Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze

Μέγεθος: px
Εμφάνιση ξεκινά από τη σελίδα:

Download "Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze"

Transcript

1 Incontri triestini di filologia classica 9 ( ), Tommaso Braccini Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze «Talento limitato personalità poco simpatica vanitoso, loquace e litigioso filologo non particolarmente esperto»: questi sono alcuni dei giudizi, decisamente poco lusinghieri, che il più diffuso repertorio sui filologi bizantini, quello di Nigel Wilson, riferisce a Giovanni Tzetze 1. Benché si possano avanzare alcune riserve su queste osservazioni, a Wilson va riconosciuto almeno il merito di aver cercato di inquadrarne, per quanto cursoriamente, la personalità. La figura di questo grammatico bizantino del XII secolo, benché probabilmente nota a tutti coloro che, in qualche misura, si occupano di mitologia classica, tende infatti ad essere annientata e celata dalla mole delle sue opere, come le celebri Chiliadi e i tanti commentari specifici, ad esempio a Licofrone e ad Aristofane. Questi intricati lavori eruditi, spesso imponenti ed effettivamente magmatici, finiscono però troppo spesso per essere liquidati come amorfi contenitori utili solo per ricavarne preziosi frammenti di autori antichi. La personalità dell autore, di conseguenza, sembra svanire. Tzetze, secondo una visione diffusa, assume la dimensione di un compilatore meccanico posseduto da una sorta di libido commentandi che lo spingeva a trasferire di peso nelle proprie opere astruse varianti mitografiche e oziose notazioni grammaticali, spesso fraintese e comunque giustapposte senza alcun criterio. C è da dire che ultimamente, soprattutto in ambito italiano, un analisi più ponderata ed una maggiore sensibilità critica e filologica stanno portando ad una netta rivalutazione della filologia di età comnena in generale e della personalità di Tzetze in particolare: ci si riferisce in particolare agli studi di Andrea Tessier 2 e Maria Jagoda Luzzatto 3, oltreché alla meritoria attività ecdotica di Pietro Luigi Leone, che ha permesso di accostarsi a molte delle opere tzetziane per il tramite di edizioni finalmente moderne e condotte con pieni criteri di scientificità 4. Di particolare utilità, ai fini di una sempre maggiore comprensione della personalità e del modus operandi di questo filologo bizantino, è proprio la conoscenza diret- 1 Cf. Wilson 1990, Il testo di riferimento sulla figura di Tzetze rimane comunque Wendel 1948, in part , da integrare almeno con Trypanis 1990, , e con gli studi citati di seguito. 2 Cf. Tessier In particolare si rimanda a Luzzatto 1998 e Luzzatto Cf. le riflessioni di Luzzatto 1999, 8 e 14, secondo la quale Tzetze continua ad essere penalizzato dalle edizioni ottocentesche nelle quali, spesso, si è ancora costretti a leggere i suoi scritti. Molte apparenti incongruenze, errori, brani incomprensibili risultano infatti perfettamente sanati nelle edizioni moderne, condotte con criteri scientifici e paleografici più sicuri

2 tommaso braccini ta dei suoi testi, da considerare nell insieme della loro struttura, spesso in unione con gli scolii d autore che costituiscono un sussidio indispensabile per comprenderne i meccanismi, le dinamiche, la stessa poetica. Esemplare, in tal senso, si presenta l edizione curata da Leone, nel 1995, dei cosiddetti Carmina iliaca di Tzetze (tradizionalmente divisi in Antehomerica, Homerica e Posthomerica, qui indicati con i numeri d ordine I-III), la prima ad unire al testo metrico la corposa messe degli scolii, fino ad oggi accessibili solo parzialmente 5. I Carmina iliaca costituiscono la prima fatica erudita di Tzetze, che la intitolò Piccola grande Iliade (Μικρομεγάλη Ἰλιάς): piccola perché succinta e di lettura agevole, grande perché destinata a trattare di tutte le vicende connesse alla guerra di Troia, comprese quelle tralasciate o solamente accennate da Omero. 1. Genesi, finalità, fonti dell opera La genesi del testo, esplicitamente rivelata dallo stesso autore, è quantomai curiosa. Intorno al 1131, a circa vent anni di età, Tzetze aveva accompagnato a Berea, in Macedonia, un magistrato, il doux Isacco, per il quale svolgeva le funzioni di segretario. Tutto lasciava sperare il meglio, quand ecco che al giovane Tzetze capitò la medesima disavventura di Giuseppe e Bellerofonte: la moglie del suo superiore, Isacco, si invaghì di lui e, quando si vide respinta, lo diffamò presso il marito, che ovviamente lo scacciò subito dalla sua presenza e lo costrinse a tornare ignominiosamente e precipitosamente a Costantinopoli, pieno di rancore. A questo punto si presentò il problema di come riuscire a sbarcare il lunario, visto che la carriera amministrativa sembrava definitivamente fallita. La scelta di ricorrere all insegnamento dovette essere la più naturale, per un giovane che aveva compiuto un cursus 5 La prima edizione di un frammento (I ) della Piccola grande Iliade, corredato degli scolii, vide la luce nel 1610: Iliacum carmen epici poëtae Graeci, cuius nomen ignoratur, ingenium proditur hoc eleganti Fragmento. Nunc primum prodit cum scholjs ex vet. Mss. membranis Biblioth. V.C. Isaaci Casauboni. Fed. Morellus Parisiis s.d. Nel 1701, il Dodwell dette alle stampe gli ultimi venti versi del poema (III ), insieme agli scolii. Al 1770 risale l edizione dello Schirach, parziale (conteneva I 1-29, ; II 1-225, III , con gli scolii) e funestata da gravi errori. Nel 1788 il Tychsen fu in grado di pubblicare i primi 203 versi degli Antehomerica, a partire dal codice O; e finalmente, nel 1793 lo Jacobs fu in grado di dare alle stampe la prima edizione integrale del poema, munita di un commento; gli scolii, peraltro, erano riprodotti solo in piccola parte. Un testo ampiamente migliorato (anche grazie all apporto di nuovi codici) fu fornito nel 1816 dal Bekker. Il testo dello Jacobs fu ristampato nel 1829 all interno di una miscellanea, curata dal Tauchnitz, contenente anche il testo di Quinto Smirneo, Colluto e Trifiodoro; l edizione del Bekker, invece, confluì nel 1841 (con alcune emendazioni) nel grande volume, curato dal Lehrs, delle edizioni Firmin-Didot dedicato ad Esiodo, Apollonio Rodio ed altri poeti greci; ancora una volta mancavano gli scolii, ma era presente una traduzione latina dell intero poema

3 erudita invenzione: riflessioni sulla piccola grande iliade di g. tzetze di studi piuttosto approfondito. A Costantinopoli, tuttavia, i maestri di scuola pullulavano, e Tzetze doveva inventarsi qualcosa per farsi un nome, una sorta di biglietto da visita che gli permettesse di far conoscere a tutti l ampiezza delle sue conoscenze. E tale biglietto da visita fu costituito proprio dai 1676 esametri dattilici che compongono la Piccola grande Iliade. C è un dettaglio su cui è importante soffermarsi, e che forse non è stato sottolineato abbastanza: la Piccola grande Iliade costituisce, nelle intenzioni dell autore, un poema vero e proprio, nel quale viene ricostruita tutta la storia della guerra troiana, e non un semplice commentario come, peraltro, lo stesso Tzetze avrebbe prodotto negli anni successivi (e ci si può riferire all Esegesi dell Iliade e alle Allegorie all Iliade 6 ). Il modus procedendi di Tzetze nella composizione del suo poema, e i criteri che ne risultarono alla base, sono in qualche modo illustrati proprio nel lungo scolio d autore al titolo (p. 101 Leone), dove può essere individuata, se non una poetica, almeno una qualche dichiarazione d intenti: Ὁ παρὼν ποιητής, φιλοσύντομος ὤν καὶ τῆς ὠφελείας τῶν νέων φροντίζων, συνοπτικῶς τὴν πᾶσαν Ἰλιάδα ἐν τῇ παρούσῃ βίβλῳ ἐξέθετο. φιλόμηρος δὲ εἴπερ τις ἄλλος τελῶν, ἐπειδή τινας εὕρισκε τὸν Ὅμηρον λέγοντας δαιμονιώδεις δοξάζειν θεούς, οὐ μὴν δὲ τὰς ψυκικὰς δυνάμεις καὶ τοὺς ἀστέρας καὶ τὰ στοιχεῖα καὶ τοὺς σοφοὺς ἐνίοτε καὶ τοὺς βασιλεῖς λέγειν θεούς, τοῦτο δεικνὺς καὶ ἀνατρέπων τὸν λῆρον αὐτῶν, χριστιανικώτατος ὤν καὶ ἐν τοῖς ἡμετέροις χρόνοις Καλλιόπας καὶ Μούσας καὶ θεούς φησι καὶ αὐτός, δεικνὺς πάντως ἐκ τούτων ὡς καὶ Ὅμηρος οὕτω ταῦτα πάντα ἐλάμβανεν. Questo poeta, dal momento che ama la concisione e si preoccupa di ciò che è vantaggioso per i giovani, in questo libro ha esposto una panoramica dell intera guerra di Troia. Essendo un grande ammiratore di Omero, di fronte a chi afferma che Omero glorifica delle divinità demoniache, senza però considerare che definisce dèi le potenze spirituali, gli astri, gli elementi, talora i sapienti ed i re, questo poeta mostra dunque come stanno le cose e confuta tali ciance parlando anch egli ai nostri tempi, da perfetto cristiano, di Calliopi e Muse e dèi, dimostrando perfettamente con questo mezzo come anche Omero intendesse tutto ciò proprio in questo senso 7. Il primo dato che emerge è quello della volontà di offrire ai giovani (ovvero, si potrebbe osservare maliziosamente, ai potenziali clienti) una panoramica concisa della guerra di Troia. Non dei poemi omerici, dunque, ma di tutto il ciclo mitico connesso alla caduta di Ilio, a partire dagli antefatti fino alla partenza degli Achei 6 Sull opera tzetziana relativa ai poemi omerici, si può rimandare alla messa a punto di Morgan Questa traduzione e le seguenti sono mie. La Piccola grande Iliade, peraltro, non è mai stata tradotta per intero in alcuna lingua moderna; in italiano sono fruibili pochi excerpta (rispettivamente I 32-85, II e III 1-36) brevemente introdotti e commentati in Cantarella 1992, II,

4 tommaso braccini verso le rispettive patrie. Tzetze dunque vuole fornire un resoconto accurato ed oggettivo della guerra troiana, e per far ciò non esita a distaccarsi ripetutamente ed ostentatamente dalla vulgata, accusando spesso i vari autori che trattarono della saga troiana (Omero, ma anche Quinto Smirneo e Trifiodoro, per esempio 8 ) di aver scritto sciocchezze e falsità. Questo atteggiamento critico verso gli autori classici è una costante in tutta la produzione di Tzetze: si possono ricordare le bordate contro le Rane di Aristofane che compaiono nel commento alle stesse (ai vv. 25 e 1144 si lamenta che il poeta doveva essere ubriaco mentre scriveva, al v. 358 nota che Aristofane aveva scritto solo stupidaggini in quella commedia, al v. 422 era irritato dall oscenità dell affermazione 9 ), per non parlare degli strali contro Tucidide da lui vergati a margine di un suo manoscritto, rimproverandogli l eccessiva oscurità e anteponendogli decisamente Erodoto 10. Quali sono, comunque, le fonti alle quali attinse Tzetze per redigere la sua storia della guerra troiana, che nei suoi intenti avrebbe dovuto essere più accurata e fededegna degli stessi poemi omerici? Per la prima parte, i cosiddetti Antehomerica, le fonti principali sono lo Ps.-Apollodoro, Giovanni Malala, Ditti Cretese (noto a Tzetze nel suo perduto originale greco), Giovanni Antiocheno, l Eroico di Filostrato, e naturalmente la scoliografia su Omero. Negli Homerica, il riferimento primario è naturalmente l Iliade, ma spesso compaiono confronti (in genere a sfavore di Omero) con lo Ps.-Apollodoro, Malala, Ditti Cretese. Nei Posthomerica, infine, oltre allo Ps.-Apollodoro, a Malala, a Ditti, all Eroico di Filostrato, le fonti principali sono Quinto Smirneo e Trifiodoro, ai quali per alcuni episodi si possono aggiungere il Filottete di Sofocle, le Troiane di Euripide, l Alessandra di Licofrone ed i Lithica orfici 11. Per quanto riguarda infine gli scolii, si segnala tra l altro l utilizzo, da parte di Tzetze, dell intero Peplus (noto anche con la forma plurale di Peploi) dello Ps.-Aristotele o almeno di una sua selezione più ampia dei frammenti oggi noti 12. La base della materia troiana trattata da Tzetze è dunque costituita da un ampio corpus di autori antichi che trattarono dei vari episodi mitici, dal giudizio di Paride alla Iliou halosis. Per la nostra ottica, a dire il vero, alcune delle sue scelte potreb- 8 Si può citare anche Diodoro Siculo, contro il quale Tzetze si scaglia nello scolio a III 761: «In base a quanto dice Diodoro [I 5,1], risulta che Troia fu presa 418 anni prima della prima Olimpiade. Ma io ritengo una sciocchezza quanto essi affermano riguardo alle Olimpiadi, perché so perfettamente che furono istituite da Eracle». 9 Cf. Koster 1952; Wilson 1990, Cf. Luzzatto 1999, Cf. Leone 1984, Cf. Leone 1985, 293. Si trattava, a quanto si può desumere, di un trattato storico-genealogico sui principali eroi della mitologia greca, arricchito dagli epigrammi che si ritenevano collocati sui loro sepolcri; sono proprio queste composizioni ad essere frequentemente citate da Tzetze. I frammenti dei Peploi sono raccolti in Aristotelis qui ferebantur librorum fragmenta, ed. V.Rose, Leipzig 1886, 8.50, frr

