IV, 155, 15): «Βάττ', ἐπὶ φωνὴν ἦλθες ἄναξ δέ σε Φοῖβος Ἀπόλλων ἐς Λιβύην πέµπει µηλοτρόφον οἰκιστῆρα». Nelle parole dell'oracolo, secondo lo storico, si celerebbe, però, non solo il riferimento alla fondazione della nuova città, ma anche all'assunzione del titolo regale. Batto, infatti, che in lingua greca indicherebbe il balbuziente, nella lingua libica, invece, significa re : «ὥσπερ εἰ εἴποι Ἑλλάδι γλώσσῃ χρεωµένη «Ὦ βασιλεῦ, ἐπὶ φωνὴν ἦλθες.» Ὁ δ' ἀµείβετο τοῖσδε «Ὦναξ, ἐγὼ µὲν ἦλθον παρὰ σὲ χρησόµενος περὶ τῆς φωνῆς, σὺ δέ µοι ἄλλα ἀδύνατα χρᾷς, κελεύων Λιβύην ἀποικίζειν τέῳ δυνάµι, κοίῃ χειρί;». 79

7 ritornare al primo (vv ). A questa struttura ad anello dobbiamo aggiungere i riferimenti al destinatario 25 del carme che ci riconducono al presente. In altri termini, all hic et nunc. All'epoca di Apollonio la tematica celebrata da Pindaro della fondazione di Cirene 26 (città che gravitava oramai nell orbita del regno dei Tolomei) doveva essere ben conosciuta e doveva godere di particolare attenzione almeno per due buone ragioni: da quella importante colonia greca provenivano sia la moglie di Tolomeo III, la famosa Berenice II 27, sia Callimaco, il poeta più influente e maggior teorico della poesia ellenistica. Egli vantava 28 addirittura nel proprio albero genealogico una parentela con quel famoso Batto. Nella chiusa dell Inno ad Apollo (vv. 65 segg.) riprendendo proprio la Pitica IV e V 29 del poeta tebano, Callimaco rievoca brevemente il tema della fondazione di Cirene 30 in virtù del 25 Segnalo, in particolare, quello ai vv che interrompe vistosamente la narrazione del mito argonautico. 26 Cfr. R. Pretagostini, Cirene nella poesia greca fino al primo ellenismo (e in Erodoto), in SemRom 7 (2004), pp Per una analisi del tema della fondazione della colonia all interno della poesia e della storiografia sono fondamentali le pagine di C. Calame, Mito e storia nell antichità greca, Bari 1999, pp Figlia di Magas, re di Cirene, e di Apama, figlia di Antioco I. Nacque intorno al 267 a.c. e sposò Tolomeo III nel 247 a.c. Famosa per l episodio cantato da Callimaco della ciocca di capelli trasformata in costellazione (La chioma di Berenice), vinse alle Nemee verso il 243 a.c. e partecipò anche alle Olimpiadi. Fu uccisa dal figlio Tolomeo IV alla morte del marito (221 a.c.) per motivi di successione. 28 Cfr. Strabone (XVII, 3, 21), l'epigramma XXXV e l'inno ad Apollo callimachei (vv ). Su questo dato Lehnus si è espresso in maniera piuttosto prudente facendo notare che potrebbe trattarsi di un nome d arte. Cfr. L. Lehnus, Callimaco tra la polis e il regno, in «Lo spazio letterario della Grecia antica» Vol. I, tomo II, Roma 1993, pp I punti di contatto più significativi tra l Inno ad Apollo e la Pitica V consistono, oltre che nella rievocazione della fondazione di Cirene, nelle lodi del dio (Callimaco, vv ; Pindaro, vv ) e nel preciso riferimento ad Apollo Carneo (Callimaco, vv ; Pindaro, v. 80). 30 Per ulteriori allusioni di Callimaco a Cirene cfr. L. Lehnus, Antichità cirenaiche in Callimaco, in Eikasmos 5 (1994), pp

8 legame con Apollo, la divinità che sta alla base della fondazione della città di Callimaco: Φοῖβος καὶ βαθύγειον ἐµὴν πόλιν ἔφρασε Βάττῳ καὶ Λιβύην ἐσιόντι κόραξ ἡγήσατο λαῷ, δεξιὸς οἰκιστῆρι, καὶ ὤµοσε τείχεα δώσειν ἡµετέροις βασιλεῦσιν ἀεὶ δ' εὔορκος Ἀπόλλων. Febo rivelò anche la ferace mia città a Batto, ed al popolo che entrava in Libia fu guida, corvo fausto al fondatore, e giurò di concedere mura ai nostri re: sempre tiene fede ai giuramenti Apollo 31. Pochi versi dopo viene aggiunto un interessante riferimento alla leggenda della ninfa Cirene, eroina eponima di Cirene, rapita da Apollo e condotta dalla Tessaglia in Libia nel luogo in cui sorgerà la futura città. Anche in questo caso ci troviamo di fronte a una ripresa di Pindaro. Si tratta della Pitica IX dedicata a Telesicrate di Cirene per celebrare la sua vittoria ai giochi pitici del 474 a.c. In questo testo, infatti, il poeta narra la storia (complementare alla precedente versione della fondazione della città libica), forse di origine esiodea 32, dell amore di Apollo per Cirene, figlia del re dei Làpiti Ipseo. Non abbiamo la possibilità di approfondire in questa sede il mito 33, ma basti aggiungere che anche Apollonio, pur non facendo nel poema alcun preciso riferimento alla città libica, dimostra di conoscere questa leggenda in un passo del secondo libro (vv. 500 segg.), in cui per spiegare l origine dei venti etesi narra la storia di Aristeo 34, figlio di Apollo e di Cirene. Non potremo mai essere certi se Apollonio volesse 31 Trad. it. di G.B. D Alessio. 32 Secondo uno scolio alla Pitica IX (schol. ad Pyth. IX 6a) la fonte del mito deriverebbe dal Catalogo delle donne esiodeo (fr. 215 M-W). Cfr. A. Debiasi, Esiodo e l occidente, Roma 2008, pp Una analisi dettagliata del mito si trova nel già citato saggio di Calame (pp ). 34 Anche nella Pitica IX (vv ) si parla del dio-pastore Aristeo. 81

9 rendere omaggio a Callimaco 35 (cosa possibile, se si considera il silenzio del poeta in merito alla città) oppure a Pindaro, ma non è comunque inverosimile pensare che la tematica della fondazione di Cirene, tanto importante sia per la presenza di una regina originaria di quella città che per l enorme influsso letterario/culturale esercitato da Callimaco, possa aver contribuito a riportare in auge i testi pindarici menzionati e che, di conseguenza, il mito argonautico contenuto nella Pitica IV possa essere stato utilizzato da Apollonio 36. Torniamo alla tematica dell uso del tempo. La tendenza a mescolare i diversi piani temporali che ritroviamo nella Pitica IV (Arcesilao IV/fondazione di Cirene/mito del vello d'oro/fondazione di Cirene/Arcesilao IV) e negli epinici pindarici giunti fino a noi è una pratica ampiamente documentata 37 anche nelle Argonautiche. Spesso nel poema ellenistico essa prende la forma di aition. Si tratta, come è noto, di un forte salto indietro nel passato che interrompe momentaneamente il racconto per ricercare nei tempi antichi l'origine di determinate pratiche, culti e tradizioni in qualche modo ancora vive all'epoca del poeta. Questa tecnica 35 Si pensa (Bulloch) che l Inno ad Apollo sia stato composto contemporaneamente all edizione definitiva degli Aitia (246 a. C. o non molto tempo dopo). Il terminus post quem (246 a.c.) per la datazione degli Aitia (che si concludono con il celebre aition della Chioma di Berenice ) è lo scoppio della guerra siriaca (246 a.c.-241 a.c.), che costrinse il re Tolomeo III (appena salito al trono) a lasciare l Egitto per combattere contro Antioco II, mentre la data comunemente accettata per la pubblicazione definitiva delle Argonautiche sembra essere posteriore al 246 a.c.. 36 Del resto, che il grande poeta ellenistico nutrisse un interesse per le fondazioni di città è testimoniato dal fatto che tra le sue opere è annoverata una raccolta di poesie in esametri (Fondazioni) dedicate ad alcune città (Alessandria, Naucrati, Cauno), mentre nel Canopo veniva messo in relazione il mitico eroe eponimo (il pilota di Menelao) alla città egiziana. 37 Lo studio fondamentale in lingua italiana è quello di M. Fusillo, Il tempo delle Argonautiche, Roma Si veda anche il più recente lavoro di Rengakos: Tempo e narrazione nelle Argonautiche di Apollonio Rodio, in L'officina ellenistica: poesia dotta e popolare in Grecia e a Roma a cura di L. Belloni, L. de Finis, Gabriella Moretti, Trento 2003, pp

