L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Μέγεθος: px
Εμφάνιση ξεκινά από τη σελίδα:

Download "L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps."

Transcript

1 1 L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps. Il punto di partenza del nostro studio del capitolo finale del Vangelo di Luca è il nome attribuito al villaggio menzionato in 24,13. Al posto del familiare Emmaus, il Codice di Beza propone Οὐιακκανῦο, 'Oulammaous', che, in un articolo precedente, 1 è stato identificato come il luogo dove Giacobbe sognò la scala tra cielo e terra ed al quale fu poi dato il nome di Bethel (Gen 28,19). 2 Ci sono numerosi paralleli tra la storia di Giacobbe e la storia dei due discepoli nel Vangelo di Luca. Il più importante, naturalmente, è l incontro con il divino, ma ce ne sono altri: fra tutti, il sole che tramonta, il sonno di Giacobbe che è in parallelo con gli occhi dei discepoli che si oscurano, e la consapevolezza della presenza divina dopo l iniziale incredulità. Queste similitudini suggeriscono che la storia di Luca è confezionata per rispecchiare la narrativa del Genesi che così funge da chiave ermeneutica per l interpretazione del significato teologico del racconto evangelico. 3 La ragione del viaggio dei discepoli diviene allora chiara: come Giacobbe scappava via da suo fratello dopo averlo ingannato, così i discepoli sembrano scappare dopo il tradimento consumato ai danni di Gesù da alcuni membri del gruppo. Devono scappare dalla sfera della legge giudaica, rappresentata da Gerusalemme, poiché il Messia è stato tradito dal suo stesso popolo. Le similitudini tra l incontro di Giacobbe con Dio e l incontro dei discepoli con Gesù risorto non solo sono situate nella sezione centrale ma si ripropongono in altre sezioni del capitolo. Nel presente studio guarderemo più strettamente l organizzazione narrativa di Luca 24. L impiego delle Scritture per descrivere un evento in termini di un modello antico è una procedura del tutto differente rispetto al ricorso all Antico Testamento quale prova di autenticità, ciò che infatti è stato palesato dalla lunga discussione sorta intorno al background giudaico del Cristianesimo nelle generazioni più tarde. Esso è in linea con il precetto giudaico secondo cui tutta la storia di Israele è inserita nella Torah, e tutto ciò che accade ad Israele è una ri-attualizzazione del paradigma originario. Attraverso l inclusione delle parole-chiavi e di altri sottili meccanismi tipici dei metodi di esegesi giudaica, il testo del Codice di Beza nel 1 J. Read-Heimerdinger, "Where is Emmaus? Clues in the Text of Luke 24 in Codex Bezae", in Essays in New Testament Textual Criticism (ed. D.C. Parker and D.G.K. Taylor; TextsS n.s. 3/1; Birmingham: University of Birmingham Press, 1999) Il v. 19 di Gn 28 specifica che Bethel era prima conosciuta come Luz', in ebraico ( ) [ulam luz]. I LXX, invece di tradurre la frase, trascrivono curiosamente la frase come se fosse tutta intera per esprimere il nome del luogo, οὐλαμμαοῦς [oulamlouz] (μλ diventa μμ e la ζ spesso diventa ς in alcuni manoscritti dei LXX, in linea con le comuni trasformazioni della fonetica). È questa trascrizione di Gen 28,19 che il Codice di Beza utilizza per designare la destinazione del viaggio dei discepoli in Luca I paralleli sono stati esaminati in dettaglio nell articolo precedente nel quale si è visto che, secondo il testo del Codice di Beza, Luca introduce elementi della storia di Giacobbe nel racconto del tradimento di Gesù descritto nel capitolo 22, dove il bacio di Giuda è riportato con le stesse parole impiegate dai LXX per descrivere il bacio del tradimento di Giacobbe in Gen 27,27 // Luc 22,47D05.

2 2 capitolo finale del Vangelo di Luca è più vicino alla interpretazione giudaica delle Scritture rispetto al testo che viene usualmente letto; una scoperta che è in linea con alcuni studi del Codice di Beza già sviluppati relativamente al Libro degli Atti. 4 Se questo è vero, il punto di vista tradizionale secondo cui il Codice di Beza trasmetterebbe un testo secondario prodotto da una generazione tarda anti-giudaica di Cristiani Gentili deve essere rivisto. 5 Presentando una prospettiva di Gesù e dei discepoli radicata nella visione giudaica di Israele, sembra giusto considerare questo testo alla stregua di un testo precedente piuttosto che successivo. La nostra tesi è che esso possa essere stato alterato poiché le generazioni più tarde dei lettori non comprendevano le difficoltà rappresentate dalla lettura giudaica delle Scritture nonché le sottigliezze del metodo esegetico utilizzato. In alternativa, le alterazioni possono essere state dei tentativi per sopprimere deliberatamente ciò che la chiesa cristiana percepiva come eccessivamente legato alle radici giudaiche del cristianesimo primitivo. Persino Westcott e Hort hanno infine accettato il fatto che il testo Occidentale della finale del Vangelo di Luca sia più autentico di quello Alessandrino, poiché esso non legge parte del materiale incluso nei principali codici Alessandrini, ritenuto pertanto nel novero di inserimenti postumi. Questo è il materiale che essi hanno definito interpolazioni non-occidentali. Si suppone quindi che non solo le omissioni, ma il testo stesso, così come trasmesso dai manoscritti che rappresentano il Testo Occidentale deve considerarsi autentico? I. Il testo di Luca 24,12-35 nel Codice di Beza (D05) e nel Codice Vaticano (B03) Il nostro obiettivo è studiare in dettaglio le varianti di lettura dei due testi. Vedremo come la sezione centrale di Luca 24 (vv ) sia in stretta relazione con la prima e l ultima sezione, ed estenderemo l analisi delle differenze sottostanti inserendole nella comprensione del diverso obiettivo esistente fra i due testi. Solo se il testo del Codice di Beza è letto come un testo continuo, e non come un insieme di varianti tra loro disgiunte, diviene chiaro come esso sia dotato di una interna coerenza. Per facilitare la lettura di Luca 24,12-35 presentiamo nelle pagine seguenti il testo greco del Codice di Beza (D05), cioè il testo greco principalmente rappresentativo del Testo Occidentale, e, di fronte ad esso, quello del Codice 4 Vedi, ad esempio, Heimerdinger, 'The Seven Steps of Codex Bezae, A Prophetic Interpretation of Acts 12,' Codex Bezae. Studies from the Lunel Colloquium June 1994 (ed. D.C. Parker and C.-B. Amphoux; NTTS 22; Leiden: Brill, 1996) ; 'Barnabas in Acts: A Study of his Role in the Text of Codex Bezae,' JSNT 72 (1998) L angolo di visuale sotto cui è generalmente considerato il Codice di Beza deriva in parte dalla presentazione del MS ad opera di E. J. Epp. Egli sostiene nel The Theological Tendency of Codex Bezae Cantabrigiensis (Cambridge: CUP, 1966) che il testo degli Atti rivela una tendenza anti-giudaica, ma discute solo un piccolo numero di varianti del Codice di Beza mentre trascura parecchie evidenze che dimostrano come la prospettiva profonda del testo di Beza sia soprattutto giudaica. In altre parole, la tendenza del testo potrebbe ben essere critica nei confronti del giudaismo che non accettava Gesù come Messia, ma questo non è un lavoro che revisori Gentili abbiano potuto fare. Coloro che hanno le carte in regola per sfidare il pensiero religioso sono quelli che ne hanno fatto esperienza di prima mano, come dimostrano gli scritti dei profeti biblici.

3 3 Vaticano (B03), in rappresentanza del Testo Alessandrino. Le differenze esistenti tra il B03 e il testo dell altro principale manoscritto della tradizione Alessandrina, il Codice Sinaitico (S01), saranno evidenziate nel corso dell analisi. I testi sono proposti rispettando la loro struttura letteraria dato che nel Vangelo di Luca, contrariamente agli Atti, il Codice di Beza non organizza il testo in frasi di senso compiuto. Le varianti sono identificate e classificate nelle seguenti categorie: il materiale presente solo in uno dei due testi è sottolineato; quello che appare nei due testi, ma con lessico e forma grammaticale differente viene sottolineato con i puntini; ed infine, laddove il testo presenta vocaboli disposti in un ordine diverso, viene usata la parentesi quadra [ ] intorno ai vocaboli in questione. Le differenze ortografiche che rappresentano cambiamenti linguistici storici non vengono indicate. TESTI A CONFRONTO (D05 -B03), scrittura letterale in parallelo LUCA 24,12-35 Codex Bezae D05 12 ( ) 13 Ἦζαν δὲ δύο ποπεςόμενοι ἐξ αὐηῶν ἐν αὐηῇ ηῇ ἡμέπᾳ εἰο θώκελ ἀπέρνπζαλ ζηαδίνπο ἑμήθνληα ἀπὸ Ιεξνπζαιήκ, ὀνόμαηι Οὐλαμμαοῦς. 14 ὡκίινπλ δὲ πξὸο ἑασηοὺς πεξὶ πάλησλ <ηῶλ> ζπκβεβεθόησλ ηνύησλ. 15 Καὶ ἐγέλεην ἐλ ηῷ ὁκηιεῖλ αὐηνὺο θαὶ ζπδεηεῖλ θαὶ ὁ Ιεζνῦο ἐγγίζαο ζπλεπνξεύεην αὐηνῖο. 16 (νἱ δὲ ὀθζαικνὶ αὐηῶλ ἐθξαηνῦλην ηνῦ κὴ ἐπηγλῶλαη αὐηόλ.) 17 ὁ δὲ εἶπελ Τίλεο νἱ ιόγνη νὗηνη νὓο ἀληηβάιιεηε πξὸο ἑασηοὺς πεξηπαηνῦληεο ζθπζξσπνί; 18 ἀπνθξηζεὶο δὲ εἷο ᾧ ὀνομα Κιενπᾶο εἶπελ πξὸο αὐηόλ Σὺ κόλνο παξνηθεῖο Ιεξνπζαιήκ, νὐθ ἔγλσο ηὰ γελόκελα ἐλ αὐηῇ ἐλ ηαῖο ἡκέξαηο ηαύηαηο; 19 ὁ δὲ εἶπελ αὐηῷ Πνῖα; Τὰ πεξὶ Ιεζνῦ ηνῦ Ναζωραίοσ, ὃο ἐγέλεην ἀλὴξ πξνθήηεο δπλαηὸο ἐλ λόγῳ καὶ ἔπγῳ ἐνώπιον ηνῦ ζενῦ θαὶ παληὸο ηνῦ ιανῦ, 20 ὡς τοῦτον παπέδωκαν νἱ ἀξρηεξεῖο θαὶ νἱ ἄξρνληεο ἡκῶλ εἰο θξίκα LUCA 24,12-35 Codex Vaticanus B03 12 Ο δὲ Πέηξνο ἀλαζηὰο ἔδξακελ ἐπὶ ηὸ κλεκεῖνλ θαὶ παξαθύςαο βιέπεη ηὰ ὀζόληα κόλα, θαὶ ἀπῆιζελ πξὸο αὐηὸλ ζαπκάδσλ ηὸ γεγνλόο. 13 Καὶ ἰδνὺ δύο ἐξ αὐηῶν ἐν αὐηῇ ηῇ ἡμέπᾳ ἦζαν ποπεςόμενοι εἰο θώκελ ἀπέρνπζαλ ζηαδίνπο ἑμήθνληα ἀπὸ Ιεξνπζαιήκ, ᾗ ὄνομα Εμμαοῦς, 14 καὶ αὐηνὶ ὡκίινπλ πξὸο ἀλλήλοσς πεξὶ πάλησλ ηῶλ ζπκβεβεθόησλ ηνύησλ. 15 Καὶ ἐγέλεην ἐλ ηῷ ὁκηιεῖλ αὐηνὺο θαὶ ζπδεηεῖλ αὐηνὺο Ιεζνῦο ἐγγίζαο ζπλεπνξεύεην αὐηνῖο. 16 (νἱ δὲ ὀθζαικνὶ αὐηῶλ ἐθξαηνῦλην ηνῦ κὴ ἐπηγλῶλαη αὐηόλ.) 17 εἶπελ δὲ πξὸο αὐηνύο Τίλεο νἱ ιόγνη νὗηνη νὓο ἀληηβάιιεηε πξὸο ἀλλήλοσς πεξηπαηνῦληεο; θαὶ ἐζηάζεζαλ ζθπζξσπνί. 18 ἀπνθξηζεὶο δὲ εἷο ὀνόμαηι Κιενπᾶο εἶπελ πξὸο αὐηόλ Σὺ κόλνο παξνηθεῖο Ιεξνπζαιὴκ θαὶ νὐθ ἔγλσο ηὰ γελόκελα ἐλ αὐηῇ ἐλ ηαῖο ἡκέξαηο ηαύηαηο; 19 καὶ εἶπελ αὐηοῖς Πνῖα; νἱ δὲ εἶπαλ αὐηῷ Τὰ πεξὶ Ιεζνῦ ηνῦ Ναζαρηνοῦ, ὃο ἐγέλεην ἀλὴξ πξνθήηεο δπλαηὸο ἐλ ἔπγῳ καὶ λόγῳ ἐνανηίον ηνῦ ζενῦ θαὶ παληὸο ηνῦ ιανῦ, 20 ὅπως ηε παπέδωκαν αὐτὸν νἱ ἀξρηεξεῖο θαὶ νἱ

