L ESPRESSIONE, IL DISCORSO E LE LORO PARTI IN GRECO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Μέγεθος: px
Εμφάνιση ξεκινά από τη σελίδα:

Download "L ESPRESSIONE, IL DISCORSO E LE LORO PARTI IN GRECO"

Transcript

1 L ESPRESSIONE, IL DISCORSO E LE LORO PARTI IN GRECO Giovanni Costa 1. L espressione ed il discorso pg I due tipi di espressione pg Le parti del discorso pg Bibliografia pg. 13 SOMMARIO: Nella prima parte dell articolo si esamina cosa siano l espressione ed il discorso; in particolare, riguardo alla prima, si considera quanto scritto dai grammatici della tarda antichità e quanto, differentemente, affermato da Aristotele e ripreso dai suoi commentatori greci. Nella seconda parte si esamina quanto scritto da Platone, da Aristotele e dai grammatici tardo antichi riguardo alle otto parti del discorso. Si espone perché ve ne sono due, il nome ed il verbo, che eccellono tra le altre. 1

2 Giovanni Costa 1. L espressione ed il discorso. Dionisio Thrace definisce così l espressione (λέξις) ed il discorso (λόγος); Λέξις ἐστὶ μέρος ἐλάχιστον τοῦ κατὰ σύνταξις λόγου. Λόγος δέ ἐστι πεζῆς λέξεως σύνθεσις διάνοιαν αὐτοτελῆ δηλοῦσα. Τοῦ δὲ λόγου μέρη ἐστιν ὀκτώ (Dion. Thr. Ars Gramm. G.G. I/I, 11, pg. 22, 4ss) (Espressione è parte più piccola del discorso conforme a sintassi. Discorso invece è unione di espressioni in prosa che mostra un pensiero in sé compiuto. Otto, poi, sono le parti del discorso;..). Qui gli Scholia (G.G. I/III pg. 56s) osservano che manca qualcosa a questa definizione; infatti, se la prendiamo come assolutamente compiuta, troveremmo che anche una lettera od una parola sono espressione; infatti, sono parte minima del discorso anche la singola lettera o la singola sillaba. Ma non si può dire che Dionisio Thrace, esperto grammatico, abbia detto così perché era in stato d ignoranza, ma dobbiamo dire che egli si espresse in questo modo perché scriveva per persone che venivano introdotte alla materia, ovvero egli scrisse come si scrivono appunti. Cosa manca a questa definizione? Secondo gli Scholia manca il significare qualcosa di pensabile, così la definizione esatta sarebbe; Τί ἐστι λέξις; Μέρος ἐλάχιστον τοῦ κατὰ σύνταξιν λόγου νοητόν τι σημαῖνον. (Scholia in Dion. Thr. Ars Gramm. G.G. I/III, pg. 56, 24s) (Cosa è espressione? Parte minima del discorso conforme a sintassi significante qualcosa di pensabile.). Questa aggiunta non presenta più, né consente di pensare che la sillaba e la singola lettera siano espressione; esse, infatti, non significano niente di pensabile, con l eccezione delle espressioni costituite da una sola lettera o da una sola sillaba. Gli Scholia all Ars Grammatica di Dionisio Thrace fanno notare; καὶ γὰρ ἀπὸ τῶν στοιχείων συλλαβαί, ἀπὸ δὲ συλλαβῶν λέξεις, ἀπὸ δὲ λέξεων διάνοιαι, ἀπὸ δὲ διανοιῶν ὁ τέλειος λόγος ὥστε οὖν κατὰ τάξιν τοὺς εἰσαγομένους ἐκπαιδεύει. (Scholia in Dion. Thr. Ars Gramm. G.G. I/III pg. 211, 27ss) (e, infatti, a derivare dalle lettere le sillabe, dalle sillabe le espressioni, dalle espressioni i pensieri e dai pensieri il discorso perfetto; cosicché, dunque, egli istruisce secondo un ordinamento coloro che vengono istruiti;). La parola greca λόγος ha molti significati, è λόγος quello a derivare dalle spese, denominato anche del banchiere ed è il rendiconto del denaro; λόγος, in greco, è anche la sollecitudine, come si trova in Menandro; οὔτε λόγον ὑμῶν οὔτ ἐπιστροφὴν ἔχω. (Scholia in Dion. Thr. Ars Gramm. G.G. I/III pg. 213, 13) (non ho né sollecitudine né cura di voi.). La parola λόγος indica anche il discorso composto da lemmi e da conclusioni, come se è giorno, vi è luce ; questo è lemma, giacché si è assunto come riconosciuto che, qualora vi sia giorno, vi è luce; ma è giorno, pertanto vi è luce ; questa è conclusione, infatti, essa è venuta dopo il presupposto. La parola λόγος significa anche l ordinamento logico, come quando si dice che gli uomini hanno λόγος e gli animali no. Secondo i greci, è λόγος anche la potenza, come essi dicono che gli esseri viventi mettono i denti secondo λόγος naturale e così portano mascelle. E λόγος anche la voce applicata al pensiero, come la parola vattene ; questo, invero, è anche espressione perché ha raggiunto la forma di pensiero ed è λόγος a causa della compiutezza del concetto che indica. E λόγος anche quello che indica un senso compiuto, come, nel caso in cui qualcuno abbia parlato manchevolmente si dice; τελείωσον τὸν λόγον (Scholia in Dion. Thr. Ars Gramm. G.G. I/III pg. 213, 24) (completa il discorso). Dicesi λόγος anche quello che costituisce una presentazione d una certa perfezione, come; καλός ἐστιν ὁ κατὰ Μειδίου λόγος Δημοσθένους (Scholia in Dion. Thr. Ars Gramm. G.G. I/III pg. 213, 25) (è bello il discorso di Demostene contro Midia). E λόγος anche lo stesso libro, come; χρῆσόν μοι τὸν κατὰ Ἀντροτίωντος λόγον (Scholia in Dion. Thr. Ars Gramm. G.G. I/III pg. 213, 27) (prestami il discorso contro Androzione). E λόγος anche l argomento, come; ἤδη δὲ λέξω τὸν λόγον τοῦ δράματος (Scholia in Dion. Thr. Ars Gramm. G.G. I/III pg. 214, 1) (subito dirò l argomento del dramma). Secondo gli Scholia all Ars Grammatica di Dionisio Thrace, si deve definire così il λόγος; σύνθεσις λέξεων κατάλληλος διάνοιαν ἀπαρτίζουσα (Scholia in Dion. Thr. Ars Gramm. G.G. I/III pg. 214, 5) (appropriata unione d espressioni mostranti un pensiero;). Ma, sempre secondo gli Scholia, λέξις ἐστὶν ἐλαχίστη φωνὴ ἐγγράμματος ἀμερὴς ἰδίᾳ ρητὴ καὶ ἰδίᾳ νοητή, ὑφ ἕνα τόνον καὶ πνεῦμα ἀγομένη ἢ λεγομένη ἢ προφερομένη, ἀδιαφόρως γὰρ λεκτέον. (Scholia in Dion. Thr. Ars 2

3 Gramm. G.G. I/III pg. 352, 37) (espressione è voce minima espressa in lettere indivisibile dicibile di per sé e pensabile di per sé, condotta o detta o proferita sotto un unico accento ed un unico spirito, infatti, deve essere detta senza differenza.). Questo è, in breve, quanto ci riportano l Ars Grammatica di Dionisio Thrace ed i suoi Scholia, non dimentichiamo, però, che l esperto di grammatica scrisse così per persone che venivano introdotte alla materia, presentando, per di più, la materia come in appunti. In realtà le cose sono più complesse; Aristotele scrive; Τῆς δὲ λέξεως ἁπάσης τάδ ἐστὶ τὰ μέρη, στοιχεῖον συλλαβὴ σύνδεσμος ὄνομα ρῆμα ἄρθρον πτῶσις λόγος. (Arist. Poet. 20; 1456b20) (Le parti dell espressione nel suo insieme sono le seguenti, lettera, sillaba, congiunzione, nome, verbo, articolo, caso e discorso.). Qui le parti si sono invertite, non è più espressione è parte più piccola del discorso conforme a sintassi, bensì è il discorso ad essere parte dell espressione (λέξις). Il filosofo cambia tutto. Possiamo trovare una buona spiegazione di cosa sia λέξις e di cosa sia λόγος nel commento di Ammonio al De Interpretatione di Aristotele; Διαφέρει δὲ ὁ λόγος τῆς λέξεως, ὅτι ὁ μὲν ἐστι πλήρωμα προηγουμένως τῶν σημαινουςῶν τὰ πράγματα φωνῶν, ἡ δὲ πασῶν ἁπλῶς τῶν παραλαμβανομένων πρὸς τὴν διάλεκτον. (Amm. In De Int. pg. 13, 7ss) (Invero il discorso differisce dall espressione, perché l uno è compimento essenzialmente di parole che significano i fatti, l altra semplicemente è compimento di tutte le parole prese ai fini della discussione.). Quindi una concezione diversa e ben più complessa di quella espressa da Dionisio Thrace e dagli Scholia alla sua Ars Grammatica. Anche Platone accenna brevemente all espressione; Τὰ μὲν δὴ λόγων πέρι ἐχέτω τέλος τὸ δὲ λέξεως, ὡς ἐγὼ οἶμαι, μετὰ τοῦτο σκεπτέον, καὶ ἡμῖν ἅ τε λεκτέον καὶ ὡς λεκτέον παντελῶς ἐσκέψεται. (Plat. Rsp. 392c) (Gli argomenti riguardo ai discorsi abbiano termine, invece dopo ciò si deve considerare il fatto dell espressione, come io ritengo, e da noi saranno state assolutamente considerate le cose che si devono dire e come si devono dire.). Quindi considerare l espressione (λέξις) vuol dire considerare le cose che si devono dire e come esse si devono dire, questa, dunque, è l espressione. E una concezione molto ampia, diversa da quella, semplicemente introduttiva, di Dionisio Thrace e si comprende come mai Aristotele consideri il discorso (λόγος) come parte dell espressione. 1.2 I due tipi di espressione. Nella sua arte Rhetorica, Aristotele distingue due tipi di espressione, una più usata in antico ed una più recente; Τὴν δὲ λέξιν ἀνάγκη εἶναι ἢ εἰρομένην καὶ τῷ συνδέσμῳ μίαν, ὥσπερ αἱ ἐν τοῖς διθυράμβοις ἀναβολαί, ἢ κατεστραμμένην καὶ ὁμοίαν ταῖς τῶν ἀρχαίων ποιητῶν ἀντιστρόφοις. ἡ μὲν οὖν εἰρομένη λέξις ἡ ἀρχαία ἐστίν Ἡροδότου Θουρίου ἥδ ἰστορίης ἀπόδειξις (Arst. Rhet. III, IX, 1; 1409a) (E necessario che l espressione sia o continua ed una per congiunzione, come i preludi nei ditirambi, ovvero che sia periodica, come le antistrofi degli antichi poeti. L espressione continua è quella antica; La seguente è l esposizione della storia di Trodoto di Turio; ). Ove la citazione di Erodoto è l inizio delle storie di questo autore che, in realtà è; Ἡροδότου Ἁλικαρνησσέος ἱστορίης ἀπόδεξις ἥδε, (Her. I) (La seguente è l esposizione della storia di Erodoto di Alicarnasso,). Ci domandiamo perché questa citazione indichi un espressione connessa; la risposta è nell ὅδε, ἥδε, τόδε, pronome dimostrativo; questo, infatti, sta anche ad indicare quanto segue 1. Ora, poiché ἥδε esposizione della storia, questo pronome in questa 1 Il vocabolario Passow attesta il significato del pronome ὅδε di rimandare a quanto segue. Tra i molti esempi citati da questo vocabolario, si può ricordare; τόδε μοι κρήηνον ἐέλδωρ τείσειαν Δαναοὶ ἐμὰ δάκρυα σοῖσι βέλεσσιν. (IL. I, 41s) (compimi il seguente desiderio: i Danai paghino le mie lacrime colle tue frecce.) τόδε μοι κρήηνον ἐέλδωρ τίμησόν μοι υἱόν, ὃς ὡκυμορώτατος ἄλλων 3