5 erudita invenzione: riflessioni sulla piccola grande iliade di g. tzetze bero forse sembrare discutibili, come per esempio il ruolo preminente dato a Malala Ditti Cretese, di cui non si mette minimamente in dubbio la natura di testimone oculare della guerra troiana; resta il fatto che, in effetti, la panoramica che l erudito bizantino arriva a fornire è davvero molto dettagliata. Il bagaglio culturale del giovane grammatico, poco più che ventenne, doveva in effetti essere notevole. Del resto egli stesso ne era consapevole, e negli scoli a I 124 (p. 129, 1-3 Leone) arriva ad affermare, con caratteristica modestia: «Non c è mai stato nessuno, infatti, che abbia compreso perfettamente quanto noi la metrica e la poetica. E inoltre non c è nessuno dei nostri contemporanei e coetanei che abbia letto più libri, eccezion fatta per quelli teologici» 13. La Piccola grande Iliade doveva costituire una dimostrazione di questa affermazione, che è stata in effetti avallata anche da una serie di studi recenti 14. E dunque nel tessuto delle fonti più note e diffuse che avevano trattato del ciclo troiano, si vanno a inserire, quasi in guisa di ricami, elementi tratti da autori rari o opere decisamente meno conosciute, per noi spesso irraggiungibili, e che Tzetze non si trattiene dallo sfoggiare, anche a rischio di allontanarsi dal suo proposito di comporre, come si è visto, una breve e concisa panoramica. 2. L elemento erudito Sarebbe ovviamente impossibile passare in rassegna in questa sede tutti i rimandi, le allusioni, i recuperi dotti presenti nella Piccola grande Iliade, che peraltro sono in genere minuziosamente illustrati dall apparato dei loci similes dell edizione di Leone. Ci si può però limitare ad addurre qualche esempio per documentare le differenti modalità con le quali Tzetze adoperava il materiale erudito. Da un lato, si riscontrano citazioni preziose, spesso inserite di peso nel testo. Risulta notevole, in tal senso, il verso dalla Piccola Iliade di Lesche (fr. 9 Bernabé) integralmente incastonato nei Posthomerica, III 720, νὺξ δ ἄρ ἔην μέσση, λαμπρὴ δ ἐπέτελλε σελήνη, e debitamente segnalato nello scolio ad loc. (p. 242 Leone: ὁ στίχος οὗτος τοῦ Λέσχη ἐστὶ τοῦ τὴν μικρὰν Ἰλιάδα ποιήσαντος). Altrettanto frequente è l accenno ellittico a rare varianti mitiche, che Tzetze si limita a toccare cursoriamente (e non senza affettazione), senza beneficiare il lettore di una spiegazione più chiara che ne metta in luce l origine. Verrebbe voglia di sapere qualcosa 13 Ἔτι δὲ οὐδὲ τῶν κατὰ τὸν αὐτὸν χρόνον καὶ τὴν αὐτὴν ἡλικίαν τελούντων ἡμῖν τις πολυπληθεστέρας ἀνέγνωκε βίβλους, πλὴν μέντοι τῶν θειοτέρων [ ]. 14 Cf. Wendel 1948, cc , nonché Wilson 1990, 302s.: «qualunque fossero le sue fonti, certo è che egli lesse dei testi poi andati perduti anche uno scettico ammetterà che egli aveva letto dei libri ora non più disponibili», e soprattutto Luzzatto 1998, e Luzzatto 1999, 7, 34-35, 40 nt. 48, 44, ,

6 tommaso braccini di più, per esempio, sulle fonti di Tzetze per quanto concerne i figli di Ettore al plurale accennati in III 734, Ἑκτορίδας δ ἀπὸ πύργων ἄγριος ὦσεν Ὀδυσσεύς; lo scolio ad locum fa i nomi di Astianatte, Laodamo e poi aggiunge che: «altri hanno tramandato anche il nome di Sapernio come ulteriore figlio di Ettore» 15. L esistenza di più figli di Ettore era postulata già da Ellanico, FGrH 4 F 31.68, citato da Dion. Hal. AR I 47,5; in particolare Laodamo, fratello di Astianatte, è menzionato da Ditti (VI 12), che lo chiama Laodamante, e dagli autori che da lui attingono. Molto più oscuro risulta invece Sapernio, che pure doveva essere il protagonista di alcune varianti mitiche, per noi perdute, relative alla fondazione di Roma. Come risulta dagli Sch. in Lyc (dove alcuni manoscritti lo chiamano Saturnio), secondo una tradizione avrebbe fondato Roma insieme al fratello Astianatte ed a Romolo e Remo, considerati figli di Enea e Creusa. L accenno di Tzetze indubbiamente incuriosisce, ed oggi come allora suscita interrogativi sulle fonti esoteriche che evidentemente dovevano essere a disposizione del grammatico bizantino. Vi sono poi dei veri e propri excursus nei quali, prendendo spunto (talora non senza forzature) dalla narrazione, Tzetze si lancia in tours de force di erudizione, che talora oggi risultano molto utili per ampliare o integrare le conoscenze relative a vicende apparentemente molto lontane da quelle degli eroi omerici. La Piccola grande Iliade costituisce, ad esempio, una fonte importante per la celebre narrazione degli specchi ustori, che com è noto sarebbero stati escogitati da Archimede durante l assedio di Siracusa. Tzetze ne inserisce la menzione, a partire dalla menzione dello splendore delle armi di Diomede, nella sua rapidissima ripresa del canto V dell Iliade (II 44-48): Ὣς τῶν μαρναμένων Διομήδης ἔνθορε μέσσον, τεύχεσι λαμπόμενος πυρὶ τεχνήεντι ἀφλέκτῳ, 45 οὐχ οἷον φλογέεσκε Συρακοσίοιο κατόπτρου, τῷ ῥ Ἀρχιμήδης φλόγα εἵλκυσεν ἠελίοιο, πρῆσε δὲ Μάρκου Μαρκέλλου νέας Αἰνεάδαο. Così Diomede balzò in mezzo ai combattenti, brillando nelle armi per un fuoco artificiale privo di fiamma, 45 non come bruciava quello dello specchio siracusano, con cui Archimede attrasse la fiamma del sole e bruciò le navi dell eneade Marco Marcello. Per comprendere appieno il passo, occorre rifarsi agli scolii al v. 46. In primo luogo, Tzetze afferma che il Tidide era munito di armi rivestite di specchi per accecare i nemici con i riflessi: si tratta di un interpretazione razionalistica dei versi omerici (Il. V 1-8), nei quali Atena fa brillare di una mirabile fiamma l elmo e lo 15 P. 242 Leone: ἕτεροι δὲ καὶ Σαπέρνιον υἱὸν παραδεδώκασιν Ἕκτορος

7 erudita invenzione: riflessioni sulla piccola grande iliade di g. tzetze scudo del suo campione, nel momento in cui questi si accinge a scendere in battaglia. Successivamente, il filologo bizantino spiega la propria allusione erudita: questo Archimede viveva ai tempi di Gerone e Pitagora, ed era un vecchio siracusano che si occupava di geometria e meccanica, arrivato a quasi ottant anni di età, che ha fatto molte altre cose, ma soprattutto con grandi marchingegni fiaccò Marcello, il generale romano, che attaccava ferocemente Siracusa per terra e per mare. [ ] Marcello, rinunciando ad attaccare le mura dal mare, allontanò le navi di un tiro d arco; ma quello, avendo fabbricato uno specchio esagonale della grandezza di un piede e poi disponendolo in modo che fosse sempre ugualmente rivolto ai raggi del sole di mezzogiorno, sia d estate sia d inverno, ed avendo collocato quattro specchi più piccoli presso ciascun angolo di quello principale, riuscì ad incendiare le navi, che pure erano così distanti, riflettendo i raggi del sole 16. Il lungo scolio su Archimede (che pure si apre con una svista: Tzetze, infatti, lo vuole contemporaneo di Pitagora) si rivela molto interessante, giacché deriva dal perduto quindicesimo libro della Storia romana di Cassio Dione, e può essere utilmente accostato alle altre due testimonianze che finora ne tramandavano un riassunto, ovvero l epitome di Zonara (IX 4-5) ed un passaggio dello stesso Tzetze, Hist. II (il quale rimanda anche a Diodoro Siculo come propria fonte). C è da notare che la storia degli specchi ustori, nella sua forma più completa, è tramandata proprio da Zonara e Tzetze: in Polibio (VIII 3-6), Livio (XXIV 34), Plutarco (Marc ) non compare infatti alcuna menzione in merito, e in Luciano (Hipp. 2) e forse Apuleio (Ap ) c è solo un accenno estremamente cursorio 17. Benché in anni recenti siano stati avanzati molti dubbi sulla possibilità che Archimede fosse effettivamente riuscito ad incendiare le navi romane con questo sistema 18 e si sia sottolineata la tardività della tradizione, occorre ricordare che gli specchi ustori erano effettivamente conosciuti dai matematici antichi 19, ed alcuni trattati (o frammenti di essi), in greco o più frequentemente in traduzione araba, attribuiti tra gli altri a Diocle ed Antemio, sono effettivamente sopravvissuti P Leone Συρακοσίοιο κατόπτρου ὁ Ἀρχιμήδης οὗτος ἐπὶ Ἰέρωνος ἦν καὶ Πυθαγόρου, γέρων γεωμέτρης μηχανικὸς Συρακούσιος τὴν ἡλικίαν ἐγγὺς ὀγδοήκοντα ἐτῶν, ὃς μυρία μὲν πεποίηκεν ἕτερα, ἀλλὰ καὶ Μάρκελλον τὸν στρατηγὸν τῶν Ῥωμαίων τῇ Συρακούσῃ πολέμῳ βαρεῖ κατὰ γῆς καὶ θαλάσσης ἐπιτεθέντα μεγάλοις συνέθραυσε μηχανήμασι... ἀπογνοὺς δὲ ὁ Μάρκελλος τὸν τείχους ἐπίπλουν τόξου βολὴν πόρρωθεν εἵλκυσε ταύτας [sc. le navi] ὁ δὲ κάτοπτρον ἑξάγωνον ποιήσας ποδιαῖον τὸ μέγεθος καὶ ἀνατείνας αὐτό, ὡς ἀπέχειν ἐξ ἴσου διαστήματος μεσημβρινῆς, θερινῆς καὶ χειμερινῆς ἡλίου ἀκτῖνος καὶ θεὶς παρ ἑκάστην ἐκείνου γωνίαν ἕτερα τέτταρα μικρότερα κάτοπτρα, τῇ ἀνακλάσει τῆς ἀκτῖνος τὰς ὁλκάδας ἐνέπρησε τοσοῦτον ἀφεστηκυίας. 17 Sull importanza di Tzetze come testimone della storia degli specchi ustori, cf. in ultimo Jal 2007, dove si ritiene peraltro poco plausibile che l episodio comparisse già in Diodoro Siculo. 18 Cf. Simms 1977, e, in ultimo, Geymonat 2006, Cf. in particolare Russo 2001, 87s. 20 Si possono leggere in Rashed