4 4 ζαλάηνπ θαὶ ἐζηαύξσζαλ αὐηόλ. 21 ἡκεῖο δὲ ἠιπίδνκελ ὅηη αὐηὸο ἦν ὁ κέιισλ ιπηξνῦζζαη ηὸλ Ιζξαήι ἀιιά γε θαὶ ζὺλ πᾶζηλ ηνύηνηο ηξίηελ ἡμέπαν σήμερ<ο>ν ἄγεη ἀθ νὗ ηαῦηα γέγονεν. 22 ἀιιὰ θαὶ γπλαῖθέο ηηλεο ἐμέζηεζαλ ἡκᾶο γελόκελαη ὀξζξηλαὶ ἐπὶ ηὸ κλεκεῖνλ 23 θαὶ κὴ εὑξνῦζαη ηὸ ζῶκα αὐηνῦ ἦλθον ιέγνπζαη ὀπηαζίαλ ἀγγέισλ ἑσξαθέλαη, νἳ ιέγνπζηλ αὐηὸλ δῆλ. 24 θαὶ ἀπῆιζόλ ηηλεο ἐθ ηῶλ ζὺλ ἡκῖλ ἐπὶ ηὸ κλεκεῖνλ, θαὶ εὗξνλ νὕησο ὡς εἶπον αἱ γςναῖκερ, αὐηὸλ δὲ νὐθ εἴδομεν. 25 ὁ δὲ εἶπελ πξὸο αὐηνύο Ὦ ἀλόεηνη θαὶ βξαδεῖο ηῇ θαξδίᾳ ἐπὶ πᾶζηλ νἷο ἐιάιεζαλ νἱ πξνθῆηαη 26 ὅηι ηαῦηα ἔδεη παζεῖλ ηὸλ Χξηζηὸλ θαὶ εἰζειζεῖλ εἰο ηὴλ δόμαλ αὐηνῦ. 27 θαὶ ἦλ ἀξμάκελνο ἀπὸ Μωζέως θαὶ πάλησλ ηῶλ πξνθεηῶλ ἑρμηνεύειν αὐηνῖο ἐλ ηαῖο γξαθαῖο ηὰ πεξὶ αὐηοῦ. 28 θαὶ ἤγγιζαν εἰο ηὴλ θώκελ νὗ ἐπνξεύνλην, θαὶ αὐηὸο πξνζεπνηήζαην πορρωηέρω πνξεύεζζαη. 29 θαὶ παξ<ε>βηάζαλην αὐηὸλ ιέγνληεο Μεῖλνλ κεζ ἡκῶλ, ὅηη πξὸο ἑζπέξαλ θέθιηθελ ἡ ἡκέξα. θαὶ εἰζῆιζελ κεῖλαη μεη αὐηῶν. 30 Καὶ ἐγέλεην ἐλ ηῷ θαηαθιηζῆλαη αὐηὸλ ιαβὼλ ἄξηνλ ηὐλόγηζεν θαὶ προζεδίδοσ αὐηνῖο 31 ιαβόλησλ δὲ αὐηῶλ ηὸλ ἄξηνλ ἀπ αὐηνῦ ἠνοί<τθ>ηζαν νἱ ὀθζαικνὶ αὐηῶλ θαὶ ἐπέγλσζαλ αὐηόλ θαὶ αὐηὸο ἄθαληνο ἐγέλεην ἀπ αὐηῶλ. 32 νἱ δὲ εἶπον πξὸο ἑασηούς Οὐρὶ ἡ θαξδία ἦν ἡμῶν κεκαλυμμένη ὡο ἐιάιεη ἡκῖλ ἐλ ηῇ ὁδῷ, ὡο ἤνοιγεν ἡκῖλ ηὰο γξαθάο; ἄξρνληεο ἡκῶλ εἰο θξίκα ζαλάηνπ θαὶ 21 ἐζηαύξσζαλ αὐηόλ. ἡκεῖο δὲ ἠιπίδ<ν>κελ ὅηη αὐηόο ἐζηιν ὁ κέιισλ ιπηξνῦζζαη ηὸλ Ιζξαήι ἀιιά γε θαὶ ζὺλ πᾶζηλ ηνύηνηο ηξίηελ ταύτην ἡμέπαν ἄγεη 22 ἀθ νὗ ηαῦηα ἐγένεηο. ἀιιὰ θαὶ γπλαῖθέο ηηλεο ἐμ ἡκῶλ ἐμέζηεζαλ ἡκᾶο γελ<ό>κελαη ὀξζξηλαὶ ἐπὶ ηὸ κλεκεῖνλ 23 θαὶ κὴ εὑξνῦζαη ηὸ ζῶκα αὐηνῦ ἦλθαν ιέγνπζαη θαὶ ὀπηαζίαλ ἀγγέισλ ἑσξαθέλαη, νἳ ιέγνπζηλ αὐηὸλ δῆλ. 24 θαὶ ἀπῆιζόλ ηηλεο ηῶλ ζὺλ ἡκῖλ ἐπὶ ηὸ κλεκεῖνλ, θαὶ εὗξνλ νὕησο καθὼς αἱ γςναῖκερ εἶπον, αὐηὸλ δὲ νὐθ εἶδον. 25 καὶ αὐηὸς εἶπελ πξὸο αὐηνύο Ὦ ἀλόεηνη θαὶ βξαδεῖο ηῇ θαξδίᾳ ηνῦ πηζηεύεηλ ἐπὶ πᾶζηλ νἷο ἐιάιεζαλ νἱ πξνθῆηαη 26 οὐτὶ ηαῦηα ἔδεη παζεῖλ ηὸλ Χξηζηὸλ θαὶ εἰζειζεῖλ εἰο ηὴλ δόμαλ αὐηνῦ; 27 θαὶ ἀξμάκελνο ἀπὸ Μωϋζέως θαὶ ἀπὸ πάλησλ ηῶλ πξνθεηῶλ διερμήνεσζεν αὐηνῖο ἐλ πάζαηο ηαῖο γξαθαῖο ηὰ πεξὶ ἑασηοῦ. 28 θαὶ ἤγγικαν εἰο ηὴλ θώκελ νὗ ἐπνξεύνλην, θαὶ αὐηὸο πξνζεπνηήζαην πορρώηερον πνξεύεζζαη. 29 θαὶ παξεβηάζαλην αὐηὸλ ιέγνληεο Μεῖλνλ κεζ ἡκῶλ, ὅηη πξὸο ἑζπέξαλ ἐζηὶλ θαὶ θέθιηθελ ἤδε ἡ ἡκέξα. θαὶ εἰζῆιζελ ηνῦ κεῖλαη ζὺν αὐηοῖς. 30 Καὶ ἐγέλεην ἐλ ηῷ θαηαθιηζῆλαη αὐηὸλ κεη αὐηῶλ ιαβὼλ ηὸλ ἄξηνλ εὐλόγηζεν θαὶ θιάζαο ἐπεδίδοσ αὐηνῖο 31 αὐηῶλ δὲ διηνοίτθηζαν νἱ ὀθζαικνὶ θαὶ ἐπέγλσζαλ αὐηόλ θαὶ αὐηὸο ἄθαληνο ἐγέλεην ἀπ αὐηῶλ. 32 καὶ εἶπαν πξὸο ἀλλήλοσς Οὐρὶ ἡ θαξδία ἡμῶν καιομένη ἦν ὡο ἐιάιεη ἡκῖλ ἐλ ηῇ ὁδῷ, ὡο διήνοιγεν ἡκῖλ ηὰο γξαθάο;

5 5 33 θαὶ ἀλαζηάληεο ιππνύκελνη αὐηῇ ηῇ ὥξᾳ ὑπέζηξεςαλ εἰο Ιεξνπζαιήκ, θαὶ εὗξνλ ἠζξνηζκέλνπο ηνὺο ἕλδεθα θαὶ ηνὺο ζὺλ αὐηνῖο 34 λέγονηες ὅηη ὄλησο ἠγέξζε ὁ θύξηνο θαὶ ὤθζε Σίκσλη. 35 θαὶ αὐηνὶ ἐμεγνῦλην ηὰ ἐλ ηῇ ὁδῷ θαὶ ὅηι ἐγλώζζε αὐηνῖο ἐλ ηῇ θιάζεη ηνῦ ἄξηνπ. 33 θαὶ ἀλαζηάληεο αὐηῇ ηῇ ὥξᾳ ὑπέζηξεςαλ εἰο Ιεξνπζαιήκ, θαὶ εὗξνλ ἠζξνηζκέλνπο ηνὺο ἕλδεθα θαὶ ηνὺο ζὺλ αὐηνῖο, 34 λέγονηας ὅηη ὄλησο ἠγέξζε ὁ θύξηνο θαὶ ὤθζε Σίκσλη. 35 θαὶ αὐηνὶ ἐμεγνῦλην ηὰ ἐλ ηῇ ὁδῷ θαὶ ὡς ἐγλώζζε αὐηνῖο ἐλ ηῇ θιάζεη ηνῦ ἄξηνπ. II. L obiettivo di Luca 24 Il capitolo finale del Vangelo di Luca riporta tre episodi nei quali Gesù risorto appare a gruppi differenti di discepoli, una serie di apparizioni che culminano con la sua dipartita finale alla fine del libro. Questi episodi sono spesso analizzati come pericopi distinte a causa delle differenze in ordine di tempo, di luogo e di personaggi, ma, come già evidenziato in precedenza, 6 nella versione di Beza essi rappresentano tre stadi di una rivelazione progressiva in cui Gesù si fa riconoscere ad un gruppo sempre più vasto di discepoli e con una sempre maggiore completezza. I tre episodi sono uniti da legami sottintesi di tempo e di spazio. Considerando in primo luogo il fattore del tempo, si dovrebbe notare che le apparizioni post-resurrezione nel Vangelo di Luca sembrano aver luogo nell arco di un solo giorno, mentre nel capitolo corrispondente degli Atti esse sono ripartite nell arco di quaranta giorni. Entrambi gli archi temporali sono figurativi, un modo questo per esprimere verità profonde sulla resurrezione del Messia. Dal punto di vista storico razionale e letterale ciò naturalmente marca una contraddizione, ma Luca non è interessato semplicemente alla storia come insieme di fatti verificabili che coinvolgano un umana attività. La sua preoccupazione, dimostrata nel corso dei due volumi del suo lavoro, è quella di comunicare il messaggio teologico che scaturisce dagli avvenimenti descritti. E questo lo fa ampiamente attraverso mezzi impliciti piuttosto che con spiegazioni logiche, cioè secondo quelle convenzioni che sarebbero familiari ai lettori. La storia nel contesto del giudaismo del primo secolo (il contesto di Gesù e dei primi cristiani) non è rappresentata dalla cronologia degli eventi che hanno luogo in luoghi specifici, ma è il dispiegarsi del piano di Dio per Israele, in rispetto cioè del suo popolo. 7 Gli avvenimenti del mondo umano servono da conferma della Scrittura, essi sono la manifestazione di una verità divina rivelata. Il tempo, e lo spazio, hanno un altra dimensione rispetto a quella terrena, la dimensione spirituale. In Luca 24 un singolo giorno sembra contenere le apparizioni post-resurrezione in una rivelazione progressiva (e corrispondente comprensione) della conformità di Gesù alle profezie Messianiche delle Scritture. Questa è l impressione che si ricava dal testo del D05 che vedremo quando esamineremo le varianti di lettura ivi contenute. I luoghi a cui si fa riferimento in Luca 24 allo stesso modo corroborano il messaggio teologico della narrazione. Nonostante gli spostamenti descritti, l intera 6 C.- B. Amphoux, 'Le chapitre 24 de Luc et l'origine de la tradition textuelle du Codex de Bèze (D.05 du NT)', Fil Neo 4 (1991) Vedi R. G. Hall, Revealed Histories. Techniques for Ancient Jewish and Christian Historiography (Sheffield: Sheffield Academic Press, 1991)

6 6 giornata è concentrata su Gerusalemme, la capitale religiosa di Israele, nel cui tempio Dio aveva preso dimora. L importanza del nome Oulammaous sta nel fatto che esso ha un significato teologico per Luca, come cioè luogo di fuga e successivamente come luogo di incontro tra il divino e l umano. Tra gli evangelisti, Luca è quello che fa il più largo uso della tecnica di utilizzo di nomi per trasmettere il suo messaggio, ma facendo così egli ricorre ad una vasta gamma di strumenti della tradizione. 8 Vedremo che la tendenza del Testo Alessandrino è di eliminare, o per lo meno ridurre, il messaggio teologico rimuovendo molti dettagli presenti nel testo di Beza. In comparazione con la versione di Beza, il Testo Alessandrino appiattisce la narrazione così da fornire un resoconto lineare, quello che leggiamo oggi e come sembra che fosse già poco dopo la redazione degli Atti, eccetto in quei punti dove una forma alternativa del testo era conosciuta. Le varianti che dimostrano questa tendenza a storicizzare sono evidenti nel testo di Marcione della metà del secondo secolo e nei papiri e codici Alessandrini del terzo e quarto secolo. III. La comprensione parziale dei discepoli Cominceremo con il constatare come il testo di Beza veicoli l idea che la comprensione dei discepoli quale traspare nell episodio centrale sia incompleta, e che solo nell episodio finale l esatta coscienza della resurrezione avvenga con pienezza. Per mezzo di una serie di letture presenti nel Codice di Beza, alcune di queste con sottile sfumatura, i discepoli appaiono restare tristi e sconcertati nel loro ritorno a Gerusalemme. Nel Testo Alessandrino, invece, i due discepoli comprendono immediatamente ciò che Gesù ha detto loro e l episodio dell incontro con Gesù è della stessa natura degli altri due del capitolo, senza accenno alcuno ad una progressione nella comprensione. 9 In tre punti, il D05 utilizza un verbo semplice per parlare di spiegazione e comprensione della Scrittura, laddove il Testo Alessandrino invece utilizza il perfetto composto (prefisso δηα-): 1) v. 27 TA: 'a cominciare da Mosè e da tutti i Profeti, egli (Gesù) spiegò loro nella loro completezza (δηεξκήλεπζελ) le cose che su di lui si dicevano in tutte le Scritture. Il compito quindi era stato espletato pienamente. D05: 'cominciava con Mosè e con tutti i Profeti a spiegare 8 Sono stati compiuti molto più studi relativi a questi strumenti sulla Bibbia Ebraica che sul Nuovo Testamento. Vedi ad esempio M. Garsiel, 'Puns upon Names as a Literary Device in I Kings 1-2', Biblica 72 (1991) ; ibid, 'Homiletic Name- Derivations as a Literary Device in the Gideon Narrative: Judges VI-VIII', Vetus Testamentum 43 (1993) ; W. W. Hallo, 'Scurrilous Etymologies', Pomegranates and Golden Bells: Studies in Biblical, Jewish and Near Eastern Ritual, Law and Literature in Honor of J. Milgrom (ed. D. N. Freedman e A. Hurvitz; Winona Lake, Indiana: Eisenbrauns, 1995) ; H. Marks, 'Biblical Naming and Poetic Etymology', JBL 114 (1995) È stato evidenziato da B. J. Koet (Five Studies on Interpretation of Scripture in Luke-Acts [SNTA 14; Leuven: Leuven University Press, 1989] 56-72) che l episodio di Luca 24,13-35 è ricco di interpretazioni della terminologia della tradizione giudaica, il che sta ad indicare che Luca in questo passo si preoccupa soprattutto di interpretazione delle Scritture. Nel D05, la terminologia annotata da Koet è più precisamente adattata alle specifiche circostanze dell episodio.