4 posizione sta a rimandare a tutta la seguente storia di Erodoto, congiungendo il tutto in un unica espressione. Questo è il primo esempio di esposizione connessa. Un altro esempio di espressione connessa ci può venire da Euripide, infatti il commentario di anonimo alla Rhetorica di Aristotele scrive; τὰ δὲ τοῦ Εὐριπίδου ἰαμβεῖα εἰρομένην λέξιν ἔχουσι μακρὰς γὰρ τὰς ἀποδόσεις ἔχουσιν, ὡς τὸ ἥκω νεκρῶν κευθμῶνα. (Comm. In Arist. Gr. XXI, 2, pg. 195, 24) (Mentre i giambi di Euripide hanno espressione connessa; infatti, essi hanno le esposizioni lunghe, come il Sono giunto all antro dei morti. (Eur. Hec. 1)). Qui il commentatore di Aristotele fa riferimento alle parole iniziali dell Hecuba di Euripide, però, subito prima di questa citazione egli dice essi hanno le spiegazioni lunghe, come il ; qui è evidente che il Sono giunto all antro dei morti ha, dopo di sé, una lunga spiegazione; per questa ragione, per vedere un espressione connessa, bisogna considerare tutta la parte iniziale dell Hecuba; Ἥκω νεκρῶν κευθμῶνα καὶ σκότου πύλας 1 λιπών, ἵν Ἅιδης χωρὶς ᾤκισται θεῶν, Πολύδωρος, Ἑκάβης παῖς γεγὼς τῆς Κισςέως, Πριάμου τε πατρός, ὅς μ, ἐπεὶ Φρυγῶν πόλιν κίνδυνος ἔσχε δορὶ πεσεῖν Ἑλληνικῷ, 5 δείσας ὑπεξέπεμψε Τρωϊκῆς χθονὸς Πολυμήστορος πρὸς δῶμα, Θρῃκίου ξένου, ὅς τὴν ἀρίστην Χερσονησίαν πλάκα σπείρει φίλιππον λαὸν εὐθύνων δορί. πολὺν δὲ σὺν ἐμοὶ χρυσὸν ἐκπέμπει λάθρᾳ 10 πατήρ, ἵν, εἴ ποτ Ἰλίου τείχη πέσοι τοῖς ζῶσιν εἴη παισὶ μὴ σπάνις βίου. νεώτατος δ ἦ Πριαμιδῶν ὃ καὶ με γῆς ὑπεξέπεμψεν οὔτε γὰρ φέρειν ὅπλα οὔτ ἔγχος οἷός τ ἦ νέῳ βραχίονι. 15 ἕως μὲν οὖν γῆς ὄρθ ἔκειθ ὁρίσματα, πύργοι τ ἄθραυστοι Τρωϊκῆς ἦσαν χθονός, Ἕκτωρ τ ἀδελφὸς οὑμὸς ηὐτύχει δορί, καλῶς παρ ἀνδρὶ Θρῃκί, πατρῴῳ ξένῳ τροφαῖσιν, ὥς τις πτόρθος, ηὐξόμην τάλας. 20 ἐπεὶ δὲ Τροία θ Ἕκτορός τ ἀπόλλυται ψυχὴ πατρῴα θ ἑστία κατεσκάφη, αὐτὸς δὲ βωμῷ πρὸς θεοδμήτω πίτνει, σφαγεὶς Ἀχιλλέως παιδὸς ἐκ μιαιφόνου, κτείνει με χρυσοῦ τὸν ταλαίπωρον χάριν 25 ξένος πατρῷος, καὶ κτανὼν ἑς οἶδμ ἁλὸς ἔπλετ (IL. I, 504s) (compimi il seguente desiderio: onorami il figlio, che venne a morte più presto degli altri;) καὶ δὲ τόδ εἰπέμεναι πυκινὸν ἔπος, αἴ κ ἐθέλωσι παύσασθαι πολέμοιο δυσηχέος, εἰς ὅ κε νεκροὺς κήομεν ὕστερον αὖτε μαχησόμεθ, εἰς ὅ κε δαίμων ἄμμε διακρίνῃ, δώῃ δ ἑτέροισί γε νίκην. (IL. VII, 375ss) (e dica questo saggio discorso, volesse Dio che desiderassero cessare dalla guerra sinistra, finché noi cremiamo i morti; più tardi di nuovo combatteremo, finché un dio ci distingua e dia vittoria a l uno o all altro.) Ταῦτα μὲν Λακεδαιμόνιοι λέγουσι μοῦνοι Ἑλλήνων, τάδε δὲ κατὰ τὰ λεγόμενα ὑπ Ἑλλήνων ἐγὼ γράφω, τούτους γὰρ δὴ τοὺς Δωριέων βασιλέας μέχρι μὲν Περσέος τοῦ Δανάης, τοῦ θεοῦ ἀπεόντος, καταλεγομένους ὀρθῶς ὑπ Ἑλλήνων καὶ ἀποδεικνυμένους ὡς εἰσὶ Ἕλληνες ἤδη γὰρ τηνικαῦτα ἐς Ἕλληνας οὗτοι ἐτέλεον. (Her. VI, 53, 1) (Gli Spartani sono gli unici tra i greci a raccontare queste cose, io, invece, scrivo quanto segue conformemente a quanto sostenuto dai Greci, cioè questi re dei Dori sino a Perseo figlio di Danae, essendo escluso il dio, sono catalogati con esattezza dai Greci ed è dimostrato che essi sono Greci; infatti, già allora essi erano noverati tra i Greci.). 4

5 μεθῆχ, ἵν αὐτὸς χρυςὸν ἐν δόμοις ἔχῃ. κεῖμαι δ επ ἀκτῆς, ἄλλοτ ἐν πόντου σάλῳ πολλοῖς διαύλοις κυμάτων φορούμενος, ἄκλαυτος, ἄταφος νυν δ ὑπὲρ μητρὸς φίλης 30 Ἑκάβης ἀίσσω σῶμ ἐρημώσας ἐμόν, τριταῖον ἤδη φέγγος αἰωρούμενος, ὅσονπερ ἐν γῇ τῇδε Χερσονησίᾳ μήτηρ ἐμὴ δύστηνος ἐκ Τροίας πάρα. πάντες δ Ἀχαιοὶ ναῦς ἔχοντες ἥσυχοι 35 θάσσουσ ἐπ ἀκταῖς τῆσδε Θρῃκίας χθονός ὁ Πηλέως γὰρ παῖς ὑπὲρ τύμβου φανεὶς κατέσχ Ἀχιλλεὺς πᾶν στράτευμ Ἑλληνικὸν πρὸς οἶκον εὐθύνοντας ἐναλίαν πλάτην αἰτεῖ δ ἀδελφὴν τὴν ἐμὴν Πολυξένην 40 τύμβῳ φίλον πρόσφαγμα καὶ γέρας λαβεῖν. καὶ τεύξεται τοῦδ, οὐδ ἀδώρητος φίλων ἔσται πρὸς ἀνδρῶν ἡ πεπρωμένη δ ἄγει θανεῖν ἀδελφὴν τῷδ ἐμὴν ἐν ἤματι. δυοῖν δὲ παίδοιν δύο νεκρὼ κατόψεται 45 μήτηρ, ἐμοῦ τε τῆς τε δυστήνου κόρης. φανήσομαι γάρ, ὡς τάφου τλήμων τύχω, δούλης ποδῶν πάροιθεν ἐν κλυδωνίῳ. τοὺς γὰρ κάτω σθένοντας ἐξῃτησάμην τύμβου κυρῆσαι κεἰς χέρας μητρὸς πεσεῖν. 50 τοὐμὸν μὲν οὖν ὅσονπερ ἤθελον τυχεῖν ἔσται γεραῖᾳ δ ἐκποδὼν χωρήσομαι Ἑκάβῃ περᾷ γὰρ ἥδ ὑπὸ σκηνῆς πόδα Ἀγαμέμνονος φάντασμα δειμαίνουσ ἐμόν. (Eur. Hec. 1-54) (Essendo perito sono giunto all antro dei morti ed alle porte della tenebra, dove l Ades è abitato senza gli dei, io, Polidoro, nato figlio di Ecuba figlia di Cissea e di padre Priamo, il quale, quando la città dei Frigi corse pericolo di cadere per la lancia Greca, 5 avendo temuto, mi fece uscire segretamente dalla terra di Troia verso la casa di Polimestore, ospite Thrace, il quale governando con la lancia il popolo amante dei cavalli, semina l ottima pianura del Chersoneso. Ebbene, il padre inviò di nascosto con me molto oro, 10 affinché, se mai le mura di Ilio fossero cadute, non vi fosse penuria di vitto per i figli ancora in vita. Io dunque ero il più giovane dei figli di Priamo; la qual cosa fece uscire anche me segretamente dalla terra; infatti, a ragione di un giovane braccio non ero capace di portare né armi né lancia. 15 Certamente, finché erano dati retti confini della terra e vi erano baluardi indistruttibili della terra di Troia ed Ettore, mio fratello, dava nel segno con la lancia, io sciagurato crescevo bene, con viveri, come un qualche rampollo, presso un uomo Thrace, ospite paterno. 20 Ma quando Troia e l anima di Ettore perirono e fu distrutto il focolare paterno ed egli cadde presso l altare edificato dagli dei, ucciso dal figlio di Achille, da un omicida, 25 l ospite paterno uccise me misero a motivo d oro e, dopo avermi ucciso, mi abbandonò verso il flutto del mare, affinché egli avesse oro nelle sue case. E giaccio sulla sponda, un altra volta portato via da molti flussi e riflussi, in compianto, insepolto; ed ora io, dopo aver lasciato il mio corpo vuoto, 30 mi agito a motivo dell amica madre Ecuba, scuotendomi ormai nel terzo giorno, quanto appunto mia madre sventurata proveniente da Troia vi è in questa terra Chersonesa. Invero tutti gli Achei tranquilli colle loro navi 35 stanno seduti sulle sponde di questa terra Thracia; infatti, il figlio di Peleo, Achille, apparso sul monumento sepolcrale, trattenne tutto l esercito Ellenico pure mentre dirigevano verso la patria la flotta marina; e domanda di prendere mia sorella Polissena 40 come sacrificio e dono amico per il monumento sepolcrale. E otterrà ciò e 5

6 non sarà senza doni da parte degli uomini amici; in questo giorno la persona destinata porta a morire mia sorella. La madre vedrà due cadaveri di due figli, 45 di me e della fanciulla sventurata. Apparirò, infatti, poiché avviene che io sia sciagurato riguardo alla sepoltura, nei flutti dinanzi ai piedi di una schiava, Infatti, domandai a coloro che sono potenti sotto terra di ottenere sepoltura e di cadere nelle mani della madre. 50 Dunque il mio sepolcro sarà precisamente quale desideravo; ma mi avanzerò lontano dalla vecchia Ecuba; infatti, questa, posto il piede al di là, sotto la tenda di Agamennone, teme il mio fantasma.) La prima cosa che notiamo qui è che la spiegazione più specifica dell Essendo perito sono giunto all antro dei morti ed alle porte dell Ade, di cui ai versi 1-2, si trova appena ai versi κτείνει με...ξένος πατρῷος (l ospite paterno..uccide me); il pensiero, dunque, dei primi versi si completa solamente molto più avanti. Poi il verso 10, πολὺν δὲ σὺν ἐμοὶ χρυσὸν ἐκπέμπει λάθρᾳ πατήρ, (Ebbene ), qui vi è una chiara connessione con quanto precede, il cui pensiero non risulta quindi in sé completo, ma continua al verso 10 ed ai seguenti. La medesima cosa si trova al verso 13 νεώτατος δέ (Io dunque). Al verso 16 abbiamo μέν seguito da δέ ai versi 21, 22, 23, 28, 30 ad indicare una connessione di pensiero e che il concetto delle frasi non è in sé compiuto ma continua. Così ai versi 51 e 52. Tutto questo brano abbastanza lungo forma un unico concetto, non si vede entro di esso un termine che indichi un pensiero in sé compiuto. L altro tipo di espressione è quella periodica (κατεστραμμένη), Aristotele scrive; κατεστραμμένη δὲ ἡ ἐν περιόδοις: λέγω δὲ περίοδον λέξιν ἔχουσαν ἀρχὴν καὶ τελευτὴν αὐτὴν καθ αὑτὴν καὶ μέγεθος εὐσύνοπτον. (Arist. Rhet. III, IX, 3; 1409a) (l espressione periodica, invece, è quella in periodi; intendo per periodo un espressione che abbia inizio e fine entro sé stessa e che abbia grandezza facile a scorgersi.). L anonimo commentatore di Aristotele scrive αὕτη δὲ ἡ κατεστραμμένη λέξις καὶ περίοδός ἐστι καὶ ἐν περιόδοις θεωρεῖται (Comm. In Arist. Gr. XXI,2, pg. 195, 13) (Invero la stessa espressione connessa sia è periodo sia si pensa in periodi;). Questo ci aiuta a comprendere il significato della parola espressione (λέξις) come impiegato dal filosofo in opposizione a quello dato a questa parola da Dionisio Thrace. Aristotele spiega che ciò che è scritto secondo questo stile è piacevole e facile ad essere appreso; piacevole perché esso è l opposto di ciò che non ha limite, in quanto l uditore ad ogni passo ritiene di essersi assicurato qualcosa, mentre è spiacevole non prevedere né giungere alla conclusione di qualcosa. Essa è facile ad essere appresa perché si può facilmente ritenere nella memoria, essa ha un numero che è la cosa più facile a ricordarsi, essa ha un numero con cui può essere misurata. Notiamo che il periodo deve essere completo nel suo significato; ἡ δὲ ἀληθινὴ περίοδος οὐ τῷ σχήματι μόνον, ἀλλὰ καὶ τῷ νῷ συνάγει τὸ ἐπιχείρημα, ὅ τινες καὶ ἐνθύμημα καλοῦσιν, οὐ πᾶσα δὲ δύναιτο ἂν ἐνθυμηματικὴ περίοδος εἶναι, εἰ μὴ καὶ γνωμικὴ τὸ καθόλου εἰς τὸ ἴδιον κατάγουσα, καὶ τὸ ἴδιον εἰς τὸ καθόλου ἀνάγουσα. (Herm. De Inv. pg. 238, 22ss) (Invero il vero periodo riunisce il suo argomento non solamente nella figura ma anche nell intelletto, che alcuni denominano anche pensiero, ma non ogni periodo potrebbe essere in forma di pensiero se non anche, usando sentenze, riportasse il generale al particolare e rifacesse il particolare al generale.) Un periodo può essere composto da membri (κῶλα) o semplice. Il primo caso è un espressione (λέξις) completa, distinta nelle sue parti e facilmente pronunciabile in un solo respiro. Un periodo semplice è uno che consiste di un solo membro. Anche Demetrio spiega nel suo ΠΕΡΙ ΕΡΜΗΝΕΙΑΣ che la prosa è articolata e differenziata in quelli che sono denominati membri (κῶλα). Questi membri fanno riposare chi parla, essi pongono limiti alle parti del discorso che, altrimenti, si estenderebbe senza limiti e farebbe esaurire tutto il suo respiro a chi parla. La funzione di questi membri è di definire un pensiero. A volte un membro forma un pensiero in sé completo, a volte esso non costituisce un pensiero completo ma una parte di esso, tuttavia una parte completa. Proprio come il braccio, che è un tutto d una certa specie, ha parti come le dita e l avambraccio che già di per sé sono un tutto, così anche un pensiero completo può ben comprendere entro di sé parti che sono integre di per sé. Come esempio di periodo in membri, Demetrio cita; Δαρείου καὶ Παρυσάτιδος γίγνονται παῖδες δύο, 6