8 tommaso braccini In ogni modo, Tzetze risulta un testimone fondamentale di questa tradizione, che evidentemente amava ricordare, al punto da citarla per esteso fin dalla sua prima opera erudita, la Piccola grande Iliade, per poi ribadirla nella Chiliadi. Forse questa insistenza era motivata da qualcosa di diverso rispetto alla semplice volontà di sfoggiare la propria erudizione. Occorre infatti notare come la digressione su Archimede, per quanto forse fin troppo gratuita per un osservatore moderno, sembri tuttavia collimare in pieno non solo con gli interessi personali di Tzetze, ma soprattutto, con ogni probabilità, anche con quelli dei personaggi altolocati che cercava di impressionare con il suo sapere. Il filologo bizantino aveva sicuramente coltivato studi matematici 21, e la digressione potrebbe essere motivata dall interesse verso le macchine da guerra che risulta documentato per i membri della dinastia dei Comneni 22. In questo caso, dunque, l excursus potrebbe essere stato finalizzato a sottolineare la competenza di Tzetze anche nel campo degli studi applicati, come quello della catottrica e degli apparati bellici. 3. L allegoria: tra forma e interpretazione I preziosismi eruditi, dunque, costituiscono un elemento importante nella composizione del poema di Tzetze, perlomeno a livello contenutistico, ed è indubbio che, sia per i Bizantini sia per i moderni, costituiscano uno dei pregi maggiori dell opera forse l unico, per molti filologi moderni, che grazie ad essi sperano di ricavare frammenti di autori perduti e sussidi importanti a livello antiquario. Nello scolio preliminare alla Piccola grande Iliade, tuttavia, come si è visto l accento viene posto, più che sul contenuto, su alcuni aspetti della forma: Essendo un grande ammiratore di Omero, di fronte a chi afferma che Omero glorifica delle divinità demoniache, senza però considerare che definisce dèi le potenze spirituali, gli astri, gli elementi, talora i sapienti ed i re, questo poeta mostra dunque come stanno le cose e confuta tali ciance parlando anch egli ai nostri tempi, da perfetto cristiano, di Calliopi e Muse e dèi, dimostrando perfettamente con questo mezzo come anche Omero intendesse tutto ciò proprio in questo senso. 21 Oltre ai vari accenni presenti nelle sue opere, si possono ricordare i i «frammenti di diversi matematici» che, insieme ad un piccolo codice delle Vite plutarchee, costituivano gli unici due componenti della biblioteca di Tzetze, dopo che quest ultimo aveva dovuto vendere tutto il resto per sbarcare il lunario in seguito alla rovinosa fuga da Berea (il fatto è riferito in Exeg. in Il. p , dove tra l altro si rimarca come la suddetta raccolta matematica non fosse stata venduta solo perché nessuno vi era interessato!). 22 È il caso, in particolare, di Andronico Comneno: cf. Nic. Chon. V 3,4 e X 3,

9 erudita invenzione: riflessioni sulla piccola grande iliade di g. tzetze Tzetze, in altri termini, si concentra sulla veste che deve assumere la sua produzione poetica, una veste che da un lato vuole essere rispettosa delle convenzioni omeriche, dall altra deve necessariamente evitare di urtare la sensibilità cristiana, tantopiù che, come si è visto, la Piccola grande Iliade era una sorta di biglietto da visita destinato a far conoscere il giovane maestro e a procurargli nuovi, e possibilmente facoltosi, allievi. Lo strumento per ottenere questa conciliazione non costituiva una novità, ed anzi, era stato utilizzato, per rendere accettabili i miti omerici, fin da prima della diffusione del cristianesimo. Si tratta, com è ovvio, dell allegoria, e la sua applicazione a Bisanzio, in relazione a Omero, è stata ben studiata da Paolo Cesaretti 23. Tzetze si inserisce a pieno titolo in questa tradizione, ed anzi ne costituisce un esponente particolarmente importante, dal momento che arriverà a scrivere, com è noto, anche delle Allegorie all Iliade e all Odissea. Nello scolio proemiale alla Piccola grande Iliade, peraltro, emergono alcune considerazioni importanti. Da un lato, Tzetze scagiona Omero da ogni sospetto di parlare di entità demoniache, quando accenna alle divinità; dall altro, specifica chiaramente che la sua allegoria sarà puramente psicologica e fisica, con appena qualche tratto di evemerismo 24. Rimane dunque fuori un particolare tipo di interpretazione allegorica che era stata precedentemente tentata da Michele Psello, il quale aveva ipotizzato che, dietro il velame dei versi omerici, potesse celarsi l allusione a verità cristiane 25. Tzetze era ben consapevole di questo tentativo, ma decide di non seguirlo, ed anzi arriva esplicitamente a tacciarlo di inconsistenza proprio nella Piccola grande Iliade. Nel breve sunto del quarto canto dell Iliade, infatti, così vengono interpretati (II 26ss.) i riferimenti omerici al concilio degli dèi (1-4) e al ruolo di Ares nell incitare i combattenti sul campo di battaglia ( ): Ἐν δὲ θεοὶ ἀλλήλους ὥρων ἤματι κείνῳ, ὀκρυόεις Κρόνος ἠδέ τε Ἄρης ὀβριμόθυμος, 440 οἵ ῥά τε δόξης αἰζηοὺς πολέμων ἀπόερξαν, αὐτοὺς δ αὖ κατέπεφνον, σφῶν δὲ πόληας πέρσαν... [ ] ὣς τότε εἰσορόωντες Τροίῃ κήδεα τεῦχον. 445 «Ma in quel giorno si guardavano l un l altro gli dèi, 440 il raggelante Crono ed il violento Ares, che privano i giovani della gloria delle guerre, e li uccidono, e ne distruggono le città, [ ] così allora guardandosi preparavano strazi per Troia.» Cf. Cesaretti 1991, nonché Matzukis Sulla presenza di queste tre forme di allegoria in Tzetze, che ovviamente le attinge dall antichità, cf. anche Hunger 1954; Wilson 1990, 299; Brisson 2004, 117s. 25 Sulla peculiare allegoria cristiana tentata da Psello, cf. Brisson 2004,

10 tommaso braccini Gli scolii chiariscono l interpretazione. Con dèi si intendono le stelle, e tutto il passo omerico dev essere inteso in chiave astrologica, come un allusione a particolari configurazioni astrali che si rivelarono sfavorevoli ai Troiani. Tzetze, nel sottolineare questa sua interpretazione, sottolinea di avere anche un bersaglio: «dico ciò riferendomi a Psello: egli infatti, nella sua esegesi del quarto canto, asserisce che qui gli dèi sono i Cherubini e i Serafini» 26 ; e questa condanna è ricapitolata nello scolio all ultimo verso, e in particolare all espressione «Così allora guardandosi»: per Tzetze si tratta di una figura esplicativa e chiarificatrice rispetto a quanto procede, sempre con un riferimento a chi aveva interpretato gli dèi di Omero come Cherubini e Serafini dall influsso dannoso, quasi come se gli dicesse: O sapientissimo, in questo caso gli astri Crono e Ares, definiti dèi da Omero, guardandosi l un l altro in quadratura (certo non si tratta di Cherubini e Serafini: infatti Omero non li conosceva), così allora guardandosi in quadratura, non come tu dici, procuravano dolori ai Troiani. 27 Tale netta confutazione di Psello, peraltro reiterata anche nelle opere più tarde dello stesso Tzetze 28, rimarca dunque un inappellabile rigetto dell allegoria cristianizzante, che forse, in un epoca di relativa rigidità dottrinale e intellettuale come quella comnena, poteva risultare pericolosa 29. Le categorie ammesse, invece, sono quelle delle potenze spirituali, gli astri, gli elementi, talora i sapienti ed i re, ovvero dell allegoria psicologica, astronomica e fisica, ed infine evemeristico-storica 30. Il fatto che una simile griglia potesse essere usata per interpretare e depaganizzare i poemi omerici, ribadiamo, non costituisce una novità. Tzetze, tuttavia, si dimostra molto a suo agio con essa, e, lungi dal ripresentare interpretazioni viete e banali, arriva a proporre proprie linee esegetiche che non hanno paralleli nella tradizione 26 P. 160 Leone πρὸς τὸν Ψελλὸν ἀποτεινόμενος ταῦτα φημί ἐκεῖνος γὰρ τὴν Δ ῥαψῳδίαν ἐξηγούμενος θεοὺς ἐνταῦθα τὰ Χερουβὶμ καὶ Σεραφὶμ εἶναι λέγει. 27 P Leone τὸ σχῆμα ἐπιλυτικὸν καὶ βεβαιωτικὸν τῶν προτέρων τὴν ἀπότασιν πάλιν ἔχον πρὸς τὸν ἐξηγησάμενον ἐν Ὁμήρῳ θεοὺς εἶναι τὰ Χερουβὶμ καὶ Σεραφὶμ καὶ βλάμμα τούτων, ὁποῖον δήποτε καί φησι πρὸς αὐτὸν μονονού ὦ σοφώτατε, οἱ ἀστέρες νῦν παρ Ὁμήρῳ θεοὶ Κρόνος καὶ Ἄρης ἐκ τετραγώνου σχήματος ὁρῶντες ἀλλήλους (οὐ μὴν δὲ Χερουβίμ τε καὶ Σεραφίμ οὐ γὰρ Ὅμηρος ταῦτα ἠπίστατο), οὕτω τότε ὁρῶντες ἐκ τετραγώνου, οὐχ ὡς σὺ φῄς, ἄλγη τῇ Τροίᾳ ἐπέφερον. 28 In particolare nelle Allegorie all Iliade: cf. Cesaretti 1991, 133s. 29 Per la sclerotizzazione della cultura bizantina in epoca comnena, soprattutto quando si andavano a toccare questioni attinenti alla religione, cf. Browning È stato peraltro sottolineato come, una volta salvate le forme, gli intellettuali avessero comunque un discreto margine di manovra: cf. Magdalino 1993, Nelle opere successive, Tzetze propendeva per una triplice ripartizione dell allegoria: retorica, fisica e astronomica nell Esegesi all Iliade, fisica, psicologica e pragmatica nelle Allegorie all Iliade: cf. Cesaretti 1991,

11 erudita invenzione: riflessioni sulla piccola grande iliade di g. tzetze precedente. Si prenda ad esempio la sua trattazione del giudizio di Paride: è ovvio che non può affatto accettare la lettera della versione tradizionale, che vedeva coinvolte ben tre dèe pagane, e per questo si riaggancia ad una allegoresi evemeristicostorica di origine probabilmente tardoantica (compare infatti in Malala 5, 2 p. 92), secondo la quale Paride sarebbe stato un retore di grido, autore di un opera in opera in cui la passione (ossia Afrodite) era giudicata superiore agli altri moti dell animo. Tzetze tuttavia si spinge oltre, ed arriva a fornire la propria personale spiegazione dell episodio (I 65-74): αὐτὰρ ἐμοὶ δοκέει τόδε λώϊον ἔμμεναι ἄλλο, ὥς ῥα σοφὸς τελέων περὶ κόσμου γράψε γενέθλης, ἐκ Χάεος Ἐρέβους τε ὅπως πρώτιστα φάανθεν Πηλεύς, γαῖα φερέσβιος, ἠδὲ Θέτις γε, θάλασσα, ἐν δ Ἥρη πυρόεσσα καὶ ἠέρος εὖρος, Ἀθήνη σὺν δ ἄρα τῇς ἐπέην φιλίη, χρυσῆ Ἀφροδίτη. 70 νεῖκος δ αὖτ, Ἔρις, ἔνθετο μῆλον, κόσμον, ἄεθλον, τὰς δ ἄρα μὴν νικήσασα φιλίη, Ἀφροδίτη, εἵλετο κόσμον ἅπαντα καὶ ἔμπεδον εἰσέτι ἴσχει τοὕνεκα μυθεύσαντο γάμους καὶ ἔριν δὲ θεάων. Ma a me sembra essere migliore quest altra tradizione, che, essendo un sapiente, scrisse sulla generazione del mondo, come dapprima da Caos e da Erebo apparvero Peleo, la terra datrice di vita, e Teti, il mare, e poi Era infuocata, e Atena, l ampiezza dell aria; e con esse c era l amore, l aurea Afrodite. 70 Ma poi la rivalità, Eris, mise in palio il pomo, ossia il mondo. Dunque l amore, ossia Afrodite, avendole vinte si prese tutto il mondo ed ancora ben saldo lo tiene: perciò favoleggiarono delle nozze e della contesa delle dee. Questa curiosa interpretazione che vedeva in Paride un filosofo, autore di una Cosmogonia di sapore vagamente empedocleo (Leone giustamente rimanda al fr. 4, 17ss. Gallavotti 31 ), sembra essere un prodotto genuino di Tzetze, che la ribadisce anche altrove, in particolare nei versi proemiali delle Allegorie all Iliade ( Matranga = Boissonade), dove rivendica esplicitamente quest interpretazione come una propria fine allegoria (v. 249 M. = 250 B., ὁ Τζέτζης δ ἄπαντα λεπτῶς ἀλληγορεῖ). 31 La presenza di un richiamo a Empedocle potrebbe non essere casuale: si è visto come sia stato ipotizzato che Tzetze avesse a disposizione un antologia del filosofo di Agrigento