7 7 loro (ἑξκελύεηλ) le cose che lo riguardavano nelle Scritture. Il compito è cominciato ma non completato. 2) v. 31 TA: i loro occhi erano completamente aperti (δηελνίρζεζαλ); l attenzione viene trasferita da Gesù ai discepoli, tramite l uso della congiunzione (δέ) e la posizione in evidenza del possessivo (αὐηῶλ). 10 D05: i loro occhi erano aperti (ἠλνίγεζαλ). Lo spostamento dell attenzione ai discepoli è già stato effettuato nella frase col genitivo assoluto che precede questo commento in D05, 'quando presero il pane da lui ; il fuoco della proposizione sta nel legame esistente fra il prendere il pane e l apertura dei loro occhi, laddove i loro occhi fa da soggetto al verbo principale che segue il genitivo assoluto. 11 3) v. 32 TA: egli ci rivelò completamente le Scritture (δηήλνηγελ) D05: egli ci rivelò le Scritture (ἤλνηγελ). L immagine della parziale comprensione della Messianicità di Gesù è rafforzata nel testo del D05 da ulteriori dettagli: 4) v. 32 D05: I discepoli riflettono sul fatto che mentre Gesù spiegava loro le Scritture, i loro cuori rimanevano velati (ἦλ... θεθαιπκκέλε, perfetto perifrastico) (Alessandrino erano ardenti ). 12 Il loro commento può essere inteso come reazione al lamento di Gesù del v. 25D: essi sono lenti di cuore (βξαδεῖο ηῇ θαξδίᾳ) nei confronti (ἐπί) dei profeti, il che può significare che erano lenti nel comprendere tanto quanto nell accettare. Il Testo Alessandrino limita la lentezza al credere nei profeti. 5) v. 33 D05: i discepoli sono, di conseguenza, molto angosciati (ιππνύκελνη) sulla via del ritorno a Gerusalemme, dettaglio questo non inserito nel Testo Alessandrino. 13 Essi non hanno ancora compreso che vedranno di nuovo Gesù; se hanno forse afferrato che colui che hanno visto era Gesù risorto, non hanno realizzato la natura intrinseca della resurrezione. 6) v. 37: la loro incompleta comprensione è riflessa nella reazione dell ampio numero di discepoli all apparire di Gesù a Gerusalemme. Essi non si aspettano di vederlo e rimangono preoccupati e perplessi (cf. v. 38). D05: essi sono spaventati (αὐηνὶ δὲ πηνεζέληεο) e pensano che sia un fantasma (θάληαζκα). TA: la paura non è così accentuata (P 75 B: ζξνεζέληεο; S: θνβεζέληεο). Gesù annuncia la sua presenza con un saluto (v. 36c = Gv 20, ) e loro pensano che sia uno spirito (πλεῦκα). I discepoli finalmente comprendono la natura della resurrezione ed il significato delle Scritture attraverso le rivelazioni fatte nel corso dell episodio finale. 10 S. H. Levinsohn, Textual Connections in Acts (SBL Monograph 31; Atlanta: Scholars Press, 1987) 86-9; cf. Discourse Features of New Testament Greek (Dallas: SIL, 1992) Levinsohn, Discourse Features Bisogna considerare se il significato del termine ardente possa derivare dal testo Targum Neofiti di Gen 28,10 dove si dice che Dio ha rimandato l ora del tramonto per parlare in privato con Giacobbe, dato che il Verbo ardeva di parlare con lui. Potrebbe essere questa una indicazione del fatto che anche nel testo non-beza le tradizioni giudaiche della storia di Giacobbe venivano intese essere sullo sfondo del racconto di Luca. 13 Il participio passivo di λυπέω è presente in un altro punto del Nuovo Testamento, nel testo DO5 di Lc 2,48. Quando i genitori trovano Gesù mentre discute con i dottori nel Tempio, il Codice di Beza riporta Maria affermare che sia lei che Giuseppe erano angosciati (λυπούμενοι) mentre lo cercavano.

8 8 1) v. 44 D: Gesù riprende le istruzioni date ai discepoli prima, durante il tragitto, mentre ero con voi' (ἐλ ὧ ἤκελ ζὺλ ὑκῖλ), il che può far riferimento al tempo intercorso dalla sua resurrezione. Nel TA, dall altro lato, si fa riferimento ad un tempo antecedente alla sua morte, 'quando ero ancora con voi' (ἔηη ὣλ ζὺλ ὑκῖλ), facendo così eco a ciò che era stato detto alle due donne davanti al sepolcro vuoto ὅζα/ὡο ἐιάιθζελ ὑκῖλ ἔηη ὢλ ἐλ ηῇ Γαιηιαίᾳ (v. 6). 2) v. 45: egli apre le loro menti (ηὸλ λνῦλ) completamente (δηήλνημελ); prima, li aveva descritti come senza comprensione (ἀλόεηνη), v ) v. 46: egli riprende le considerazioni intrise di tristezza dei discepoli lungo la strada: che Cristo (posto in evidenza in D05 prima del verbo) 14 doveva soffrire, (cf.v. 20), e che il terzo giorno era precisamente il giorno della resurrezione (cf. v 21). IV. Modifiche storicizzanti nel Testo Alessandrino L assenza di sfumature nel Testo Alessandrino sta ad indicare che esso considera l episodio centrale di Luca 24 semplicemente uno fra gli altri, invece che parte di uno sviluppo sequenziale. La tendenza del TA, quella cioè di considerare la storia come una serie di fatti da mettere in connessione, può essere riscontrata in vari altri punti del B03: 1) L assenza di marker di sviluppo linguistico: troviamo θαί al posto di δέ nei vv. 14a; 19a; 25a; 32a (e nei vv. 38a; 42a; 50b dell episodio che segue). È stato riconosciuto dai linguisti già da tempo che la scelta tra θαί e δέ non è affatto una faccenda di preferenza stilistica di uno scriba. 15 L effetto che ne sortisce è quello di produrre una narrazione articolata in modo meno chiaro, in cui conversazioni ed eventi non sono strutturati in una costruzione omogenea. 2) La presenza di θαὶ ἰδνύ conferisce al racconto un tono biblico senza però contribuire al significato teologico: v. 13 (e v. 49). 3) Una certa oggettività da parte del narratore, mentre il narratore di D05 entra più nell ambito della sfera soggettiva dei personaggi della storia: a) rispetto all attività del parlare (ὁκηιέσ, ἀληηβάιισ, ιέγσ): πξὸο ἀιιήινπο,, l un l altro (vv. 14,17,32: cf. Luca 2,15; 4,36; 6,11; 8,25; 20,14) per πξὸο ἑαπηνύο, per ciascuno di loro nel D05 (cf. 20,5; 22,23); b) rispetto all attitudine dei discepoli: θαὶ ἐζηάζεζαλ ζθπζξσπνί (v. 17) per πεξηπαηνῦληεο ζθπζξσπνί nel D05; θαὶ ἀλαζηάληεο (v. 33) per θαὶ ἀλαζηάληεο ιππνύκελνη nel D05. 4) Una attenzione particolare alla persona e alle parole di Gesù rispetto a quelle dei discepoli: θαὶ αὐηὸο Ἰεζνῦο (v. 15) per θαὶ ὁ Ἰεζνῦο nel D05; θαὶ αὐηὸο εἶπελ (v. 25) per ὁ δὲ εἶπελ nel D05. Questa insistenza su Gesù riflette la tendenza del Testo Alessandrino a ritenere che l obiettivo dell episodio sia quello di evidenziare la presenza miracolosa del Gesù risorto e la compiutezza della sua interpretazione delle Scritture. Il testo D05 è più interessato allo stato d animo dei discepoli rispetto alla stessa apparizione di Gesù o alle sue spiegazioni. 5) L inclusione di un certo numero di dettagli narrativi, molti dei quali in parallelo con il Vangelo di Giovanni (v. 12, cf. Gv 20, ; v. 36b, cf. Gv 20, ; v. 40, cf. Gv 20,20; v. 52, cf. Gv 9,38 [?]), e uno col libro degli Atti (v. 51b, cf. At 1,11). 14 Mettere il soggetto prima del verbo è un modo per convogliare l attenzione su di esso, vedi Levinsohn, Discourse Features 18, Levinsohn, Textual Connections , spiega il significato delle particelle καί e δέ, e dimostra che esse sono lungi dall essere caratteristiche meramente stilistiche come si riteneva un tempo.

9 9 V. Implicazioni del parallelo con il sogno di Giacobbe Ora che abbiamo visto come per il testo di Beza la comprensione della resurrezione da parte dei discepoli si realizzi attraverso un progressivo sviluppo di consapevolezza, possiamo tornare ad occuparci più strettamente della storia di Giacobbe che è sottesa al racconto di Luca. I rapporti fra il racconto delle apparizioni di Gesù dopo la resurrezione e il sogno che Giacobbe fa a Bethel di una scala tra cielo e terra non sono paralleli che si appalesano subito, ma costituiscono una trama intricata di elementi interconnessi che cooperano a produrre un quadro globale piuttosto che a fornirne uno lineare. Nei Vangeli, in linea generale, il patriarca Giacobbe è rappresentato per un verso da Gesù, per un altro dai discepoli. La sua rappresentazione attraverso Gesù appare derivare in parte dalla tradizione secondo cui Giacobbe è il prediletto di Dio, col volto, si diceva, inciso sul trono di Dio: secondo alcune esegesi rabbiniche dello specifico passo della Genesi, è questa immagine che gli angeli vedono mentre ascendono sulla scala ed alternano la loro ascesa con movimenti verso il basso per rivolgere lo sguardo a Giacobbe sulla terra. 16 Nel Vangelo di Giovanni è Gesù che applica il sogno di Giacobbe a se stesso (Gv 1,51). Nella Genesi Giacobbe lascia questo luogo di comunicazione tra cielo e terra per mettersi in viaggio, pregando Dio di farlo ritornare in pace alla casa del padre. Così Gesù, quando ascende al cielo, torna al padre. Oltre a queste similitudini tra Giacobbe e Gesù, Giacobbe rappresenta Israele, infatti il suo nome diventa Israele ; come Messia di Israele, anche Gesù rappresenta il popolo di cui è guida. Ancora, proprio come Giacobbe ebbe dodici figli, che sarebbero diventati i fondatori delle dodici tribù di Israele, così Gesù scelse dodici apostoli per governare Israele sotto la sua regalità (Lc 22,30). Allo stesso tempo, il ruolo che Giacobbe riveste nella Genesi è ri-attualizzato dai discepoli. Essi inizialmente si dirigono al luogo dove Dio si era rivelato in sogno a Giacobbe. Sulla via incontrano e parlano con Gesù risorto; essi ascoltano la rivelazione del piano divino nelle Scritture e comprendono chi Gesù sia quando mangiano con lui a Bethel, dove Giacobbe aveva parlato con Dio; saranno poi i testimoni dell ascensione di Gesù (Lc 24,51, non D05; At 1,9-11). Quando ebbe capito che Dio era nel posto in cui lui aveva dormito, Giacobbe aveva eretto una pietra che poi avrebbe rappresentato il fondamento del Tempio, il posto dove abita Dio sulla terra. 17 Gesù, rivelandosi nell atto di spezzare il pane, segnala ai discepoli un cambio nel modo di Dio di abitare sulla terra: egli non dimora più in un edificio di pietra, ma nella comunanza tra fratelli. Nel disegnare lo sviluppo della Chiesa, così come verrà delineato negli Atti, Luca dimostrerà che nel piano di Dio per il suo popolo ci sono ulteriori fratture rispetto al sistema di relazioni e credenze stabilito in antico fra i giudei e ritenuto fin 16 Numbers Rabbah 4,1, nel commento a Is 43,1-4; cf. J.L. Kugel, In Potiphar's House, The Interpretative Life of Biblical Texts (Cambridge, Massachussetts/London: Harvard University Press, 1994) 113-9; J. Massonnet, 'Targum, Midrash et Nouveau Testament', Les Premières Traditions de la Bible (Histoire du Texte Biblique 2; Lausanne: Editions du Zèbre, 1996) , esp. pp La tradizione giudaica lo presenta come il luogo dove Giacobbe fece il sogno sul Monte Moriah, dove Abramo era stato mandato da Dio per sacrificare Isacco. Il Monte Moriah fu anche assimilato alla localizzazione del Tempio a Gerusalemme (Ginzberg, Legends of the Jews, vol. V (Philadelphia: The Jewish Publication Society of America, 1937) 289, n. 130).