7 πρεσβύτερος μὲν Αρτοξέρξης, νεώτερος δὲ Κῦρος. (Sen. An. I, I, 1) (Da Dario e da Parisatide nacquero due figli, Arotoserse il più anziano e Ciro il più giovane.). Questo è un periodo completo, infatti esprime un pensiero in sé compiuto; esso è composto da due membri separati dalla virgola, Da Dario e da Parisatide nacquero due figli, il primo membro; questo ha una sua completezza. Il secondo membro, Artoserse il più anziano e Ciro il più giovane, pure questo ha la sua completezza, esso esprime un pensiero compiuto. Quindi si deve intendere che un membro comprende un pensiero che può essere un periodo completo oppure che forma una parte integrale di un periodo. Come esempio di un membro che forma un pensiero integro, Demetrio cita; Ἑκαταῖος Μιλήσιος ὧδε μυθεῖται (Demtr. ΠΕΡΙ ΕΡΜ. I, 2) (Ecateo di Milesio riferisce così;) 2. Un unico membro breve si trova nel periodo; οὗτος δ ἦν καλὸς μέν, μέγας δ οὔ (Sen. An. IV, IV, 3) (questo era bello, ma non grande). Esempio di periodo in tre membri; Ἄνδρες δικασταί, μάλιστα μὲν εἵνεκα τοῦ νομίζειν συμφέρειν τῇ πόλει λελύσθαι τὸν νόμον, εἶτα καὶ τοῦ παιδὸς εἵνεκα τοῦ Χαβρίου ὡμολόγησα τούτοις, ὡς ἂν οἷός τ ὦ, συνερεῖν. (Dem. Contra Lept. (XX), 1) (O giudici, principalmente perché ritengo che sia interesse della città che la legge sia abrogata, inoltre a causa del ragazzo Cabria, io ho acconsentito, per quanto sono capace, a parlare a favore di costoro.). Demetrio non riporta quali siano i tre membri, si deduce però; 1. principalmente perché ritengo che sia interesse della città che la legge sia abrogata, 2. inoltre a causa del ragazzo Cabria 3. io ho acconsentito a parlare e favore di costoro. 3 Un esempio di periodo in due membri, di cui il primo costituisce l inizio ed il secondo la sua spiegazione, è; ὁ γὰρ οἷς ἂν ἐγὼ ληφθείην ταῦτα πράττων καὶ κατασκευαζόμενους, οὗτος ἐμοὶ πολεμεῖ, κἂν μήπω βάλλῃ μηδὲ τοξεύῃ. (Dem. Fil. III (IX), 17) (infatti, colui che fa e prepara queste cose dalle quali io potrei essere preso, (primo membro) costui è colui che mi porta guerra, anche se non ancora scagli né lanci frecce. (secondo membro)). Il complesso dei due membri costituisce un pensiero in sé compiuto. Un ultimo esempio; ὥστε τῷ στρατοπέδῳ πλεῦσαι μὲν διὰ τῆς ἠπείρου, πεζεῦσαι δὲ διὰ τῆς θαλάττης, τὸν μὲν Ἑλλήσποντον ζεύξας, τὸν δ Ἄθω διορύξας. (Isocr. Paneg. (IV), 89) ()cioè navigare con l esercito attraverso la terra e marciare attraverso il mare, avendo congiunto l Ellesponto e scavato il monte Athos.). Qui è spiegazione del marciare l aver congiunto l Ellesponto ed è spiegazione del navigare l aver scavato il monte Athos, infatti, il congiungere è opposto allo scavare (disgiungendo). 2 Questo è un frammento citato da Demetrio, non possediamo l opera completa. E da notare che questo non è periodo, l ὧδε, infatti, rimanda a quando segue, che è andato perduto; la frase, di conseguenza, non ha termine in sé stessa e, pertanto, fa parte di un espressione connessa; del resto, Demetrio spiega che anche l espressione connessa è divisa in membri, esempio di questo sono proprio l appena citato Ecateo ed Erodoto che si è già visto (Demtr. ΠΕΡΙ ΕΡΜ, I, 12). 3 Argomenti desunti da Demetrio, ΠΕΡΙ ΕΡΜΗΝΕΙΑΣ, Ι,

8 Giovanni Costa 2. Le parti del discorso. Sia Aristotele che Platone affermano che il discorso è composto da nomi e da verbi; Ὄντων δ ὀνομάτων καὶ ρημάτων ἐξ ὧν ὁ λόγος συνέστηκεν, (Arist. Rhet. III, II, 5; 1404b) (Essendo nomi e verbi quelli dai quali è composto il discorso,). Così l analoga citazione di Platone; Οὐκοῦν ἐξ ὀνομάτων μὲν μόνων συνεχῶς λεγομένων οὐκ ἔστι ποτὲ λόγος, οὐδ αὖ ρημάτων χωρὶς ὀνομάτων λεχθέντων. (Pl. Sof. 262a) (Sicché certamente non vi è mai discorso da soli nomi detti senza interruzione, né, inoltre, da verbi detti senza i nomi.) 1. Notiamo che; λέγεται λόγος καὶ ἡ αὐτοτελῆ διάνοιαν δηλοῦσα τῶν λέξεων παράθεσις, τουτέστιν ὁ κατὰ σύνταξιν λόγος, (Mich. Sync. Traité Constr. 4) (si denomina discorso anche la combinazione delle espressioni che mostra un pensiero in sé perfetto, cioè il discorso conforme a costruzione,). La definizione che ci dà Platone è analoga; Οὐκοῦν διάνοια μὲν καὶ λόγος ταὐτόν πλὴν ὁ μὲν ἐντὸς τῆς ψυχῆς πρὸς αὐτὴν διάλογος ἄνευ φωνῆς γιγνόμενος τοῦτ αὐτὸ ἡμῖν ἐπωνομάσθη, διάνοια. (Pl. Sof. 263e) (Pensiero e discorso, dunque, sono la stessa cosa; solo che l uno è il dialogo che avviene all interno dell anima con sé stessa senza parole ed è proprio questo che viene chiamato pensiero.). Per procedere con ordine, consideriamo per prima cosa cosa siano nome e verbo; Πρῶτον δεῖ θέσθαι τί ὄνομα καὶ τί ρῆμα, (Arist. De Inter. I, 16a1) (Anzitutto bisogna stabilire che cosa è il nome e che cosa è il verbo,). Una prima risposta ci viene da Platone; ἔστι γὰρ ἡμῖν που τῶν τῇ φωνῇ περὶ τὴν οὐσίαν δηλωμάτων διττὸν γένος. ΘΕΑΙΤΗΤΟΣ Πῶς; ΞΕΝΟΣ Τὸ μὲν ὀνόματα, τὸ δὲ ρήματα κληθέν. ΘΕΑΙΤΗΤΟΣ Εἰπὲ ἑκάτερον. ΞΕΝΟΣ Τὸ μὲν ἐπὶ ταῖς πράξεσιν ὂν δήλωμα ρῆμά που λέγομεν. ΘΕΑΙΤΗΤΟΣ Ναί. ΞΕΝΟΣ Τὸ δέ γ ἐπ αὐτοῖς τοῖς ἐκείνας πράττουσι σημεῖον τῆς φωνῆς ἐπιτεθὲν ὄνομα. (Pl. Sof. 261es) (se non erro noi abbiamo nel linguaggio un doppio genere di indicazioni riguardo alla sostanza. TEETETO In che modo? OSPITE L uno è denominato nomi, l altro verbi. TEETETO Spiega l uno e l altro. OSPITE Se non erro denominiamo verbo l indicazione riguardante le azioni. TEETETO Sì. OSPITE E il segnale della voce che viene posto a quelli che compiono le azioni è il nome.) Dunque i nomi designano le persone o le cose che compiono le azioni ed i verbi indicano le azioni stesse. Il commentario di Ammonio al De Interpretatione di Aristotele parla di voci semplici, intese come quelle che significano i fatti a cui sono state apposte non distinguendo, conformemente a questo, i nomi dai verbi. Però in queste voci semplici noi notiamo una qualche ambiguità e rileviamo che le une sono disposte con gli articoli e le altre no e troviamo che le une significano un 1 Sembrerebbe da questa citazione che per avere un discorso bisogna che vi siano sia un nome che un verbo. Cioè il discorso deve consistere di almeno due parti, un nome ed un verbo; Ἔστιν ἡμῖν ὁ λόγος ὃς ἀπὸ δύο τοὐλάχιστον συνίσταται μερῶν εἰ γὰρ καὶ μονομερὴς γίνεται λόγος τέλειος διάνοιαν αὐτοτελῆ δηλῶν, οἷον ἐποίησα, ἔγραψα, αλλ οὖν ἐξακούεται ἔξωθεν ἡ οὐσία ἡ ποιήσασα καὶ ἡ γράψασα τὸ μὲν γὰρ ὄνομα ὡς οὐσία ἐστὶ, τὸ δὲ ρῆμα ὡς συμβεβηκὸς περὶ τὴν οὐσίαν γινόμενον (Mich. Sync. Traité Constr. 6) (E per noi un discorso quello che consta almeno di due parti; infatti, se il discorso perfetto mostrante un pensiero in sé compiuto è anche d una sola parte, come feci, scrissi, ma pure la sostanza che fece o che scrisse è comprensibile da fuori; infatti, il nome è come sostanza ed il verbo come accidente che avviene riguardo alla sostanza;). Negli esempi presentati e nei casi analoghi, la sostanza agente, cioè il soggetto, espresso da un nome o, eventualemente, da un pronome che, come dice la parola, sta al posto del nome, si comprende dal di fuori, esso è sottinteso. Anche in italiano si può dire feci, scrissi ecc., si sottintende il pronome io. 8

9 qualche tempo e le altre no, allora distinguiamo le une dalle altre e denominiamo nomi le parole disposte insieme agli articoli e non significanti tempo, mentre denominiamo verbi le parole dette conformemente ad un qualche tempo. Ammonio specifica che Aristotele insegna chiaramente che quando ciascuna di queste parole non è presa di per sé stessa ma come parte di una predicazione o di una negazione, allora la denominiamo dichiarazione. Invece, quando le consideriamo prese in un sillogismo, allora le denominiamo definizioni come il filosofo ha scritto nei proemi degli Analitici 2. Così Platone, nel nono libro delle Leggi, ha denominato definizioni le voci semplici; egli afferma che si congiungono le une alle altre quelle delle definizioni delle quali vi sia qualcosa di medio come vi è del freddo e del caldo o del volontario e dell involontario; Ἔστιν δὲ οὐ πάντων, ὡς ἔοικε, τῶν ὄντων ὅρος ὅρῳ προσμειγνύς, ἀλλ οἷς ἔστιν μεθόριον, τοῦτο ἐν μέσῳ ὅρων πρότερον ἑκατέρῳ προσβάλλον γίγνοιτ ἂν ἀμφοῖν ματαξύ (Pl. Leg. 878b) (Non di tutte le cose esistenti vi è definizione congiunta a definizione, come sembra, ma lo è per quelle che hanno un punto di confine tra di loro, questo, andando per primo in ciascuno dei punti di mezzo delle definizioni, potrebbe essere in mezzo ad ambedue;). La frase di Platone riguarda quelle definizioni che hanno come punto di mezzo il danno avvenuto conformemente all animo che non è né semplicemente volontario né semplicemente involontario 3. Ammonio afferma che il libro delle Categorie di Aristotele ci ha insegnato solamente riguardo alle voci semplici, non investigando per niente la differenza dei nomi rispetto ai verbi, l utilità della quale è grande ai fini del discorso predicativo 4, perciò si dà la teoria riguardo ai nomi ed ai verbi, in quanto vicinissima all opera presente. Presso i grammatici le parti del discorso sono otto 5, perché ora Aristotele ci presenta solamente queste due, il nome ed il verbo? Si risponde perché queste da sole possono formare un discorso predicativo senza le altre, vedasi esempi nota 4. Dunque il filosofo forma la riflessione del De Interpretatione solamente su queste due. Queste necessariamente si prendono in ogni discorso predicativo e sono sufficienti per generare un discorso semplice; per un discorso predicativo formato dal solo verbo si veda nota 1. Si deve, però, sapere che delle otto parti del discorso le une significano delle nature o semplicemente delle persone o delle opere o stati d animo od una combinazione di qualcuna di queste parti come, rispettivamente, nome pronome, verbo e participio, le quali possono anche bastare da sole per formare un discorso predicativo, come quando diciamo; ἐγὼ περιπατῶ (Amm. De Int. pg. 11, 12) (io cammino) o ὁ τρέχων περιπατεῖ (Amm. De Int. pg. 11, 13) (colui che corre si muove), ὁ Σωκράτης τρέχων ἐστί (Amm. De Int. pg. 11, 13) (Socrate sta correndo), dove la prima parola è presupposto, l altra è come asserzione. Le restanti parti del discorso non significano questi argomenti ma asseriscono una qualche relazione di quanto esse asseriscono verso il presupposto. Così significa la maggior parte degli avverbi; essi, infatti, indicano come quanto affermata sussista rispetto al presupposto o, anche, in qual tempo o in qual luogo o quante volte, sia se sussiste in maniera determinata o indeterminata o secondo quale ordinamento verso l altro o somigliantemente a cosa o maggiormente o meno di cosa e così via. E da notare che quelli che secondo i grammatici moderni sono denominati aggettivi verbali, gli antichi li classificavano, quando declinati al neutro singolare, tra gli avverbi 6. Vi sono anche avverbi che non 2 Vedasi Ammonio De Interpretatione, pg. 9, 28ss. 3 Vedasi Ammonio, De Interpretatione, pg. 10, 17ss 4 Ammonio ci ha dato un esempio di discorso predicativo; ἐπεὶ δὲ πᾶσα ἀπόφανσις ἐξ ὀνομάτων καὶ ρημάτων ἔχει τὴν γένεσιν, ὡς ὅταν εἴπω Σωκράτης περιπατεῖ, (Amm. De Inter. pg. 8, 31) (giacchè, però, ogni predicazione ha l origine dai nomi e dai verbi, come quando dico Socrate cammina,). Altro esempio; ἄνθρωπος ὑγιαίνει (Amm. De Inter. pg. 11, 4) (l uomo è sano). 5 Vedasi, ad esempio, Τοῦ δὲ λόγου μέρη ἐστὶν ὀκτώ ὄνομα, ρῆμα, μετοχή, ἄρθρον, ἀντωνυμία, πρόθεσις, ἐπίρρημα, σύνδεσμος. (Dion. Thr. Ars Gramm. 11; G.G. I/I, pg. 23,1s) (Invero le parti del discorso sono otto; nome, verbo, participio, articolo, pronome, preposizione, avverbio, congiunzione.). Gli aggettivi sono classificati, da parte degli antichi grammatici, tra i nomi; Ἐπίθετον (ὄνομα) δέ ἐστι τὸ ἐὶ κυρίων ἢ προσηγορικῶν ὁμωνύμως τιθέμενον, (Dion. Thr. Ars Gramm. 12, pg. 34,3) (Nome aggettivo è quello posto con lo stesso nome riguardo a nomi propri e comuni,). Riguardo agli aggettivi verbali vedasi nota 6. 6 Ammonio scrive; ἢ καὶ ὅτι λυσιτελὲς ἡμῖν τὸ αἱρεῖσθαι τὸ κατηγορούμενον δηλοῦντες ὡς ἐπὶ τῶν θετικῶν λεγομένων ἐπιρρημάτων, (Amm. De Int. pg. 11, 24) (o anche mostrando che è vantaggioso per noi lo scegliere quanto è asserito, 9