12 tommaso braccini 4. L invenzione di miti Tzetze, tuttavia, si spinge anche molto oltre nel suo rapporto attivo, e non meramente compilatorio, con l esegesi: ciò che più conta nel caso della Piccola grande Iliade, infatti, è che il suo autore si serve dello strumento allegorico non solo per spiegare, ma anche per compiere il percorso inverso ovvero creare, inventare poesia utilizzando le basi e gli elementi del linguaggio allegorico. Ciò è possibile grazie ad una distinzione tra cause materiali (hylika aitia) e cause poetiche (poietika aitia) delle cose, distinzione che sarebbe stata ben nota allo stesso Omero, che spesso avrebbe dato mostra di sapersi rapportare ad entrambe. Ponendosi dunque sotto il magistero di Omero, lo stesso Tzetze si compiace di creare miti a partire da elementi fisici e naturali. Si pensi ad esempio all inizio della ritrattazione tzetziana (II ) del ventiquattresimo canto dell Iliade: Ἀλλ ὅτε δὴ τρισκαιδεκάτη θέλεν ἐλθέμεν ἠώς, αὐτίκ ἄρα μέγαν Οὐρανὸν ὦρσε φερέσβιος Ἥρη, Ἄκμονος ἀκαμάτοιο ἐῢν γόνον, ἐμπεδόμοχθον, ὑψοῦ ὑπὲρ γαίης ἐξ ὠκεανοῖο φορεῖσθαι Νὺξ δ ἀέκουσα θεὰ Κρονίης ἐπέβαινε κελεύθου, ὀψομένη Τιτῆνας ἀμειδέας, ἠερόεντας 280 Ἠὼς δ αὖτ ἀνέβαινεν ἀπὸ Κρόνου ἐς Διὸς οὖδας. ἔχθρα γὰρ ἀλλήλῃσιν ἀνάρσιος ἔπλετο τῇσιν οὐδέποτ εἰσορόωσιν, ἀποστροφέουσι δ ὀπωπάς. οὐδέποθ ἓν μέγαρον κατέρυξεν εἰς ἓν ἰούσας, οὕνεκα Νὺξ κροκόπεπλον ἐγείνατο Ἠριγένειαν, 285 ἡ δὲ χαλιφρονέουσα ἀείρεται εἴδεϊ καλῷ, οὐδ ἄρα θρέπτρα δίδωσιν ἀμείλιχος, ὥς περ ἐῴκει ὀργὴ δ ἀμφοτέρῃσι πανάγριος ἔμπεσε τοία. τοὕνεκα Νὺξ κατέβαινε ποτὶ Κρόνον ἠερόεντα, κούρη δ Ἠριγένεια Διὸς ἐπέβαινε μελάθρων. 290 Ma quando invero stava per giungere la tredicesima alba, subito dunque l alma Era destò il grande Urano, il nobile figlio, vincolato nel lavoro, dell infaticabile Acmone, affinché dall oceano si portasse in alto sopra la terra: e malvolentieri la Notte, la dea, intraprese il cammino di Crono, per andare a vedere i Titani mesti, tenebrosi: 280 ed invece l Aurora sorgeva da Crono alle soglie di Zeus. Un aspra inimicizia infatti vi era tra loro, che mai si guardavano, ma distoglievano lo sguardo. Né mai le accolse una sola dimora insieme, poiché la Notte generò l Aurora dal peplo di croco, 285 e quella dissennata s insuperbisce per il bell aspetto né dunque ricambia le cure della madre, spietata, come pure dovrebbe: e tra esse nacque tale ira feroce

13 erudita invenzione: riflessioni sulla piccola grande iliade di g. tzetze Perciò la Notte scendeva al tenebroso Crono, e la figlia Aurora ascendeva alle dimore di Zeus. 290 Nello scolio al v. 285, Tzetze dichiara apertamente che «tutto questo è un mito poetico inventato da me» (τὸ δὲ ὅλον τοῦτο ποιητικός μῦθός ἐστι πλασθεὶς παρ ἐμοῦ), e anche negli scolii agli altri versi vengono fornite puntuali spiegazioni delle scelte dell autore. Con Era, dunque, si intende l aria, in quanto elemento vivifico, e particolarmente connesso al cielo in quanto «alcuni filosofi sostengono che il cielo si muova a causa delle esalazioni» (ἐξ ἀναθυμιάσεων δὲ λέγουσί τινες φιλόσοφοι κινεῖσθαι τὸν οὐρανόν) 32 ; Urano, il cielo, è definito figlio di Acmone per il fatto che non si sforza e non si affatica (μὴ κεκμηκέναι) quando si muove, e vincolato nel lavoro «in quanto sferico: infatti il suo movimento è stabile e prefissato, in quanto gira intorno al medesimo luogo, e si muove in cerchio»; per poi concludere con l osservazione secondo cui «con Crono si intende l emisfero inferiore (così come con Titani), con Zeus, invece, l emisfero superiore». Tzetze dunque, grazie alla sua padronanza dell allegoria, è in grado non solo di decodificare le immagini omeriche, ma anche di crearne dei facsimili autonomi 33. L erudizione sembra essere dunque l unica dimensione possibile della poesia, in quanto il mito è solo un linguaggio codificato per comunicare alte verità (le cause poetiche, sostanzialmente, adombrano piacevolmente le cause fisiche). L erudito, di conseguenza, è l unico in grado contemporaneamente di scomporre e ricomporre la poesia e il mito che la informa il tutto senza incorrere in accuse di paganesimo: mythoi peplasmenoi presso gli autori cristiani era un termine infamante per le ciance pagane 34, ma Tzetze non esita ad adottarlo per rivendicare la creazione dei suoi miti! La padronanza perfetta della chiave allegorica che Tzetze è convinto di avere, unitamente alla sua pretesa (in parte, si è visto, giustificata) di possedere una cultura sterminata e un erudizione imbattibile, comporta tutta una serie di conseguenze. Il fatto di porsi alla pari, sul piano tecnico e formale, con Omero, e addirittura sopra di lui dal punto di vista dei contenuti, induce più di una volta Tzetze a rapportarsi con il suo modello in maniera che potrebbe apparire irriguardosa o irrispettosa, quasi in una sorta di tracotante ebbrezza di erudizione. Si pensi, ad esempio, all episodio, narrato nell Odissea (XXIV 47-56), della comparsa di Teti e delle Nereidi durante la sepoltura di Achille, e del conseguente spavento dei Greci che vengono trattenuti dalle sagge parole di Nestore. Tzetze, in maniera diligente, lo riporta debitamente 32 Il riferimento, non rilevato da Leone, sembra essere a Cornut. De nat. deorum p. 29,10-11 Lang, dove si dice che Gea generò Urano a partire, per l appunto, dalle esalazioni (anathymiaseis). 33 Si può citare, ad esempio, anche 1, , dove si accenna ad un presagio funesto apparso ai Troiani prima dell arrivo dei Greci - un arcobaleno, identificato con Iride - che non sembra rispecchiato altrove. 34 Cf. Bas. Caes. Ep

14 tommaso braccini nei suoi Posthomerica (III ), ma ne fornisce un interpretazione fisica, che almeno in parte desume da Filostrato, Her. 51,8-11. Ἀλλ ὅτε νισσόμενοι ποτὶ πυρκαϊὴν ἀφίκοντο, ἐν δὲ μέσῃ νέκυν ἥρωες θέσαν εἷο ἑταίρου, αὐτίκα Νηρῆος κοῦραι, μέγα κῦμα θαλάσσης, ἐξ ἁλὸς ἤϊξαν, μόρμυρε δὲ πόντος ἀπείρων. ἥρωες δὲ φόβηθεν Ἀχαιοὶ τάσδε ἰδόντες, τρέσσαν δ ἄλλῃ ἄλλος, ὅπῃ νόος ὦρσεν ἕκαστον [ ] τῶν δ ἄρ ἀναξυρίδες καὶ ἡρώων περ ἐόντων 461 θείην ἐκ θεέων εὐώδεα πνεῦσαν ἀϋτμήν. Ma quando procedendo furono giunti alla pira, ed in mezzo gli eroi vi ebbero posto il cadavere del loro compagno, all improvviso le figlie di Nereo, la grande onda del mare, balzarono dalla distesa salata, e mormoravano i flutti infiniti. E gli eroi achei furono presi dal timore a vederle, e fuggirono da una parte e dall altra, dove li spinse la mente 455 [ ] E i calzoni di quelli, che pure erano eroi, 461 spirarono un fragrante soffio divino, a causa delle dee. Tzetze, sulla scorta di Filostrato, pensa ad un maremoto, uno tsunami, come si direbbe oggi, e lo dichiara esplicitamente nello scolio al v. 452, dove si dichiara che con figlie di Nereo si indicano semplicemente le onde del mare, che alla morte di Achille invasero la costa per uno stadio o più, fino al Sigeo. Adottando quest interpretazione fisica, peraltro, viene meno ogni sacralità della scena, ogni afflato divino che, in Omero, accompagnava e circondava di reverenzialità le esequie di Achille. E Tzetze, purtroppo, non riesce a trattenersi, decidendo anzi di prodursi in quella che definisce una facezia o lepidezza. Lo scolio al v. 461 riporta infatti: «la figura è la facezia, detta anche lepidezza. Infatti dico che i Greci, pur essendo eroi, vedendo quelle dèe, ovvero il mare che straripava, riempirono di profumo i propri calzoni, ovvero i propri gambali, i pantaloni, le brache» 35. È ovvio che non è assolutamente il caso di effondersi su una simile grevità; ma d altro canto non è nemmeno possibile negarla o ostinarsi a non vederla, come, nel suo venerando commento ad loc. del 1793, faceva lo Jacobs, che, postulando una inesistente corruttela del testo, e correggendo il riferimento agli eroi (peraltro confermato dallo scolio) con uno alle Nereidi, cercava disperatamente di salvare così la situazione: «hoc itaque vult 35 P. 230 Leone: τῶν δ ἄρ ἀναξυρίδες τὸ σχῆμα ἀστεισμός, ὁ καὶ χαριεντισμός, φημὶ γὰρ ὅτι οἱ Ἕλληνες, καίπερ ἥρωες ὄντες, ἰδόντες τὰς τοιαύτας θεάς, ἤτοι τὴν θάλασσαν ἐξελθοῦσαν, εὐοδμίας ἔπλησαν τὰς ἰδίας ἀναξυρίδας, ἤτοι τὰ ἴδια περισκέλια καὶ φιμινάλια καὶ βράκια

15 erudita invenzione: riflessioni sulla piccola grande iliade di g. tzetze ingeniosus Grammaticus: dearum vestimenta, h.e. numinum marinorum, tamen habuisse ingrati illius odoris, qui in mari contrahitur, sed divinum potius ex suffimentis odorem inde afflasse» 36. Se questo è un caso limite, non mancano altri esempi dai quali si può argomentare che Tzetze talora adottava un atteggiamento estremamente disinvolto e creativo nei confronti del patrimonio erudito che si trovava ad esporre e commentare. In tutto il corso della Piccola grande Iliade, infatti, compaiono frequenti eikonismoi, ritratti di eroi omerici che godettero di grande fortuna a partire almeno dalla tarda antichità, come dimostra la loro presenza in Filostrato, Ditti, Malala; nella stessa Bisanzio, tra l altro, il genere fu ampiamente coltivato anche nel XII secolo, come dimostra l esistenza della raccolta di ritratti omerici attribuita ad Isacco Comneno 37. Tzetze in genere recupera diligentemente i suoi eikonismoi dalle succitate auctoritates, e certo questo torna a lode della sua preparazione e della sua erudizione. C è però da osservare che, tra tante descrizioni, ne compare una che contiene un particolare inedito. Parlando di Palamede, infatti, afferma (I ): Ἀλλ ἤτοι καὶ μορφὴν ἀνέρος ἐξερεείνω. μακρός, λευκὸς ἔην, ξανθόθριξ, πιναροχαίτης, μάκροψις, ῥαδινός, Σοφίης ἰδ Ἄρηος ὑποδμώς. ξανθοκόμης δ ἄρ ἐὼν καταείδετο πιναροχαίτης, 400 οὕνεκεν οὐκ ἀλέγιζε κομάων οὐδὲ βλακείης, ἀλλ ἄρ ἐνὶ κονίῃσιν ἀρήϊον ὕπνον ἴαυε, μελδόμενος πολέμοιο λόχων τε φαλαγγάων τε λαῶν θ, οἵ οἱ ἕποντο, ὅπως σώοιτο ἕκαστος ταῦτα γάρ οἱ ψυχῆς δόκεε κρείσσω κομέων τε. 405 Ma certo voglio rivelare l aspetto di quest uomo. Era alto, candido, biondo, dai capelli sporchi, dalla vista acuta, snello, servo di Sofia e di Ares. Ma pur essendo biondo appariva dalle chiome sporche, 400 perché non si curava di raffinatezze da parrucchiere, ma dormiva di un sonno marziale in mezzo alla polvere, bramando che, dalla guerra violenta e dalle insidie, delle falangi e dei popoli che lo seguivano ciascuno si salvasse: questo infatti gli premeva più della propria vita e dei capelli. 405 In primo luogo occorre ricordare che, seguendo le orme di Filostrato e Ditti, nella Piccola grande Iliade la figura di Palamede (assente, com è noto, nei poemi omerici) ricopre un importanza tutta particolare, e viene esaltata oltre ogni limite 38. A questo 36 Cf. Jacobs 1793, 139s. 37 Cf. in ultimo l esemplare messa a punto di Dagron 2007, sp Per un introduzione a questa figura, cf. almeno Usener 1994/