10 10 ad allora immutabile. È importante riconoscere, tuttavia, che almeno nel testo di Beza, questi cambiamenti sono presentati da una posizione interna al giudaismo, da un punto di vista interno. Non vengono presentati dal punto di vista di cristiani che reclamino la loro superiorità sui giudei, che esprimano ostilità verso di loro da una posizione esterna al giudaismo. 18 La stretta familiarità con il modo di pensare giudaico dimostrata dal numero di allusioni alla cultura e alle tradizioni religiose giudaiche presenti nel Codice di Beza, non è un artificio utilizzato da un autore Gentile ma è piuttosto l espressione naturale e spontanea di un giudeo credente in Gesù che scrive del, e, per il suo stesso popolo. Il suo atteggiamento rassomiglia molto più a quello dei Profeti giudei che a quello dei Padri cristiani del secondo secolo. VI. Sessanta stadi di distanza da Gerusalemme Abbiamo visto che rispetto alla versione del Codice di Beza, il TA presenta un racconto con meno sfumature circa l incontro tra i discepoli e Gesù. Il suo interesse è incentrato più sul fatto in sé delle apparizioni post-resurrezione che sulla analisi della mentalità dei discepoli, e l incontro è legato a un fatto dichiaratamente storico. La discordanza fra gli obiettivi dell uno e l altro testo diventa ancor più evidente quando ciascuno dei due nomi utilizzati per indicare il villaggio di destinazione del viaggio dei discepoli è considerato in associazione alla loro distanza da Gerusalemme. È difficile conoscere con certezza al giorno d oggi quale misura di distanza corrisponda a quella menzionata da Luca. 19 Essenzialmente due distanze potevano essergli note, una corrispondente a circa 185 metri (un ottavo di miglio romano), e l altra a circa 150 metri (un decimo di miglio romano). Secondo misurazioni più antiche (comunemente accettate dai commentari relativi a questo passo del Vangelo di Luca), i discepoli si dirigevano verso un villaggio distante 11 km da Gerusalemme; e secondo quelle successive il villaggio distava 9 km. Le difficoltà nel collocare Emmaus sono ben note poiché non esiste tale posto distante 9-11 km da Gerusalemme. 20 Nel XII secolo, il posto chiamato 'Elqubeibeh', circa 11 km a nord-ovest da Gerusalemme, è stato riconosciuto con il nome di Emmaus, ma non esistono riferimenti a questo posto anteriori al XII secolo. Altri suggerimenti riguardo alla localizzazione del villaggio sono stati poi fatti successivamente. Un posto chiamato 'Ammaous', a cui fa riferimento Giuseppe (Guerra Giudaica 7.217), conosciuto anche come 'Colonia', si trova a circa 5,5 km ad 18 L interpretazione di Epp (The Theological Tendency) di un esasperato criticismo verso i giudei nel Codice di Beza, come opera di cristiani che desideravano dimostrare che la loro religione era superiore al giudaismo, è solo parte della verità. Non tiene conto del punto di vista dei giudei espresso globalmente nel testo di Beza. 19 La lunghezza dello stadio in antico variava secondo il luogo geografico, l autorità politica ed il tempo. (Poi varierà a seconda dei testi di riferimento consultati!). Alla voce stadium sul Webster's New International Dictionary (London: Bell, 1927) troviamo: misura equivalente a 185 m per lo stadio attico e romano, a 192,3 m per lo stadio olimpico e a 147,9 m per l asiatico. Secondo il Dictionnaire Larousse du XIXe siècle (1875) 1044, venivano usate differenti misure al tempo dei Greci e dei Romani e in altre parti dell Impero; la distanza di 147,2 m è quella dello stadio in Grecia sotto l Impero Romano. 20 Per ulteriori dettagli e riferimenti, vedi I. H. Marshall, The Gospel of Luke, (NIGTC; Exeter: Paternoster, 1978)

11 11 ovest di Gerusalemme, e potrebbe adattarsi alla distanza di 11 km se Luca ha implicitamente inteso un tragitto di andata e ritorno. Infine, si è pensato che Emmaus corrispondesse al villaggio di 'Amwas, 32 km a ovest di Gerusalemme. Questo sembra essere il luogo a cui si fa riferimento in 1 Maccabei 3,40-57, 4,3 come il luogo della disfatta di Giuda il Maccabeo a Gorgias nel 166 a.c. La distanza non corrisponde a 11 km ma potrebbe corrispondere alla distanza di 160 stadi (circa 30 km, considerando la misura più lunga dello stadio) quale appare in una variante nel Codice Sinaitico. Il testo S01 suggerisce che il nome 'Emmaus' poteva essere riferito al luogo già conosciuto dal racconto delle guerre dei Maccabei e che la distanza più breve (60 stadi) possa essere stata modificata dal S01 stesso, o addirittura prima, per poter far corrispondere quel luogo alla reale distanza di Emmaus (come 'Amwas) da Gerusalemme. Emmaus, in altre parole, era ritenuto il luogo ideale per un incontro inteso in senso letterale. Ora Bethel, che abbiamo visto essere indicata col nome 'Oulammaous', è conosciuta in diversi commenti contenuti nell Onomasticon di Eusebio come un luogo situato presso la dodicesima pietra miliare sulla strada che va da Gerusalemme a Neapolis: quindi Bethel era a circa 12 miglia romane da Gerusalemme. Considerando la misura più breve fra le due sopra menzionate (1 stadio = 150 metri), la distanza collima con i chilometri della distanza a cui il luogo supposto come Bethel si trova oggi rispetto a Gerusalemme (12 x 10 x 150m). 21 Di conseguenza, in termini di stadi, la distanza di Eusebio equivaleva a 120 stadi (12 miglia romane x 10). Chiaramente, questi calcoli non collimano con i 60 stadi citati da Luca; infatti, indicano un luogo situato esattamente ad una distanza doppia da Gerusalemme rispetto a quella stabilita da Luca. La discrepanza è sconcertante poiché è chiaro che Luca ritiene il fattore distanza molto importante visto che lo menziona prima dello stesso nome del villaggio. Sembra indicare che il numero degli stadi sia più simbolico che letterale, possibilità che tende ad essere confermata dal nome Oulammaous, a significare il luogo di una realtà spirituale. Nel precedente articolo (Dov è Emmaus?, 241-2) si suggeriva che il significato della distanza deve essere derivato dal parallelo che Luca inserisce nel racconto della resurrezione nel secondo volume del suo lavoro, dove è fatta menzione della distanza che è consentito percorrere durante il sabato (At 1,1-2). Questo è il viaggio che gli apostoli compiono dopo l ascensione di Gesù quando ritornano a Gerusalemme ed alle autorità del Tempio. Il numero 60 indica una distanza dieci volte superiore a quella prevista dalla regola del Sabato, e il multiplo di 10 può essere interpretato come intensificazione della distanza fino ad un punto estremo di contrasto. L associazione di questa distanza simbolica in Luca 24 con il nome metaforico 'Oulammaous' è fortemente evocativa. Essa rinforza l immagine dei due discepoli che, come Giacobbe, scappano verso una città ove rifugiarsi dopo il tradimento del Messia ad opera di alcuni membri del loro gruppo: scappano dal rigido sistema di regole, pene e castighi, vigente sotto la legge giudaica. 21 Le questioni sulla distanza di Bethel da Gerusalemme e sulla sua collocazione attuale sono discusse da J. Bimson e D. Livingston, in 'Redating the Exodus', Biblical Archeological Review 13/5 (1987) 40-68, esp. pp ; cf. la corrispondenza sulla distanza tra A.F. Rainey e Livingston in BAR 14/5 (1988) 67-8; 15/1 (1989) 11. La distanza tra Bethel e Gerusalemme, citata nel precedente articolo come 90 stadi ( Dove è Emmaus?, 241), è stata rivista alla luce della discussione di BAR.

12 12 VII. L identità di Clèopa Avendo già considerato la natura simbolica e metaforica del racconto di Luca, possiamo guardare più da vicino i due discepoli che incontrano Gesù durante il viaggio. Ci sono indicazioni che Luca voglia che il suo uditorio possa riconoscere l identità di almeno uno di loro. Accanto alla variante del nome del villaggio nel v. 13 un altra variante, in D05, legge ὀλόκαηη laddove nel TA troviamo ᾗ ὄλνκα. Se andiamo avanti, al v. 18, scorgiamo la stessa coppia di varianti di lettura, quella relativa al nome Clèopa, uno dei due discepoli, ma questa volta è il D05 che legge ᾧ ὄλνκα, mentre l Alessandrino legge ὀλόκαηη: Codice di Beza v. 13 εἰς κώμην... ὀνόματι οὐλαμμαούς v. 18 ἀποκριθεὶς... εἷς ᾧ ὄνομα κλεοπᾶς Testo Alessandrino εἰς κώμην... ᾗ ὄνομα ἐμμαοῦς ἀποκριθεὶς... εἷς ὀνόματι κλεοπᾶς L interesse di Luca nei nomi come veicolo atto a convogliare il suo messaggio è dimostrato dalla applicazione che egli attua di uno strumento tipico della tecnica narrativa: usa cioè due espressioni sinonime alle quali attribuisce significati o connotazioni contrastanti selezionando l una o l altra in contesti differenti. 22 Nel suo Vangelo e negli Atti, l espressione più comune per introdurre il nome di un luogo o di una persona è ὀλόκαηη: Vangelo di Luca(oltre alle varianti in 24,13-18) ὀλόκαηη x 6 (no vll ) ᾧ ὄλνκα x 4 (di cui tre nei racconti dell infanzia) Atti ὀλόκαηη x 20 ᾧ ὄλνκα x 1 (13:6, non D) Non ci sono varianti di lettura al di fuori del cap. 24. L occorrenza di ᾧ ὄλνκα, presente unicamente nel verso 13,6 di tutti i manoscritti greci degli Atti, tranne che di D05, può aiutare a comprenderne il significato sotteso. Qui si dice che Paolo e Barnaba incontrano un mago, un falso profeta giudeo dal nome di Bar-Jesus: ἄλδξα ηηλὰ κάγνλ ςεπδνπξνθήηελ Ἰνπδαῖνλ ᾧ ὄλνκα Βαξηεζνῦ. Nel v. 8 si specifica che il suo nome significa 'Elymas'. La presentazione di questo personaggio nel racconto avviene con parole diverse nel testo del Codice di Beza: ὀλόκαηη θαινύκελνλ Βαξηεζνῦ. 23 Qui sembra emergere che 'Bar- 22 Questo aspetto è stato documentato da Josep Rius-Camps e discusso in riferimento agli Atti in ripetute occasioni nel suo Comentari als Fets dels Apòstols, vols I-III (Col.lectània St Pacía 43, 47, 54; Barcelona: Herder, ). È stato anche discusso da D. Sylva ('Ierousalem and Hierosoluma in Luke-Acts', ZNW 74 [1983] ) come tecnica narrativa conosciuta al di fuori di scritti biblici. 23 L espressione si ritrova anche altrove negli scritti di Luca, Lc 19,2, laddove viene presentato Zaccheo. Era forse una sorta di soprannome? O forse era utilizzato per proteggere la sua identità di esattore capo? Cf. Lc 8,41, dove Giairo, un capo della sinagoga, è presentato con ᾧ ὄνομα.