10 sono utili ai fini della predicazione ma lo sono per altre specie di discorso, come gli avverbi significanti desiderio che servono per il discorso desiderativo, gli avverbi della proibizione o dell esortazione che servono per il discorso imperativo e gli avverbi interrogativi che servono per il discorso interrogativo. Alcuni degli avverbi possono, per eccezione, essere detti di per sé; ὀνομάτων, ἀντωνυμιῶν, ἐπιρρημάτων, ἁπερ ἐιλέγεται ταῖς γινομέναις ενεργείαις, ἡίκα ἐπιφθεγγόμεθα τὸ κάλλιστα τοῖς κατὰ τὸ δέον τι ἐνεργοῦσιν, ἢ ὑγιῶς ἢ καλῶς (Ap. Disc. ΠΕΡΙ ΣΥΝΤ. A, 12) (riguardo ai nomi, ai pronomi, agli avverbi quali si riferiscono ad azioni in corso, qualora gridiamo il ottimamente a coloro che compiono qualcosa come dovuto, o rettamente o bene ;). Le altre parti del discorso di per sé sono assolutamente prive di significato; articoli, preposizioni e congiunzioni hanno significato solo se congiunti con altre parole. Aristotele, afferma Ammonio 7, distingue in nomi ed in verbi tutte le parti del discorso che significano nature o persone o attività o passioni e sopportazioni o una certa combinazione di persona verso attività o passione e sopportazione. Egli denomina verbi le parole che vengono dette conformemente ad un tempo o predicate nelle proposizioni e denomina nomi quelle dette senza tempo o completanti l impiego dei presupposti. Il filosofo non ritiene di denominare con buon diritto parti del discorso che non rientrano in nessuna delle due regioni di cui sopra, anche qualora siano considerate diversamente dalle premesse significanti l esistere od il non esistere o il come o quante volte esiste ciò che è affermato dal presupposto o qualche altra loro relazione delle une verso le altre. Ammonio presenta il paragone della nave 8 ; egli dice che come le assi sono le parti principali della nave, mentre i chiodi, il lino e la pece si prendono a ragione della congiunzione delle assi e dell unione del tutto, così, anche nel discorso, congiunzioni, articoli, preposizioni e gli stessi avverbi adempiono all impiego di giunture e, perciò, non possono essere giustamente dette parti del discorso poiché esse non possono, una volta messe insieme, produrre di per sé stesse un discorso completo. Queste non sono parti del discorso, ma sono parti dell espressione, come Aristotele ha scritto nella poetica (Poet. 1456b20, vedasi pg. 3) e sono utili per la sintesi fatta in un certo modo delle une con le altre e per la disposizione insieme delle parti del discorso, come il legame è utile per l unione non innata o naturale delle cose collegate o la colla lo è per le cose congiunte o tenute unite per mezzo di essa. Si deve notare, però, né quelle parti sono parti delle cose legate o incollate, né congiunzioni o articoli o preposizioni o avverbi sono parti del discorso. come riguardo agli avverbi detti positivi,). Dove lo stesso Ammonio ci dice cosa siano gli avverbi positivi; ἀλλὰ καὶ τὰ ἐπιρρήματα τὰ θετικὰ λεγόμενα θέσεις καλοῦσί τινες, οἷον γαμητέον πλευστέον. (Amm. De Int. pg. 9, 14) (Ma alcuni denominano affermazioni anche gli avverbi denominati positivi, come da sposarsi, da navigarsi.). Michele Syncello ci fornisce qualche scarno ulteriore esempio sull impiego di questi avverbi; Καὶ τὰ θετικὰ δὲ πρὸς δοτικὴν καὶ αἰτιατικὴν συντάσσεται, οἷον γραπτέον ἡμῖν καὶ γραπτέον ἡμᾶς ἐσθ ὅτε καὶ χωρὶς ἐιφορᾶς πτώσεως λέγομεν ἀπολύτως, οἷον ἰστέον ἀντὶ τοῦ δεῖ εἰδέναι ὅσα γὰρ ρηματικὴν ἔννοιαν ἔχουσιν, ὑποθήκης καὶ συμβουλίας ἕνεκα τιθέμεθα. (Mich. Sync. Traité Constr. 153) (E gli avverbi positivi si costruiscono col dativo e coll accusativo, come; da parte nostra si deve scrivere e da parte nostra si deve scrivere; talvolta li diciamo in modo assoluto senza imposizione di caso, come si deve sapere in luogo di si deve sapere ; infatti, noi poniamo le parole che hanno concetto verbale a ragione di precetto e di consiglio.). In effetti, gli avverbi positivi si trovano costruiti anche coll accusativo, ad esempio; Οὐ μὴν δουλευτέον τοὺς νοῦν ἔχοντας τοῖς οὕτω κακῶς φρονοῦσιν, ἀλλὰ τῶν μὲν τοιούτων ἀμελητέον, τοὺς δ ἄλλους ἐθιστέον ἀκούειν περὶ ὧν καὶ λέγειν δίκαιόν ἐστι, (Isocr. Evag. (IX), 7) (Non è certamente conveniente per coloro che hanno senno servire coloro che non lo hanno, ma è conveniente per essi non prendersi cura di siffatte persone, ma deve essere abituale ascoltare riguardo a quei fatti dei quali è anche giusto parlare,). Questo è l uso avverbiale di queste espressioni, la desinenza neutra singolare in -τέον o, come suggerirebbe l Ausführliche Grammatik der Griechischen Sprache II, I, 427, anche di quelle al neutro plurale in τέα. Il sunnominato testo fornisce un solo esempio di uso non avverbiale; οὔ σφι περιοπτέη ἐστὶ ἡ Ἑλλὰς ἀπολλυμένη (Er. VII, 168, 1) (da parte loro non si può tollerare che la Grecia vada in rovina;). Qui vi è la desinenza -τέη, nominativo femminile singolare, quindi uso aggettivale. Però questo fatto risulta assai poco attestato, infatti, questa è l unica citazione della grammatica citata. 7 Ammonio, De Interpretatione, pg. 12, 16ss. 8 Ammonio, De Interpretatione, pg. 12, 25ss. 10

11 Anche la stessa denominazione delle parti del discorso, dette riguardo al nome ed al verbo, ci dice qualcosa sul loro impiego. Infatti, il pronome (ἀντωνυμία o pro-nome), essendo come un nome, non significa la natura di ciò cui è riferito, ma significa semplicemente persone; il participio (μετοχή) partecipa di ambedue, del nome e del verbo, anche se, dice Ammonio (De Int. pg. 15, 2), esso si volge maggiormente verso le proprietà dei verbi, in quanto dimostra alcuni tempi; infine l articolo (ἄρθρον) che si denomina così in quanto congiunto (συναρτώμενον) ai nomi ed avente l anafora 9 verso di quelli. Plutarco osserva 10 che Platone dice da questi, cioè il discorso è formato da nome e da verbo, seguito in ciò da Aristotele 11. Il saggio di Cheronea dice che non dobbiamo criticare questo fatto, come se si dicesse che la medicina è composta da cera e da galbano omettendo il fuoco ed il vaso necessari per mescolarli, non dobbiamo ragionare così, nel caso del discorso, riguardo a congiunzioni, preposizioni ed altre parti del discorso. Infatti, il discorso non è formato a derivare da queste, ma per opera loro e senza di queste non può essere unito. Infatti, chi dice certamente o infatti o intorno a stanti di per sé non dice niente che possa essere compreso o pensato indipendentemente; non si può concepire nell animo una nozione di qualcosa dell animo o del fatto o dell azione. Tali vocaboli, se non sono proferiti con nomi e con verbi, sono simili a suoni inani ed a strepiti. Però ciò che è costruito da nome e da verbo è già discorso ed orazione, pertanto, non a torto, alcuni ritengono solamente queste parti del discorso. Le restanti parti del discorso non conducono a niente, ma conducono così il discorso, come il sale conduce al companatico e l acqua conduce alla focaccia. Eveno disse che il fuoco è un ottimo condimento; però si deve rilevare che il fuoco o il sale non sono parti necessarie dell alimento da cottura o del cibo; quantunque abbiamo sempre necessità di essi, a differenza di quanto avviene nel discorso che spesso non sembra avere necessità di quelle particelle. Ad esempio il latino fa a meno degli articoli. A volte, in Greco, si omettono le congiunzioni, però il loro uso è frequentissimo presso i dialettici, i quali hanno massimamente necessità di esse per congiungere o disgiungere gli enunciati. Si valgono di esse come l auriga impiega il giogo. Infatti, la congiunzione forma un enunciato unico a derivare da molti copulando e connettendo, come la pietra costringe il ferro liquefatto; però, tuttavia, né il marmo è parte del ferro, né si può dire tale; nondimeno queste cose essendo rivestite e fondendo insieme agli elementi mischiati formano e subiscono qualcosa comune a derivare da più. Inoltre, per quanto riguarda le altre parti del discorso, manifestamente il pronome è della stessa specie del nome. Non nel modo che esso ha i medesimi casi del nome ma, per di più, perché non pochi pronomi, riportati riguardo alle persone definite, formano, insieme all affermazione, una assai valevole deissi 12 ; e non so perché abbia maggiormente mostrato nominatamente una persona chi abbia nominato Socrate di chi abbia detto costui. I pronomi, essendo come nomi, non significano alcuna natura ma semplicemente persone. 9 Apollonio Discolo ci spiega chiaramente cosa è l anafora; Ἔστιν οὖν, καθὸ καὶ ἐν ἄλλοις ἀπεφηνάμεθα, ἴδιον ἄρθρου ἡ ἀναφορὰ, ἥ ἐστι προκατειλημμένου προςώπου παραστατική. Ἀναφέρεται δὲ τὰ ὀνόματα ἤτοι κατ ἐξοχὴν, ὅτε φαμὲν οὗτός ἐστιν ὁ γραμματικός, τοιοῦτόν τι ἐμφαίνοντες ὁ πάντων προήκων, ὡς ἔστιν εἰπεῖν, οὲ γραματικώτατος. Τῇδε γὰρ καὶ ὡς συλλαβὴν τὸ ἄρθρον ἀπηνέγκατο ὁ ποιητής, ἀπενεγκάμενος καὶ τὴν ἁπάντων ἐξοχὴν καὶ τὴν πρὸς ἁπάντων προπεπερασμένην γνῶσιν. (Ap. Disc. ΠΕΡΙ ΣΥΝΤ. A, 43 G. G. II/II pg. 38, 11) (Dunque, come ho già detto altrove, l anafora è propria dell articolo, cioè l indicazione di una persona già conosciuta. Invero i nomi si riportano con anafora o realmente secondo eccellenza, quando diciamo questo è il grammaticicissimo significando qualcosa di siffatto: colui che sta davanti a tutti, il che equivale a dire il migliore. In questa maniera, infatti, il poeta ottenne l articolo come una sillaba, ottenendo anche l eccellenza su tutti e la conoscenza raggiunta prima di tutti quanti.). ἰδίωμα ἀναφορᾶς προκατειλεγμένου προσώπου δευτέρα γνῶσις, ἥν ἐπαγγέλλεται ἡ αὐτός ἀντωνυμία. (Ap. Disc. ΠΕΡΙ ΣΥΝ. B, 10; G. G. II/II pg.134, 11ss). (la proprietà dell anafora è una seconda conoscenza d una persona menzionata anteriormente, la quale è significata dal pronome αὐτός.). 10 Moralia, Quaestiones Platonicae, X, II VIII. 11 Vedasi pg Δεδείξεται γὰρ ἐν τοῖς ἑξῆς ὡς αἱ δεικτικαὶ οὐκ εἰρημένων τῶν ὀνομάτων ἀνθυπηνέχθησαν, ἀλλ οὐ δυναμένων παραληφθῆναι. (Ap. Disc. ΠΕΡΙ ΣΥΝ. B, 11; G. G. II/II pg. 135, 1s) (Si mostrerà in quanto segue che i pronomi deittici non rimpiazzano i nomi già menzionati, ma i nomi che non si possono impiegare.) 11