16 tommaso braccini si può aggiungere che Tzetze dichiara apertamente di sentirsi solidale e simpatetico con il personaggio, giacché ritiene di essere, come lui, vittima della gelosia e dell invidia delle persone mediocri. Ne consegue che il suo ritratto doveva essere di particolare importanza, e difatti, come si osservava, è caratterizzato da una sorta di personalizzazione. Il particolare (sottolineato e reiterato) dei capelli sporchi, infatti, non compare negli eikonismoi di Palamede presenti in Filostrato, Her. 33,39-40; Darete 13; Malala V 22; Isacco Comneno p. 82 Hinck. Il motivo della sua inserzione è però chiarito dallo stesso Tzetze in Hist. III : Se uno vuol sapere com era fatto Catone, guardi me, che sono un ritratto vivente di Catone e del saggio Palamede figlio di Nauplio. Entrambi infatti erano alti di statura, magri, dagli occhi azzurri, dalla pelle bianca, con i capelli fulvi e riccioluti, proprio come me. Ma Palamede non si arrabbiava mai, come vuole la tradizione: in questo solo differiva da noi, essendo altrimenti del tutto uguale in ogni tratto fisico e spirituale, come anche nell avere la chioma sporca come la nostra. La causa, per entrambi, è la mancanza di lavaggi, giacché per natura avremmo dei bei capelli, con morbidi riccioli 39. Osservazioni analoghe, con l aggiunta, però, che la maggior parte dei capelli erano caduti, compaiono anche nel proemio delle Allegorie all Iliade ( Matranga = Boissonade). Nella sua volontà di istituire un parallelo tra la propria vicenda e quella del figlio di Nauplio, Tzetze gli ha prestato anche questo suo tratto fisico 40! Questa estrema disinvoltura e libertà nell approccio con il suo soggetto, che, nonostante le esplicite pretese di esattezza storica, viene manipolato per compiacere le aspettative del narratore, risulta ancora più chiaramente nei vari passi in cui Tzetze irrompe, per così dire, nella storia, e si dilunga in esternazioni biliose che per lo più hanno come bersaglio il suo ex superiore, Isacco, e sua moglie, ovvero la causa della sua disoccupazione attuale, e dunque della necessità di procacciarsi allievi con un poema erudito come la Piccola grande Iliade. Tra i vari esempi che si potrebbero addurre, sembra particolarmente curioso uno sfogo che compare nella parte finale, 39 Questo passo (in particolare gli ultimi tre versi:... τὴν κόμην αὐχμηρὰν ἴσην ἡμῖν κεκτῆσθαι. / Ἐξ ἀλουσίας δὲ ἀμφοῖν τοῦτο συνδεδραμήκει, / ἡμεῖς εὐχαῖται φύσει γὰρ καὶ τῶν ἁβροβοστρύχων) sembra sfuggito a Wilson 1990, 296, che pure non perde occasione di stigmatizzare la scarsa simpatia di Tzetze per l igiene personale, attestata anche da altri passaggi. 40 La chioma trascurata abbinata a un ingegno acuto, peraltro, è un tratto spesso associato a sapienti e filosofi: si può per esempio pensare al sofista Marco di Bisanzio, di cui Philostr. VS afferma che κόμης αὐχμηρῶς εἶχεν

17 erudita invenzione: riflessioni sulla piccola grande iliade di g. tzetze quando (III ) si riporta il particolare, ricavato da Quinto Smirneo (Posthom. II ), del dialogo in pieno campo di battaglia tra Memnone e Nestore, di cui l etiope aveva appena ucciso il figlio. μοῦνος ἀπ ἄλλων Νέστωρ Μέμνονος ἤλυθεν ἄντα, υἱέος ἀχνύμενος μέγα δ ἔστενεν ἔνδοθι ἦτορ. σὺν δ ἄρα οἱ ὁ Κόϊντος ἔην πέλας, ὃς ἐπάκουε Μέμνων ὅσσα ἔειπε γέροντ Αραβηΐδι φωνῇ. πεζὸς ἐγὼ τελέθων δέ, Ἰσαακίοιο φραδαῖσιν, ὅς μ ἀπὸ Βερροίης ἐριβώλακος ἠδὲ Σελάων 285 πεζὸν ἔπεμψε νέεσθαι, ἐμεῦ ἵπποιο ἀμέρσας, ἧς ἀλόχου βουλῇσι σαόφρονος, ἥ οἱ ἅπαντας κύδηνε λεπρούς τε καὶ ὅσσοι νείκεος υἷες, οὕνεκέν οἱ καλῶς καταθύμια πάντα ἔρεζον, φεῦγον οὐδ ἐσάκουσα, τὰ Μέμνων ἐξερέεινεν. 290 Solo tra tutti Nestore si fece incontro a Memnone, afflitto per il figlio; e dentro il cuore gemeva straziato. E gli era accanto Quinto, che udì quel che Memnone disse al vecchio in arabo. Ma io che ero a piedi per decisione di Isacco, che me dalla fertile Berea e da Sele 285 fece tornare a piedi, dopo avermi sequestrato il cavallo su consiglio della sua irreprensibile moglie, che a lui tutti quanti magnificava i lebbrosi e i figli dell Odio, poiché la compiacevano in tutto, ebbene io fuggivo e non udii quel che Memnone disse. 290 Uno Tzetze iracondo e risentito coglie, si potrebbe dire, due piccioni con la fava della sua polemica: da un lato mette alla berlina quelle che ritiene le inverosimili lungaggini di Quinto di Smirne, dall altro ricorda la sua attuale condizione di bisogno, e attacca acidamente chi l ha causata. Particolarmente illuminanti gli scolii al v. 282, dove l autore dichiara esplicitamente di «prendere in giro in maniera faceta Quinto Smirneo» (ἐνταῦθα ἀστειζόμενος διασύρω τὸν Κόιντον). Poco dopo, nello scolio al v. 284, Tzetze ribadisce il concetto, asserendo di come fosse chiaro a tutti che, naturalmente, non era davvero un contemporaneo della guerra di Troia né di Quinto Smirneo; in realtà, la sua intromissione in prima persona all interno del palcoscenico epico costituisce «un offesa celata da una facezia e un aspra invettiva» (ἔστι δὲ τοῦτο τὸ σχῆμα βαρύτης ἐπίκρυπτος τῷ ἀστεισμῷ καὶ τραχεῖα καταφορά) contro il sebastos Isacco, che, credendo alle calunnie messe in circolazione da sua moglie, aveva costretto il povero Tzetze a tornare a piedi a Costantinopoli!

18 tommaso braccini 5. Recupero o invenzione? È da passi come questo che emerge come, nella composizione del suo poema, oltre all erudizione che gli fornisce le basi materiali, e all allegoria che gli permette di codificare tali contenuti, arrivando anche a creare veri e propri miti, gioca un ruolo importante anche la personalità dell autore, sovente debordante, al punto che, in questo e in altri casi, invade direttamente la narrazione. Lungi dall essere una banale e fredda compilazione, o peggio che mai un riassunto, relativo alla guerra di Troia, la Piccola grande Iliade si rivela invece un opera con un autonomia ben maggiore, probabilmente, di quanto fosse stato supposto in precedenza. Tzetze, si è visto, non esita a manipolare la tradizione, a rapportarvisi in maniera estremamente libera se non irriverente, a inserire veri e propri miti poetici. Quando indulge in quest ultima prassi, si può osservare, in genere avverte sempre il lettore: il grammatico, infatti, è orgoglioso delle sue creazioni. All interno del poema, peraltro, sono presenti anche brani privi di paralleli nella tradizione, che suscitano interrogativi. Gli scolii non li caratterizzano come invenzioni dell autore; d altro canto, la loro natura molto più ampia e distesa del consueto, nonché una fattura migliore (o forse solo semplicemente più ispirata?) rispetto alla media, sembrano differenziarli dagli spesso ellittici e concisi rimandi eruditi o comunque dallo stile scarno e rapido che caratterizza il resto del componimento. Ci si riferisce, in particolare, alla sezione che tratta del mito di Pentesilea, l amazzone vittima di Achille che, secondo uno stilema poi ripreso da Virgilio e, in ultima istanza, da Tasso, fece innamorare di sé il suo uccisore. Tutta la narrazione tzetziana ha un respiro notevolmente ampio, e, benché com è ovvio sia ampiamente debitrice di Quinto Smirneo, presenta tuttavia anche tratti autonomi. Tra l altro si può citare un brano, a quanto pare senza paralleli, che descrive l armamento e la cavalcatura della fanciulla guerriera 41, in particolare il suo scudo (III 63-73): πρὸς δὲ σάκος βριαρὸν ἐπέην λαιήν κατὰ χεῖρα ἐν δ ἄρ ἔην Ἄρης καὶ Ἔρως καὶ Πεντεσίλεια. μάρνατο δ αὖτε Ἔρως ἰδ Ἄρης περὶ τῆσδε γυναικός, 65 καὶ γραπτοί περ ἐόντες ζωοῖς δ αὖτε ἐίκτην. ἤτοι γάρ μιν Ἔρως κούρην φάτο ἔμμεναι εἶο, Ἄρης δ αὖθ ἑτέρωθε μέση δ ἐπιίστατο κούρη, κάλλεϊ καὶ ἔντεσσι διακριδὸν ἀστράπτουσα. τῆς δ ἄρ Ἔρως κόρυν ἁρπάζων φιλέεσκεν ὀπωπάς, 70 Ἄρης δ αὖθ ἑτέρωθεν ἐκύνεε κρᾶτα πυκάζων. τοίη οἱ ἐπέην ἀσπὶς λαιὴν κατὰ χεῖρα. 41 Presenta peraltro simili elementi di interesse anche un altra sezione (III ), nella quale si accenna ai sogni luttuosi e funesti di Pentesilea e Priamo il giorno prima della morte dell eroina sul campo di battaglia

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

Integrali doppi: esercizi svolti

Integrali doppi: esercizi svolti Integrali doppi: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali doppi sugli insiemi specificati: a) +

Διαβάστε περισσότερα

ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΤΕΧΝΙΚΑ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ

ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΤΕΧΝΙΚΑ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ ΤΕΧΝΙΚΑ Οι Εκδόσεις Δίσιγμα ξεκίνησαν την πορεία τους στο χώρο των ελληνικών εκδόσεων τον Σεπτέμβριο του 2009 με κυρίαρχο οδηγό

Διαβάστε περισσότερα

CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.)

CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.) Consigliamo di configurare ed utilizzare la casella di posta elettronica certificata tramite il webmail dedicato fornito dal gestore

Διαβάστε περισσότερα

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli

Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli GRAECO-LATINA BRUNENSIA 15, 2010, 2 Ángel Narro 1 (Universitat de València) Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli di Santa Tecla The Life and Miracles of Saint Thekla

Διαβάστε περισσότερα

άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3"] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 τυροωμιάσατ ο Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι

άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 τυροωμιάσατ ο Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι ΚΑΤΑ ΤΗΝ ΧΕΙ Μ Ε Ρ IN Η Ν Ε Ξ AM ΗΝ IΑΝ άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3"] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 Π Α Ρ Α Δ Ο Θ Η Σ Ο Μ Ε Ν Ω Ν ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ.

Διαβάστε περισσότερα

DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO

DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO Il triangolo ABC ha n angolo retto in C e lati di lnghezza a, b, c (vedi fig. ()). Le fnzioni trigonometriche dell angolo α sono definite

Διαβάστε περισσότερα

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps.

L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps. 1 L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps. Il punto di partenza del nostro studio del capitolo finale del Vangelo

Διαβάστε περισσότερα

Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione, traduzione e saggio di commento (1-4; 7-23; 25; 29-30; 35-36; 44; 51; 54-55)

Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione, traduzione e saggio di commento (1-4; 7-23; 25; 29-30; 35-36; 44; 51; 54-55) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI (DipSUm) DOTTORATO DI RICERCA IN FILOLOGIA CLASSICA (XIII Ciclo) TESI DOTTORATO in LETTERATURA GRECA Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione,

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA

UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA Scuola di dottorato in italianistica e filologia classico-medievale Dottorato di ricerca in filologia classico-medievale XXIV ciclo Anno accademico 2010-2011 COMMENTO AL

Διαβάστε περισσότερα

Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ. Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις

Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ. Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις 1 Παναγιώτης Ἀρ. Ὑφαντῆς Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις Σκοπός τῆς παρούσας μελέτης 1 εἶναι ὁ ἐντοπισμός καί ὁ κριτικός

Διαβάστε περισσότερα

Nuova strategia è necessaria per la messa in luce dei giacimenti sottomarini di idrocarburi nel Sud di Creta.