13 13 Jesus' sia il nome a lui attribuito, non il suo vero nome: la menzione di questo nome (con ancora un altra variante nel testo del D05!) confermerebbe che Bar-Jesus era piuttosto una sorta di pseudonimo attribuitogli. In altri termini, quando ᾧ ὄλνκα è usato negli Atti, esso fa da prefisso ad un termine che non è il vero nome del personaggio dovendosi pertanto tradurre con che chiameremo. Sarebbe interessante approfondire la questione degli pseudonimi che troviamo presenti in quattro espressioni della prima parte del Vangelo, ma questa analisi ci allontanerebbe dal nostro argomento. 24 Restringendo il nostro studio a Luca 24, comunque, testeremo la conclusione arricchita da una analisi dell espressione ᾧ ὄλνκα negli Atti relativa alla variante dei versi 13 e 18. Prendiamo in esame per primo il nome del luogo. 'Oulammaous' nel D05 è un nome ricco di associazioni e reminiscenze di un altra storia, quella di Giacobbe, ma non è semplicemente uno pseudonimo poiché corrisponde ad una realtà conosciuta e, secondo l articolazione metaforica della storia nel testo di Beza, corrisponde al vero nome. Viene infatti introdotto da ὀλόκαηη. Tuttavia, il posto che corrisponde ad 'Oulammaous', non è localizzato e pertanto ci ritroviamo in alto mare, perché non esiste un villaggio con questo nome nell area attorno a Gerusalemme. In alternativa, potremmo considerare questo termine come una chiave di lettura interpretativa del racconto di Luca se non fosse che le sue attinenze giudaiche possono suscitare disagio. Di fronte ad entrambi i problemi, è facile notare come il nome potrebbe essere stato cambiato per farlo corrispondere a un luogo conosciuto, Emmaus. I responsabili della modifica, comunque, sapendo che 'Emmaus' non era il nome dato in origine nel racconto, ma un sostituto, avrebbero inserito il prefisso ᾗ ὄλνκα: che chiameremo Emmaus'. Riguardo al nome della persona, Clèopa, nel v. 18, riscontriamo che le varianti di lettura aprono nuove questioni. Il Testo Alessandrino mostra di considerare Clèopa come il vero nome del discepolo: ὀλόκαηη Κιενπᾶο. Questo è un discepolo di cui si conosce solo il nome; e, sebbene Luca dia grande importanza ai nomi nel suo lavoro, il significato del nome di questo discepolo non appare comprensibile nel Testo Alessandrino. Il testo D05, invece, è più specifico riguardo al nome: ᾧ ὄλνκα Κιενπᾶο, che chiameremo Clèopa. In altre parole, questo è un indizio del fatto che Clèopa è uno pseudonimo che nasconde la vera identità del discepolo. Perché Clèopa, allora? C è tutta una serie di indicazioni secondo cui egli non è altri che Simon Pietro. Queste indicazioni sono più numerose nel testo di Beza. 1) v. 13: I due viaggiatori vengono presentati come due di loro, δύν ἐμ αὐηῶλ (TA), o con una frase introduttiva due tra loro erano in cammino, ἦζαλ δὲ δύν πνξεπόκελνη ἐμ αὐηώλ (D05). Le ultime persone menzionate, di cui questi erano due, sono gli apostoli. (vv ). Ne consegue che questi discepoli stessi devono essere apostoli. 2) Il testo D05 lega strettamente l inizio di questo episodio centrale con la parte finale del precedente, dato che non include il fatto che Pietro si reca alla tomba, come invece viene detto nel v. 12 del Testo Alessandrino (che, così nel finale dei versi 36 e 40, ha un parallelo nel Vangelo di Giovanni 20:3-4, 6, 10). Né dà inizio alla presente sezione l espressione contenuta nel TA Ecco!' (θαὶ ἰδνύ), la quale conferisce, sì, un enfasi biblica, ma allo stesso tempo segna anche una cesura con 24 Le ricorrenze nel Vangelo di Luca dell espressione relativa ᾧ/ᾗ ὄνομα sono in 1,26 (Nazareth; om. D); 1,27 (Giuseppe); 2,25 (Simeone); 8,41 (Giairo).

14 14 l episodio precedente. 25 L ordine delle parole all inizio della frase di 24,13 in D05 è tipico di una frase introduttiva ἦζαλ δὲ δύν πνξεπόκελνη ἐμ αὐηώλ, che lega strettamente la coppia dei discepoli all accadimento precedente. 3) Pietro aveva personalmente rinnegato Gesù (Lc 22,54-62) e questa già sarebbe una buona ragione per scappare. Dato il ruolo di Pietro tra i discepoli, secondo Luca, così come la sua impazienza nel comprendere e nell agire secondo la rivelazione di Gesù come Messia (Lc 6,14;9, ;12,41;22,33), egli potrebbe aver percepito un grave senso di fallimento e disappunto dopo la morte di Gesù. 4) v. 19 D: Gesù si rivolge solo a Clèopa (αὐηῷ), e solo lui risponde, mentre nel TA sono entrambi i discepoli a rispondere (νἱ δὲ εἶπαλ αὐηῷ). Questo significa che il discorso è pronunciato da Pietro, se egli è Clèopa, e noi dobbiamo verificare se questa possibilità si sposi col resto del racconto e se i contenuti del discorso sono o meno in linea con altri discorsi attribuiti da Luca a Pietro. I punti 5) e 9) considereranno tale questione. 5) v. 24 D: Clèopa spiega a Gesù che alcuni di noi sono andati al sepolcro dopo il ritorno della donna, senza specificare chi, ma poi scivola nella prima persona quando dice ma noi non lo abbiamo visto, νὐθ εἴδνκελ. Questo corrisponde all informazione fornita dal TA v. 12, omessa dal Codice di Beza (=Gv 20, ). 6) vv : esistono corrispondenze tra il modo di Clèopa di presentare Gesù e quello che usa Pietro nel libro degli Atti (2,22; 3,36; 3,13-15; 4,5-12; 10,38-9), e il fatto è ancora più stringente ove si consideri che queste similarità non esistono in alcun discorso degli altri apostoli negli Atti, inclusi i discorsi di Paolo: - Ἰεζνῦ ηνῦ Ναδσξαίνπ (il TA legge Ναδαξελνῦ ): At 2,22b; 3,6; 4,10b; l equivalente di Ἰεζνῦλ ηὸλ ἀπὸ Ναδαξέζ, 10,38a. - ἀλὴξ πξνθήηεο: At 2,22c; 10,38b. - δπλαηὸο ἐλ ιόγῳ θαὶ ἔξγῳ (il TA inverte l ordine): cf. At 2,22c; 4,10c,12; 10,38c. (lo stesso ordine, ma al plurale, lo troviamo nel discorso di Stefano, 7,22). - ἐλώπηνλ ηνῦ ζενῦ θαὶ παληὸο ηνῦ ιανῦ (il TA legge ἐλαληίνλ come in At 1,6, dove D05 riporta anche ἐλώπηνλ): At 2,22d; 4,10a,19 (cf. Lc 11,53 D!); 10,38d. - ὡο ηνῦηνλ παξέδσθαλ νἱ ἀξρηεξεῖο θαὶ νἱ ἄξρνληεο ἡκῶλ: At 2,23 (D); 3,13,17; cf. 4, εἰο θξίκα ζαλάηνπ: At 3,13D (εἰο θξίζηλ). - θαὶ ἐζηαύξσζαλ αὐηόλ: At 2,(23),36; 3,15a; 4,10c; cf. 10,39. 7) v. 34 D: Quando i due discepoli tornano a Gerusalemme, sono loro a raccontare (ιέγνληεο) che Gesù era apparso a Simone (Pietro), e non agli undici e quelli che erano con loro che erano rimasti a Gerusalemme, come secondo il TA nel v. 34 ιέγνληαο. Nel testo del D05, di conseguenza, αὐηνὶ del v. 35 riporta lo stesso soggetto del v. 34 (allo stesso modo del v. 14 del TA); 26 il discorso diretto lascia spazio all indiretto, con il verbo all imperfetto (ἐμεγνῦλην) per esprimere l idea della lunghezza delle cose accadute durante il viaggio dei due discepoli. Il verbo finale (ἐγλώζζε), così come i verbi del discorso diretto (ἠγέξζε, ὤθζε), è introdotto da oti ed è in aoristo. Il soggetto è lo stesso della frase iniziale, il Signore è risorto ed è apparso. Se, d altro canto, sono quelli di Gerusalemme ad annunciare 25 È importante notare che la stessa espressione καὶ ἰδού è omessa nel testo D05 e precisamente in altri due dei quattro punti del Vangelo in cui il personaggio viene introdotto con ᾧ ὄνομα: 2,25 (Simone) e 8,41 (Giairo). 26 J. Nolland (Luke 18:35-24:53, Word Biblical Commentary 35c; Dallas, Texas: Word, 1993) parla dell uso di questo pronome del v.14 come se esso non fosse messo in evidenza, e come una tipica formula lucana.

15 15 l apparizione di Gesù a Simone, bisogna allora dire che Luca non registra questa apparizione in nessun punto. Inoltre, la dichiarazione è resa con un verbo al participio assoluto (ιέγνληαο) in accusativo, vale a dire con una costruzione inusuale in Greco per riferire una informazione così importante, del tutto nuova nella versione Alessandrina del racconto. 8) Il fatto che i discepoli sono apostoli (vedi punto 1) significa che essi appartengono al gruppo degli undici presso i quali ritornano a Gerusalemme. Non è una contraddizione se ricordiamo che Luca usa il termine gli undici, e i dodici come un etichetta per designare il gruppo apostolico, così come anche per indicare il preciso numero di persone nel gruppo. 27 9) C è una certa attinenza tra il nome aramaico di Pietro, Cefa, e Clèopa. Questa similitudine lessicale non è ragione sufficiente per assimilare i due nomi, ma abbiamo visto che esistono altre ragioni per far ciò. Il significato del nome Cefa potrebbe, infatti, avere un certo peso. Cefa significa pietra in aramaico, come pétra in greco. Nel racconto della Genesi, Giacobbe prende la pietra su cui ha posto la testa per dormire e, sparso dell olio sopra, la pone come pilastro per marcare il punto in cui ha sognato e in cui Dio è stato presente (Gen 28, ). Giacobbe dichiara questa pietra che ho posto come pilastro, sarà la casa di Dio (v. 22). In entrambe le interpretazioni targumica e midrashica relative al testo di Genesi 28,10-22, è sorto un grande problema circa tale pietra. 28 La presenza di questo tema nella storia di Giacobbe, sulla quale Luca costruisce la presente scena, è potenzialmente e sufficientemente forte per sostenere l interpretazione del nome Clèopa, da intendere come Cefa/Pietro. Luca non è il solo evangelista a seguire le tradizioni relative al racconto della Genesi circa il sogno di Giacobbe a Bethel. Erano tradizioni molto vive al tempo di Gesù e della chiesa primitiva: ne è testimone la risonanza della stessa storia nel Vangelo di Giovanni. 29 Comunque, mentre Luca usa i paralleli come base del racconto che egli fa della fine del ministero terreno di Gesù, Giovanni lo fa riguardo l inizio del ministero di Gesù (1,35-51). Considerando l identità di Clèopa, è importante notare che Giovanni cambia il nome di Pietro in Cefa, proprio nel contesto del riferimento a Giacobbe. 30 VIII. CONCLUSIONI Abbiamo considerato il passo di Luca 24,12-35 da diverse angolazioni: il nome del villaggio a cui i discepoli sono diretti; la loro comprensione dei recenti 27 Cf. Rius-Camps, Comentari, vol I, su At 1, Vedi Ginzberg, The Legends of the Jews, vol I, ; Kugel, In Potiphar's House, ; 'The Ladder of Jacob', HTR 88 (1995) ; Massonnet, 'Targum, Midrash et Nouveau Testament'. Esiste un altro aspetto del motivo della pietra connesso ai figli di Giacobbe, dato che i dodici patriarchi sono rappresentati sulle vesti sacerdotali da dodici pietre preziose. Questo aspetto riceve un esteso approfondimento negli antichi scritti dell esegesi giudaica, la cui importanza non deve essere trascurata nel considerare le similarità tra Pietro e la pietra di Giacobbe: vedi Kugel, In Potiphar's House, Vedi Massonnet, 'Targum, Midrash et Nouveau Testament', La storia del sogno di Giacobbe sembra allo stesso modo accennata in Mc 16,3 nel manoscritto k della Vetus latina, dove vengono menzionati angeli che salgono e scendono dal cielo alla terra nel punto in cui viene rimossa la lapide dal sepolcro di Gesù.

16 avvenimenti e il cambiamento che ha luogo in forza dell incontro con Gesù; il significato della storia di Giacobbe a Bethel, così come riportata dalla Bibbia ebraica e come è sviluppata dalla tradizione giudaica; il legame tra l ultimo capitolo del Vangelo di Luca e il primo capitolo del libro degli Atti; l identità del discepolo chiamato Clèopa. Nell insieme, abbiamo visto che sia nel testo di Beza che nel TA le letture cooperano per fornire due differenti versioni della storia, ciascuna con la propria interna coerenza. Quando le letture del testo di Beza vengono viste dall interno della prospettiva giudaica che esse riflettono, queste appaiono comunicare un messaggio essenzialmente teologico. L autore del testo di Beza lavora sul significato metaforico del linguaggio, specialmente quello dei nomi, per delineare un messaggio. Egli utilizza un incontro tra Gesù e due dei suoi discepoli come base per esprimere metaforicamente una realtà spirituale. L obiettivo del Testo Alessandrino, invece, è in primo luogo quello di fornirci una storia come un dato di fatto e l autore utilizza pertanto un linguaggio da prendere alla lettera. Il contesto giudaico dei partecipanti a questo incontro non è immediatamente evidente nel Testo Alessandrino. È possibile che un background giudaico' dell episodio possa essere dedotto, ma l implicito ascoltatore o lettore della storia non è indirizzato da una interna prospettiva giudaica. Noi riteniamo che l evidenza con cui il Codice di Beza riflette un punto di vista giudaico, implichi, sotto molti aspetti, una datazione anteriore di redazione, un tempo cioè in cui gli eventi concernenti Gesù e i suoi seguaci erano considerati ancora parte della storia in sviluppo di Israele come Popolo di Dio, piuttosto che invece come l inizio di una nuova religione o di una comunità del tutto separata. Considerando questo contesto di Giudaismo, abbiamo suggerito alcune possibili ragioni per cui il testo di Beza potrebbe essere stato alterato. Una successiva generazione di cristiani, non più consapevoli delle loro origini giudaiche, come invece lo era la prima generazione, potrebbe semplicemente non aver avuto coscienza delle reminiscenze delle storie e degli insegnamenti tradizionali. Di conseguenza, possono aver scelto di convertire specifici riferimenti, come 'Oulammaous', ad entità più facilmente riconoscibili, alterando e convertendo così il sottile messaggio teologico in uno che fosse più accessibile. Dall altro lato, il riferimento a Oulammaous con le sue connotazioni avrebbe potuto essere troppo riconoscibile come chiave d accesso all incontro di Bethel quale modello della storia per Luca. Per tale ragione, le allusioni alla storia di Israele e alla Torah come modello divino per gli avvenimenti descritti potrebbero essere state eliminate perché offensive per i credenti cristiani, che ormai vedevano se stessi abbastanza diversi dai giudei. Un tale resoconto della storia delle divergenze del manoscritto si accorda con ciò che è conosciuto dei primi anni della chiesa, un periodo di graduale separazione fra giudei e cristiani. Il Codice di Beza, un manoscritto che appare aver mantenuto una prospettiva giudaica, di fatto è una testimonianza fondamentale dei primi anni del cristianesimo. 16