12 Il participio (μετοχή) in quanto partecipa (μετέχω) di ambedue, nome e verbo, è mistione di nome e di verbo, non sussiste di per sé stesso, come neppure i nomi femminili e maschili, ma esso si dispone insieme a quelli, connesso ai tempi dei verbi ed ai casi dei nomi. Poi è possibile omologare le preposizioni a copricapi, piedistalli e fondamenti poiché esse non sono discorsi, ma piuttosto riguardano discorsi. Si osservi che esse non rassomigliano a frammenti e rottami di nomi, come scrivono coloro che si affaticano riguardo a frammenti di lettere ed a travicelli; infatti, i verbi ἐμβῆναι (avanzarsi) ed ἐκβῆναι (partire), sono un evidente accorciamento del ἐντὸς βῆναι e del ἐκτὸς βῆναι, ed il verbo προγενέσθαι (essere anteriore) lo è del πρότερον γενέσθαι, ed il verbo καθίζειν (porre a sedere) lo è del κάτω ἵζειν; questi sono alcuni esempi, che Plutarco ci presenta, di verbi composti, in questi casi da un verbo e da un frammento di preposizione; vi sono poi anche altri verbi composti proprio da rottami di nomi; come, per esempio, da λίθους βάλλειν vi è λιθοβολεῖν (scagliare pietre) e da τοίχους ὀρύσσειν vi è τοιχωρυχεῖν (scavare pareti), però formare questi verbi equivale ad affrettarsi ed a sforzare l espressione. La congiunzione si denomina così in quanto essa congiunge i discorsi disgiunti. Si noti che in alcuni passi Aristotele sembra ammettere di denominare più in comune parti del discorso. Ognuno di questi ha un qualche impiego nell orazione, però non è, propriamente, parte ed elemento di essa; questo è dovuto al solo nome e verbo. Apollonio Discolo presenta un interessante analogia tra le lettere dell alfabeto e le parti del discorso 13. Delle lettere le une sono vocali che rendono un suono vocale anche da sole di per sé stesse e le altre sono consonanti che non si possono pronunciare senza le vocali. Si può osservare che il medesimo fatto vale anche per le parti del discorso, ve ne sono alcune che, come le vocali, possono essere enunciate da sole e questo è quello che si può osservare per i verbi, i nomi, i pronomi, certi avverbi (vedasi pg. 10), però vi sono altre parti del discorso che, come le consonanti richiedono le vocali, così richiedono altre parti del discorso. esse non possono essere pronunciate da sole, questo è il caso, appunto, delle preposizioni, degli articoli e delle congiunzioni. Queste ultime devono il loro valore al fatto che esercitano la loro funzione di ordine e di rapporto di consecuzione delle frasi. 13 Apollonio Discolo ΠΕΡΙ ΣΥΝΤΑΞΕΩΣ A, 12; G. G. II/II pg. 13, 1ss. 12

13 Giovanni Costa 3. Bibliografia. AA.VV., Scholia in Dionysii Thracis Artem Grammaticam, a cura di Hilgard, Alfredus, ed. B. G. Teubner, Lipsia, AA.VV. Scholia in Euripidem Vol I Scholia in Hecubam Orestem Phoenissas, a cura di Schwartz, E., ed. Georg Reimer, Berlino, Aelius Aristides, ΤΕΧΝΩΝ ΡΗΤΟΡΙΚΩΝ, a cura di von Spengel, Leonhard, in Rhetores Graeci II, ed. B. G. Teubner, Lipsia, Ammonio, Ammonius de Interpretatione in Commentaria in Aristotelem Graeca IV/V a cura di Busse, Αdolfus, ed. Academia Litterarum Regia Borussica e Georg Reimer, Berlino, Anonymus et Stephani, In Artem Rhetoricam Commentaria in Commentaria in Aristotelem Graeca XXI, 2, a cura di Rabe, Hugo, ed. Academia Litterarum Regia Borussica e Georg Reimer, Berlino, 1896 Apollonio Discolo, ΠΕΡΙ ΣΥΝΤΑΞΕΩΣ in Grammatici Graeci II/II a cura di Uhlig, Gustav, ed Georg Olms Verlag, Hildesheim New York, Aristotele, Poetica, a cura di Kassel, Rudolf e Paduano, Gino, ed. Gius. Laterza & Figli, Roma Bari, Aristotele, The Art of Rhetoric, a cura di Freese, J. H., ed. Harvard University Press, London e Cambridge Massachusetts, Aristotele, Della Interpretazione, a cura di Minio Paluello, L. e Zanatta, M., ed. Rizzoli Libri, Milano, Demetrio, Demetrius on Style (ΠΕΡΙ ΕΡΜΗΝΕΙΑΣ), a cura di Rhys Roberts, W. ed. The University press, Cambridge, Demostene, Demosthenis Orationes, a cura di Butcher, S. H., ed Tipographeo Clarendoniano, Oxonii, Dionisio Thrace, Ars Grammatica in Grammatici Graeci I/I, a cura di Uhlig, Gustav, ed. academia Litterarum Regia Borussica e B. G. Teubner, Lipsia, Ermogene, De Inventione ΠΕΡΙ ΠΕΡΙΟΔΟΥ in Rhetores Graeci Vol II, a cura di von Spengel, Leonhard, ed. B. G. Teubner, Lipsia, Erodoto, Le Storie, a cura di Rosén, H. B. ed AA.VV. ed. UTET, Torino, Euripide, Hecuba, a cura di Pfluck, Aug. Iul. Edm., ed. B. G. Teubner, Lipsia, Isocrate, Isocratis Orationes et Epistolae, a cura di Baiter, J. G., ed. Ambrosio Firmin Didot, Parigi,

14 Isocrate, Orazioni, a cura di Mathieu, G. e Brémond, E. ed AA.VV. ed. Rizzoli Libri, Milano, Kühner, Raphael, Gerth, Bernhard, Ausführliche Grammatik der Griechischen Sprache II, I e II, ed. Verlag Hahnsche Buchhandlung, Hannover, Nachdruck der 3 Auflage, Michele Sψncello, Le Traité de la Construction de la Phrase de Michel le Syncelle de Jerusalem, a cura di Donnet, Daniel, ed. Institut Historique Belge de Rome, Bruxelles Roma, Omero, Iliade Odissea, a cura di Monro, B. B., Allen, Th. W. e Giammarco, M. ed. Newton & Compton Editori, Roma, Passow, Franz, Handworterbuch der Griechischen Sprache, ed. Wissenschaftliche Buchgesellschaft, Germania, Platone, Tutte le Opere, a cura di Burnet, J. ed AA.VV. ed. Newton & Compton Editori, Roma, Plutarco, Plutarchi Scripta Moralia, a cura di Dübner, Fredericus, ed. Ambrosio Firmin Didot, Parigi, Senofonte, Anabasi, a cura di Hude, K. e Ravenna, E. ed. Arnoldo Mondadori, Milano, Giovanni Costa Trieste HOME PAGE STORIA E SOCIETA 14

Ακαδημαϊκός Λόγος Εισαγωγή

Ακαδημαϊκός Λόγος Εισαγωγή - Nel presente studio/saggio/lavoro si andranno ad esaminare/investigare/analizzare/individuare... Γενική εισαγωγή για μια εργασία/διατριβή Per poter rispondere a questa domanda, mi concentrerò in primo

Διαβάστε περισσότερα

TRIGONOMETRIA: ANGOLI ASSOCIATI

TRIGONOMETRIA: ANGOLI ASSOCIATI FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI AZZERAMENTO - MATEMATICA ANNO ACCADEMICO 010-011 ESERCIZI DI TRIGONOMETRIA: ANGOLI ASSOCIATI Esercizio 1: Fissata in un piano cartesiano ortogonale xoy una circonferenza

Διαβάστε περισσότερα

Un calcolo deduttivo per la teoria ingenua degli insiemi. Giuseppe Rosolini da un università ligure

Un calcolo deduttivo per la teoria ingenua degli insiemi. Giuseppe Rosolini da un università ligure Un calcolo deduttivo per la teoria ingenua degli insiemi Giuseppe Rosolini da un università ligure Non è quella in La teoria ingenua degli insiemi Ma è questa: La teoria ingenua degli insiemi { < 3} è

Διαβάστε περισσότερα

!Stato di tensione triassiale!stato di tensione piano!cerchio di Mohr

!Stato di tensione triassiale!stato di tensione piano!cerchio di Mohr !Stato di tensione triassiale!stato di tensione piano!cerchio di Mohr Stato di tensione F A = F / A F Traione pura stato di tensione monoassiale F M A M Traione e torsione stato di tensione piano = F /

Διαβάστε περισσότερα

Integrali doppi: esercizi svolti

Integrali doppi: esercizi svolti Integrali doppi: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali doppi sugli insiemi specificati: a) +

Διαβάστε περισσότερα

IL SISTEMA DELLA SINTASSI DI APOLLONIO DISCOLO

IL SISTEMA DELLA SINTASSI DI APOLLONIO DISCOLO IL SISTEMA DELLA SINTASSI DI APOLLONIO DISCOLO di Ludwig Lange Titolo originale dell opera Das System der Syntax des Apollonios Dyscolos Göttingen 1852 da https://archive.org/index.php Traduzione dal tedesco

Διαβάστε περισσότερα

ECONOMIA MONETARIA (parte generale) Prof. Guido Ascari LEZIONE 3 LA DOMANDA DI MONETA

ECONOMIA MONETARIA (parte generale) Prof. Guido Ascari LEZIONE 3 LA DOMANDA DI MONETA ECONOMIA MONETARIA (parte generale) Prof. Guido Ascari Anno 2006-2007 2007 LEZIONE 3 LA DOMANDA DI MONETA LA DOMANDA DI MONETA Teoria Macro Micro Th.Quantitativa Th.. Keynesiana => Keynes, Tobin Th. Friedman

Διαβάστε περισσότερα

S.Barbarino - Esercizi svolti di Campi Elettromagnetici. Esercizi svolti di Antenne - Anno 2004 I V ...

S.Barbarino - Esercizi svolti di Campi Elettromagnetici. Esercizi svolti di Antenne - Anno 2004 I V ... SBarbarino - Esercizi svolti di Campi Elettromagnetici Esercizi svolti di Antenne - Anno 004 04-1) Esercizio n 1 del 9/1/004 Si abbia un sistema di quattro dipoli hertziani inclinati, disposti uniformemente

Διαβάστε περισσότερα

Giuseppe Guarino - CORSO DI GRECO BIBLICO. Lezione 11. L imperfetto del verbo essere. ἐν - ἀπό. ἡ ἀρχὴ - ἀρχὴ

Giuseppe Guarino - CORSO DI GRECO BIBLICO. Lezione 11. L imperfetto del verbo essere. ἐν - ἀπό. ἡ ἀρχὴ - ἀρχὴ Lezione 11 L imperfetto del verbo essere. ἐν - ἀπό ἡ ἀρχὴ - ἀρχὴ Abbiamo studiato il verbo εἰµί al presente. Adesso lo vedremo al passato (diremo così per semplicità) espresso con il tempo Imperfetto.

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1. 6 η ενότητα: La famiglia italiana e la televisione. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ

Ιταλική Γλώσσα Β1. 6 η ενότητα: La famiglia italiana e la televisione. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ 6 η ενότητα: La famiglia italiana e la televisione Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας Άδειες Χρήσης Το παρόν εκπαιδευτικό

Διαβάστε περισσότερα

Αποτελέσματα έρευνας σε συνδικαλιστές

Αποτελέσματα έρευνας σε συνδικαλιστές From law to practice-praxis Αποτελέσματα έρευνας σε συνδικαλιστές Το πρόγραμμα συγχρηματοδοτείται από την ΕΕ Συγχρηματοδοτείται από την Ευρωπαϊκή Ένωση Γνωρίζετε τι προβλέπει η Οδηγία 2002/14; Sa che cosa

Διαβάστε περισσότερα

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 3

ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 3 1 Prof. POGGI Flaminio ESAME DI QUALIFICAZIONE: GRECO 1 E 2 CONOSCENZE Il sistema verbale greco (presente, imperfetto, futuro, aoristo, perfetto, piuccheperfetto; congiuntivo e suo uso in proposizioni

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1. 12 η ενότητα: Giorno e notte estate. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ

Ιταλική Γλώσσα Β1. 12 η ενότητα: Giorno e notte estate. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ 12 η ενότητα: Giorno e notte estate. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας Άδειες Χρήσης Το παρόν εκπαιδευτικό υλικό υπόκειται

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική 6 η ενότητα: Riflessione lessicale allenamento e sport Μήλιος Βασίλειος Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική 1 η ενότητα: Riflessione grammaticale - il passato prossimo Μήλιος Βασίλειος Άδειες Χρήσης Το παρόν

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1. 11 η ενότητα: Appuntamenti nel tempo libero. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ

Ιταλική Γλώσσα Β1. 11 η ενότητα: Appuntamenti nel tempo libero. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ 11 η ενότητα: Appuntamenti nel tempo libero. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας Άδειες Χρήσης Το παρόν εκπαιδευτικό υλικό

Διαβάστε περισσότερα

BACCALAURÉAT GÉNÉRAL

BACCALAURÉAT GÉNÉRAL BACCALAURÉAT GÉNÉRAL SESSION 2012 GREC ANCIEN Série Littéraire 1 ère partie : (60 points) L épreuve comporte deux parties : Questionnaire portant sur un extrait, accompagné de sa traduction, concernant

Διαβάστε περισσότερα

CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.)

CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.) Consigliamo di configurare ed utilizzare la casella di posta elettronica certificata tramite il webmail dedicato fornito dal gestore

Διαβάστε περισσότερα

IL PRONOME RIFLESSIVO GRECO di Giovanni Costa

IL PRONOME RIFLESSIVO GRECO di Giovanni Costa IL PRONOME RIFLESSIVO GRECO di Giovanni Costa 1. Il pronome riflessivo pg. 2 2. Uso del pronome riflessivo pg. 3 3. Bibliografia pg. 8 1 1. Il pronome riflessivo. I pronomi personali sono, nella specie

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική 4 η ενότητα: Riflessione grammaticale pronomi diretti, indiretti e combinati Μήλιος Βασίλειος Τμήμα

Διαβάστε περισσότερα

IL MONOFISISMO DI S. CIRILLO D ALESSANDRIA

IL MONOFISISMO DI S. CIRILLO D ALESSANDRIA IL MONOFISISMO DI S. CIRILLO D ALESSANDRIA di Giovanni Costa ABBREVIAZIONI COD Cum Salvator Definitio Fidei Laetentur Obloquuntur PG QUX =Conciliorum Oecumenicorum Decreta. =Terza lettera di S. Cirillo

Διαβάστε περισσότερα

Moto armonico: T : periodo, ω = pulsazione A: ampiezza, φ : fase

Moto armonico: T : periodo, ω = pulsazione A: ampiezza, φ : fase Moo armonico: equazione del moo: d x ( ) = x ( ) soluzione: x ( ) = A s in ( + φ ) =π/ Τ T : periodo, = pulsazione A: ampiezza, φ : fase sposameno: x ( ) = X s in ( ) velocià: dx() v () = = X cos( ) accelerazione:

Διαβάστε περισσότερα

Corrispondenza Auguri

Corrispondenza Auguri - Matrimonio Συγχαρητήρια. Σας ευχόμαστε όλη την ευτυχία του κόσμου. Per congratularsi con una coppia appena sposata Θερμά συγχαρητήρια για τους δυο σας αυτήν την ημέρα του γάμου σας. Per congratularsi

Διαβάστε περισσότερα

LIVELLO A1 & A2 (secondo il Consiglio d Europa)

LIVELLO A1 & A2 (secondo il Consiglio d Europa) ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΕΘΝΙΚΗΣ ΠΑΙ ΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ Ministero Greco della Pubblica Istruzione e degli Affari Religiosi Certificazione di Lingua Italiana LIVELLO A1 & A2 (secondo

Διαβάστε περισσότερα

ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΤΕΧΝΙΚΑ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ

ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΤΕΧΝΙΚΑ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ ΟΙΚΟΝΟΜΙΑ & ΔΙΟΙΚΗΣΗ ΠΛΗΡΟΦΟΡΙΚΗ ΚΑΤΑΛΟΓΟΣ ΒΙΒΛΙΩΝ 2015-2016 ΠΙΑΔΑΓΩΓΙΚΑ ΤΕΧΝΙΚΑ Οι Εκδόσεις Δίσιγμα ξεκίνησαν την πορεία τους στο χώρο των ελληνικών εκδόσεων τον Σεπτέμβριο του 2009 με κυρίαρχο οδηγό

Διαβάστε περισσότερα

L ILIADE, UNA PER CONGIUNZIONE ἡ Ἰλιὰς μὲν ζυνδέζμῳ εἷς (Arist. POET a29) (L Iliade, un discorso unico per congiunzione)

L ILIADE, UNA PER CONGIUNZIONE ἡ Ἰλιὰς μὲν ζυνδέζμῳ εἷς (Arist. POET a29) (L Iliade, un discorso unico per congiunzione) L ILIADE, UNA PER CONGIUNZIONE ἡ Ἰλιὰς μὲν ζυνδέζμῳ εἷς (Arist. POET. 20.1457a29) (L Iliade, un discorso unico per congiunzione) di Giovanni Costa 1. Aristotele afferma che l Iliade è una per congiunzione.

Διαβάστε περισσότερα

Dove posso trovare il modulo per? Dove posso trovare il modulo per? Για να ρωτήσετε που μπορείτε να βρείτε μια φόρμα

Dove posso trovare il modulo per? Dove posso trovare il modulo per? Για να ρωτήσετε που μπορείτε να βρείτε μια φόρμα - Γενικά Dove posso trovare il modulo per? Dove posso trovare il modulo per? Για να ρωτήσετε που μπορείτε να βρείτε μια φόρμα Quando è stato rilasciato il suo [documento]? Για να ρωτήσετε πότε έχει εκδοθεί

Διαβάστε περισσότερα

Le origini della teologia aristotelica: il libro Lambda della Metafisica di Aristotele HANDOUT

Le origini della teologia aristotelica: il libro Lambda della Metafisica di Aristotele HANDOUT 1 SEMINARIO DI FILOSOFIA MEDIEVALE 2017 Le origini della teologia aristotelica: il libro Lambda della Metafisica di Aristotele Rita Salis Padova, 25 gennaio 2017 HANDOUT 1) Aristot. Metaph. Λ 1, 1069 a

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1. 1 η ενότητα: Raccontare situazioni e abitudini del passato. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας

Ιταλική Γλώσσα Β1. 1 η ενότητα: Raccontare situazioni e abitudini del passato. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ 1 η ενότητα: Raccontare situazioni e abitudini del passato Ελένη Κασάπη Άδειες Χρήσης Το παρόν εκπαιδευτικό υλικό υπόκειται σε άδειες

Διαβάστε περισσότερα

IL MODO SOGGIUNTIVO GRECO Giovanni Costa

IL MODO SOGGIUNTIVO GRECO Giovanni Costa IL MODO SOGGIUNTIVO GRECO Giovanni Costa 1. Parte generale. pg. 2 2. Le singole congiunzioni. pg. 6 2.1.1 ἵνα causale. pg. 6 2.1.2 ἵνα finale. pg. 7 2.2.1 ὄφρα causale. pg. 7 2.2.2 ὄφρα finale. pg. 7 2.3.1

Διαβάστε περισσότερα

άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3"] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 τυροωμιάσατ ο Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι

άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 τυροωμιάσατ ο Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι Π 1 Ν Α S Τ Ω Ν Ε Ν Τ Ω Ι Β. Ο Θ Ω Ν Ε Ι Ω Ι Π Α Ν Ε Π Ι Σ Ί Ή Μ Ε Ι Ω Ι ΚΑΤΑ ΤΗΝ ΧΕΙ Μ Ε Ρ IN Η Ν Ε Ξ AM ΗΝ IΑΝ άπο πρώτη ς Οκτωβρίου 18 3"] μέ/ρι τοΰ Πάσ/α 1838 Π Α Ρ Α Δ Ο Θ Η Σ Ο Μ Ε Ν Ω Ν ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ.

Διαβάστε περισσότερα

A) INFINITO. Physica III.6

A) INFINITO. Physica III.6 A) INFINITO Physica III.6 206a9 Ὅτι δ' εἰ µὴ ἔστιν ἁπλῶς, πολλὰ ἀδύνατα a10 συµβαίνει, δῆλον. τοῦ τε γὰρ χρόνου ἔσται τις ἀρχὴ καὶ τελευτή, καὶ τὰ µεγέθη οὐ διαιρετὰ εἰς µεγέθη, καὶ ἀριθµὸς οὐκ ἔσται ἄπειρος.

Διαβάστε περισσότερα

PRONOMI DIMOSTRATIVI

PRONOMI DIMOSTRATIVI PRONOMI DIMOSTRATIVI I dimostrativi o deittici (da δείκνυμι, mostro) possono essere pronomi o aggettivi. 1. ὅδε, ἥδε, τόδε indica persona o cosa vicina a chi parla, al pari di hic, haec, hoc e si traduce

Διαβάστε περισσότερα

Esercizi sulla delta di Dirac

Esercizi sulla delta di Dirac Esercizi sulla delta di Dirac Corso di Fisica Matematica, a.a. 013-014 Dipartimento di Matematica, Università di Milano 5 Novembre 013 Esercizio 1. Si calcoli l integrale δ(x) Esercizio. Si calcoli l integrale

Διαβάστε περισσότερα

Αξιολόγηση μεταφράσεων ιταλικής ελληνικής γλώσσας

Αξιολόγηση μεταφράσεων ιταλικής ελληνικής γλώσσας ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ Αξιολόγηση μεταφράσεων ιταλικής ελληνικής γλώσσας Ενότητα 5: Παραδείγματα με επαγγελματική ορολογία, αγγελίες και ασκήσεις Κασάπη Ελένη

Διαβάστε περισσότερα

Corrispondenza Lettera

Corrispondenza Lettera - Indirizzo Cardinelli Domenico & Vittorio via delle Rose, 18 Petrignano 06125 Perugia Formato indirizzo italiano: via, numero civico località, Mr. J. Rhodes 212 Silverback Drive California Springs CA

Διαβάστε περισσότερα

DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO

DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI TRIGONOMETRICHE IN UN TRIANGOLO RETTANGOLO Il triangolo ABC ha n angolo retto in C e lati di lnghezza a, b, c (vedi fig. ()). Le fnzioni trigonometriche dell angolo α sono definite

Διαβάστε περισσότερα

ΕΥΡΩΠΑΪΚΟ ΚΟΙΝΟΒΟΥΛΙΟ

ΕΥΡΩΠΑΪΚΟ ΚΟΙΝΟΒΟΥΛΙΟ ΕΥΡΩΠΑΪΚΟ ΚΟΙΝΟΒΟΥΛΙΟ 1999 2004 Επιτροπή Απασχόλησης και Κοινωνικών Υποθέσεων 25 Ιουλίου 2002 ΕΓΓΡΑΦΟ ΕΡΓΑΣΙΑΣ σχετικά µε το µέλλον της υγειονοµικής περίθαλψης και της µέριµνας για τους ηλικιωµένους: εξασφάλιση

Διαβάστε περισσότερα

Immigrazione Studiare

Immigrazione Studiare - Università Vorrei iscrivermi all'università. Dire che vuoi iscriverti Vorrei iscrivermi a un corso. Dire che vuoi iscriverti ad un corso universitario di laurea triennale di laurea magistrale di dottorato

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1. 5 η ενότητα: L abbigliamento e la casa. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ

Ιταλική Γλώσσα Β1. 5 η ενότητα: L abbigliamento e la casa. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ 5 η ενότητα: L abbigliamento e la casa Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας Άδειες Χρήσης Το παρόν εκπαιδευτικό υλικό υπόκειται

Διαβάστε περισσότερα

FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 13 La seconda declinazione greca La seconda delle tre declinazioni greche. di GIANNI MONTEFAMEGLIO

FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 13 La seconda declinazione greca La seconda delle tre declinazioni greche. di GIANNI MONTEFAMEGLIO FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 13 La seconda declinazione greca La seconda delle tre declinazioni greche di GIANNI MONTEFAMEGLIO Abbiamo visto, nella lezione precedente, che la prima declinazione

Διαβάστε περισσότερα

Texte grec Prologue (2) vers 16-30: Trahison de Polymestor L'hôte voleur, assassin, sacrilège

Texte grec Prologue (2) vers 16-30: Trahison de Polymestor L'hôte voleur, assassin, sacrilège 1 ΠΟΛΥΔΩΡΟΥ ΕΙΔΩΛΟΝ Euripide : Hécube Texte grec Prologue (2) vers 16-30: Trahison de Polymestor L'hôte voleur, assassin, sacrilège Ἕως μὲν οὖν γῆς ὄρθ ἔκειθ ὁρίσματα, 16 πύργοι τ ἄθραυστοι Τρωικῆς ἦσαν

Διαβάστε περισσότερα

Ακαδημαϊκός Λόγος Κύριο Μέρος

Ακαδημαϊκός Λόγος Κύριο Μέρος - Επίδειξη Συμφωνίας De modo geral, concorda-se com... porque... Επίδειξη γενικής συμφωνίας με άποψη άλλου Tende-se a concordar com...porque... Επίδειξη γενικής συμφωνίας με άποψη άλλου Parlando in termini

Διαβάστε περισσότερα

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015

Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015 Conferenza di N. Lygeros avente per tema L insurrezione Greca quale esempio di resistenza. Pafo 24/03/2015 Scosta il sipario che è dietro al leggio e scopre uno stendardo che riguarda la Rivoluzione e

Διαβάστε περισσότερα

LA SCUOLA DI ALESSANDRO SU PIACERE E SOFFERENZA (QUAEST. ETH. 5/4, 6, 7, 16).