Nuova strategia è necessaria per la messa in luce dei giacimenti sottomarini di idrocarburi nel Sud di Creta. Nuova strategia è necessaria per la messa in luce dei giacimenti sottomarini di idrocarburi nel Sud di Creta. I. Konofagos, N. Lygeros I soprascritti, già dal 2012 avevano proposto ai politici con il più

Διαβάστε περισσότερα

Dossier. [...]. [...]. [.].. θεοῦ κρατερῇ[ς ὑπ ἀνάγκης οὐ δεῖ ἀν]αλ[κείη]ν καὶ κακότητα λέγει [ν. [ ]ω[ ]. [...]εθα κ [ῆρ]α φυγεῖν φεύγ[ειν δέ τις ὥρη

Dossier. [...]. [...]. [.].. θεοῦ κρατερῇ[ς ὑπ ἀνάγκης οὐ δεῖ ἀν]αλ[κείη]ν καὶ κακότητα λέγει [ν. [ ]ω[ ]. [...]εθα κ [ῆρ]α φυγεῖν φεύγ[ειν δέ τις ὥρη Poeti giambici Dossier T. 17 P. Oxy. 4708 fr. 1 L elegia sul mito di Telefo Il seguente frammento, pubblicato nel 2004, costituisce il più recente ritrovamento papiraceo di testi di Archiloco: si tratta

Διαβάστε περισσότερα

Agazia Scolastico, Epigrammi

Agazia Scolastico, Epigrammi Scuola Dottorale di Ateneo Graduate School Dottorato di ricerca in Italianistica e Filologia Classico-Medievale Ciclo XXVI Anno di discussione 2014 Agazia Scolastico, Epigrammi Introduzione, testo critico

Διαβάστε περισσότερα

IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU. A Giuseppe Russo di Salerno

IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU. A Giuseppe Russo di Salerno IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU A Giuseppe Russo di Salerno 1.Ricordo che durante un dibattito tra gente di alta cultura e un cardinale di Santa Romana Chiesa, un professore di diritto internazionale si

Διαβάστε περισσότερα

RIASSUNTO PAROLE CHIAVE. Gli autori

RIASSUNTO PAROLE CHIAVE. Gli autori MACRÌ, Gabriella. La ricezione di Primo Levi in Grecia. Ricercare le radici: Primo Levi lettore- Lettori di Primo Levi. Nuovi studi su Primo Levi, a cura di Raniero Speelman, Elisabetta Tonello & Silvia

Διαβάστε περισσότερα

Dipartimento di Scienze dell antichità. Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo

Dipartimento di Scienze dell antichità. Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo Scuola di Dottorato in Humanae Litterae Dipartimento di Scienze dell antichità Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo PLATONE E PLUTARCO: INTRECCI TEMATICI TRA

Διαβάστε περισσότερα

Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού

Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού Χρήστος Αποστολόπουλος Η προσωπικότητα του Ιακώβου Διασορηνού παραµένει

Διαβάστε περισσότερα

Ge m i n i. il nuovo operatore compatto e leggero. η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα

Ge m i n i. il nuovo operatore compatto e leggero. η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα Ge m i n i 6 il nuovo operatore compatto e leggero η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα Porte Gemini 6 Operatore a movimento lineare per porte automatiche a scorrimento orizzontale. Leggero, robusto

Διαβάστε περισσότερα

Glosse Dialettali negli Scholia Omerici

Glosse Dialettali negli Scholia Omerici Glosse Dialettali negli Scholia Omerici FRANCO MONTANARI Lo studio delle glosse dialettali menzionate negli scholia omerici può essere visto in primo luogo entro un quadro di ricerca ben noto e frequentato,

Διαβάστε περισσότερα

INDICE. Introduzione... 6

INDICE. Introduzione... 6 INDICE Introduzione... 6 CAPITOLO I: IL POEMA DEL DIGHENÌS AKRITIS... 13 Premessa... 14 1. Le redazioni... 16 1.1. Escorial (E)... 16 1.2. Grottaferrata (G)... 17 1.3. Trebisonda (T), Andros (A e P), Oxford

Διαβάστε περισσότερα

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙΔΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ Δευτέρα, 30 Ιουνίου 2014 ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI ΤΙΣ

Διαβάστε περισσότερα

Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti

Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti Corso di Laurea magistrale in Scienze dell antichità: letterature, storia e archeologia Tesi di Laurea Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti

Διαβάστε περισσότερα

DICHIARAZIONE. Io sottoscritto in qualità di

DICHIARAZIONE. Io sottoscritto in qualità di Manuale dell espositore Documento sicurezza di mostra - Piano Generale procedure di Emergenza/Evacuazione Fiera di Genova, 13 15 novembre 2013 DICHIARAZIONE da restituire entro il il 31 ottobre 31 ottobre

Διαβάστε περισσότερα

VITO MATERA OI ΔIAΦANEIEΣ TOY XPΩMATOΣ THE COLOUR TRANSPARENCIES LE TRASPARENZE DEL COLORE

VITO MATERA OI ΔIAΦANEIEΣ TOY XPΩMATOΣ THE COLOUR TRANSPARENCIES LE TRASPARENZE DEL COLORE VITO MATERA THE COLOUR TRANSPARENCIES OI ΔIAΦANEIEΣ TOY XPΩMATOΣ LE TRASPARENZE DEL COLORE VITO MATERA Was born in Gravina in Puglia, in Bari Province. A childhood in the workshop, with his father goldsmith

Διαβάστε περισσότερα

CLAUDIO DE STEFANI. Per una nuova edizione degli epigrammi di Paolo Silenziario *

CLAUDIO DE STEFANI. Per una nuova edizione degli epigrammi di Paolo Silenziario * Incontri di filologia classica 11 (2011-2012), 217-231 CLAUDIO DE STEFANI Per una nuova edizione degli epigrammi di Paolo Silenziario * L aureo consiglio di Martin West secondo cui, prima di accingersi

Διαβάστε περισσότερα

bab.la Φράσεις: Προσωπική Αλληλογραφία Ευχές ελληνικά-ιταλικά

bab.la Φράσεις: Προσωπική Αλληλογραφία Ευχές ελληνικά-ιταλικά Ευχές : Γάμος Συγχαρητήρια. Σας ευχόμαστε όλη την ευτυχία του κόσμου. Congratulazioni. I nostri migliori auguri e tanta felicità. νιόπαντρο ζευγάρι Θερμά συγχαρητήρια για τους δυο σας αυτήν την ημέρα του

Διαβάστε περισσότερα

Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015

Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015 Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015 Scosta il sipario che è dietro al leggio e scopre uno stendardo che riguarda la Rivoluzione e

Διαβάστε περισσότερα

Un Venerabile testimone dei Vangeli secondo Luca e secondo Giovanni: Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) *

Un Venerabile testimone dei Vangeli secondo Luca e secondo Giovanni: Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) * Un Venerabile testimone dei Vangeli secondo Luca e secondo Giovanni: Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) * Il Papiro Bodmer XIV-XV (P 75 ) è arrivato nella Biblioteca Apostolica Vaticana il 22 novembre 2006,

Διαβάστε περισσότερα

SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA

SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA Avevo gia composta e spedita per la pubblicazione la nota alia prima delle tre iscrizioni qui trattate, quando mi fu segnalato Γ articolo di M. Guarducci, Tracce

Διαβάστε περισσότερα

Copyright 2012 Giovanni Parmeggiani 16 August 2012

Copyright 2012 Giovanni Parmeggiani 16 August 2012 Histos 6 (2012) 214 27 SUI FONDAMENTI DELLA TESI ANTICA DELLA PATERNITÀ ANASSIMENEA DEL TRICARANO: MIMESI STILISTICA E ANALOGIE TRA I PROEMI STORIOGRAFICI DI ANASSIMENE DI LAMPSACO E DI TEOPOMPO DI CHIO

Διαβάστε περισσότερα

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙΔΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ Πέμπτη, 21 Ιουνίου 2012 ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ

Διαβάστε περισσότερα

Luciano e Osea. L ignoranza acceca gli uomini

Luciano e Osea. L ignoranza acceca gli uomini Luciano e Osea Luciano (125 d.c., Samosata 180 d.c. Atene) fu scrittore e retore greco, scrittore di testi satirici, filosofo. Avrebbe potuto benissimo trovarsi a far parte del pubblico che ebbe la ventura

Διαβάστε περισσότερα

ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 3

ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 3 1 Prof. POGGI Flaminio ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 CONOSCENZE Il sistema verbale greco (presente, imperfetto, futuro, aoristo, perfetto, piuccheperfetto; congiuntivo e suo uso in proposizioni

Διαβάστε περισσότερα

L EDUCAZIONE A PArOLE

L EDUCAZIONE A PArOLE Luciano Lanzi Roberto Rossi L EDUCAZIONE A PArOLE R. Rossi, L. Lanzi Con parole ornate Cappelli Editore 2010 1 Essere giovani in Grecia Breve excursus sulla παιδεία del mondo antico Nelle diverse poleis

Διαβάστε περισσότερα

3-087-936-53(1) Manuale delle applicazioni del computer. εφαρµογών υπολογιστή. Digital Video Camera Recorder. 2004 Sony Corporation

3-087-936-53(1) Manuale delle applicazioni del computer. εφαρµογών υπολογιστή. Digital Video Camera Recorder. 2004 Sony Corporation 3-087-936-53(1) Manuale delle applicazioni del computer Οδηγός εφαρµογών υπολογιστή IT GR Digital Video Camera Recorder 2004 Sony Corporation Da leggere subito Per utilizzare la videocamera, leggere il

Διαβάστε περισσότερα

Considerata una delle fonti fondamentali per la storia dell arte bizantina, entrata in

Considerata una delle fonti fondamentali per la storia dell arte bizantina, entrata in Sommario Premessa... I Introduzione... 2 I. L autore e l opera... 5 I.2 La vita... 5 I.2 L opera... 10 II. La descrizione della Chiesa dei Ss. Apostoli a Costantinopoli... 17 II.1 L edificio... 17 II.2

Διαβάστε περισσότερα

PERIPHEREIN TON DAIMONA: LA VOCE DEL VENTRILOQUO 1

PERIPHEREIN TON DAIMONA: LA VOCE DEL VENTRILOQUO 1 TOMMASO BRACCINI PERIPHEREIN TON DAIMONA: LA VOCE DEL VENTRILOQUO 1 In una voce non firmata presente nel trentacinquesimo e ultimo volume dell'enciclopedia italiana (1937), la ventriloquia è definita come

Διαβάστε περισσότερα

HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE

HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE Σὺ μὲν οὖν ἀεὶ καὶ δύνῃ καὶ δύναιο κάλλιστα χρωμένη τῷ δύνασθαι, Tu hai sempre il tuo prestigio e mi auguro possa servirtene nel modo migliore. Synesius lett. LXXXI ALLA FILOSOFA

Διαβάστε περισσότερα

Immagine di copertina: mosaico raffigurante Gregorio Nazianzeno. Chiesa di S. Maria dell Ammiraglio, Palermo.

Immagine di copertina: mosaico raffigurante Gregorio Nazianzeno. Chiesa di S. Maria dell Ammiraglio, Palermo. ISBN: 978-94-9179-105-5 Immagine di copertina: mosaico raffigurante Gregorio Nazianzeno. Chiesa di S. Maria dell Ammiraglio, Palermo. UNIVERSITÀ DI ROMA «TOR VERGATA» UNIVERSITEIT GENT DOTTORATO DI RICERCA

Διαβάστε περισσότερα

GIANFRANCO AGOSTI. Ancora sullo stile delle iscrizioni metriche tardoantiche *

GIANFRANCO AGOSTI. Ancora sullo stile delle iscrizioni metriche tardoantiche * Incontri di filologia classica 11 (2011-2012), 233-252 GIANFRANCO AGOSTI Ancora sullo stile delle iscrizioni metriche tardoantiche * La creazione di un nuovo linguaggio letterario, che corrisponda alle

Διαβάστε περισσότερα

Verso un approccio cartografico

Verso un approccio cartografico Sede Amministrativa: Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze del Mondo Antico SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN: Scienze linguistiche, filologiche e letterarie INDIRIZZO: Filologia classica

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA L AGORÀ IN ERODOTO

UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA L AGORÀ IN ERODOTO UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Scienze dell antichità: letterature, storia e archeologia. Tesi di Laurea L

Διαβάστε περισσότερα

ATENE, CITTA CHE OSA. LE VESPE DI ARISTOFANE.

ATENE, CITTA CHE OSA. LE VESPE DI ARISTOFANE. ATENE, CITTA CHE OSA. LE VESPE DI ARISTOFANE. Αὖθις δὲ οἱ μὲν καὶ παρὰ δύναμιν τολμηταὶ καὶ παρὰ γνώμην κινδυνευταὶ καὶ τοῖς δεῖνοις εὐέλπιδες (Thuc., I, 70, 3) (Ancora, loro (gli Ateniesi) audaci oltre

Διαβάστε περισσότερα

LA FIGURA DEL MEDICO NELL ANTICA GRECIA TESTIMONIANZE

LA FIGURA DEL MEDICO NELL ANTICA GRECIA TESTIMONIANZE LA FIGURA DEL MEDICO NELL ANTICA GRECIA TESTIMONIANZE Per un introduzione generale sulla figura del medico greco vd. J. Jouanna, Ippocrate, tr. it. Torino 1994, pp. 75-11 e 188. Per maggiori informazioni

Διαβάστε περισσότερα

ΤΟΥ ΑΛΙΚΑΡΝΑΣΣΟΥ ΤΟ ΤΙΜΙΟΝ

ΤΟΥ ΑΛΙΚΑΡΝΑΣΣΟΥ ΤΟ ΤΙΜΙΟΝ Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Scienze dell'antichità: Letterature, Storia e Archeologia Tesi di Laurea ΤΟΥ ΑΛΙΚΑΡΝΑΣΣΟΥ ΤΟ ΤΙΜΙΟΝ Relatore Ch. Prof.ssa Claudia Antonetti

Διαβάστε περισσότερα

ΕΒΔΟΜΑΔΙΑΙΑ ΕΚΔΟΣΗ 29 Μαρτίου 2014 ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ

ΕΒΔΟΜΑΔΙΑΙΑ ΕΚΔΟΣΗ 29 Μαρτίου 2014 ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ διαδρομές ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ Στο ψαρολίμανο ανο της Νέας Χώρας 2 ΧΑΝΙΩΤΙΚΑ diadromes@haniotika-nea.gr διαδρομές

Διαβάστε περισσότερα

Matteo Re. Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA.