Un calcolo deduttivo per la teoria ingenua degli insiemi. Giuseppe Rosolini da un università ligure

Un calcolo deduttivo per la teoria ingenua degli insiemi. Giuseppe Rosolini da un università ligure Un calcolo deduttivo per la teoria ingenua degli insiemi Giuseppe Rosolini da un università ligure Non è quella in La teoria ingenua degli insiemi Ma è questa: La teoria ingenua degli insiemi { < 3} è

Διαβάστε περισσότερα

TRIGONOMETRIA: ANGOLI ASSOCIATI

TRIGONOMETRIA: ANGOLI ASSOCIATI FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI AZZERAMENTO - MATEMATICA ANNO ACCADEMICO 010-011 ESERCIZI DI TRIGONOMETRIA: ANGOLI ASSOCIATI Esercizio 1: Fissata in un piano cartesiano ortogonale xoy una circonferenza

Διαβάστε περισσότερα

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

Integrali doppi: esercizi svolti

Integrali doppi: esercizi svolti Integrali doppi: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali doppi sugli insiemi specificati: a) +

Διαβάστε περισσότερα

ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΤΕΧΝΙΚΑ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ

ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΤΕΧΝΙΚΑ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ ΤΕΧΝΙΚΑ Οι Εκδόσεις Δίσιγμα ξεκίνησαν την πορεία τους στο χώρο των ελληνικών εκδόσεων τον Σεπτέμβριο του 2009 με κυρίαρχο οδηγό

Διαβάστε περισσότερα

ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 3

ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 3 1 Prof. POGGI Flaminio ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 CONOSCENZE Il sistema verbale greco (presente, imperfetto, futuro, aoristo, perfetto, piuccheperfetto; congiuntivo e suo uso in proposizioni

Διαβάστε περισσότερα

CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.)

CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.) Consigliamo di configurare ed utilizzare la casella di posta elettronica certificata tramite il webmail dedicato fornito dal gestore

Διαβάστε περισσότερα

DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO

DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO Il triangolo ABC ha n angolo retto in C e lati di lnghezza a, b, c (vedi fig. ()). Le fnzioni trigonometriche dell angolo α sono definite

Διαβάστε περισσότερα

άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3"] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 τυροωμιάσατ ο Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι

άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 τυροωμιάσατ ο Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι ΚΑΤΑ ΤΗΝ ΧΕΙ Μ Ε Ρ IN Η Ν Ε Ξ AM ΗΝ IΑΝ άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3"] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 Π Α Ρ Α Δ Ο Θ Η Σ Ο Μ Ε Ν Ω Ν ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ.

Διαβάστε περισσότερα

Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli

Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli GRAECO-LATINA BRUNENSIA 15, 2010, 2 Ángel Narro 1 (Universitat de València) Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli di Santa Tecla The Life and Miracles of Saint Thekla

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική 4 η ενότητα: Riflessione grammaticale pronomi diretti, indiretti e combinati Μήλιος Βασίλειος Τμήμα

Διαβάστε περισσότερα

Dove posso trovare il modulo per? Dove posso trovare il modulo per? Για να ρωτήσετε που μπορείτε να βρείτε μια φόρμα

Dove posso trovare il modulo per? Dove posso trovare il modulo per? Για να ρωτήσετε που μπορείτε να βρείτε μια φόρμα - Γενικά Dove posso trovare il modulo per? Dove posso trovare il modulo per? Για να ρωτήσετε που μπορείτε να βρείτε μια φόρμα Quando è stato rilasciato il suo [documento]? Για να ρωτήσετε πότε έχει εκδοθεί

Διαβάστε περισσότερα

Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού

Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού Χρήστος Αποστολόπουλος Η προσωπικότητα του Ιακώβου Διασορηνού παραµένει

Διαβάστε περισσότερα

IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU. A Giuseppe Russo di Salerno

IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU. A Giuseppe Russo di Salerno IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU A Giuseppe Russo di Salerno 1.Ricordo che durante un dibattito tra gente di alta cultura e un cardinale di Santa Romana Chiesa, un professore di diritto internazionale si

Διαβάστε περισσότερα

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

LIVELLO A1 & A2 (secondo il Consiglio d Europa)

LIVELLO A1 & A2 (secondo il Consiglio d Europa) ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΕΘΝΙΚΗΣ ΠΑΙ ΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ Ministero Greco della Pubblica Istruzione e degli Affari Religiosi Certificazione di Lingua Italiana LIVELLO A1 & A2 (secondo

Διαβάστε περισσότερα

Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione, traduzione e saggio di commento (1-4; 7-23; 25; 29-30; 35-36; 44; 51; 54-55)

Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione, traduzione e saggio di commento (1-4; 7-23; 25; 29-30; 35-36; 44; 51; 54-55) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI (DipSUm) DOTTORATO DI RICERCA IN FILOLOGIA CLASSICA (XIII Ciclo) TESI DOTTORATO in LETTERATURA GRECA Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione,

Διαβάστε περισσότερα

SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA

SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA Avevo gia composta e spedita per la pubblicazione la nota alia prima delle tre iscrizioni qui trattate, quando mi fu segnalato Γ articolo di M. Guarducci, Tracce

Διαβάστε περισσότερα

Un Venerabile testimone dei Vangeli secondo Luca e secondo Giovanni: Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) *

Un Venerabile testimone dei Vangeli secondo Luca e secondo Giovanni: Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) * Un Venerabile testimone dei Vangeli secondo Luca e secondo Giovanni: Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) * Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) è arrivato nella Biblioteca Apostolica Vaticana il 22 novembre 2006,

Διαβάστε περισσότερα

Passato Prossimo = ΠΡΚ-ΑΟΡΙΣΤΟΣ

Passato Prossimo = ΠΡΚ-ΑΟΡΙΣΤΟΣ Passato Prossimo = ΠΡΚ-ΑΟΡΙΣΤΟΣ avere Η essere + ΜΕΤΟΧΗ ΡΗΜΑΤΟΣ Ieri =χθες Verbi in are Verbi in ere Verbi in ire ( -ato ) (-uto ) ( -ito ) Da Kalantzi Vasiliki Parlare=μίλησα Ιο ho parlato Tu hai parlato

Διαβάστε περισσότερα

FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 15 Le preposizioni greche Le principali preposizioni della lingua greca. di GIANNI MONTEFAMEGLIO

FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 15 Le preposizioni greche Le principali preposizioni della lingua greca. di GIANNI MONTEFAMEGLIO FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 15 Le preposizioni greche Le principali preposizioni della lingua greca di GIANNI MONTEFAMEGLIO Più che mandare subito a memoria le preposizioni greche che

Διαβάστε περισσότερα

Gli invitati al banchetto (Mt 22,1-14; Lc 14,16-24) Testo rivisto dal Relatore: Prof. Don Carlo Dezzuto

Gli invitati al banchetto (Mt 22,1-14; Lc 14,16-24) Testo rivisto dal Relatore: Prof. Don Carlo Dezzuto Gli invitati al banchetto (Mt 22,1-14; Lc 14,16-24) Testo rivisto dal Relatore: Prof. Don Carlo Dezzuto Nella prima metà del Quattrocento, la casa di Borgogna, sotto il regno di Filippo il Buono, estende

Διαβάστε περισσότερα

Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ. Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις

Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ. Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις 1 Παναγιώτης Ἀρ. Ὑφαντῆς Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις Σκοπός τῆς παρούσας μελέτης 1 εἶναι ὁ ἐντοπισμός καί ὁ κριτικός

Διαβάστε περισσότερα

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

VITO MATERA OI ΔIAΦANEIEΣ TOY XPΩMATOΣ THE COLOUR TRANSPARENCIES LE TRASPARENZE DEL COLORE

VITO MATERA OI ΔIAΦANEIEΣ TOY XPΩMATOΣ THE COLOUR TRANSPARENCIES LE TRASPARENZE DEL COLORE VITO MATERA THE COLOUR TRANSPARENCIES OI ΔIAΦANEIEΣ TOY XPΩMATOΣ LE TRASPARENZE DEL COLORE VITO MATERA Was born in Gravina in Puglia, in Bari Province. A childhood in the workshop, with his father goldsmith

Διαβάστε περισσότερα

Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti

Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti Corso di Laurea magistrale in Scienze dell antichità: letterature, storia e archeologia Tesi di Laurea Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti

Διαβάστε περισσότερα

RIASSUNTO PAROLE CHIAVE. Gli autori

RIASSUNTO PAROLE CHIAVE. Gli autori MACRÌ, Gabriella. La ricezione di Primo Levi in Grecia. Ricercare le radici: Primo Levi lettore- Lettori di Primo Levi. Nuovi studi su Primo Levi, a cura di Raniero Speelman, Elisabetta Tonello & Silvia

Διαβάστε περισσότερα

Ge m i n i. il nuovo operatore compatto e leggero. η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα

Ge m i n i. il nuovo operatore compatto e leggero. η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα Ge m i n i 6 il nuovo operatore compatto e leggero η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα Porte Gemini 6 Operatore a movimento lineare per porte automatiche a scorrimento orizzontale. Leggero, robusto

Διαβάστε περισσότερα

Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze

Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze Incontri triestini di filologia classica 9 (2009-2010), 153-173 Tommaso Braccini Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze «Talento limitato personalità poco simpatica

Διαβάστε περισσότερα

WEBQUESTS. Νέα µεθοδολογία στην ιδακτική Ξένων Γλωσσών Μ. ΠΕΡΗΦΑΝΟΥ

WEBQUESTS. Νέα µεθοδολογία στην ιδακτική Ξένων Γλωσσών Μ. ΠΕΡΗΦΑΝΟΥ WEBQUESTS Νέα µεθοδολογία στην ιδακτική Ξένων Γλωσσών Μ. ΠΕΡΗΦΑΝΟΥ Ερώτηµα: Πώς να µπορούµε να εισάγουµε το ιαδίκτυο στην διδακτική της ξένης γλώσσας µε αποτελεσµατικό τρόπο; WebQuest? Ένα WebQuest αποτελεί

Διαβάστε περισσότερα

STORIA ANTICA E STORIA CLASSICA: IL CASO DELL ORIENTE GRECO-ROMANO

STORIA ANTICA E STORIA CLASSICA: IL CASO DELL ORIENTE GRECO-ROMANO Histos 5 (2011) 107 16 STORIA ANTICA E STORIA CLASSICA: IL CASO DELL ORIENTE GRECO-ROMANO 1 È divenuta oramai una prassi consolidata quella d identificare ed etichettare la storia del Mediterraneo orientale

Διαβάστε περισσότερα

Istruzioni per l uso della funzione di rete/ Οδηγίες λειτουργίας δικτύου

Istruzioni per l uso della funzione di rete/ Οδηγίες λειτουργίας δικτύου 3-078-154-41 (1) Istruzioni per l uso della funzione di rete/ Οδηγίες λειτουργίας δικτύου 2002 Sony Corporation Marchi di fabbrica Memory Stick e sono marchi registrati di Sony Corporation. I marchi BLUETOOTH

Διαβάστε περισσότερα

Dipartimento di Scienze dell antichità. Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo

Dipartimento di Scienze dell antichità. Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo Scuola di Dottorato in Humanae Litterae Dipartimento di Scienze dell antichità Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo PLATONE E PLUTARCO: INTRECCI TEMATICI TRA

Διαβάστε περισσότερα

ΕΒΔΟΜΑΔΙΑΙΑ ΕΚΔΟΣΗ 29 Μαρτίου 2014 ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ

ΕΒΔΟΜΑΔΙΑΙΑ ΕΚΔΟΣΗ 29 Μαρτίου 2014 ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ διαδρομές ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ Στο ψαρολίμανο ανο της Νέας Χώρας 2 ΧΑΝΙΩΤΙΚΑ diadromes@haniotika-nea.gr διαδρομές

Διαβάστε περισσότερα

SUPREME COLOURS / DAMASCO 1L

SUPREME COLOURS / DAMASCO 1L SUPREME COLOURS / DAMASCO 1L Μεταλλικό χρώμα κατάλληλο για κάθε επιφάνεια για εσωτερικούς η εξωτερικούς χώρους. Εάν η επιφάνεια είναι λευκή δεν χρειάζεται αστάρι. Η Σειρά αποτελείται από 7 ελκύστηκα χρώματα.