LA SCUOLA DI ALESSANDRO SU PIACERE E SOFFERENZA (QUAEST. ETH. 5/4, 6, 7, 16). CARLO NATALI LA SCUOLA DI ALESSANDRO SU PIACERE E SOFFERENZA (QUAEST. ETH. 5/4, 6, 7, 16). La questione se il piacere sia un bene viene discussa da Aristotele, e dai suoi commentatori di età imperiale,

Διαβάστε περισσότερα

IL MODO OTTATIVO GRECO Giovanni Costa

IL MODO OTTATIVO GRECO Giovanni Costa IL MODO OTTATIVO GRECO Giovanni Costa 1. La dottrina dei grammatici antichi pg. 2 2. Esempi dell impiego dell ottativo pg. 4 2. 1 Ottativo presente pg. 4 2. 2 Ottativo aoristo pg. 4 2. 3 Ottativo perfetto

Διαβάστε περισσότερα

5. Se la consonante π si trova, fatta l elisione, davanti a vocale con spirito aspro diventa:

5. Se la consonante π si trova, fatta l elisione, davanti a vocale con spirito aspro diventa: 1) L accusativo femminile duale dell aggettivo καλός καλή καλόν è: A. καλά B. B. καλοί C. C. καλαί D. D. καλή 2. Indica il dativo singolare di πῠρ πυρόϛ : A.πυρί B. πυρῶν C. πυρόν D. πυρά 3. Il nominativo

Διαβάστε περισσότερα

Εισαγωγή στη Φιλοσοφία

Εισαγωγή στη Φιλοσοφία Εισαγωγή στη Φιλοσοφία Ενότητα: Αριστοτέλης Ι Κωνσταντίνος Μαντζανάρης Πρόγραμμα Ιερατικών Σπουδών Άδειες Χρήσης Το παρόν εκπαιδευτικό υλικό υπόκειται σε άδειες χρήσης Creative Commons. Για εκπαιδευτικό

Διαβάστε περισσότερα

FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 15 Le preposizioni greche Le principali preposizioni della lingua greca. di GIANNI MONTEFAMEGLIO

FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 15 Le preposizioni greche Le principali preposizioni della lingua greca. di GIANNI MONTEFAMEGLIO FACOLTÀ BIBLICA CORSO: GRECO BIBLICO 1 LEZIONE 15 Le preposizioni greche Le principali preposizioni della lingua greca di GIANNI MONTEFAMEGLIO Più che mandare subito a memoria le preposizioni greche che

Διαβάστε περισσότερα

IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU. A Giuseppe Russo di Salerno

IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU. A Giuseppe Russo di Salerno IL PRINCIPIO DEI SEGNI DI GESU A Giuseppe Russo di Salerno 1.Ricordo che durante un dibattito tra gente di alta cultura e un cardinale di Santa Romana Chiesa, un professore di diritto internazionale si

Διαβάστε περισσότερα

Sarò signor io sol. α α. œ œ. œ œ œ œ µ œ œ. > Bass 2. Domenico Micheli. Canzon, ottava stanza. Soprano 1. Soprano 2. Alto 1

Sarò signor io sol. α α. œ œ. œ œ œ œ µ œ œ. > Bass 2. Domenico Micheli. Canzon, ottava stanza. Soprano 1. Soprano 2. Alto 1 Sarò signor io sol Canzon, ottava stanza Domenico Micheli Soprano Soprano 2 Alto Alto 2 Α Α Sa rò si gnor io sol del mio pen sie io sol Sa rò si gnor io sol del mio pen sie io µ Tenor Α Tenor 2 Α Sa rò

Διαβάστε περισσότερα

Enrico Borghi LE VARIABILI DINAMICHE DEL CAMPO DI DIRAC

Enrico Borghi LE VARIABILI DINAMICHE DEL CAMPO DI DIRAC Enrico Borghi LE VARIABILI DINAMICHE DEL CAMPO DI DIRAC Richiami a studi presenti in fisicarivisitata Leggendo Le variabili dinamiche del campo di Dirac si incontrano richiami ai seguenti studi (a) L equazione

Διαβάστε περισσότερα

Passato Prossimo = ΠΡΚ-ΑΟΡΙΣΤΟΣ

Passato Prossimo = ΠΡΚ-ΑΟΡΙΣΤΟΣ Passato Prossimo = ΠΡΚ-ΑΟΡΙΣΤΟΣ avere Η essere + ΜΕΤΟΧΗ ΡΗΜΑΤΟΣ Ieri =χθες Verbi in are Verbi in ere Verbi in ire ( -ato ) (-uto ) ( -ito ) Da Kalantzi Vasiliki Parlare=μίλησα Ιο ho parlato Tu hai parlato

Διαβάστε περισσότερα

Domande di lavoro CV / Curriculum

Domande di lavoro CV / Curriculum - Dati personali Όνομα Nome del candidato Επίθετο Cognome del candidato Ημερομηνία γέννησης Data di nascita del candidato Τόπος Γέννησης Luogo di nascita del candidato Εθνικότητα / Ιθαγένεια Nazionalità

Διαβάστε περισσότερα

SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA

SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA SOPRA ALCUNE EPIGRAFI METRICHE DI OSTIA Avevo gia composta e spedita per la pubblicazione la nota alia prima delle tre iscrizioni qui trattate, quando mi fu segnalato Γ articolo di M. Guarducci, Tracce

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική

Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ Ιταλική Γλώσσα Β1 Θεωρία: Γραμματική 7 η ενότητα: Riflessione grammaticale i gradi dell aggettivo. Lessico: allenamento e sport. Μήλιος

Διαβάστε περισσότερα

Matteo Re. Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA.

Matteo Re. Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA. Matteo Re Editor I CONGRESO INTERNACIONAL HISPANO-ALBANÉS: ÁMBITO FILOLÓGICO INTERNACIONAL, HISTORIA Y CULTURA ESPAÑOLA CONTEMPORÁNEA Actas 2-3 de abril de 2012 UNIVERSIDAD DE TIRANA III edición corregida

Διαβάστε περισσότερα

Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8)

Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8) Lisia, Per l uccisione di Eratostene La prima parte del racconto (1, 6-8) [6] Ἐγὼ γάρ, ὦ Ἀθηναῖοι, ἐπειδὴ ἔδοξέ μοι γῆμαι καὶ γυναῖκα ἠγαγόμην εἰς τὴν οἰκίαν, τὸν μὲν ἄλλον χρόνον οὕτω διεκείμην ὥστε μήτε

Διαβάστε περισσότερα

L EDUCAZIONE A PArOLE

L EDUCAZIONE A PArOLE Luciano Lanzi Roberto Rossi L EDUCAZIONE A PArOLE R. Rossi, L. Lanzi Con parole ornate Cappelli Editore 2010 1 Essere giovani in Grecia Breve excursus sulla παιδεία del mondo antico Nelle diverse poleis

Διαβάστε περισσότερα

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΕΛΛΗΝΩΝ ΕΞΩΤΕΡΙΚΟΥ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΕΛΛΗΝΩΝ ΕΞΩΤΕΡΙΚΟΥ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙΔΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΕΛΛΗΝΩΝ ΕΞΩΤΕΡΙΚΟΥ ΕΞΕΤΑΣΗ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ Τετάρτη 14 Σεπτεμβρίου 2011

Διαβάστε περισσότερα

DICHIARAZIONE. Io sottoscritto in qualità di

DICHIARAZIONE. Io sottoscritto in qualità di Manuale dell espositore Documento sicurezza di mostra - Piano Generale procedure di Emergenza/Evacuazione Fiera di Genova, 13 15 novembre 2013 DICHIARAZIONE da restituire entro il il 31 ottobre 31 ottobre

Διαβάστε περισσότερα

PER LA CRITICA DELLE FONTI DI CLEMENTE ALESSANDRINO

PER LA CRITICA DELLE FONTI DI CLEMENTE ALESSANDRINO PER LA CRITICA DELLE FONTI DI CLEMENTE ALESSANDRINO Titolo originale dell opera Zur Quellenkritik des Clemens Alexandrinus Autore Hiller, E. Traduzione e adattamento dall originale tedesco di Giovanni

Διαβάστε περισσότερα

Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti

Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti Corso di Laurea magistrale in Scienze dell antichità: letterature, storia e archeologia Tesi di Laurea Una nuova società per una diversa politica. Le riforme di Clistene l Alcmeonide al vaglio delle fonti

Διαβάστε περισσότερα

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA

IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Διαβάστε περισσότερα

Aristotele, La Politica, VII, 2

Aristotele, La Politica, VII, 2 LICEO CLASSICO G. PRATI TRENTO Anno scolastico 2013/2014 TESTI SELEZIONATI E TRADOTTI dalla Prof.ssa Fiorella Fimmanò Aristotele, La Politica, VII, 2 Ὅτι μὲν οὖν ἀναγκαῖον εἶναι πολιτείαν ἀρίστην ταύτην

Διαβάστε περισσότερα

Dipartimento di Scienze dell antichità. Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo

Dipartimento di Scienze dell antichità. Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo Scuola di Dottorato in Humanae Litterae Dipartimento di Scienze dell antichità Dottorato di ricerca in Filologia, Letteratura e Tradizione Classica XXII ciclo PLATONE E PLUTARCO: INTRECCI TEMATICI TRA

Διαβάστε περισσότερα

Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione, traduzione e saggio di commento (1-4; 7-23; 25; 29-30; 35-36; 44; 51; 54-55)

Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione, traduzione e saggio di commento (1-4; 7-23; 25; 29-30; 35-36; 44; 51; 54-55) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI (DipSUm) DOTTORATO DI RICERCA IN FILOLOGIA CLASSICA (XIII Ciclo) TESI DOTTORATO in LETTERATURA GRECA Ps. Aristotele, ὅσα περὶ φωνῆς. Introduzione,

Διαβάστε περισσότερα

Εισαγωγή στη Φιλοσοφία

Εισαγωγή στη Φιλοσοφία Εισαγωγή στη Φιλοσοφία Ενότητα 3: Είναι - Συνειδέναι Κωνσταντίνος Μαντζανάρης Πρόγραμμα Ιερατικών Σπουδών Άδειες Χρήσης Το παρόν εκπαιδευτικό υλικό υπόκειται σε άδειες χρήσης Creative Commons. Για εκπαιδευτικό

Διαβάστε περισσότερα

Capitolo 4 Funzione di trasferimento

Capitolo 4 Funzione di trasferimento Capiolo 4 Funzione di rasferimeno Fondameni di conrolli auomaici 3/ed P. Bolzern, R. Scaolini, N. Schiavoni Fondameni di conrolli auomaici 3/ed P. Bolzern, R. Scaolini, N. Schiavoni Fondameni di conrolli

Διαβάστε περισσότερα

Molto formale, il destinatario è in possesso di un titolo che va menzionato di fronte al nome

Molto formale, il destinatario è in possesso di un titolo che va menzionato di fronte al nome - Intestazione Greco Italiano Αξιότιμε κύριε Πρόεδρε, Egregio Prof. Gianpaoletti, Molto formale, il destinatario è in possesso di un titolo che va menzionato di fronte al nome Αγαπητέ κύριε, Gentilissimo,

Διαβάστε περισσότερα

Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού

Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού Τα τελευταία χρόνια της Βενετοκρατίας στην Κύπρο: Αρχειακά τεκµήρια για την παρουσία, τη δράση και το θάνατο του Ιάκωβου Διασορηνού Χρήστος Αποστολόπουλος Η προσωπικότητα του Ιακώβου Διασορηνού παραµένει

Διαβάστε περισσότερα

ΕΒΔΟΜΑΔΙΑΙΑ ΕΚΔΟΣΗ 29 Μαρτίου 2014 ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ

ΕΒΔΟΜΑΔΙΑΙΑ ΕΚΔΟΣΗ 29 Μαρτίου 2014 ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ διαδρομές ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΣ / ΒΙΒΛΙΑ / ΘΕΑΤΡΟ / ΑΘΛΗΤΙΣΜΟΣ / ΣΥΝΕΝΤΕΥΞΗ ΒΑΣΙΛΗΣ ΜΑΝΟΥΣΑΚΗΣ ΨΑΡΑΔΕΣ, ΕΡΑΣΙΤΕΧΝΕΣ ΚΑΙ ΠΕΡΑΣΤΙΚΟΙ Στο ψαρολίμανο ανο της Νέας Χώρας 2 ΧΑΝΙΩΤΙΚΑ diadromes@haniotika-nea.gr διαδρομές

Διαβάστε περισσότερα

Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ. Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις

Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ. Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις 1 Παναγιώτης Ἀρ. Ὑφαντῆς Η ΠΑΡΟΥΣΙΑ ΤΟΥ ΦΡΑΓΚΙΣΚΟΥ ΤΗΣ ΑΣΙΖΗΣ ΣΤΗ ΝΕΟΕΛΛΗΝΙΚΗ ΒΙΒΛΙΟΓΡΑΦΙΑ Ἑρμηνευτικές κατευθύνσεις καί κριτικές ἐπισημάνσεις Σκοπός τῆς παρούσας μελέτης 1 εἶναι ὁ ἐντοπισμός καί ὁ κριτικός

Διαβάστε περισσότερα

ΑΛΛΕΓΑΤΟ 7. ΣΧΗΕ Ε Ι ΕΝΤΙΦΙΧΑΤΙςΕ ΕΙ ΦΙΛΑΡΙ ΜΕΡΙΤΕςΟΛΙ Ι ΤΥΤΕΛΑ ΠΡΕΣΕΝΤΙ ΑΛΛ ΙΝΤΕΡΝΟ ΕΛΛ ΥΝΙΤΑ Ι ΠΑΕΣΑΓΓΙΟ ΛΟΧΑΛΕ ΑΓΡΙΧΟΛΟ ΠΕΡΙΥΡΒΑΝΟ

ΑΛΛΕΓΑΤΟ 7. ΣΧΗΕ Ε Ι ΕΝΤΙΦΙΧΑΤΙςΕ ΕΙ ΦΙΛΑΡΙ ΜΕΡΙΤΕςΟΛΙ Ι ΤΥΤΕΛΑ ΠΡΕΣΕΝΤΙ ΑΛΛ ΙΝΤΕΡΝΟ ΕΛΛ ΥΝΙΤΑ Ι ΠΑΕΣΑΓΓΙΟ ΛΟΧΑΛΕ ΑΓΡΙΧΟΛΟ ΠΕΡΙΥΡΒΑΝΟ ΑΛΛΕΓΑΤΟ 7 ΣΧΗΕ Ε Ι ΕΝΤΙΦΙΧΑΤΙςΕ ΕΙ ΦΙΛΑΡΙ ΜΕΡΙΤΕςΟΛΙ Ι ΤΥΤΕΛΑ ΠΡΕΣΕΝΤΙ ΑΛΛ ΙΝΤΕΡΝΟ ΕΛΛ ΥΝΙΤΑ Ι ΠΑΕΣΑΓΓΙΟ ΛΟΧΑΛΕ ΑΓΡΙΧΟΛΟ ΠΕΡΙΥΡΒΑΝΟ ΣΧΗΕ Α Ι ΕΝΤΙΦΙΧΑΤΙςΑ ΦΙΛΑΡΙ Γ 1 Στραλχιο χαρτογραφια Ιλ φιλαρε ϖιστο

Διαβάστε περισσότερα

Scrittura accademica Apertura

Scrittura accademica Apertura - Introduzione Σε αυτήν την εργασία/διατριβή θα αναλύσω/εξετάσω/διερευνήσω/αξιολογήσω... Introduzione generale ad una tesi o ad un saggio In this essay/paper/thesis I shall examine/investigate/evaluate/analyze

Διαβάστε περισσότερα

124.* [J.H.H. SCHMIDT, Synonymik der Griechischen Sprache, III, Leipzig (Teubner) 1879, pp. 369 373.]