Matteo Re. Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA. Matteo Re Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA Actas 2-3 de abril de 2012 UNIVERSIDAD DE TIRANA III edición corregida

Διαβάστε περισσότερα

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΕΝΟΤΗΤΑ 4 (Παραγωγή προφορικού λόγου και προφορική διαμεσολάβηση) ΕΠΙΠΕΔΑ Β (Β1 και Β) NOΕΜΒΡΙΟΣ 013 1. ΠΕΡΙΓΡΑΦΗ

Διαβάστε περισσότερα

13 Cfr. Diog. Laer. II 48-59. 14 Per una ricostruzione della biografia di Senofonte cfr. ANDERSON 1974a.

13 Cfr. Diog. Laer. II 48-59. 14 Per una ricostruzione della biografia di Senofonte cfr. ANDERSON 1974a. INTRODUZIONE Nel 1976, presentando la propria edizione critica dell'agesilao, Rosemary Wieczorek 1 rilevava come l'opuscolo senofonteo non fosse stato sottoposto ancora a uno studio analitico e intepretativo

Διαβάστε περισσότερα

+ Archimandrita Evangelos Yfantidis

+ Archimandrita Evangelos Yfantidis Aspetti del Magistero Sociale della Chiesa Ortodossa, secondo la dottrina ecclesiastica e l insegnamento di Sua Santità il Patriarca Ecumenico Bartolomeo Discorso durante i lavori della 49 sessione di

Διαβάστε περισσότερα

Commento agli oracoli 1-54 Erbse della Teosofia di Tubinga

Commento agli oracoli 1-54 Erbse della Teosofia di Tubinga DOTTORATO DI RICERCA IN FILOLOGIA GRECA E LATINA CICLO XXV COORDINATORE Prof.ssa Rita Pierini Degli Innocenti Commento agli oracoli 1-54 Erbse della Teosofia di Tubinga Settore Scientifico Disciplinare

Διαβάστε περισσότερα

Digital Video Camera Recorder

Digital Video Camera Recorder 3-075-064-21 (1) Digital Video Camera Recorder Istruzioni per l uso Prima di usare l apparecchio, leggere attentamente questo manuale e conservarlo per riferimenti futuri. Οδηγίες λειτουργίας Πριν θέσετε

Διαβάστε περισσότερα

«Αφιέρωμα στη Γερμανική, Ιταλική και Ισπανική Γλώσσα» Πρακτικά Ημερίδας

«Αφιέρωμα στη Γερμανική, Ιταλική και Ισπανική Γλώσσα» Πρακτικά Ημερίδας ΕΘΝΙΚΟ ΚΑΙ ΚΑΠΟΔΙΣΤΡΙΑΚΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΑΘΗΝΩΝ ΔΙΔΑΣΚΑΛΕΙΟ ΞΕΝΩΝ ΓΛΩΣΣΩΝ ΣΥΝΔΕΣΜΟΣ ΦΙΛΙΑΣ ΕΘΝΩΝ ΤΜΗΜΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ «Αφιέρωμα στη Γερμανική, Ιταλική και Ισπανική Γλώσσα» Πρακτικά Ημερίδας (Σάββατο

Διαβάστε περισσότερα

L'edizione critica digitale di frammenti: problemi teorici e soluzioni tecniche

L'edizione critica digitale di frammenti: problemi teorici e soluzioni tecniche III Incontro di Filologia Digitale Verona, 3-5 Marzo 2010 L'edizione critica digitale di frammenti: problemi teorici e soluzioni tecniche Matteo Romanello Center of Computing for Humanities - King's College,

Διαβάστε περισσότερα

Erodoto, Storie, IX 67-75.

Erodoto, Storie, IX 67-75. Erodoto, Storie, IX 67-75. 67. ὡς τάχιστα ἐπὶ τὸν Ἑλλήσποντον ἀπικέσθαι. Καὶ δὴ οὗτοι μὲν ταύτῃ ἐτράποντο. Τῶν δὲ ἄλλων Ἑλλήνων τῶν μετὰ βασιλέος ἐθελοκακεόντων Βοιωτοὶ Ἀθηναίοισι ἐμαχέσαντο χρόνον ἐπὶ

Διαβάστε περισσότερα

FIGURE DIVINE DELLA TERRA, DELLA GRANDE MADRE E DI CYBELE NELL'EPICA E NELLA LIRICA GRECA ARCAICA

FIGURE DIVINE DELLA TERRA, DELLA GRANDE MADRE E DI CYBELE NELL'EPICA E NELLA LIRICA GRECA ARCAICA Facoltà di Studi Umanistici Dipartimento di Studi sul Mondo Antico Dottorato in Civiltà e Tradizione Greca e Romana Ciclo XXVI FIGURE DIVINE DELLA TERRA, DELLA GRANDE MADRE E DI CYBELE NELL'EPICA E NELLA

Διαβάστε περισσότερα

Isocrate e Demostene a confronto. di Fabio Macciò

Isocrate e Demostene a confronto. di Fabio Macciò Isocrate e Demostene a confronto Esame di Isocrate, Sulla pace, 41-50, e Demostene, Terza Olintiaca, 23-32 sulla base di Dionigi di Alicarnasso, Sullo stile di Demostene, 17-22 di Fabio Macciò PREMESSA

Διαβάστε περισσότερα

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙΔΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΕΡΕΥΝΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ Πέμπτη, 16 Ιουνίου 2016 ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI

Διαβάστε περισσότερα

Zosi Zografidou Voci italiane in grecia

Zosi Zografidou Voci italiane in grecia A10 Zosi Zografidou Voci italiane in grecia Ιταλικές φωνές στην Ελλάδα Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Διαβάστε περισσότερα

IV. COMMENTI. Le lezioni diverse dall edizione di Erbse sono segnalate in sede di traduzione e di commento con *.

IV. COMMENTI. Le lezioni diverse dall edizione di Erbse sono segnalate in sede di traduzione e di commento con *. IV. COMMENTI L edizione critica di riferimento per gli oracoli della Teosofia è quella di Erbse 1995 2. Ho aggiunto a sinistra del testo la numerazione dei versi. Le lezioni diverse dall edizione di Erbse

Διαβάστε περισσότερα

UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA. Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia

UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA. Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA Corso di Laurea magistrale in Scienze dell Antichità: letterature, storia e archeologia Due miracoli nella Parafrasi del Vangelo di San Giovanni di Nonno di Panopoli: il

Διαβάστε περισσότερα

ENRICO MAGNELLI. Immagini del libro nella letteratura di Bisanzio 1*

ENRICO MAGNELLI. Immagini del libro nella letteratura di Bisanzio 1* CentoPagine IV (2010), 107-133 ENRICO MAGNELLI Immagini del libro nella letteratura di Bisanzio 1* 1. Motivi tradizionali Affrontando un argomento come questo, è pressoché inevitabile e subito ne chiedo

Διαβάστε περισσότερα

STORIA ANTICA E STORIA CLASSICA: IL CASO DELL ORIENTE GRECO-ROMANO

STORIA ANTICA E STORIA CLASSICA: IL CASO DELL ORIENTE GRECO-ROMANO Histos 5 (2011) 107 16 STORIA ANTICA E STORIA CLASSICA: IL CASO DELL ORIENTE GRECO-ROMANO 1 È divenuta oramai una prassi consolidata quella d identificare ed etichettare la storia del Mediterraneo orientale

Διαβάστε περισσότερα

Lettori di Eliodoro a Bisanzio:

Lettori di Eliodoro a Bisanzio: GRAECO-LATINA BRUNENSIA 15, 2010, 2 Nunzio Bianchi (Università di Bari) Lettori di Eliodoro a Bisanzio: IL CARME per Cariclea The Byzantine poem of sixteen dodecasyllables dedicated to Charikleia, the

Διαβάστε περισσότερα

ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI ΤΙΣ ΥΠΟΨΗΦΙΕΣ

ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI ΤΙΣ ΥΠΟΨΗΦΙΕΣ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙ ΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΕΛΛΗΝΩΝ ΕΞΩΤΕΡΙΚΟΥ ΕΞΕΤΑΣΗ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ 29 Σεπτεμβρίου 2010 ΟΔΗΓΙΕΣ

Διαβάστε περισσότερα

GIOVANNI DAMASCENO. De fide orthodoxa. B. Kotter INTRODUZIONE, COMMENTO FILOSOFICO, Matteo Andolfo EDIZIONI SAN CLEMENTE STUDIO DOMENICANO BOLOGNA

GIOVANNI DAMASCENO. De fide orthodoxa. B. Kotter INTRODUZIONE, COMMENTO FILOSOFICO, Matteo Andolfo EDIZIONI SAN CLEMENTE STUDIO DOMENICANO BOLOGNA I Talenti 13 GIOVANNI DAMASCENO ESPOSIZIONE DELLA FEDE De fide orthodoxa TESTO CRITICO B. Kotter INTRODUZIONE, COMMENTO FILOSOFICO, BIBLIOGRAFIA, TRADUZIONE E NOTE Matteo Andolfo EDIZIONI SAN CLEMENTE

Διαβάστε περισσότερα

Antonio Gramsci, Sotto la mole (1916-1920)

Antonio Gramsci, Sotto la mole (1916-1920) L'«attualità» ci fa vivere davvero il passato, la psicologia degli uomini del passato. E ci chiarisce le idee, e ci obbliga a trasformare il vocabolario. Lasciamo cadere la parola «tiranno»: sostituiamola

Διαβάστε περισσότερα

Gli invitati al banchetto (Mt 22,1-14; Lc 14,16-24) Testo rivisto dal Relatore: Prof. Don Carlo Dezzuto

Gli invitati al banchetto (Mt 22,1-14; Lc 14,16-24) Testo rivisto dal Relatore: Prof. Don Carlo Dezzuto Gli invitati al banchetto (Mt 22,1-14; Lc 14,16-24) Testo rivisto dal Relatore: Prof. Don Carlo Dezzuto Nella prima metà del Quattrocento, la casa di Borgogna, sotto il regno di Filippo il Buono, estende

Διαβάστε περισσότερα

IL PRONOME RIFLESSIVO GRECO di Giovanni Costa

IL PRONOME RIFLESSIVO GRECO di Giovanni Costa IL PRONOME RIFLESSIVO GRECO di Giovanni Costa 1. Il pronome riflessivo pg. 2 2. Uso del pronome riflessivo pg. 3 3. Bibliografia pg. 8 1 1. Il pronome riflessivo. I pronomi personali sono, nella specie

Διαβάστε περισσότερα

124.* [J.H.H. SCHMIDT, Synonymik der Griechischen Sprache, III, Leipzig (Teubner) 1879, pp. 369 373.]

124.* [J.H.H. SCHMIDT, Synonymik der Griechischen Sprache, III, Leipzig (Teubner) 1879, pp. 369 373.] [J.H.H. SCHMIDT, Synonymik der Griechischen Sprache, III, Leipzig (Teubner) 1879, pp. 369 373.] 124.* Ψελλός, ψελλίζειν, ψελλίζεσθαι, ψελλότης, ψελλισµός. τραυλός, τραυλίζειν, τραυλότης, τραυλισµός. ἰσχωνόφωνος,

Διαβάστε περισσότερα

Istruzioni per l uso della funzione di rete/ Οδηγίες λειτουργίας δικτύου

Istruzioni per l uso della funzione di rete/ Οδηγίες λειτουργίας δικτύου 3-078-154-41 (1) Istruzioni per l uso della funzione di rete/ Οδηγίες λειτουργίας δικτύου 2002 Sony Corporation Marchi di fabbrica Memory Stick e sono marchi registrati di Sony Corporation. I marchi BLUETOOTH

Διαβάστε περισσότερα

GIANFRANCO AGOSTI. La Vita di Proclo di Marino nella sua redazione in versi. Per un analisi della biografia poetica tardoantica

GIANFRANCO AGOSTI. La Vita di Proclo di Marino nella sua redazione in versi. Per un analisi della biografia poetica tardoantica CentoPagine III (2009), 30-46 GIANFRANCO AGOSTI La Vita di Proclo di Marino nella sua redazione in versi. Per un analisi della biografia poetica tardoantica A partire dall età dioclezianea si sviluppa

Διαβάστε περισσότερα

Euripidis Erechthei quae exstant

Euripidis Erechthei quae exstant FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA DIPARTIMENTO DI STUDI SUL MONDO ANTICO DOTTORATO DI RICERCA IN CIVILTÀ E TRADIZIONE GRECA E ROMANA XXII CICLO MAURIZIO SONNINO Euripidis Erechthei quae exstant Introduzione.