10 alessandrina/callimachea dell'aition rappresenta, per così dire, l'espressione letteraria di una grecità che sente il bisogno di fare i conti con il proprio passato, con la propria identità e con l'immensa eredità lasciata dagli antichi 38. Ma oltre all aition, che in Apollonio è comunque impiegato in maniera piuttosto cauta e solitamente alla fine di un segmento narrativo, troviamo nei due poeti incroci di piani temporali, accelerazioni nella narrazione e analessi. In un testo epico come quello delle Argonautiche 39 un simile uso del tempo è tanto più vistoso in quanto rappresenta una rottura della linearità cronologica omerica. In Pindaro il discorso è diverso, almeno per due motivi: 1) in primo luogo perché egli appartiene ancora ad una cultura che, benché stia inesorabilmente passando verso una fase dominata dalla scrittura, è ancora profondamente legata all'oralità 40. Ed è proprio a partire da questa cultura orale che può essere spiegato, in parte, quello stile complesso, ardito e, in certi punti, oscuro 41, che senza dubbio dovette creare sul pubblico 42 un effetto di 38 Cfr. A.W. Bulloch, The Future of Hellenistic Illusion. Some Observation on Callimachus and Religion, in MH 41 (1984), p Cfr. M.Valverde Sànchez, El aition en las Argonauticas de Apolonio de Rodas. Estudio Literario, Univ. de Murcia, Su questo argomento la bibliografia è sterminata. Mi limito a segnalare: B. Gentili, Poesia e pubblico nella Grecia antica, Roma-Bari 1983; G. Nieddu, Alfabetizzazione e uso della scrittura in Grecia nel VI e V sec. a. C., in Oralità, Cultura, Letteratura, Discorso, Atti del Convegno Internazionale (Urbino luglio 1980), p. 97 ed il classico E.A. Havelock, Cultura orale e civiltà della scrittura, Roma-Bari È senza dubbio indiscutibile il fatto che certi passi oscuri per il moderno studioso/lettore all epoca di Pindaro dovevano essere chiari (almeno al diretto destinatario dell epincio). Su questa precisazione cfr. Cingano, op. cit., pp Va precisato che la performance di un epinicio pindarico prevedeva un uditorio, che poteva essere rappresentato dalle persone conventute agli agoni o (nel caso di feste cittadine) dal popolo stesso, e un committente rappresentato spesso da un aristocratico o da un tiranno. 83

11 meraviglia 43 amplificato dalla musica e dalla danza. 2) nell epinicio l utilizzo del tempo è legato a precise finalità che sono determinate dal committente, dall occasione della performance e dall intento politico. Il poeta, pertanto, gioca abilmente con i vari piani temporali per stabilire rapporti col mito, rallentando o accelerando la narrazione a seconda degli effetti che di volta in volta vuole ottenere sul suo pubblico. Nel caso della Pitica IV vanno osservati i vv. 247 segg., dove viene interrotto il racconto della mitica spedizione non solo per inserire una dichiarazione di poetica, ma anche per velocizzare una narrazione che avrebbe condotto il poeta, come diremmo noi, fuori tema 44. E se nel poeta corale questo legame col passato, contenuto di solito nella sezione mitologica (anche se assai spesso pervade l'intera composizione), assume i connotati di una celebrazione politica dei valori eroici 45 /aristocratici (attualità del mito) concomitante con la crisi stessa del mondo aristocratico all'interno di molte poleis greche, in Apollonio e negli alessandrini esso, formalmente, si presenta come il risultato di una dotta riscoperta resa possibile dalla minuziosa pratica filologica 46 (non immune da polemiche 47 ), condotta sui manoscritti raccolti nella biblioteca di 43 Cfr. L. Lehnus, Pindaro. Olimpiche, Milano 1981, p. XVII. 44 Su questo passo vedi anche infra, p In quanto, come sottolinea Fränkel (1997, p. 695), «un mito, non importa quale, rappresenta il passato leggendario nel quale sono conservati i modelli di ogni evento». 46 Per avere un orientamento ampio e completo sulla nascita della filologia alessandrina si veda R. Pfeiffer, Storia della filologia classica, (vol. I) trad. it., Napoli A tal proposito, è assai celebre la presunta polemica (destinata a influenzare pesantemente la storia della moderna critica/ricezione delle Argonautiche) tra Callimaco e Apollonio Rodio contenuta nella biografia Suda del poeta di Cirene. Ma una notevole atmosfera litigiosa tra i vari filologi alessandrini si riscontra frequentemente nello stesso Callimaco (cfr. il discusso prologo degli Aitia e il 84

12 Alessandria, e da una attenta selezione di un materiale letterario della più disparata provenienza (storici, geografi, tragici...). Lo studio del passato, dei fasti della grande poesia epica, lirica e tragica senza dubbio doveva esercitare sui poeti/filologi alessandrini non solo un senso nostalgico di meraviglia, ma anche la consapevolezza che quei tempi, pur dovendo essere studiati a fondo e protetti dall oblio, non sarebbero più potuti tornare. L eroismo di cui parlava Pindaro apparteneva ad un contesto politico-sociale completamente diverso e l intellettuale cresciuto alla corte dei Tolomei lo sapeva bene. Non aveva più senso cercare di imitare maldestramente una poesia che rappresentava un mondo ormai lontano. Bisognava, pertanto, porre le basi per un nuovo mondo artistico capace di rinnovare profondamente la cultura greca. Contribuirono a questa rifondazione culturale anche lo sviluppo delle varie correnti filosofiche e quella scienza che proprio in età ellenistica toccherà i vertici per profondità speculativa e applicazioni pratiche 48. Da un punto di vista strettamente letterario si ricercano nel mito episodi marginali 49 o meno codificati dai poeti più antichi, personaggi più umili, oppure, esattamente come fa Apollonio, si riscrive una gloriosa storia come Giambo I) e nella celebre satira di Timone di Fliunte (SH 786). Riguardo alle polemiche letterarie nell antichità cfr. A.T. Cozzoli, Aspetti intertestuali nelle polemiche letterarie degli antichi: da Pindaro a Persio, in QUCC, in particolare su Callimaco pp In anni recenti è stata studiata e rivalutata l importanza della scienza ellenistica soprattutto nella spiegazione dei tratti peculiari e delle cause che hanno determinato il sorgere di un vero e proprio metodo scientifico solo in età alessandrina. Una tale ricostruzione ha come conseguenza non solo l acquisizione di un bagaglio di conoscenze utili per ricostruire un preciso periodo storico dell antichità, ma anche la ridiscussione dell idea, ancora ampiamente diffusa, secondo cui la nascita del pensiero scientifico dovrebbe essere collocata nell età moderna. Sull argomento cfr. L. Russo, La rivoluzione dimenticata, il pensiero scientifico greco e la scienza moderna, Milano 1996¹. 49 Il fenomeno è talmente importante da essere presente anche nell epinicio ellenistico. Mi riferisco all Epinicio per Berenice (Aitia III SH 254+ fr.383) in cui Callimaco dedica un ampia porzione di testo all ospitalità data dal vecchio Molorco ad Eracle, episodio che rappresenta «una sorta di doppione della storia di Teseo ed Ecale» (D Alessio, op. cit., p. 19). 85

13 quella degli Argonauti secondo un'ottica più moderna. Le Argonautiche rappresentano, pertanto, una matura espressione di quella riflessione sulla poesia teorizzata e messa in pratica da Callimaco all interno di una produzione letteraria tanto importante non solo per le sorti della letteratura antica successiva, ma anche di quella moderna 50. Il ricorso a quelle parti del mito in cui agivano individui più semplici e meno grandiosi è legato non solo all'immenso influsso del teatro euripideo 51, ma appare anche condizionato dai profondi cambiamenti socio-economici che caratterizzano il mondo ellenistico. Tra questi, come abbiamo già avuto modo di osservare sopra (pp ), risultano fondamentali per il nostro discorso le nuove modalità di composizione e trasmissione delle opere 52. Ma non bisogna sottovalutare un aspetto socio-psicologico particolarmente evidente negli Idilli di Teocrito, ossia il bisogno da parte del poeta-cortigiano (e del pubblico) ellenistico, chiuso all interno della raffinata corte dei Tolomei, di evasione, di un contatto con una realtà più bassa che può assumere l aspetto di una assolata campagna animata da poeti/pastori 53 oppure ed è il caso dell Ecale di Callimaco di un ambiente modesto come quello dell umile casa di una vecchia. Una attenzione, dunque, realistica 54 per un mondo quotidiano e per le 50 Fondamentale per questa lettura di Apollonio come seguace della poetica callimachea è il lavoro di M.M. De Forest, Apollonius Argonautica: A Callimachean Epic, Leiden-New York-Köln In Euripide, come già notarono gli antichi (Aristofane), assistiamo alla degradazione dell eroe tradizionale. L esempio più significativo è rappresentato, probabilmente, dal personaggio di Menelao nell Elena. Sul ruolo di Aristofane come critico della tragedia euripidea cfr. B. Snell, op. cit., pp Cfr. M. Fantuzzi-R. Hunter, Muse e modelli. La poesia ellenistica da Alessandro Magno ad Augusto, Roma-Bari 2002, p Riguardo al problema del sentimento della natura in Teocrito e nell età ellenistica cfr. M. Pohlenz, L uomo greco, trad. it., Milano 2006, pp Lo studioso nel descrivere la forma mentis di molti autori ellenistici nei confronti della natura parla di «nostalgia romantica propria dell uomo civilizzato» (p. 563). 54 Sul dibattuto problema del realismo nella cultura ellenistica è fondamentale il contributo di G. Zanker, Realism in Alexandrian Poetry: a Literature and its Audience, London Per quanto riguarda, invece, i limiti dell applicazione 86

14 piccole cose accompagnata dall uso di una tecnica poetica raffinata, selettiva e fortemente innovativa. Parlando dell'epinicio pindarico si è accennato all effetto che doveva creare sugli spettatori. L'oscurità di questo stile, assai diverso nella sintassi dall'epica omerica e dagli stessi interventi corali dei drammi ateniesi 55, infatti, non è solo l'impressione degli esegeti e dei traduttori moderni troppo lontani da quel mondo arcaico. È Pindaro stesso che in un passo dell'olimpica II ricorre all'immagine delle frecce nascoste nella faretra per esemplificare la non immediata accessibilità del proprio stile 56 (83 segg.): πολλά µ<οι> ὑπ' ἀγκῶνος ὠκέα βέλη ἔνδον ἐντὶ φαρέτρας φων<άε>ντα συνετοῖσιν ἐς δὲ τὸ πὰν ἑρµανέων χατίζει. Ho molte frecce veloci sotto il mio braccio dentro la faretra: hanno voce per i saggi, ma per la massa reclamano interpreti 57. di una categoria come quella di realismo alla poesia ellenistica si veda A.W. Bulloch, La poesia ellenistica in «La letteratura greca della Cambridge University», trad. it., Vol. II, Milano 2007, p Uno degli elementi più importanti che caratterizzano lo stile pindarico è l'elevato numero di iperbati. Sembra che nel poeta tebano essi siano venti volte più frequenti di Omero e dieci volte più numerosi di quelli attestati negli interventi corali della tragedia. Questi valori statistici, pur essendo calcolati sulla base di una documentazione parziale, sono comunque significativi. Cfr. L.E. Rossi, R. Nicolai, Corso integrato di letteratura greca, Vol. I, Firenze 2006, p Immagine che è documentata anche nel Teeteto di Platone (180 a). Per una analisi del passo all interno del suo contesto cfr. Cozzoli, op. cit., pp Trad. it. di F. Ferrari. 87