Διαβάστε περισσότερα

LIVELLI A1 & A2 SESSIONE MAGGIO 2013

LIVELLI A1 & A2 SESSIONE MAGGIO 2013 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙ ΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ, ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΚΑΙ ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΥ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ Ministero dell Istruzione e degli Affari Religiosi, della Cultura e dello Sport Certificazione di Lingua

Διαβάστε περισσότερα

INDICE. Introduzione... 6

INDICE. Introduzione... 6 INDICE Introduzione... 6 CAPITOLO I: IL POEMA DEL DIGHENÌS AKRITIS... 13 Premessa... 14 1. Le redazioni... 16 1.1. Escorial (E)... 16 1.2. Grottaferrata (G)... 17 1.3. Trebisonda (T), Andros (A e P), Oxford

Διαβάστε περισσότερα

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΕΠΙΠΕΔΟ Γ (Γ1 & Γ2). ΕΝΟΤΗΤΑ 4 Νοέμβριος 2013 ΦΥΛΛΑΔΙΟ ΤΟΥ ΕΞΕΤΑΣΤΗ 0. ΠΕΡΙΓΡΑΦΗ ΤΗΣ ΕΞΕΤΑΣΗΣ ιάρκεια: 30 λεπτά (1

Διαβάστε περισσότερα

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΕΝΟΤΗΤΑ 4 (Παραγωγή προφορικού λόγου και προφορική διαμεσολάβηση) ΕΠΙΠΕΔΑ Β (Β1 και Β) NOΕΜΒΡΙΟΣ 013 1. ΠΕΡΙΓΡΑΦΗ

Διαβάστε περισσότερα

Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015

Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015 Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015 Scosta il sipario che è dietro al leggio e scopre uno stendardo che riguarda la Rivoluzione e

Διαβάστε περισσότερα

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙΔΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ Δευτέρα, 30 Ιουνίου 2014 ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI ΤΙΣ

Διαβάστε περισσότερα

Aristotele e il Peripato

Aristotele e il Peripato Aristotele e il Peripato Dossier Il controverso parlare del poeta ispirato La spiegazione data nello Ione La mimesis in Platone Come conciliare l imitazione personale e l ispirazione divina? «Il poeta,

Διαβάστε περισσότερα

DICHIARAZIONE. Io sottoscritto in qualità di

DICHIARAZIONE. Io sottoscritto in qualità di Manuale dell espositore Documento sicurezza di mostra - Piano Generale procedure di Emergenza/Evacuazione Fiera di Genova, 13 15 novembre 2013 DICHIARAZIONE da restituire entro il il 31 ottobre 31 ottobre

Διαβάστε περισσότερα

HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE

HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE Σὺ μὲν οὖν ἀεὶ καὶ δύνῃ καὶ δύναιο κάλλιστα χρωμένη τῷ δύνασθαι, Tu hai sempre il tuo prestigio e mi auguro possa servirtene nel modo migliore. Synesius lett. LXXXI ALLA FILOSOFA

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA L AGORÀ IN ERODOTO

UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA L AGORÀ IN ERODOTO UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Scienze dell antichità: letterature, storia e archeologia. Tesi di Laurea L

Διαβάστε περισσότερα

L EDUCAZIONE A PArOLE

L EDUCAZIONE A PArOLE Luciano Lanzi Roberto Rossi L EDUCAZIONE A PArOLE R. Rossi, L. Lanzi Con parole ornate Cappelli Editore 2010 1 Essere giovani in Grecia Breve excursus sulla παιδεία del mondo antico Nelle diverse poleis

Διαβάστε περισσότερα

Πρόγραμμα τμημάτων ιταλικής γλώσσας Σχολικό έτος 2013/2014

Πρόγραμμα τμημάτων ιταλικής γλώσσας Σχολικό έτος 2013/2014 Πρόγραμμα τμημάτων ιταλικής γλώσσας Σχολικό έτος 2013/2014 Στο τέλος της σχολικής χρονιάς προσφέρονται στους μαθητές ιταλικής γλώσσας υποτροφίες για την παρακολούθηση μαθημάτων γλώσσας σε ιταλικά Πανεπιστήμια

Διαβάστε περισσότερα

ELIO SCARCIGLIA ANTHOLOGICAL EXHIBITION ΑΝΘΟΛΟΓΙΑ ANTOLOGICA

ELIO SCARCIGLIA ANTHOLOGICAL EXHIBITION ΑΝΘΟΛΟΓΙΑ ANTOLOGICA ELIO SCARCIGLIA ANTHOLOGICAL EXHIBITION ΑΝΘΟΛΟΓΙΑ ANTOLOGICA Elio Scarciglia Born in Guagnano (LE), lives and works in Lecce, dealing with photography and cinematography for many years. He has organized

Διαβάστε περισσότερα

Nuova strategia è necessaria per la messa in luce dei giacimenti sottomarini di idrocarburi nel Sud di Creta.

Nuova strategia è necessaria per la messa in luce dei giacimenti sottomarini di idrocarburi nel Sud di Creta. Nuova strategia è necessaria per la messa in luce dei giacimenti sottomarini di idrocarburi nel Sud di Creta. I. Konofagos, N. Lygeros I soprascritti, già dal 2012 avevano proposto ai politici con il più

Διαβάστε περισσότερα

IL MONOFISISMO DI S. CIRILLO D ALESSANDRIA

IL MONOFISISMO DI S. CIRILLO D ALESSANDRIA IL MONOFISISMO DI S. CIRILLO D ALESSANDRIA di Giovanni Costa ABBREVIAZIONI COD Cum Salvator Definitio Fidei Laetentur Obloquuntur PG QUX =Conciliorum Oecumenicorum Decreta. =Terza lettera di S. Cirillo

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO TESI DI LAUREA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO TESI DI LAUREA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN FILOLOGIA, LETTERATURE E STORIA DELL'ANTICHITA' TESI DI LAUREA IL DIALOGO TRA ALESSANDRO MAGNO E I GIMNOSOFISTI

Διαβάστε περισσότερα

Istruzioni per l uso della funzione di rete/ applicazione/ Οδηγίες Χρήσης Λειτουργίας/ Εφαρµογών ικτύου

Istruzioni per l uso della funzione di rete/ applicazione/ Οδηγίες Χρήσης Λειτουργίας/ Εφαρµογών ικτύου 3-080-343-41 (1) Istruzioni per l uso della funzione di rete/ applicazione/ Οδηγίες Χρήσης Λειτουργίας/ Εφαρµογών ικτύου 2003 Sony Corporation Marchi Memory Stick e sono marchi registrati di Sony Corporation.

Διαβάστε περισσότερα

GRANDE E SANTO GIOVEDÌ

GRANDE E SANTO GIOVEDÌ La Grande e Santa Settimana GRANDE E SANTO GIOVEDÌ Ufficio della Passione Sant Atanasio dei Greci Via del Babuino 149 Roma 2014 In memoria di mons. Eleuterio Fortino e di p. Oliviero Raquez O.S.B. UFFICIATURA

Διαβάστε περισσότερα

Verso un approccio cartografico

Verso un approccio cartografico Sede Amministrativa: Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze del Mondo Antico SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN: Scienze linguistiche, filologiche e letterarie INDIRIZZO: Filologia classica

Διαβάστε περισσότερα

ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI ΤΙΣ ΥΠΟΨΗΦΙΕΣ

ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI ΤΙΣ ΥΠΟΨΗΦΙΕΣ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙ ΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΕΛΛΗΝΩΝ ΕΞΩΤΕΡΙΚΟΥ ΕΞΕΤΑΣΗ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ 29 Σεπτεμβρίου 2010 ΟΔΗΓΙΕΣ

Διαβάστε περισσότερα

GRANDE E SANTO GIOVEDÌ

GRANDE E SANTO GIOVEDÌ La Grande e Santa Settimana GRANDE E SANTO GIOVEDÌ Ufficio della Passione Sant Atanasio dei Greci Via del Babuino 149 Roma 2014 In memoria di mons. Eleuterio Fortino e di p. Oliviero Raquez O.S.B. UFFICIATURA

Διαβάστε περισσότερα

Copyright 2012 Giovanni Parmeggiani 16 August 2012

Copyright 2012 Giovanni Parmeggiani 16 August 2012 Histos 6 (2012) 214 27 SUI FONDAMENTI DELLA TESI ANTICA DELLA PATERNITÀ ANASSIMENEA DEL TRICARANO: MIMESI STILISTICA E ANALOGIE TRA I PROEMI STORIOGRAFICI DI ANASSIMENE DI LAMPSACO E DI TEOPOMPO DI CHIO

Διαβάστε περισσότερα

Centro studi Hermeneia. Dispense di lingua. Analisi, costruzione e traduzione di un testo greco

Centro studi Hermeneia. Dispense di lingua. Analisi, costruzione e traduzione di un testo greco Dispense di lingua greca I Analisi, costruzione e traduzione di un testo greco Centro studi Hermeneia 1 Sommario Esempio di traduzione di un testo greco.... 3 Lettura: Prime gesta di Zeus... 3 Analisi

Διαβάστε περισσότερα

ΤΟ ΓΡΑΜΜΑ ^ ΕΙΣ ΤΗΝ ΚΡΗΤΗΝ *

ΤΟ ΓΡΑΜΜΑ ^ ΕΙΣ ΤΗΝ ΚΡΗΤΗΝ * ΤΟ ΓΡΑΜΜΑ ^ ΕΙΣ ΤΗΝ ΚΡΗΤΗΝ * Μεταξύ των αρχαϊκών επιγραφών επι τών λίθων τών τοιχωμάτων τοΰ ναού τοΰ Δελφινιού Απόλλωνος εις Δρήρον υπάρχει μία ή οποία εξακολουθεί νά είναι πρόβλημα διά τούς έρμηνευτάς,

Διαβάστε περισσότερα

La παίδευσις dell uomo in Gregorio di Nissa

La παίδευσις dell uomo in Gregorio di Nissa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE LINGUISTICHE, FILOLOGICHE, LETTERARIE E STORICO-ARCHEOLOGICHE

Διαβάστε περισσότερα

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI A cura della Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti in collaborazione con la Direzione Provinciale di Trento Si ringrazia il CINFORMI - Centro Informativo per l Immigrazione

Διαβάστε περισσότερα

3-087-936-53(1) Manuale delle applicazioni del computer. εφαρµογών υπολογιστή. Digital Video Camera Recorder. 2004 Sony Corporation

3-087-936-53(1) Manuale delle applicazioni del computer. εφαρµογών υπολογιστή. Digital Video Camera Recorder. 2004 Sony Corporation 3-087-936-53(1) Manuale delle applicazioni del computer Οδηγός εφαρµογών υπολογιστή IT GR Digital Video Camera Recorder 2004 Sony Corporation Da leggere subito Per utilizzare la videocamera, leggere il

Διαβάστε περισσότερα

20/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 67. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

20/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 67. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 4 agosto 2015, n. 440 Approvazione del "Documento propedeutico alla costruzione dell'aggiornamento del Piano di Tutela delle Acque

Διαβάστε περισσότερα

Storia. Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN

Storia. Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN Storia Ciclo:XXVII Settore Concorsuale di afferenza: 11/A4 Settore Scientifico disciplinare: M-STO/07 Il sistema della pesca nel lago

Διαβάστε περισσότερα

+ Archimandrita Evangelos Yfantidis

+ Archimandrita Evangelos Yfantidis Aspetti del Magistero Sociale della Chiesa Ortodossa, secondo la dottrina ecclesiastica e l insegnamento di Sua Santità il Patriarca Ecumenico Bartolomeo Discorso durante i lavori della 49 sessione di

Διαβάστε περισσότερα

IL PRONOME RIFLESSIVO GRECO di Giovanni Costa

IL PRONOME RIFLESSIVO GRECO di Giovanni Costa IL PRONOME RIFLESSIVO GRECO di Giovanni Costa 1. Il pronome riflessivo pg. 2 2. Uso del pronome riflessivo pg. 3 3. Bibliografia pg. 8 1 1. Il pronome riflessivo. I pronomi personali sono, nella specie

Διαβάστε περισσότερα

LIVELLO C1 secondo il Consiglio d Europa

LIVELLO C1 secondo il Consiglio d Europa ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙ ΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ, ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΚΑΙ ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΥ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ MINISTERO DELL ISTRUZIONE E DEGLI AFFARI RELIGIOSI, DELLA CULTURA E DELLO SPORT CERTIFICAZIONE DI LINGUA

Διαβάστε περισσότερα

Padri Apostolici + Giustino e Ireneo, riferimenti ai Vangeli canonici

Padri Apostolici + Giustino e Ireneo, riferimenti ai Vangeli canonici Padri Apostolici + Giustino e Ireneo, riferimenti ai Vangeli canonici Parte 9 Ireneo di Lione (130-202 d.c.) Autore: Gianluigi Bastia All Rights Reserved Aggiornamento: 22.06.2008 Fonts: greek.ttf / Palatino

Διαβάστε περισσότερα

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙΔΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ Πέμπτη, 21 Ιουνίου 2012 ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ

Διαβάστε περισσότερα

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙΔΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΕΡΕΥΝΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ Πέμπτη, 16 Ιουνίου 2016 ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI

Διαβάστε περισσότερα

Certificazione di Lingua Italiana

Certificazione di Lingua Italiana ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙ ΕΙΑΣ, ΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ Ministero dell Istruzione, dell Apprendimento Permanente e degli Affari Religiosi Certificazione di Lingua Italiana

Διαβάστε περισσότερα

Luciano e Osea. L ignoranza acceca gli uomini

Luciano e Osea. L ignoranza acceca gli uomini Luciano e Osea Luciano (125 d.c., Samosata 180 d.c. Atene) fu scrittore e retore greco, scrittore di testi satirici, filosofo. Avrebbe potuto benissimo trovarsi a far parte del pubblico che ebbe la ventura

Διαβάστε περισσότερα

IV. COMMENTI. Le lezioni diverse dall edizione di Erbse sono segnalate in sede di traduzione e di commento con *.

IV. COMMENTI. Le lezioni diverse dall edizione di Erbse sono segnalate in sede di traduzione e di commento con *. IV. COMMENTI L edizione critica di riferimento per gli oracoli della Teosofia è quella di Erbse 1995 2. Ho aggiunto a sinistra del testo la numerazione dei versi. Le lezioni diverse dall edizione di Erbse