124.* [J.H.H. SCHMIDT, Synonymik der Griechischen Sprache, III, Leipzig (Teubner) 1879, pp. 369 373.] [J.H.H. SCHMIDT, Synonymik der Griechischen Sprache, III, Leipzig (Teubner) 1879, pp. 369 373.] 124.* Ψελλός, ψελλίζειν, ψελλίζεσθαι, ψελλότης, ψελλισµός. τραυλός, τραυλίζειν, τραυλότης, τραυλισµός. ἰσχωνόφωνος,

Διαβάστε περισσότερα

Usi e funzioni del participio greco: il genitivo assoluto

Usi e funzioni del participio greco: il genitivo assoluto Liceo Ginnasio statale G. M. Dettori Usi e funzioni del participio greco: il genitivo assoluto Classe II H Prof.ssa Eleonora Salomone PARTICIPIO: LA DEFINIZIONE Dal Vocabolario Etimologico della Lingua

Διαβάστε περισσότερα

L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps.

L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps. 1 L UTILIZZO DELLE SCRITTURE GIUDAICHE NEL TESTO DI LUCA 24 SECONDO IL CODICE DI BEZA Jenny Read-Heimerdinger e Josep Rius-Camps. Il punto di partenza del nostro studio del capitolo finale del Vangelo

Διαβάστε περισσότερα

Centro studi Hermeneia. Dispense di lingua. Analisi, costruzione e traduzione di un testo greco

Centro studi Hermeneia. Dispense di lingua. Analisi, costruzione e traduzione di un testo greco Dispense di lingua greca I Analisi, costruzione e traduzione di un testo greco Centro studi Hermeneia 1 Sommario Esempio di traduzione di un testo greco.... 3 Lettura: Prime gesta di Zeus... 3 Analisi

Διαβάστε περισσότερα

Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli

Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli GRAECO-LATINA BRUNENSIA 15, 2010, 2 Ángel Narro 1 (Universitat de València) Lo scontro tra formazione classica e pensiero cristiano: La vita e miracoli di Santa Tecla The Life and Miracles of Saint Thekla

Διαβάστε περισσότερα

I nomi divini nel commento di Proclo al Cratilo Giovanni Mandolino Padova, 15 marzo 2017

I nomi divini nel commento di Proclo al Cratilo Giovanni Mandolino Padova, 15 marzo 2017 SEMINARIO DI FILOSOFIA MEDIEVALE 2017 I nomi divini nel commento di Proclo al Cratilo Giovanni Mandolino Padova, 15 marzo 2017 T 1. Procl. in Cra. XVII; ed. Pasquali, p. 7 r. 18 p. 8 r. 14 Ὅτι τὸ φύσει

Διαβάστε περισσότερα

Ιταλική Γλώσσα Β1. 4 η ενότητα: Descrivo me stesso. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ

Ιταλική Γλώσσα Β1. 4 η ενότητα: Descrivo me stesso. Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΕΙΟ ΠΑΝΕΠΙΣΤΗΜΙΟ ΘΕΣΣΑΛΟΝΙΚΗΣ ΑΝΟΙΚΤΑ ΑΚΑΔΗΜΑΪΚΑ ΜΑΘΗΜΑΤΑ 4 η ενότητα: Descrivo me stesso Ελένη Κασάπη Τμήμα Ιταλικής Γλώσσας και Φιλολογίας Άδειες Χρήσης Το παρόν εκπαιδευτικό υλικό υπόκειται

Διαβάστε περισσότερα

1. Schema: La prima declinazione (ovvero: declinazione in -α) 2. Schema: La seconda declinazione (ovvero: declinazione tematica)

1. Schema: La prima declinazione (ovvero: declinazione in -α) 2. Schema: La seconda declinazione (ovvero: declinazione tematica) 1. Schema: La prima declinazione (ovvero: declinazione in -α) α puro lungo α puro breve α impuro lungo α impuro breve Sostantivi femminili οἰκί-α οἰκί-ας ἀλήθει-α ἀληθεί-ας λύπ-η λύπ-ης γλῶττ-α γλώττ-ης

Διαβάστε περισσότερα

ATENE, CITTA CHE OSA. LE VESPE DI ARISTOFANE.

ATENE, CITTA CHE OSA. LE VESPE DI ARISTOFANE. ATENE, CITTA CHE OSA. LE VESPE DI ARISTOFANE. Αὖθις δὲ οἱ μὲν καὶ παρὰ δύναμιν τολμηταὶ καὶ παρὰ γνώμην κινδυνευταὶ καὶ τοῖς δεῖνοις εὐέλπιδες (Thuc., I, 70, 3) (Ancora, loro (gli Ateniesi) audaci oltre

Διαβάστε περισσότερα

L'Odissea si presenta attualmente in forma scritta, mentre in origine il poema era tramandato oralmente da abili ed esperti aedi e rapsodi.

L'Odissea si presenta attualmente in forma scritta, mentre in origine il poema era tramandato oralmente da abili ed esperti aedi e rapsodi. ODISSEA COS'È? L'Odissea è un poema diviso in 24 libri, ognuno dei quali indicato con una lettera dell'alfabeto greco minuscolo, per un totale di 12.110 esametri. Il poema è uno dei testi fondamentali

Διαβάστε περισσότερα

La Lingua del Nuovo Testamento

La Lingua del Nuovo Testamento 2 Giuseppe Guarino La Lingua del Nuovo Testamento Volume 1 Manuale per lo studio del greco biblico 1 3 Prima edizione: Aprile 2017 Autore: Giuseppe Guarino Editing, impaginazione e pubblicazione: Giuseppe

Διαβάστε περισσότερα

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΡΑΤΙΚΟ ΠΙΣΤΟΠΟΙΗΤΙΚΟ ΓΛΩΣΣΟΜΑΘΕΙΑΣ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΕΝΟΤΗΤΑ 4 (Παραγωγή προφορικού λόγου και προφορική διαμεσολάβηση) ΕΠΙΠΕΔΑ Β (Β1 και Β) NOΕΜΒΡΙΟΣ 013 1. ΠΕΡΙΓΡΑΦΗ

Διαβάστε περισσότερα

Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze

Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze Incontri triestini di filologia classica 9 (2009-2010), 153-173 Tommaso Braccini Erudita invenzione: riflessioni sulla Piccola grande Iliade di Giovanni Tzetze «Talento limitato personalità poco simpatica

Διαβάστε περισσότερα

ἡ πάλαι γλῶττα ἡ Ἑλληνικὴ, κατὰ τὸν αὐτὸμορφον τρόπον ὑπὸ Ἰακώβου τοῦ Δονάλδοῦ γέγραπται

ἡ πάλαι γλῶττα ἡ Ἑλληνικὴ, κατὰ τὸν αὐτὸμορφον τρόπον ὑπὸ Ἰακώβου τοῦ Δονάλδοῦ γέγραπται ἡ πάλαι γλῶττα ἡ Ἑλληνικὴ, κατὰ τὸν αὐτὸμορφον τρόπον ὑπὸ Ἰακώβου τοῦ Δονάλδοῦ γέγραπται Τὸ πρῶτον κεφαλαῖον ὁ Δημοσθένης ἐστὶ ἀνήρ. ὁ Ἰφιμεδεία ἐστὶ γυνή. ὁ Στέφανός ἐστι παῖς. ὁ Φίλιππός ἐστι παῖς. ἡ

Διαβάστε περισσότερα

HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE

HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE HYPATIA, LA FIGLIA DI THEONE Σὺ μὲν οὖν ἀεὶ καὶ δύνῃ καὶ δύναιο κάλλιστα χρωμένη τῷ δύνασθαι, Tu hai sempre il tuo prestigio e mi auguro possa servirtene nel modo migliore. Synesius lett. LXXXI ALLA FILOSOFA

Διαβάστε περισσότερα

Ge m i n i. il nuovo operatore compatto e leggero. η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα

Ge m i n i. il nuovo operatore compatto e leggero. η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα Ge m i n i 6 il nuovo operatore compatto e leggero η καινούργια και ελαφριά αυτόματη πόρτα Porte Gemini 6 Operatore a movimento lineare per porte automatiche a scorrimento orizzontale. Leggero, robusto

Διαβάστε περισσότερα

PERFETTO IL RADDOPPIAMENTO. Caratteristica del perfetto greco è la presenza in tutti i modi di un RADDOPPIAMENTO INIZIALE DEL

PERFETTO IL RADDOPPIAMENTO. Caratteristica del perfetto greco è la presenza in tutti i modi di un RADDOPPIAMENTO INIZIALE DEL PERFETTO Il perfetto greco è in tutti i modi un tempo principale, quindi non realmente concepito come passato (manca infatti l aumento anche nell indicativo), che esprime come valore aspettuale l idea

Διαβάστε περισσότερα

ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI ΤΙΣ ΥΠΟΨΗΦΙΕΣ

ΟΔΗΓΙΕΣ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΥΠΟΨΗΦΙΟΥΣ KAI ΤΙΣ ΥΠΟΨΗΦΙΕΣ ΑΡΧΗ ΣΕΛΙ ΑΣ 1 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΚΕΝΤΡΙΚΗ ΕΠΙΤΡΟΠΗ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΕΙΔΙΚΩΝ ΜΑΘΗΜΑΤΩΝ ΕΛΛΗΝΩΝ ΕΞΩΤΕΡΙΚΟΥ ΕΞΕΤΑΣΗ ΤΩΝ ΥΠΟΨΗΦΙΩΝ ΣΤΗΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ 29 Σεπτεμβρίου 2010 ΟΔΗΓΙΕΣ

Διαβάστε περισσότερα

3. δυνητικό: ἄν, ποὺ σημαίνει κάτι ποὺ μπορεὶ ἤ ποὺ μποροῦσε νὰ γίνει.

3. δυνητικό: ἄν, ποὺ σημαίνει κάτι ποὺ μπορεὶ ἤ ποὺ μποροῦσε νὰ γίνει. 1 Άκλιτα μέρη Μόρια Λέγονται οι άκλιτες λέξεις, οι περισσότερες μονοσύλλαβες, που δεν ανήκουν κανονικά σ ένα ορισμένο μέρος του λόγου. Αυτά έχουν κυρίως επιρρηματική σημασία και χρησιμοποιούνται στο λόγο

Διαβάστε περισσότερα

Aristotele e il Peripato

Aristotele e il Peripato Aristotele e il Peripato Dossier Il controverso parlare del poeta ispirato La spiegazione data nello Ione La mimesis in Platone Come conciliare l imitazione personale e l ispirazione divina? «Il poeta,

Διαβάστε περισσότερα

GIOVANNI DAMASCENO. De fide orthodoxa. B. Kotter INTRODUZIONE, COMMENTO FILOSOFICO, Matteo Andolfo EDIZIONI SAN CLEMENTE STUDIO DOMENICANO BOLOGNA

GIOVANNI DAMASCENO. De fide orthodoxa. B. Kotter INTRODUZIONE, COMMENTO FILOSOFICO, Matteo Andolfo EDIZIONI SAN CLEMENTE STUDIO DOMENICANO BOLOGNA I Talenti 13 GIOVANNI DAMASCENO ESPOSIZIONE DELLA FEDE De fide orthodoxa TESTO CRITICO B. Kotter INTRODUZIONE, COMMENTO FILOSOFICO, BIBLIOGRAFIA, TRADUZIONE E NOTE Matteo Andolfo EDIZIONI SAN CLEMENTE

Διαβάστε περισσότερα

Glosse Dialettali negli Scholia Omerici

Glosse Dialettali negli Scholia Omerici Glosse Dialettali negli Scholia Omerici FRANCO MONTANARI Lo studio delle glosse dialettali menzionate negli scholia omerici può essere visto in primo luogo entro un quadro di ricerca ben noto e frequentato,

Διαβάστε περισσότερα

HUMANITASVQLDJ Ι Μ? ELEONORA MELANDRI Universidade de Florenca. I CosfDDErri FRAMMENTI DELL'OPERA VIRIVS DOCENDA SIT Dì PLUTARCO

HUMANITASVQLDJ Ι Μ? ELEONORA MELANDRI Universidade de Florenca. I CosfDDErri FRAMMENTI DELL'OPERA VIRIVS DOCENDA SIT Dì PLUTARCO HUMANITASVQLDJ Ι Μ? ELEONORA MELANDRI Universidade de Florenca I CosfDDErri FRAMMENTI DELL'OPERA AN VIRIVS DOCENDA SIT Dì PLUTARCO Adelmo Barigazzi in un articolo comparso su Prometheus nel 1987' avanzava

Διαβάστε περισσότερα