15 La difficoltà di questa tecnica inimitabile 58, personale e profondamente imbevuta di una sacralità ancora legata alla concezione arcaica del poeta intermediario degli dei 59, trova un certo riscontro nella ricerca da parte dei poeti ellenistici (Callimaco in primis) di un'arte raffinata e non più aperta ad un vasto pubblico come poteva essere quello dei rapsodi omerici 60. All'oscurità oracolare pindarica si sostituisce la minuziosa variatio espressiva del modello oppure l'acribia del filologo che (ed è il caso di Apollonio), contro l'auctoritas della vulgata consolidata da secoli di trasmissione orale, propone attraverso i propri versi l'esegesi o la lezione corretta del passo più antico che sta prendendo come modello 61. Si fa strada anche l'immagine di una poesia intesa come 58 Assai celebre il giudizio di Quintiliano (X, 1, 61): «Novem vero lyricorum longe Pindarus princeps spiritu, magnificentia, sententiis, figuris, beatissima rerum verborumque copia et velut quodam eloquentiae flumine: propter quae Horatius eum merito nemini credit imitabilem». Questa testimonianza è importante perché documenta l'esistenza di un canone di nove poeti lirici e la preminenza di Pindaro. Ritroviamo questi stessi dati in due epigrammi anonimi dell'antologia Palatina (IX, 184; 571). Altre fonti sono rappresentate dal carme di apertura delle Odi di Orazio (I, 1, 35); da Seneca (Epist., 27, 6) e Petronio (Sat., 2). In merito all insuperabilità del poeta tebano si veda Orazio, Odi, (IV, 2). 59 In tal senso sono emblematiche le dichiarazioni contenute nel Peana 6, 6 e nei frr. 75, 13 e 150. Altrettanto significativi sono i punti di contatto con Parmenide. Sull'argomento cfr. H. Fränkel, «NGG» 1930, pp Per quanto riguarda, più in generale, il legame fra poeta e sfera divina cfr. Platone, Ione, 534b-c: «Cosa lieve, alata e sacra il poeta, e incapace di poetare se prima non sia ispirato dal dio e non esca fuori di senno, e non ci sia più ragione in lui ( ) siccome non per arte poetano e dicono molte belle cose sui loro argomenti, ( ) bensì per sorte divina, ciascuno dei poeti può fare bene solo ciò a cui la Musa lo spinge» e già Hom., Od., VIII, ed Hes., Th., v Va precisato che ancora in età ellenistica esisteva una poesia epica destinata ad un largo pubblico recitata da poeti itineranti secondo le modalità dell'epica arcaica. Per noi questa produzione è ridotta ad una manciata di frammenti e a una sconsolante serie di titoli e nomi. Sull'argomento cfr. K. Ziegler, L'epos ellenistico: un capitolo dimenticato della poesia greca, Roma-Bari Di fondamentale importanza per tale aspetto è lo studio di A. Rengakos, Apollonius Rhodius as a Homeric Scholar in A Companion to Apollonius Rhodius, edited by Th.D. Papanghelis and A. Rengakos, Leiden-Boston-Köln 2001, pp

16 una sorgente pura contrapposta all'impurità di una grossa corrente (Callimaco, Inno ad Apollo, vv ) e il rifiuto per il poema ciclico di vaste dimensioni (Callimaco, epigramma XXVIII e Teocrito, Talisie, 45 segg). E come Pindaro esprime il rifiuto per una poesia, per così dire, mercenaria (Istmica II, 6-12), allo stesso modo Callimaco in un giambo (fr. 222 tramandatoci proprio grazie allo scolio relativo a quel passo pindarico), riprendendo il poeta tebano, manifesta la propria avversione nei confronti «dell'instaurazione di un rapporto automatico tra la produzione poetica e retribuzione monetaria» (D'Alessio 62 ). Un altro aspetto che va a toccare la concezione e il ruolo della poesia emerge dalla solenne apertura della Pitica I (470 a.c.) dove il poeta tebano celebra «il potere ammaliante e pacificatore esercitato dalla musica sull intero ordine divino, sugli attributi di Zeus (l aquila e la folgore) e sugli dei stessi tra i quali è selezionato Ares perché, come dio della guerra, è in apparenza il più insensibile e ostile all armonia e alla concordia ispirate dalla cetra 63». Nelle Argonautiche ritroviamo una visione assai simile Cfr. Callimaco, Inni, Epigrammi, Ecale, a cura di G.B. D'Alessio, Milano 1996, p.15. Il bersaglio di Pindaro era, probabilmente (di questo parere è anche Callimaco), Simonide di Ceo (556?-467 a. C.). L'avidità di Simonide, del resto, trova puntuale conferma nel famoso aneddoto dei muli contenuto nella Retorica aristotelica (1405 b 23-28). Ma ancora prima della testimonianza del filosofo un passo della Pace (vv ) di Aristofane ci rivela che l'avidità del poeta doveva essere ormai sulla bocca di tutti. Cfr. anche lo pseudo-platonico Ipparco (228C) e Ateneo (XIV, 656D), dove oltre all'avidità del poeta viene messo in rilievo il ruolo di cortigiano (alla corte di Ipparco e di Ierone di Siracusa). 63 Cfr. Le Pitiche, op. cit., p Il passo pindarico potrebbe essere stato tenuto presente da Apollonio per alcuni motivi: alla celebrazione del potere del canto segue, nella Pitica I, un riferimento a quelle forze ostili (Tifone) al dominio di Zeus (e alla poesia) destinate inesorabilmente ad essere sottomesse. Come ha osservato Gentili (Le Pitiche, op. cit., p. 13) «in Pindaro esso (Tifone) è il paradigma del disordine e dell ingiustizia che minaccia il giusto ordinamento divino». In Apollonio, invece, Orfeo, mentre incanta gli Argonauti con la sua musica e il suo canto, racconta le fasi che hanno portato all instaurazione del potere e dell ordine cosmico di Zeus (Ofione-Eurinome/Crono-Rea/Titani/Zeus). In tutti e due i testi troviamo anche un preciso riferimento alla folgore di Zeus: nel poeta tebano è spenta (vv.5-6) dalla cetra d oro di Apollo e delle Muse, mentre nelle 89

17 in un passo famoso 65 del primo libro (vv ) in cui Orfeo 66 placa un litigio scoppiato tra gli eroi grazie al suo canto. Attraverso il dotto riferimento empedocleo 67 della funesta contesa cosmica Argonautiche è lo strumento attraverso cui si attua la supremazia del dio (vv ). Ancora: se in Pindaro attraverso l immagine dell aquila di Zeus che dorme (vv.6-10) viene assimilato «il potere della cetra a quello degli dei che nell epos omerico versano il sonno sui mortali» (Le Pitiche, op. cit., pp ), nelle Argonautiche subito dopo il canto di Orfeo e una libagione a Zeus si fa riferimento al sonno ristoratore degli Argonauti (v.518). 65 L episodio è stato ripreso in ambito latino almeno da due autori: Virgilio e Valerio Flacco. Il primo sembra rifarsi ad Apollonio sia nelle Bucoliche che nel poema epico. Nell'Egloga VI (31-40), infatti, Virgilio mette in bocca a Sileno un vero e proprio canto cosmogonico in cui vengono fusi elementi empedoclei ed epicurei mediante allusioni linguistiche a Lucrezio. Nell'Eneide (I, ), invece, è l'aedo Iopa che durante il banchetto offerto da Didone ai profughi troiani riprende alcuni spunti che già erano stati trattati da Sileno. Ancora più significativa, perché in questo caso la dipendenza dal poema ellenistico è palese, è la rielaborazione di Valerio Flacco. Nel poema latino (I, ) sussistono notevoli differenze rispetto all'originale: manca del tutto il riferimento a una lite tra gli Argonauti e Orfeo canta durante la notte precedente alla partenza degli eroi un canto incentrato sui precedenti della spedizione (la storia di Frisso e Elle). In ambito greco bisogna menzionare almeno il testo anonimo delle Argonautiche orfiche (V sec. d. C.). Anche in questa opera Orfeo è il protagonista di un canto teogonico (vv ). Rispetto ad Apollonio, che è comunque la fonte di ispirazione più significativa, però, il contesto è completamente diverso: il canto è ambientato nell'antro in cui vive Chirone ed è inserito nel contesto di una amichevole gara canora tra il centauro e il mitico cantore (manca, dunque, il riferimento al νεῖκος). È anche interessante notare che ai vv viene ripreso il tema (già trattato da Apollonio in I, 26-31) delle querce della Pieria mosse dal canto di Orfeo. Sulle riprese virgiliane del canto di Orfeo delle Argonautiche cfr. A. La Penna, Da Lucrezio a Persio, Milano 1995 pp Sulla partecipazione di Orfeo all'impresa degli Argonauti cfr. G. Iacobacci, Orfeo Argonauta, in Orfeo e l'orfismo, a cura di A. Masaracchia, Roma 1993, pp Si aggiunga che la più antica attestazione della presenza di Orfeo alla spedizione degli Argonauti è rappresentata dalla metopa del Tesoro dei Sicioni a Delfi (VI, ac. C.), dove il poeta è raffigurato con la lira accanto alla nave. 67 Cfr. Empedocle, DK 31 B 15. Riguardo agli echi empedoclei in Apollonio cfr. P. Kyriakou, Empedoclean Echoes in the Argonautica of Apollonius Rhodius, in «Hermes», 122 (1994), pp