Διαβάστε περισσότερα

Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8)

Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8) Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8) [6] Ἐγὼ γάρ, ὦ Ἀθηναῖοι, ἐπειδὴ ἔδοξέ μοι γῆμαι καὶ γυναῖκα ἠγαγόμην εἰς τὴν οἰκίαν, τὸν μὲν ἄλλον χρόνον οὕτω διεκείμην ὥστε μήτε

Διαβάστε περισσότερα

bab.la Φράσεις: Προσωπική Αλληλογραφία Ευχές ελληνικά-ιταλικά

bab.la Φράσεις: Προσωπική Αλληλογραφία Ευχές ελληνικά-ιταλικά Ευχές : Γάμος Συγχαρητήρια. Σας ευχόμαστε όλη την ευτυχία του κόσμου. Congratulazioni. I nostri migliori auguri e tanta felicità. νιόπαντρο ζευγάρι Θερμά συγχαρητήρια για τους δυο σας αυτήν την ημέρα του

Διαβάστε περισσότερα

Antonio Gramsci, Sotto la mole (1916-1920)

Antonio Gramsci, Sotto la mole (1916-1920) L'«attualità» ci fa vivere davvero il passato, la psicologia degli uomini del passato. E ci chiarisce le idee, e ci obbliga a trasformare il vocabolario. Lasciamo cadere la parola «tiranno»: sostituiamola

Διαβάστε περισσότερα

Glosse Dialettali negli Scholia Omerici

Glosse Dialettali negli Scholia Omerici Glosse Dialettali negli Scholia Omerici FRANCO MONTANARI Lo studio delle glosse dialettali menzionate negli scholia omerici può essere visto in primo luogo entro un quadro di ricerca ben noto e frequentato,

Διαβάστε περισσότερα

GIOVANNI DAMASCENO. De fide orthodoxa. B. Kotter INTRODUZIONE, COMMENTO FILOSOFICO, Matteo Andolfo EDIZIONI SAN CLEMENTE STUDIO DOMENICANO BOLOGNA

GIOVANNI DAMASCENO. De fide orthodoxa. B. Kotter INTRODUZIONE, COMMENTO FILOSOFICO, Matteo Andolfo EDIZIONI SAN CLEMENTE STUDIO DOMENICANO BOLOGNA I Talenti 13 GIOVANNI DAMASCENO ESPOSIZIONE DELLA FEDE De fide orthodoxa TESTO CRITICO B. Kotter INTRODUZIONE, COMMENTO FILOSOFICO, BIBLIOGRAFIA, TRADUZIONE E NOTE Matteo Andolfo EDIZIONI SAN CLEMENTE

Διαβάστε περισσότερα

Un esempio di dialogo interculturale: il percorso traduttivo dei pannelli di una mostra fotografica itinerante dall Italia in Grecia

Un esempio di dialogo interculturale: il percorso traduttivo dei pannelli di una mostra fotografica itinerante dall Italia in Grecia ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΦΙΛΟΣΟΦΙΚΗ ΣΧΟΛΗ ΤΜΗΜΑ ΙΤΑΛΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΑΙ ΦΙΛΟΛΟΓΙΑΣ ΠΡΟΓΡΑΜΜΑ ΜΕΤΑΠΤΥΧΙΑΚΩΝ ΣΠΟΥΔΩΝ: «ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ» ΚΑΤΕΥΘΥΝΣΗ: ΜΕΤΑΦΡΑΣΗ, ΔΙΕΡΜΗΝΕΙΑ ΚΑΙ ΕΠΙΚΟΙΝΩΝΙΑ

Διαβάστε περισσότερα

Agazia Scolastico, Epigrammi

Agazia Scolastico, Epigrammi Scuola Dottorale di Ateneo Graduate School Dottorato di ricerca in Italianistica e Filologia Classico-Medievale Ciclo XXVI Anno di discussione 2014 Agazia Scolastico, Epigrammi Introduzione, testo critico

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA. Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia

UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA. Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia Due miracoli nella Parafrasi del Vangelo di San Giovanni di Nonno di Panopoli: il

Διαβάστε περισσότερα

Mi piace questa nazione e sono dispiaciuto, mi dispiace per la Grecia e per il calcio greco.

Mi piace questa nazione e sono dispiaciuto, mi dispiace per la Grecia e per il calcio greco. FLASH INTERVIEW - Ένα σχόλιο για το παιχνίδι; - A comment for the game? Mi piace questa nazione e sono dispiaciuto, mi dispiace per la Grecia e per il calcio greco. I like this country but tonight I feel

Διαβάστε περισσότερα

Dal volume Cipro Italia A/R Architettura di Emma Tagliacollo

Dal volume Cipro Italia A/R Architettura di Emma Tagliacollo Ambasciata d'italia Dal volume Cipro Italia A/R Architettura di Emma Tagliacollo Il progetto della mostra di Architettura cipriota ha origine da una serie di interrogativi che nascono dal ruolo che ricopre

Διαβάστε περισσότερα

Επιστολή. Αγαπητέ μας

Επιστολή. Αγαπητέ μας Επιστολή Αγαπητέ μας Μετά από είκοσι πέντε χρόνια ενασχόλησης με την θεραπεία πόνου και την καθημερινή επαφή με ασθενείς κυρίως της Ορθοπεδικής ειδικότητος έχουμε καταλήξει εις την άποψη ότι αρκετές παθήσεις

Διαβάστε περισσότερα

Matteo Re. Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA.

Matteo Re. Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA. Matteo Re Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA Actas 2-3 de abril de 2012 UNIVERSIDAD DE TIRANA III edición corregida

Διαβάστε περισσότερα

LA FIGURA DEL MEDICO NELL ANTICA GRECIA TESTIMONIANZE

LA FIGURA DEL MEDICO NELL ANTICA GRECIA TESTIMONIANZE LA FIGURA DEL MEDICO NELL ANTICA GRECIA TESTIMONIANZE Per un introduzione generale sulla figura del medico greco vd. J. Jouanna, Ippocrate, tr. it. Torino 1994, pp. 75-11 e 188. Per maggiori informazioni

Διαβάστε περισσότερα

Divino e Fitoterapia Rituale. Riflessioni su un rituale di evocazione di evocazione (PGM XIII, 1-236)

Divino e Fitoterapia Rituale. Riflessioni su un rituale di evocazione di evocazione (PGM XIII, 1-236) Corso di Laurea magistrale in Scienze dell'antichità: Letterature, Storia ed Archeologia Tesi di Laurea Divino e Fitoterapia Rituale. Riflessioni su un rituale di evocazione di evocazione (PGM XIII, 1-236)

Διαβάστε περισσότερα

ΠΡΟΣΕΥΧΕΣ ΓΙΑ ΦΙΛΟΥΣ PREGHIERE PER GLI AMICI

ΠΡΟΣΕΥΧΕΣ ΓΙΑ ΦΙΛΟΥΣ PREGHIERE PER GLI AMICI SOTIRIS PASTAKAS ΠΡΟΣΕΥΧΕΣ ΓΙΑ ΦΙΛΟΥΣ PREGHIERE PER GLI AMICI (ANTOLOGIA POETICA 1990-2012) Cura e traduzione di MASSIMILIANO DAMAGGIO 1 Quaderni di Traduzioni, XIV, Marzo 2013 Sotìris PASTAKAS / Massimiliano

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA. Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia

UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA. Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia Il mondo secondo Erodoto: aspetti geografici nel testo delle Storie. Relatore Laureando

Διαβάστε περισσότερα

Marco 8:27-38 Un commento

Marco 8:27-38 Un commento Giuseppe Guarino Marco 8:27-38 Un commento Testo greco originale 8-27 Καὶ ἐξῆλθεν ὁ Ιησοῦς καὶ οἱ μαθηταὶ αὐτοῦ εἰς τὰς κώμας Καισαρείας τῆς Φιλίππου καὶ ἐν τῇ ὁδῷ ἐπηρώτα τοὺς μαθητὰς αὐτοῦ λέγων αὐτοῖς

Διαβάστε περισσότερα

ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ

ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΦΙΛΟΣΟΦΙΚΗ ΣΧΟΛΗ ΤΜΗΜΑ ΙΤΑΛΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΑΙ ΦΙΛΟΛΟΓΙΑΣ ΤΑΞΙΔΙΩΤΙΚΗ ΛΟΓΟΤΕΧΝΙΑ ΚΑΙ ΔΙΑΠΟΛΙΤΙΣMΙΚΟΣ ΔΙΑΛΟΓΟΣ. ΤΟ ΠΑΡΑΔΕΙΓΜΑ ΤΟΥ ΝΙΚΟΥ ΚΑΖΑΝΤΖΑΚΗ ΔΙΔΑΚΤΟΡΙΚΗ ΔΙΑΤΡΙΒΗ

Διαβάστε περισσότερα

PERIPHEREIN TON DAIMONA: LA VOCE DEL VENTRILOQUO 1

PERIPHEREIN TON DAIMONA: LA VOCE DEL VENTRILOQUO 1 TOMMASO BRACCINI PERIPHEREIN TON DAIMONA: LA VOCE DEL VENTRILOQUO 1 In una voce non firmata presente nel trentacinquesimo e ultimo volume dell'enciclopedia italiana (1937), la ventriloquia è definita come

Διαβάστε περισσότερα

Immagine di copertina: mosaico raffigurante Gregorio Nazianzeno. Chiesa di S. Maria dell Ammiraglio, Palermo.

Immagine di copertina: mosaico raffigurante Gregorio Nazianzeno. Chiesa di S. Maria dell Ammiraglio, Palermo. ISBN: 978-94-9179-105-5 Immagine di copertina: mosaico raffigurante Gregorio Nazianzeno. Chiesa di S. Maria dell Ammiraglio, Palermo. UNIVERSITÀ DI ROMA «TOR VERGATA» UNIVERSITEIT GENT DOTTORATO DI RICERCA

Διαβάστε περισσότερα

COMMENTO 1-6 Nel proemio del carme Gregorio espone la concezione della natura divina dell uomo in quanto creatura di Dio (cfr. Gen. 1,26-27).

COMMENTO 1-6 Nel proemio del carme Gregorio espone la concezione della natura divina dell uomo in quanto creatura di Dio (cfr. Gen. 1,26-27). COMMENTO 1-6 Nel proemio del carme Gregorio espone la concezione della natura divina dell uomo in quanto creatura di Dio (cfr. Gen. 1,26-27). Vengono così enunciate le prerogative di Dio-Padre celeste

Διαβάστε περισσότερα

Atene παίδευσις e Atene τύραννος

Atene παίδευσις e Atene τύραννος Atene παίδευσις e Atene τύραννος Il dialogo dei Meli e degli Ateniesi: Tucidide V 111-116 CXI. ΑΘ. τούτων µὲν καὶ πεπειραµένοις ἄν τι γένοιτο καὶ ὑµῖν καὶ οὐκ ἀνεπιστήµοσιν ὅτι οὐδ ἀπὸ µιᾶς πώποτε πολιορκίας

Διαβάστε περισσότερα

Certificazione di Lingua Italiana

Certificazione di Lingua Italiana ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙ ΕΙΑΣ, ΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ Ministero dell Istruzione, dell Apprendimento Permanente e degli Affari Religiosi Certificazione di Lingua Italiana

Διαβάστε περισσότερα

PREPARANDOSI PER GLI ESAMI A SCUOLA LIVELLO B (B1 & B2) ESAME D ITALIANO LIBRO DELLO STUDENTE

PREPARANDOSI PER GLI ESAMI A SCUOLA LIVELLO B (B1 & B2) ESAME D ITALIANO LIBRO DELLO STUDENTE B PREPARANDOSI PER GLI ESAMI A SCUOLA LIVELLO B (B1 & B2) ESAME D ITALIANO LIBRO DELLO STUDENTE Το έντυπο αυτό εκπαιδευτικό υλικό δημιουργήθηκε στο πλαίσιο της Πράξης «Διαφοροποιημένες και Διαβαθμισμένες

Διαβάστε περισσότερα

ENRICO MAGNELLI. Immagini del libro nella letteratura di Bisanzio 1*

ENRICO MAGNELLI. Immagini del libro nella letteratura di Bisanzio 1* CentoPagine IV (2010), 107-133 ENRICO MAGNELLI Immagini del libro nella letteratura di Bisanzio 1* 1. Motivi tradizionali Affrontando un argomento come questo, è pressoché inevitabile e subito ne chiedo

Διαβάστε περισσότερα

GIANFRANCO AGOSTI. Ancora sullo stile delle iscrizioni metriche tardoantiche *

GIANFRANCO AGOSTI. Ancora sullo stile delle iscrizioni metriche tardoantiche * Incontri di filologia classica 11 (2011-2012), 233-252 GIANFRANCO AGOSTI Ancora sullo stile delle iscrizioni metriche tardoantiche * La creazione di un nuovo linguaggio letterario, che corrisponda alle

Διαβάστε περισσότερα

5. LO SPIRITO SANTO NELLA CHIESA PRIMITIVA: GLI ESORDI DELLA RIFLESSIONE

5. LO SPIRITO SANTO NELLA CHIESA PRIMITIVA: GLI ESORDI DELLA RIFLESSIONE 5. LO SPIRITO SANTO NELLA CHIESA PRIMITIVA: GLI ESORDI DELLA RIFLESSIONE Fin dall inizio la coscienza trinitaria fu presente in modo esplicito nella Chiesa grazie alla realtà del battesimo, della liturgia

Διαβάστε περισσότερα