Διαβάστε περισσότερα

Atene παίδευσις e Atene τύραννος

Atene παίδευσις e Atene τύραννος Atene παίδευσις e Atene τύραννος Il dialogo dei Meli e degli Ateniesi: Tucidide V 111-116 CXI. ΑΘ. τούτων µὲν καὶ πεπειραµένοις ἄν τι γένοιτο καὶ ὑµῖν καὶ οὐκ ἀνεπιστήµοσιν ὅτι οὐδ ἀπὸ µιᾶς πώποτε πολιορκίας

Διαβάστε περισσότερα

3-084-946-52(1) Manuale delle applicazioni del computer. εφαρµογών υπολογιστή. Digital Video Camera Recorder. 2003 Sony Corporation

3-084-946-52(1) Manuale delle applicazioni del computer. εφαρµογών υπολογιστή. Digital Video Camera Recorder. 2003 Sony Corporation 3-084-946-52(1) Manuale delle applicazioni del computer Οδηγός εφαρµογών υπολογιστή IT GR Digital Video Camera Recorder 2003 Sony Corporation Da leggere subito Per utilizzare la videocamera, leggere il

Διαβάστε περισσότερα

Επιπλέον, στον 1o όροφο στεγάζεται η Συλλογή Μεταβυζαντινών Εικόνων και Θρησκευτικών κειμηλίων από το 16ο αιώνα και μεταγενέστερα.

Επιπλέον, στον 1o όροφο στεγάζεται η Συλλογή Μεταβυζαντινών Εικόνων και Θρησκευτικών κειμηλίων από το 16ο αιώνα και μεταγενέστερα. ΔΗΜΟΣΙΑ ΒΙΒΛΙΟΘΗΚΗ ΛΕΥΚΑΔΑΣ Η Δημόσια Βιβλιοθήκη Λευκάδας ιδρύεται το 1953 με προσπάθειες επιφανών Λευκαδίων, όπως ο ιστορικός Πάνος Ροντογιάννης, ο συμβολαιογράφος Τάκης Μαμαλούκας και άλλοι που βρήκαν

Διαβάστε περισσότερα

ικρίωμα Σημασία Σκαλωσιά Κλιμαξ

ικρίωμα Σημασία Σκαλωσιά Κλιμαξ ικρίωμα Σάββατο, 22 Ιουνίου 2013 Σημασία ἰκρί-ωμα, ατος, τό, σκαλωσιά, scaffold, IG12.374.67 (ἱκ-), Hsch. s.v. κατῆλιψ. Προσωρινη ξυλινη ἤ μεταλλική κατασκευή για το κτισιμο ἤ την επισκευη κτηριων. Υποστηριζει

Διαβάστε περισσότερα

ΣΥΝΔΕΣΜΟΣ ΚΑΘΗΓΗΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ (ΟΕΛΜΕΚ) ΤΕΥΧΟΣ 3 2011

ΣΥΝΔΕΣΜΟΣ ΚΑΘΗΓΗΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ (ΟΕΛΜΕΚ) ΤΕΥΧΟΣ 3 2011 ΣΥΝΔΕΣΜΟΣ ΚΑΘΗΓΗΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ (ΟΕΛΜΕΚ) ΤΕΥΧΟΣ 3 2011 1 Editorial Editorial Μετά από μια μεγάλη απουσία, επιστρέψαμε δυναμικά με καινούρια θέματα και ιδέες. Θα θέλαμε να ευχαριστήσουμε όλους εσάς

Διαβάστε περισσότερα

Dal volume Cipro Italia A/R Architettura di Emma Tagliacollo

Dal volume Cipro Italia A/R Architettura di Emma Tagliacollo Ambasciata d'italia Dal volume Cipro Italia A/R Architettura di Emma Tagliacollo Il progetto della mostra di Architettura cipriota ha origine da una serie di interrogativi che nascono dal ruolo che ricopre

Διαβάστε περισσότερα

Un esempio di dialogo interculturale: il percorso traduttivo dei pannelli di una mostra fotografica itinerante dall Italia in Grecia

Un esempio di dialogo interculturale: il percorso traduttivo dei pannelli di una mostra fotografica itinerante dall Italia in Grecia ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΦΙΛΟΣΟΦΙΚΗ ΣΧΟΛΗ ΤΜΗΜΑ ΙΤΑΛΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΑΙ ΦΙΛΟΛΟΓΙΑΣ ΠΡΟΓΡΑΜΜΑ ΜΕΤΑΠΤΥΧΙΑΚΩΝ ΣΠΟΥΔΩΝ: «ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ» ΚΑΤΕΥΘΥΝΣΗ: ΜΕΤΑΦΡΑΣΗ, ΔΙΕΡΜΗΝΕΙΑ ΚΑΙ ΕΠΙΚΟΙΝΩΝΙΑ

Διαβάστε περισσότερα

SUPREME COLOURS / DAMASCO 1L

SUPREME COLOURS / DAMASCO 1L SUPREME COLOURS / DAMASCO 1L Μεταλλικό χρώμα κατάλληλο για κάθε επιφάνεια για εσωτερικούς η εξωτερικούς χώρους. Εάν η επιφάνεια είναι λευκή δεν χρειάζεται αστάρι. Η Σειρά αποτελείται από 7 ελκύστηκα χρώματα.

Διαβάστε περισσότερα

Padri Apostolici + Giustino e Ireneo, riferimenti ai Vangeli canonici

Padri Apostolici + Giustino e Ireneo, riferimenti ai Vangeli canonici Padri Apostolici + Giustino e Ireneo, riferimenti ai Vangeli canonici Parte 9 Ireneo di Lione (130-202 d.c.) Autore: Gianluigi Bastia All Rights Reserved Aggiornamento: 22.06.2008 Fonts: greek.ttf / Palatino

Διαβάστε περισσότερα

Digital Video Camera Recorder Video Camera Recorder

Digital Video Camera Recorder Video Camera Recorder 3-079-468-35 (1) Digital Video Camera Recorder Video Camera Recorder Istruzioni per l uso Prima di usare l apparecchio leggere attentamente questo manuale e conservarlo per riferimenti futuri. Οδηγίες

Διαβάστε περισσότερα

Sequenza C Traduzione dal testo originale-->greco Nikoletta Litsardaki

Sequenza C Traduzione dal testo originale-->greco Nikoletta Litsardaki Sequenza C Traduzione dal testo originale-->greco Nikoletta Litsardaki 1 Η συσχέτιση ελεύθερου χρόνου και βιβλίου αποκλείει αναγκαστικά αυτή μεταξύ του χρόνου και του βιβλίου. Αναφέρομαι στην ανάγνωση

Διαβάστε περισσότερα

Strumenti didattici Tracce didattiche Analisi critica di uno o più testi brevi Greco e Latino (prof. Fabrizia Mancini)

Strumenti didattici Tracce didattiche Analisi critica di uno o più testi brevi Greco e Latino (prof. Fabrizia Mancini) Strumenti didattici Tracce didattiche Analisi critica di uno o più testi brevi Greco e Latino (prof. Fabrizia Mancini) Sommario ORATORIA... 2 ORATORIA Greca: dalla lettura di passi scelti di Lisia... 2

Διαβάστε περισσότερα

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙΔΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ, ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΚΑΙ ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΥ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΚΟΙΝΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΟΛΩΝ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ Παρασκευή, 21 Ιουνίου 2013 ΟΔΗΓΙΕΣ

Διαβάστε περισσότερα

Aspetti del comico nel Corpus Lysiacum

Aspetti del comico nel Corpus Lysiacum UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di Ricerca in Filologia Greca e Latina Ciclo XXIII Aspetti del comico nel Corpus Lysiacum Coordinatore: Chiar.mo Prof. Giuseppe Gilberto Biondi Tutor: Chiar.mo

Διαβάστε περισσότερα

Erodoto descrive i. Babilonesi

Erodoto descrive i. Babilonesi Babilonia Storia Società Economia Erodoto descrive i Divinità Babilonesi Medicina Versioni Curiosità Oggi Bibliografia Citta` Erodoto descrive a fu costruita: i Babilonesi erano soliti scavare dei fossati

Διαβάστε περισσότερα

SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN STORIA E CRITICA DEI BENI ARTISTICI, MUSICALI E DELLO SPETTACOLO CICLO: XXII

SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN STORIA E CRITICA DEI BENI ARTISTICI, MUSICALI E DELLO SPETTACOLO CICLO: XXII Università degli Studi di Padova Dipartimento di Storia delle Arti Visive e della Musica SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN STORIA E CRITICA DEI BENI ARTISTICI, MUSICALI E DELLO SPETTACOLO CICLO: XXII LE

Διαβάστε περισσότερα

GIANFRANCO AGOSTI. Le brume di Omero. Sofronio dinanzi alla paideia classica

GIANFRANCO AGOSTI. Le brume di Omero. Sofronio dinanzi alla paideia classica Il calamo della memoria IV, 33-50 GIANFRANCO AGOSTI Le brume di Omero. Sofronio dinanzi alla paideia classica Il racconto dei miracoli di Ciro e Giovanni redatto da Sofronio di Gerusalemme è stato indagato

Διαβάστε περισσότερα

Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8)

Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8) Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8) [6] Ἐγὼ γάρ, ὦ Ἀθηναῖοι, ἐπειδὴ ἔδοξέ μοι γῆμαι καὶ γυναῖκα ἠγαγόμην εἰς τὴν οἰκίαν, τὸν μὲν ἄλλον χρόνον οὕτω διεκείμην ὥστε μήτε

Διαβάστε περισσότερα

GRANDE E SANTO GIOVEDÌ

GRANDE E SANTO GIOVEDÌ La Grande e Santa Settimana GRANDE E SANTO GIOVEDÌ Ufficio della Passione Sant Atanasio dei Greci Via del Babuino 149 Roma 2014 In memoria di mons. Eleuterio Fortino e di p. Oliviero Raquez O.S.B. UFFICIATURA

Διαβάστε περισσότερα

20/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 67. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

20/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 67. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 4 agosto 2015, n. 440 Approvazione del "Documento propedeutico alla costruzione dell'aggiornamento del Piano di Tutela delle Acque

Διαβάστε περισσότερα

Πρόγραμμα τμημάτων ιταλικής γλώσσας Σχολικό έτος 2013/2014

Πρόγραμμα τμημάτων ιταλικής γλώσσας Σχολικό έτος 2013/2014 Πρόγραμμα τμημάτων ιταλικής γλώσσας Σχολικό έτος 2013/2014 Στο τέλος της σχολικής χρονιάς προσφέρονται στους μαθητές ιταλικής γλώσσας υποτροφίες για την παρακολούθηση μαθημάτων γλώσσας σε ιταλικά Πανεπιστήμια

Διαβάστε περισσότερα

Εγχειρίδιο οδηγιών. Χρονοθερμοστάτης WiFi 02911 Εγχειρίδιο τεχνικού εγκατάστασης

Εγχειρίδιο οδηγιών. Χρονοθερμοστάτης WiFi 02911 Εγχειρίδιο τεχνικού εγκατάστασης Εγχειρίδιο οδηγιών Χρονοθερμοστάτης WiFi 02911 Εγχειρίδιο τεχνικού εγκατάστασης Πίνακας περιεχομένων 1. Χρονοθερμοστάτης 02911 3 2. Πεδίο εφαρμογής 3 3. Εγκατάσταση 3 4. Συνδέσεις 4 4.1 Σύνδεση ρελέ 4

Διαβάστε περισσότερα

HUMANITASVQLDJ Ι Μ? ELEONORA MELANDRI Universidade de Florenca. I CosfDDErri FRAMMENTI DELL'OPERA VIRIVS DOCENDA SIT Dì PLUTARCO

HUMANITASVQLDJ Ι Μ? ELEONORA MELANDRI Universidade de Florenca. I CosfDDErri FRAMMENTI DELL'OPERA VIRIVS DOCENDA SIT Dì PLUTARCO HUMANITASVQLDJ Ι Μ? ELEONORA MELANDRI Universidade de Florenca I CosfDDErri FRAMMENTI DELL'OPERA AN VIRIVS DOCENDA SIT Dì PLUTARCO Adelmo Barigazzi in un articolo comparso su Prometheus nel 1987' avanzava

Διαβάστε περισσότερα

MAMBRETTI - PAPAMICHAIL

MAMBRETTI - PAPAMICHAIL Notizie 31 Το παρόν τεύχος τυπώθηκε σε 5.000 τεµ. Del presente numero sono state stampate 5.000 copie Οποιαδήποτε αναδηµοσιεύση κειµένων και φωτογραφιών θα πρέπει να γίνεται µόνο µε την άδεια του εκδότη.

Διαβάστε περισσότερα