18 (v.498) il poeta ellenistico si appropria di alcuni elementi teogonici (Ferecide di Siro 68 ed Esiodo) e celebra il magico potere della poesia ricollegando abilmente il νεῖκος cosmico a quello degli Argonauti. Chiara, dunque, l analogia tra le forze della natura che hanno portato le cose all esistenza e il potere del cantore che ripristina un ordine momentaneamente sconvolto 69. Del resto, il ruolo di Orfeo e, implicitamente, quello della poesia era emerso già a partire dall apertura del poema in cui, elencando gli eroi che hanno partecipato all impresa, Apollonio aveva aperto tale catalogo proprio con il mitico cantore e i suoi miracoli (I, 23-34) compiuti sulle forze della natura (rocce, fiumi, querce 70 ). E sarà proprio il cantore di Tracia a salvare gli Argonauti in un momento difficile della fase di ritorno: l incontro con le Sirene (IV, 905 segg.). Se leggiamo le pagine di Pindaro e dei grandi maestri della poesia ellenistica possiamo trovare la presenza di un marcato individualismo che, come abbiamo visto, è caratterizzato dall uso del tempo non lineare e da precise dichiarazioni di stile e poetica. Nelle Argonautiche questo aspetto trova un possibile parallelismo in tutta quella serie di interventi diretti del narratore che interrompono il fluire del racconto per manifestare stati d animo o per esprimere commenti sulle azioni dei personaggi. Per noi 68 Da Ferecide di Siro, filosofo del VI a. C. e maestro di Pitagora, deriva il mito di Ofione e Eurinome, predecessori di Crono e Rea. Su questa teogonia, considerata la più antica opera greca in prosa, cfr. A. Chiappelli, Sulla teogonia di Ferecide di Siros, in Rendiconti dell'accademia dei Lincei 4 (1889), pp. 230 segg. e il recente contributo di S. Caneva-V. Tarenzi, Il lavoro sul mito nell'epica greca: letture di Omero e Apollonio Rodio, Pavia Va ricordato che prima del canto di Orfeo l argonauta Ida aveva sovvertito a parole l ordine cosmico-religioso scagliandosi contro uno dei profeti della spedizione, Idmone, e affermando «in guerra acquisto gloria più di ogni altro né Zeus mi dà forza al pari della lancia» (vv ). A queste parole blasfeme si contrappone il canto teogonico orfico in cui viene prefigurato il dominio di Zeus (vv ). 70 L azione di Orfeo sulle querce è ricordata anche nell incipit di un epigramma di Antipatro di Sidone contenuto nell Antologia Palatina (VII, 8, 1). Riguardo all effetto della musica del mitico cantore cfr. le Baccanti di Euripide (vv. 562 segg.). 91

19 moderni lettori di romanzi tutto ciò può sembrare naturale, ma per un componimento epico, che di statuto prevede una quasi totale impersonalità del poeta, il fatto è senza dubbio degno di nota. Nello specifico vi sono alcuni casi in cui Apollonio, come Pindaro, interviene nella narrazione o per manifestare la propria ritrosia nel riferire episodi mitici macabri e raccapriccianti 71 o semplicemente per allontanare da sé l'accusa di empietà. Ad esempio, in II, 705 segg. Apollonio si scusa con il suo pubblico per aver insinuato che le chiome di Apollo non erano intonse, oppure in IV chiede scusa alle Muse per aver affrontato il tema sconveniente dell'evirazione di Urano da parte di Crono. Il precedente più celebre di questo approccio nei confronti del mito si ritrova nell'olimpica I (vv. 46 segg.) in cui Pindaro rigetta la famosa e raccapricciante storia del banchetto offerto da Tantalo agli dei 72. Ma è altrettanto interessante l'intervento dell Olimpica IX in cui il poeta afferma di voler passare sotto silenzio 73 (v.36 ἀπό µοι λόγον/τοῦτον, στόµα, ῥῖψον) il tema della teomachia di Eracle contro Poseidone, Apollo e Ade. Questa visione del mito inteso come oggetto di discussione critica rappresenta senza alcun dubbio uno dei tratti più difficili da comprendere per un pubblico moderno abituato a ragionare sulla base di concetti religiosi quali ortodossia o eresia. In realtà, nel mondo greco, mancando testi rivelati e universalmente validi, il poeta poteva attingere liberamente dal repertorio dei miti con intenti di volta in volta diversi e aperti a nuove interpretazioni 74. In tal senso, il caso delle opere drammatiche è emblematico. Questo atteggiamento nei confronti della storia sacra spiega, pertanto, la nascita e la diffusione di forme di pensiero come quelle di Senofane di Colofone e, in 71 Cfr. I, ; IV, Su questo intervento di Pindaro cfr. H. Fränkel, op. cit., pp Un altro interessante esempio di recusatio nella poesia lirica si ritrova, ad esempio, nell Encomio di Policrate (PMGF S 151) di Ibico in cui il poeta esprime il rifiuto (espresso nella forma della praeteritio) per una poesia di argomento bellico (la guerra di Troia). 74 Un elenco di alcuni significativi interventi dei poeti sul mito si trova in Fränkel (1997), op. cit., pp

20 generale, di tutti i presocratici. Nel caso di Pindaro va detto che, comunque, un simile uso del mito più che avere delle precise implicazioni filosofiche 75 è strettamente connesso alle aspettative e allo status del destinatario e del pubblico. Si ritrova, inoltre, nei nostri poeti anche la preoccupazione di non suscitare sul destinatario un senso di noia come conseguenza di una prolissità narrativa 76. In Pindaro il problema assume spesso la dimensione di sazietà (κόρος) generata sul pubblico 77, mentre nel poeta ellenistico tale aspetto è legato alla poetica callimachea (il celebre ἄεισµα διηνεκές 78 del prologo degli Aitia) del rifiuto di una narrazione continua 79. Per quanto riguarda 75 Cfr. Fränkel (1997), op. cit., pp La critica tedesca parla di Abbruchsformeln (in inglese il concetto è reso con break-off formulas ). Cfr. W. Schadewaldt, Der Aufbau des Pindarischen Epinikion, Halle 1928, pp ; 286; I riferimenti sono contenuti nella Pitica IV ( ); VIII (vv. 29 segg.), nella Nemea VII, 50 segg. e X, 19 segg.. Si noti che l'abbruchsformeln viene spiegato da Mackie proprio come a safeguard against κόρος excess. Per un ampia trattazione di questa tematica cfr. H. Mackie, Graceful errors:pindar and the performance of praise, Michigan 2003, pp Questo aspetto, comunque, era già stato osservato anni prima da Untersteiner in La formazione poetica di Pindaro, Messina 1951, pp. 65 segg.. 78 Concetto ripreso da Orazio nell'ode VII del primo libro (v. 6 carmine perpetuo ) e da Ovidio nelle Metamorfosi (I, 4 perpetuum...carmen ). Si tratta, fondamentalmente, del rifiuto nei confronti del poema epico omerico di vaste dimensioni. Callimaco, come è noto, non attacca Omero (poeta considerato dagli alessandrini divino e insuperabile), ma i suoi seguaci e gli stanchi imitatori. Ad ogni modo, sarà Esiodo la vera fonte dell ispirazione callimachea (ma si pensi anche a Teocrito e Arato). La motivazione più evidente di questa scelta deriva non solo dalla materia più umile trattata nelle Opere e i Giorni e l interesse per un mondo meno eroico, ma anche dal fatto che Esiodo interviene direttamente nei suoi poemi mettendo in luce alcuni aspetti della sua personalità. Sono importanti, pertanto, gli espliciti riferimenti esiodei nell epigramma XXVII e in Aitia fr. 2. Dal punto di vista linguistico-stilistico, d altra parte, la poesia esiodea si presta alle esigenze degli alessandrini in virtù di un uso più parco dello stile formulare omerico (considerato in età ellenistica pesante e ripetitivo). 79 Questi i passi più significativi: I, ; I, Va osservato l'uso dell'avverbio διηνεκέως derivato da un passo omerico (Od., IV, 836) e 93

Un calcolo deduttivo per la teoria ingenua degli insiemi. Giuseppe Rosolini da un università ligure

Un calcolo deduttivo per la teoria ingenua degli insiemi. Giuseppe Rosolini da un università ligure Un calcolo deduttivo per la teoria ingenua degli insiemi Giuseppe Rosolini da un università ligure Non è quella in La teoria ingenua degli insiemi Ma è questa: La teoria ingenua degli insiemi { < 3} è

Διαβάστε περισσότερα

TRIGONOMETRIA: ANGOLI ASSOCIATI

TRIGONOMETRIA: ANGOLI ASSOCIATI FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI AZZERAMENTO - MATEMATICA ANNO ACCADEMICO 010-011 ESERCIZI DI TRIGONOMETRIA: ANGOLI ASSOCIATI Esercizio 1: Fissata in un piano cartesiano ortogonale xoy una circonferenza

Διαβάστε περισσότερα

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΤΕΧΝΙΚΑ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ

ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΤΕΧΝΙΚΑ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ ΤΕΧΝΙΚΑ Οι Εκδόσεις Δίσιγμα ξεκίνησαν την πορεία τους στο χώρο των ελληνικών εκδόσεων τον Σεπτέμβριο του 2009 με κυρίαρχο οδηγό

Διαβάστε περισσότερα

CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.)

CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.) Consigliamo di configurare ed utilizzare la casella di posta elettronica certificata tramite il webmail dedicato fornito dal gestore

Διαβάστε περισσότερα

LIVELLO A1 & A2 (secondo il Consiglio d Europa)

LIVELLO A1 & A2 (secondo il Consiglio d Europa) ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΕΘΝΙΚΗΣ ΠΑΙ ΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ Ministero Greco della Pubblica Istruzione e degli Affari Religiosi Certificazione di Lingua Italiana LIVELLO A1 & A2 (secondo

Διαβάστε περισσότερα

Integrali doppi: esercizi svolti

Integrali doppi: esercizi svolti Integrali doppi: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali doppi sugli insiemi specificati: a) +

Διαβάστε περισσότερα

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

Dove posso trovare il modulo per? Dove posso trovare il modulo per? Για να ρωτήσετε που μπορείτε να βρείτε μια φόρμα

Dove posso trovare il modulo per? Dove posso trovare il modulo per? Για να ρωτήσετε που μπορείτε να βρείτε μια φόρμα - Γενικά Dove posso trovare il modulo per? Dove posso trovare il modulo per? Για να ρωτήσετε που μπορείτε να βρείτε μια φόρμα Quando è stato rilasciato il suo [documento]? Για να ρωτήσετε πότε έχει εκδοθεί

Διαβάστε περισσότερα

Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli

Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli GRAECO-LATINA BRUNENSIA 15, 2010, 2 Ángel Narro 1 (Universitat de València) Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli di Santa Tecla The Life and Miracles of Saint Thekla

Διαβάστε περισσότερα

Aristotele e il Peripato

Aristotele e il Peripato Aristotele e il Peripato Dossier Il controverso parlare del poeta ispirato La spiegazione data nello Ione La mimesis in Platone Come conciliare l imitazione personale e l ispirazione divina? «Il poeta,

Διαβάστε περισσότερα

WEBQUESTS. Νέα µεθοδολογία στην ιδακτική Ξένων Γλωσσών Μ. ΠΕΡΗΦΑΝΟΥ

WEBQUESTS. Νέα µεθοδολογία στην ιδακτική Ξένων Γλωσσών Μ. ΠΕΡΗΦΑΝΟΥ WEBQUESTS Νέα µεθοδολογία στην ιδακτική Ξένων Γλωσσών Μ. ΠΕΡΗΦΑΝΟΥ Ερώτηµα: Πώς να µπορούµε να εισάγουµε το ιαδίκτυο στην διδακτική της ξένης γλώσσας µε αποτελεσµατικό τρόπο; WebQuest? Ένα WebQuest αποτελεί

Διαβάστε περισσότερα

L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps.

L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps. 1 L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps. Il punto di partenza del nostro studio del capitolo finale del Vangelo

Διαβάστε περισσότερα

Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti

Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti Corso di Laurea magistrale in Scienze dell antichità: letterature, storia e archeologia Tesi di Laurea Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti

Διαβάστε περισσότερα

RIASSUNTO PAROLE CHIAVE. Gli autori

RIASSUNTO PAROLE CHIAVE. Gli autori MACRÌ, Gabriella. La ricezione di Primo Levi in Grecia. Ricercare le radici: Primo Levi lettore- Lettori di Primo Levi. Nuovi studi su Primo Levi, a cura di Raniero Speelman, Elisabetta Tonello & Silvia

Διαβάστε περισσότερα

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA

SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA Avevo gia composta e spedita per la pubblicazione la nota alia prima delle tre iscrizioni qui trattate, quando mi fu segnalato Γ articolo di M. Guarducci, Tracce

Διαβάστε περισσότερα

Dipartimento di Scienze dell antichità. Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo

Dipartimento di Scienze dell antichità. Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo Scuola di Dottorato in Humanae Litterae Dipartimento di Scienze dell antichità Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo PLATONE E PLUTARCO: INTRECCI TEMATICI TRA

Διαβάστε περισσότερα

άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3"] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 τυροωμιάσατ ο Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι

άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 τυροωμιάσατ ο Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι ΚΑΤΑ ΤΗΝ ΧΕΙ Μ Ε Ρ IN Η Ν Ε Ξ AM ΗΝ IΑΝ άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3"] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 Π Α Ρ Α Δ Ο Θ Η Σ Ο Μ Ε Ν Ω Ν ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ.

Διαβάστε περισσότερα

Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione, traduzione e saggio di commento (1-4; 7-23; 25; 29-30; 35-36; 44; 51; 54-55)

Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione, traduzione e saggio di commento (1-4; 7-23; 25; 29-30; 35-36; 44; 51; 54-55) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI (DipSUm) DOTTORATO DI RICERCA IN FILOLOGIA CLASSICA (XIII Ciclo) TESI DOTTORATO in LETTERATURA GRECA Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione,

Διαβάστε περισσότερα

DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO

DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO Il triangolo ABC ha n angolo retto in C e lati di lnghezza a, b, c (vedi fig. ()). Le fnzioni trigonometriche dell angolo α sono definite

Διαβάστε περισσότερα

Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze

Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze Incontri triestini di filologia classica 9 (2009-2010), 153-173 Tommaso Braccini Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze «Talento limitato personalità poco simpatica

Διαβάστε περισσότερα

INDICE. Introduzione... 6

INDICE. Introduzione... 6 INDICE Introduzione... 6 CAPITOLO I: IL POEMA DEL DIGHENÌS AKRITIS... 13 Premessa... 14 1. Le redazioni... 16 1.1. Escorial (E)... 16 1.2. Grottaferrata (G)... 17 1.3. Trebisonda (T), Andros (A e P), Oxford

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA

UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA Scuola di dottorato in italianistica e filologia classico-medievale Dottorato di ricerca in filologia classico-medievale XXIV ciclo Anno accademico 2010-2011 COMMENTO AL

Διαβάστε περισσότερα

bab.la Φράσεις: Προσωπική Αλληλογραφία Ευχές ελληνικά-ιταλικά

bab.la Φράσεις: Προσωπική Αλληλογραφία Ευχές ελληνικά-ιταλικά Ευχές : Γάμος Συγχαρητήρια. Σας ευχόμαστε όλη την ευτυχία του κόσμου. Congratulazioni. I nostri migliori auguri e tanta felicità. νιόπαντρο ζευγάρι Θερμά συγχαρητήρια για τους δυο σας αυτήν την ημέρα του

Διαβάστε περισσότερα

Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ. Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις

Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ. Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις 1 Παναγιώτης Ἀρ. Ὑφαντῆς Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις Σκοπός τῆς παρούσας μελέτης 1 εἶναι ὁ ἐντοπισμός καί ὁ κριτικός

Διαβάστε περισσότερα

ELIO SCARCIGLIA ANTHOLOGICAL EXHIBITION ΑΝΘΟΛΟΓΙΑ ANTOLOGICA

ELIO SCARCIGLIA ANTHOLOGICAL EXHIBITION ΑΝΘΟΛΟΓΙΑ ANTOLOGICA ELIO SCARCIGLIA ANTHOLOGICAL EXHIBITION ΑΝΘΟΛΟΓΙΑ ANTOLOGICA Elio Scarciglia Born in Guagnano (LE), lives and works in Lecce, dealing with photography and cinematography for many years. He has organized

Διαβάστε περισσότερα

LIVELLI A1 & A2 SESSIONE MAGGIO 2013

LIVELLI A1 & A2 SESSIONE MAGGIO 2013 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙ ΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ, ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΚΑΙ ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΥ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ Ministero dell Istruzione e degli Affari Religiosi, della Cultura e dello Sport Certificazione di Lingua

Διαβάστε περισσότερα

3. Erodico di Babilonia

3. Erodico di Babilonia 3. Erodico di Babilonia 3.1 Studi precedenti Una prima rassegna dei frammenti di Erodico si trova nel lavoro del 1836 di C. F. Wegener sulla vita culturale a Pergamo sotto gli Attalidi (pp. 155-157) 1.

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA L AGORÀ IN ERODOTO

UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA L AGORÀ IN ERODOTO UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Scienze dell antichità: letterature, storia e archeologia. Tesi di Laurea L

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Dottorato di ricerca in Filologia e cultura greco-latina e Storia del Mediterraneo antico Dipartimento Culture e Società Settore Scientifico Disciplinare L-FIL-LET/05

Διαβάστε περισσότερα

VITO MATERA OI ΔIAΦANEIEΣ TOY XPΩMATOΣ THE COLOUR TRANSPARENCIES LE TRASPARENZE DEL COLORE

VITO MATERA OI ΔIAΦANEIEΣ TOY XPΩMATOΣ THE COLOUR TRANSPARENCIES LE TRASPARENZE DEL COLORE VITO MATERA THE COLOUR TRANSPARENCIES OI ΔIAΦANEIEΣ TOY XPΩMATOΣ LE TRASPARENZE DEL COLORE VITO MATERA Was born in Gravina in Puglia, in Bari Province. A childhood in the workshop, with his father goldsmith

Διαβάστε περισσότερα

Nuova strategia è necessaria per la messa in luce dei giacimenti sottomarini di idrocarburi nel Sud di Creta.

Nuova strategia è necessaria per la messa in luce dei giacimenti sottomarini di idrocarburi nel Sud di Creta. Nuova strategia è necessaria per la messa in luce dei giacimenti sottomarini di idrocarburi nel Sud di Creta. I. Konofagos, N. Lygeros I soprascritti, già dal 2012 avevano proposto ai politici con il più

Διαβάστε περισσότερα

Glosse Dialettali negli Scholia Omerici

Glosse Dialettali negli Scholia Omerici Glosse Dialettali negli Scholia Omerici FRANCO MONTANARI Lo studio delle glosse dialettali menzionate negli scholia omerici può essere visto in primo luogo entro un quadro di ricerca ben noto e frequentato,

Διαβάστε περισσότερα

Antonio Gramsci, Sotto la mole (1916-1920)

Antonio Gramsci, Sotto la mole (1916-1920) L'«attualità» ci fa vivere davvero il passato, la psicologia degli uomini del passato. E ci chiarisce le idee, e ci obbliga a trasformare il vocabolario. Lasciamo cadere la parola «tiranno»: sostituiamola

Διαβάστε περισσότερα

STORIA ANTICA E STORIA CLASSICA: IL CASO DELL ORIENTE GRECO-ROMANO

STORIA ANTICA E STORIA CLASSICA: IL CASO DELL ORIENTE GRECO-ROMANO Histos 5 (2011) 107 16 STORIA ANTICA E STORIA CLASSICA: IL CASO DELL ORIENTE GRECO-ROMANO 1 È divenuta oramai una prassi consolidata quella d identificare ed etichettare la storia del Mediterraneo orientale

Διαβάστε περισσότερα

IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU. A Giuseppe Russo di Salerno

IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU. A Giuseppe Russo di Salerno IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU A Giuseppe Russo di Salerno 1.Ricordo che durante un dibattito tra gente di alta cultura e un cardinale di Santa Romana Chiesa, un professore di diritto internazionale si

Διαβάστε περισσότερα

ΕΒΔΟΜΑΔΙΑΙΑ ΕΚΔΟΣΗ 29 Μαρτίου 2014 ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ

ΕΒΔΟΜΑΔΙΑΙΑ ΕΚΔΟΣΗ 29 Μαρτίου 2014 ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ διαδρομές ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ Στο ψαρολίμανο ανο της Νέας Χώρας 2 ΧΑΝΙΩΤΙΚΑ diadromes@haniotika-nea.gr διαδρομές

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική 4 η ενότητα: Riflessione grammaticale pronomi diretti, indiretti e combinati Μήλιος Βασίλειος Τμήμα

Διαβάστε περισσότερα

Verso un approccio cartografico

Verso un approccio cartografico Sede Amministrativa: Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze del Mondo Antico SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN: Scienze linguistiche, filologiche e letterarie INDIRIZZO: Filologia classica

Διαβάστε περισσότερα

Agazia Scolastico, Epigrammi

Agazia Scolastico, Epigrammi Scuola Dottorale di Ateneo Graduate School Dottorato di ricerca in Italianistica e Filologia Classico-Medievale Ciclo XXVI Anno di discussione 2014 Agazia Scolastico, Epigrammi Introduzione, testo critico

Διαβάστε περισσότερα

«Αφιέρωμα στη Γερμανική, Ιταλική και Ισπανική Γλώσσα» Πρακτικά Ημερίδας

«Αφιέρωμα στη Γερμανική, Ιταλική και Ισπανική Γλώσσα» Πρακτικά Ημερίδας ΕΘΝΙΚΟ ΚΑΙ ΚΑΠΟΔΙΣΤΡΙΑΚΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΑΘΗΝΩΝ ΔΙΔΑΣΚΑΛΕΙΟ ΞΕΝΩΝ ΓΛΩΣΣΩΝ ΣΥΝΔΕΣΜΟΣ ΦΙΛΙΑΣ ΕΘΝΩΝ ΤΜΗΜΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ «Αφιέρωμα στη Γερμανική, Ιταλική και Ισπανική Γλώσσα» Πρακτικά Ημερίδας (Σάββατο

Διαβάστε περισσότερα

La παίδευσις dell uomo in Gregorio di Nissa

La παίδευσις dell uomo in Gregorio di Nissa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE LINGUISTICHE, FILOLOGICHE, LETTERARIE E STORICO-ARCHEOLOGICHE

Διαβάστε περισσότερα

ΠΡΟΓΡΑΜΜΑ / PROGRAMMA

ΠΡΟΓΡΑΜΜΑ / PROGRAMMA ΕΘΝΙΚΟN ΚΑΙ ΚΑΠΟΔΙΣΤΡΙΑΚΟN ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟN ΑΘΗΝΩΝ ΤΜΗΜΑ ΙΤΑΛΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΑΙ ΦΙΛΟΛΟΓΙΑΣ UNIVERSITÀ NAZIONALE E CAPODISTRIACA DI ATENE DIPARTIMENTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA ΗΜΕΡΙΔΑ / CONVEGNO ITALOELLENICA.

Διαβάστε περισσότερα

13 Cfr. Diog. Laer. II 48-59. 14 Per una ricostruzione della biografia di Senofonte cfr. ANDERSON 1974a.

13 Cfr. Diog. Laer. II 48-59. 14 Per una ricostruzione della biografia di Senofonte cfr. ANDERSON 1974a. INTRODUZIONE Nel 1976, presentando la propria edizione critica dell'agesilao, Rosemary Wieczorek 1 rilevava come l'opuscolo senofonteo non fosse stato sottoposto ancora a uno studio analitico e intepretativo

Διαβάστε περισσότερα

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙΔΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΕΡΕΥΝΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ Πέμπτη, 16 Ιουνίου 2016 ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI

Διαβάστε περισσότερα

ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ

ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΦΙΛΟΣΟΦΙΚΗ ΣΧΟΛΗ ΤΜΗΜΑ ΙΤΑΛΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΑΙ ΦΙΛΟΛΟΓΙΑΣ ΤΑΞΙΔΙΩΤΙΚΗ ΛΟΓΟΤΕΧΝΙΑ ΚΑΙ ΔΙΑΠΟΛΙΤΙΣMΙΚΟΣ ΔΙΑΛΟΓΟΣ. ΤΟ ΠΑΡΑΔΕΙΓΜΑ ΤΟΥ ΝΙΚΟΥ ΚΑΖΑΝΤΖΑΚΗ ΔΙΔΑΚΤΟΡΙΚΗ ΔΙΑΤΡΙΒΗ

Διαβάστε περισσότερα

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI A cura della Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti in collaborazione con la Direzione Provinciale di Trento Si ringrazia il CINFORMI - Centro Informativo per l Immigrazione

Διαβάστε περισσότερα

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΕΠΙΠΕΔΟ Γ (Γ1 & Γ2). ΕΝΟΤΗΤΑ 4 Νοέμβριος 2013 ΦΥΛΛΑΔΙΟ ΤΟΥ ΕΞΕΤΑΣΤΗ 0. ΠΕΡΙΓΡΑΦΗ ΤΗΣ ΕΞΕΤΑΣΗΣ ιάρκεια: 30 λεπτά (1

Διαβάστε περισσότερα

Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015

Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015 Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015 Scosta il sipario che è dietro al leggio e scopre uno stendardo che riguarda la Rivoluzione e

Διαβάστε περισσότερα

Ge m i n i. il nuovo operatore compatto e leggero. η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα

Ge m i n i. il nuovo operatore compatto e leggero. η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα Ge m i n i 6 il nuovo operatore compatto e leggero η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα Porte Gemini 6 Operatore a movimento lineare per porte automatiche a scorrimento orizzontale. Leggero, robusto

Διαβάστε περισσότερα

DICHIARAZIONE. Io sottoscritto in qualità di

DICHIARAZIONE. Io sottoscritto in qualità di Manuale dell espositore Documento sicurezza di mostra - Piano Generale procedure di Emergenza/Evacuazione Fiera di Genova, 13 15 novembre 2013 DICHIARAZIONE da restituire entro il il 31 ottobre 31 ottobre

Διαβάστε περισσότερα

Atene παίδευσις e Atene τύραννος

Atene παίδευσις e Atene τύραννος Atene παίδευσις e Atene τύραννος Il dialogo dei Meli e degli Ateniesi: Tucidide V 111-116 CXI. ΑΘ. τούτων µὲν καὶ πεπειραµένοις ἄν τι γένοιτο καὶ ὑµῖν καὶ οὐκ ἀνεπιστήµοσιν ὅτι οὐδ ἀπὸ µιᾶς πώποτε πολιορκίας

Διαβάστε περισσότερα

Zosi Zografidou Voci italiane in grecia

Zosi Zografidou Voci italiane in grecia A10 Zosi Zografidou Voci italiane in grecia Ιταλικές φωνές στην Ελλάδα Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Διαβάστε περισσότερα

Immagine di copertina: mosaico raffigurante Gregorio Nazianzeno. Chiesa di S. Maria dell Ammiraglio, Palermo.

Immagine di copertina: mosaico raffigurante Gregorio Nazianzeno. Chiesa di S. Maria dell Ammiraglio, Palermo. ISBN: 978-94-9179-105-5 Immagine di copertina: mosaico raffigurante Gregorio Nazianzeno. Chiesa di S. Maria dell Ammiraglio, Palermo. UNIVERSITÀ DI ROMA «TOR VERGATA» UNIVERSITEIT GENT DOTTORATO DI RICERCA

Διαβάστε περισσότερα

Copyright 2012 Giovanni Parmeggiani 16 August 2012

Copyright 2012 Giovanni Parmeggiani 16 August 2012 Histos 6 (2012) 214 27 SUI FONDAMENTI DELLA TESI ANTICA DELLA PATERNITÀ ANASSIMENEA DEL TRICARANO: MIMESI STILISTICA E ANALOGIE TRA I PROEMI STORIOGRAFICI DI ANASSIMENE DI LAMPSACO E DI TEOPOMPO DI CHIO

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO TESI DI LAUREA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO TESI DI LAUREA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN FILOLOGIA, LETTERATURE E STORIA DELL'ANTICHITA' TESI DI LAUREA IL DIALOGO TRA ALESSANDRO MAGNO E I GIMNOSOFISTI

Διαβάστε περισσότερα

Dossier. [...]. [...]. [.].. θεοῦ κρατερῇ[ς ὑπ ἀνάγκης οὐ δεῖ ἀν]αλ[κείη]ν καὶ κακότητα λέγει [ν. [ ]ω[ ]. [...]εθα κ [ῆρ]α φυγεῖν φεύγ[ειν δέ τις ὥρη

Dossier. [...]. [...]. [.].. θεοῦ κρατερῇ[ς ὑπ ἀνάγκης οὐ δεῖ ἀν]αλ[κείη]ν καὶ κακότητα λέγει [ν. [ ]ω[ ]. [...]εθα κ [ῆρ]α φυγεῖν φεύγ[ειν δέ τις ὥρη Poeti giambici Dossier T. 17 P. Oxy. 4708 fr. 1 L elegia sul mito di Telefo Il seguente frammento, pubblicato nel 2004, costituisce il più recente ritrovamento papiraceo di testi di Archiloco: si tratta

Διαβάστε περισσότερα

GIANFRANCO AGOSTI. Ancora sullo stile delle iscrizioni metriche tardoantiche *

GIANFRANCO AGOSTI. Ancora sullo stile delle iscrizioni metriche tardoantiche * Incontri di filologia classica 11 (2011-2012), 233-252 GIANFRANCO AGOSTI Ancora sullo stile delle iscrizioni metriche tardoantiche * La creazione di un nuovo linguaggio letterario, che corrisponda alle

Διαβάστε περισσότερα

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙΔΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ Πέμπτη, 21 Ιουνίου 2012 ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ

Διαβάστε περισσότερα

Il fine giustifica i mezzi? Per una rilettura di un passo del Filottete di Sofocle (vv ) di Eleonora Fortunato

Il fine giustifica i mezzi? Per una rilettura di un passo del Filottete di Sofocle (vv ) di Eleonora Fortunato Il teatro greco: esperienze da un TFA Il fine giustifica i mezzi? Per una rilettura di un passo del Filottete di Sofocle (vv. 77-120) di Eleonora Fortunato CLASSE E DISCIPLINA II o III liceo classico (IV

Διαβάστε περισσότερα

Passato Prossimo = ΠΡΚ-ΑΟΡΙΣΤΟΣ

Passato Prossimo = ΠΡΚ-ΑΟΡΙΣΤΟΣ Passato Prossimo = ΠΡΚ-ΑΟΡΙΣΤΟΣ avere Η essere + ΜΕΤΟΧΗ ΡΗΜΑΤΟΣ Ieri =χθες Verbi in are Verbi in ere Verbi in ire ( -ato ) (-uto ) ( -ito ) Da Kalantzi Vasiliki Parlare=μίλησα Ιο ho parlato Tu hai parlato

Διαβάστε περισσότερα

Tucidide storico della tragedia ateniese

Tucidide storico della tragedia ateniese Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Scienze dell Antichità: Letterature, Storia e Archeologia Tesi di Laurea Tucidide storico della tragedia ateniese Relatore Dott.ssa Stefania

Διαβάστε περισσότερα

3-087-936-53(1) Manuale delle applicazioni del computer. εφαρµογών υπολογιστή. Digital Video Camera Recorder. 2004 Sony Corporation

3-087-936-53(1) Manuale delle applicazioni del computer. εφαρµογών υπολογιστή. Digital Video Camera Recorder. 2004 Sony Corporation 3-087-936-53(1) Manuale delle applicazioni del computer Οδηγός εφαρµογών υπολογιστή IT GR Digital Video Camera Recorder 2004 Sony Corporation Da leggere subito Per utilizzare la videocamera, leggere il

Διαβάστε περισσότερα

Dal volume Cipro Italia A/R Architettura di Emma Tagliacollo

Dal volume Cipro Italia A/R Architettura di Emma Tagliacollo Ambasciata d'italia Dal volume Cipro Italia A/R Architettura di Emma Tagliacollo Il progetto della mostra di Architettura cipriota ha origine da una serie di interrogativi che nascono dal ruolo che ricopre

Διαβάστε περισσότερα

Un Venerabile testimone dei Vangeli secondo Luca e secondo Giovanni: Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) *

Un Venerabile testimone dei Vangeli secondo Luca e secondo Giovanni: Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) * Un Venerabile testimone dei Vangeli secondo Luca e secondo Giovanni: Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) * Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) è arrivato nella Biblioteca Apostolica Vaticana il 22 novembre 2006,

Διαβάστε περισσότερα

124.* [J.H.H. SCHMIDT, Synonymik der Griechischen Sprache, III, Leipzig (Teubner) 1879, pp. 369 373.]

124.* [J.H.H. SCHMIDT, Synonymik der Griechischen Sprache, III, Leipzig (Teubner) 1879, pp. 369 373.] [J.H.H. SCHMIDT, Synonymik der Griechischen Sprache, III, Leipzig (Teubner) 1879, pp. 369 373.] 124.* Ψελλός, ψελλίζειν, ψελλίζεσθαι, ψελλότης, ψελλισµός. τραυλός, τραυλίζειν, τραυλότης, τραυλισµός. ἰσχωνόφωνος,

Διαβάστε περισσότερα

ENRICO MAGNELLI. Immagini del libro nella letteratura di Bisanzio 1*

ENRICO MAGNELLI. Immagini del libro nella letteratura di Bisanzio 1* CentoPagine IV (2010), 107-133 ENRICO MAGNELLI Immagini del libro nella letteratura di Bisanzio 1* 1. Motivi tradizionali Affrontando un argomento come questo, è pressoché inevitabile e subito ne chiedo

Διαβάστε περισσότερα

L EDUCAZIONE A PArOLE

L EDUCAZIONE A PArOLE Luciano Lanzi Roberto Rossi L EDUCAZIONE A PArOLE R. Rossi, L. Lanzi Con parole ornate Cappelli Editore 2010 1 Essere giovani in Grecia Breve excursus sulla παιδεία del mondo antico Nelle diverse poleis

Διαβάστε περισσότερα

CLAUDIO DE STEFANI. Per una nuova edizione degli epigrammi di Paolo Silenziario *

CLAUDIO DE STEFANI. Per una nuova edizione degli epigrammi di Paolo Silenziario * Incontri di filologia classica 11 (2011-2012), 217-231 CLAUDIO DE STEFANI Per una nuova edizione degli epigrammi di Paolo Silenziario * L aureo consiglio di Martin West secondo cui, prima di accingersi

Διαβάστε περισσότερα

ΣΠΥΡΙΔΩΝ Α. ΚΟΥΤΡΑΚΗΣ

ΣΠΥΡΙΔΩΝ Α. ΚΟΥΤΡΑΚΗΣ ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΦΙΛΟΣΟΦΙΚΗ ΣΧΟΛΗ ΤΜΗΜΑ ΙΤΑΛΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΑ ΚΑΙ ΦΙΛΟΛΟΓΙΑΣ ΠΡΟΓΡΑΜΜΑ ΜΕΤΑΠΤΥΧΙΑΚΩΝ ΣΠΟΥΔΩΝ ΚΑΤΕΥΘΥΝΣΗ: «ΛΟΓΟΤΕΧΝΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ» ΜΕΤΑΠΤΥΧΙΑΚΗ ΔΙΠΛΩΜΑΤΙΚΗ ΕΡΓΑΣΙΑ PIER

Διαβάστε περισσότερα

Divino e Fitoterapia Rituale. Riflessioni su un rituale di evocazione di evocazione (PGM XIII, 1-236)

Divino e Fitoterapia Rituale. Riflessioni su un rituale di evocazione di evocazione (PGM XIII, 1-236) Corso di Laurea magistrale in Scienze dell'antichità: Letterature, Storia ed Archeologia Tesi di Laurea Divino e Fitoterapia Rituale. Riflessioni su un rituale di evocazione di evocazione (PGM XIII, 1-236)

Διαβάστε περισσότερα

ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI ΤΙΣ ΥΠΟΨΗΦΙΕΣ

ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI ΤΙΣ ΥΠΟΨΗΦΙΕΣ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙ ΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΕΛΛΗΝΩΝ ΕΞΩΤΕΡΙΚΟΥ ΕΞΕΤΑΣΗ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ 29 Σεπτεμβρίου 2010 ΟΔΗΓΙΕΣ

Διαβάστε περισσότερα

GIANFRANCO AGOSTI. La Vita di Proclo di Marino nella sua redazione in versi. Per un analisi della biografia poetica tardoantica

GIANFRANCO AGOSTI. La Vita di Proclo di Marino nella sua redazione in versi. Per un analisi della biografia poetica tardoantica CentoPagine III (2009), 30-46 GIANFRANCO AGOSTI La Vita di Proclo di Marino nella sua redazione in versi. Per un analisi della biografia poetica tardoantica A partire dall età dioclezianea si sviluppa

Διαβάστε περισσότερα

Euripidis Erechthei quae exstant

Euripidis Erechthei quae exstant FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA DIPARTIMENTO DI STUDI SUL MONDO ANTICO DOTTORATO DI RICERCA IN CIVILTÀ E TRADIZIONE GRECA E ROMANA XXII CICLO MAURIZIO SONNINO Euripidis Erechthei quae exstant Introduzione.

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA. Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia

UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA. Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia Due miracoli nella Parafrasi del Vangelo di San Giovanni di Nonno di Panopoli: il

Διαβάστε περισσότερα

Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού

Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού Χρήστος Αποστολόπουλος Η προσωπικότητα του Ιακώβου Διασορηνού παραµένει

Διαβάστε περισσότερα

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΕΝΟΤΗΤΑ 4 (Παραγωγή προφορικού λόγου και προφορική διαμεσολάβηση) ΕΠΙΠΕΔΑ Β (Β1 και Β) NOΕΜΒΡΙΟΣ 013 1. ΠΕΡΙΓΡΑΦΗ

Διαβάστε περισσότερα

ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 3

ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 3 1 Prof. POGGI Flaminio ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 CONOSCENZE Il sistema verbale greco (presente, imperfetto, futuro, aoristo, perfetto, piuccheperfetto; congiuntivo e suo uso in proposizioni

Διαβάστε περισσότερα

La comunicazione tra intellettuali nell'antichità: le introduzioni delle opere matematiche

La comunicazione tra intellettuali nell'antichità: le introduzioni delle opere matematiche Università degli Studi di Napoli FEDERICO II DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI Dottorato di ricerca in Filologia Classica, Cristiana e Medioevale-Umanistica, Greca e Latina XXV CICLO TESI DI DOTTORATO La

Διαβάστε περισσότερα

Immaginato, sentimenti ed emozioni nella storiografia tardoantica

Immaginato, sentimenti ed emozioni nella storiografia tardoantica CLAUDIA GIUFFRIDA Immaginato, sentimenti ed emozioni nella storiografia tardoantica A cavallo tra il II e il III secolo d.c., Sesto Empirico, 1 nel suo Adversus Mathematicos, discuteva la tesi dello stoico

Διαβάστε περισσότερα

Un esempio di dialogo interculturale: il percorso traduttivo dei pannelli di una mostra fotografica itinerante dall Italia in Grecia

Un esempio di dialogo interculturale: il percorso traduttivo dei pannelli di una mostra fotografica itinerante dall Italia in Grecia ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΦΙΛΟΣΟΦΙΚΗ ΣΧΟΛΗ ΤΜΗΜΑ ΙΤΑΛΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΑΙ ΦΙΛΟΛΟΓΙΑΣ ΠΡΟΓΡΑΜΜΑ ΜΕΤΑΠΤΥΧΙΑΚΩΝ ΣΠΟΥΔΩΝ: «ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ» ΚΑΤΕΥΘΥΝΣΗ: ΜΕΤΑΦΡΑΣΗ, ΔΙΕΡΜΗΝΕΙΑ ΚΑΙ ΕΠΙΚΟΙΝΩΝΙΑ

Διαβάστε περισσότερα

Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8)

Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8) Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8) [6] Ἐγὼ γάρ, ὦ Ἀθηναῖοι, ἐπειδὴ ἔδοξέ μοι γῆμαι καὶ γυναῖκα ἠγαγόμην εἰς τὴν οἰκίαν, τὸν μὲν ἄλλον χρόνον οὕτω διεκείμην ὥστε μήτε

Διαβάστε περισσότερα

Gli invitati al banchetto (Mt 22,1-14; Lc 14,16-24) Testo rivisto dal Relatore: Prof. Don Carlo Dezzuto

Gli invitati al banchetto (Mt 22,1-14; Lc 14,16-24) Testo rivisto dal Relatore: Prof. Don Carlo Dezzuto Gli invitati al banchetto (Mt 22,1-14; Lc 14,16-24) Testo rivisto dal Relatore: Prof. Don Carlo Dezzuto Nella prima metà del Quattrocento, la casa di Borgogna, sotto il regno di Filippo il Buono, estende

Διαβάστε περισσότερα

PERIPHEREIN TON DAIMONA: LA VOCE DEL VENTRILOQUO 1

PERIPHEREIN TON DAIMONA: LA VOCE DEL VENTRILOQUO 1 TOMMASO BRACCINI PERIPHEREIN TON DAIMONA: LA VOCE DEL VENTRILOQUO 1 In una voce non firmata presente nel trentacinquesimo e ultimo volume dell'enciclopedia italiana (1937), la ventriloquia è definita come

Διαβάστε περισσότερα

HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE

HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE Σὺ μὲν οὖν ἀεὶ καὶ δύνῃ καὶ δύναιο κάλλιστα χρωμένη τῷ δύνασθαι, Tu hai sempre il tuo prestigio e mi auguro possa servirtene nel modo migliore. Synesius lett. LXXXI ALLA FILOSOFA

Διαβάστε περισσότερα

IL MONOFISISMO DI S. CIRILLO D ALESSANDRIA

IL MONOFISISMO DI S. CIRILLO D ALESSANDRIA IL MONOFISISMO DI S. CIRILLO D ALESSANDRIA di Giovanni Costa ABBREVIAZIONI COD Cum Salvator Definitio Fidei Laetentur Obloquuntur PG QUX =Conciliorum Oecumenicorum Decreta. =Terza lettera di S. Cirillo

Διαβάστε περισσότερα

ATENE, CITTA CHE OSA. LE VESPE DI ARISTOFANE.

ATENE, CITTA CHE OSA. LE VESPE DI ARISTOFANE. ATENE, CITTA CHE OSA. LE VESPE DI ARISTOFANE. Αὖθις δὲ οἱ μὲν καὶ παρὰ δύναμιν τολμηταὶ καὶ παρὰ γνώμην κινδυνευταὶ καὶ τοῖς δεῖνοις εὐέλπιδες (Thuc., I, 70, 3) (Ancora, loro (gli Ateniesi) audaci oltre

Διαβάστε περισσότερα

Matteo Re. Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA.

Matteo Re. Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA. Matteo Re Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA Actas 2-3 de abril de 2012 UNIVERSIDAD DE TIRANA III edición corregida

Διαβάστε περισσότερα

HUMANITASVQLDJ Ι Μ? ELEONORA MELANDRI Universidade de Florenca. I CosfDDErri FRAMMENTI DELL'OPERA VIRIVS DOCENDA SIT Dì PLUTARCO

HUMANITASVQLDJ Ι Μ? ELEONORA MELANDRI Universidade de Florenca. I CosfDDErri FRAMMENTI DELL'OPERA VIRIVS DOCENDA SIT Dì PLUTARCO HUMANITASVQLDJ Ι Μ? ELEONORA MELANDRI Universidade de Florenca I CosfDDErri FRAMMENTI DELL'OPERA AN VIRIVS DOCENDA SIT Dì PLUTARCO Adelmo Barigazzi in un articolo comparso su Prometheus nel 1987' avanzava

Διαβάστε περισσότερα

LA FIGURA DEL MEDICO NELL ANTICA GRECIA TESTIMONIANZE

LA FIGURA DEL MEDICO NELL ANTICA GRECIA TESTIMONIANZE LA FIGURA DEL MEDICO NELL ANTICA GRECIA TESTIMONIANZE Per un introduzione generale sulla figura del medico greco vd. J. Jouanna, Ippocrate, tr. it. Torino 1994, pp. 75-11 e 188. Per maggiori informazioni

Διαβάστε περισσότερα

Sarò signor io sol. α α. œ œ. œ œ œ œ µ œ œ. > Bass 2. Domenico Micheli. Canzon, ottava stanza. Soprano 1. Soprano 2. Alto 1

Sarò signor io sol. α α. œ œ. œ œ œ œ µ œ œ. > Bass 2. Domenico Micheli. Canzon, ottava stanza. Soprano 1. Soprano 2. Alto 1 Sarò signor io sol Canzon, ottava stanza Domenico Micheli Soprano Soprano 2 Alto Alto 2 Α Α Sa rò si gnor io sol del mio pen sie io sol Sa rò si gnor io sol del mio pen sie io µ Tenor Α Tenor 2 Α Sa rò

Διαβάστε περισσότερα

SUPREME COLOURS / DAMASCO 1L

SUPREME COLOURS / DAMASCO 1L SUPREME COLOURS / DAMASCO 1L Μεταλλικό χρώμα κατάλληλο για κάθε επιφάνεια για εσωτερικούς η εξωτερικούς χώρους. Εάν η επιφάνεια είναι λευκή δεν χρειάζεται αστάρι. Η Σειρά αποτελείται από 7 ελκύστηκα χρώματα.

Διαβάστε περισσότερα

FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 15 Le preposizioni greche Le principali preposizioni della lingua greca. di GIANNI MONTEFAMEGLIO

FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 15 Le preposizioni greche Le principali preposizioni della lingua greca. di GIANNI MONTEFAMEGLIO FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 15 Le preposizioni greche Le principali preposizioni della lingua greca di GIANNI MONTEFAMEGLIO Più che mandare subito a memoria le preposizioni greche che

Διαβάστε περισσότερα

La storiografia greca dopo Tucidide

La storiografia greca dopo Tucidide La storiografia greca dopo Tucidide Le Elleniche di Senofonte Senofonte (Atene 430/425 a.c. ca Corinto, 355 a.c. circa), discepolo di Socrate, mercenario nel 401 con Ciro il Giovane nella sfortunata spedizione

Διαβάστε περισσότερα

20/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 67. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

20/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 67. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 4 agosto 2015, n. 440 Approvazione del "Documento propedeutico alla costruzione dell'aggiornamento del Piano di Tutela delle Acque

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA. Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia

UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA. Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia Il mondo secondo Erodoto: aspetti geografici nel testo delle Storie. Relatore Laureando

Διαβάστε περισσότερα

COMMENTO 1-6 Nel proemio del carme Gregorio espone la concezione della natura divina dell uomo in quanto creatura di Dio (cfr. Gen. 1,26-27).

COMMENTO 1-6 Nel proemio del carme Gregorio espone la concezione della natura divina dell uomo in quanto creatura di Dio (cfr. Gen. 1,26-27). COMMENTO 1-6 Nel proemio del carme Gregorio espone la concezione della natura divina dell uomo in quanto creatura di Dio (cfr. Gen. 1,26-27). Vengono così enunciate le prerogative di Dio-Padre celeste

Διαβάστε περισσότερα

Επιπλέον, στον 1o όροφο στεγάζεται η Συλλογή Μεταβυζαντινών Εικόνων και Θρησκευτικών κειμηλίων από το 16ο αιώνα και μεταγενέστερα.

Επιπλέον, στον 1o όροφο στεγάζεται η Συλλογή Μεταβυζαντινών Εικόνων και Θρησκευτικών κειμηλίων από το 16ο αιώνα και μεταγενέστερα. ΔΗΜΟΣΙΑ ΒΙΒΛΙΟΘΗΚΗ ΛΕΥΚΑΔΑΣ Η Δημόσια Βιβλιοθήκη Λευκάδας ιδρύεται το 1953 με προσπάθειες επιφανών Λευκαδίων, όπως ο ιστορικός Πάνος Ροντογιάννης, ο συμβολαιογράφος Τάκης Μαμαλούκας και άλλοι που βρήκαν

Διαβάστε περισσότερα

L ESPRESSIONE, IL DISCORSO E LE LORO PARTI IN GRECO

L ESPRESSIONE, IL DISCORSO E LE LORO PARTI IN GRECO L ESPRESSIONE, IL DISCORSO E LE LORO PARTI IN GRECO Giovanni Costa 1. L espressione ed il discorso pg. 2 1.2 I due tipi di espressione pg. 3 2. Le parti del discorso pg. 8 3. Bibliografia pg. 13 SOMMARIO:

Διαβάστε περισσότερα